Anche il reddito di cittadinanza va in pensione: l’editoriale del Prof. Cazzola

Riforma Pensioni, l'editoriale di Cazzola

Quando si parla di reddito di cittadinanza (Rdc) si sorvola di solito su di un’ altra prebenda di questo istituto, che pure è sorella siamese del primo: la pensione di cittadinanza (PdC). L’articolo 1 del decreto n.4/2019 stabilisce, infatti, che per i nuclei familiari composti esclusivamente da uno o più componenti di età pari o superiore a 67 anni, adeguata agli incrementi della speranza di vita il RdC assume la denominazione di Pensione di cittadinanza (PdC9 quale misura di contrasto alla povertà delle persone anziane. I requisiti per l’accesso e le regole di definizione del beneficio economico, nonchè le procedure per la gestione dello stesso, sono le medesime del RdC, salvo dove diversamente specificato.

Da reddito di cittadinanza a pensione di cittadinanza: quali i requisiti, cosa cambia? parla il Prof. Cazzola

In caso di nuclei già beneficiari del RdC, la Pensione di cittadinanza decorre dal mese successivo a quello del compimento del sessantasettesimo anno di età del componente del nucleo più giovane, come adeguato agli incrementi della speranza di vita. In sostanza si tratta solo del cambiamento del nomen juris in rapporto all’età anagrafica prevista per il trattamento di vecchiaia: in pratica, anche il RdC va in pensione. La PdC costituisce così un indice della età dei beneficiari del trattamento. E, come è noto, si trova a concorrere, quasi a competere, con altre prestazioni assistenziali riconosciute (come l’assegno sociale) a chi non ha maturato i requisiti minimi per una pensione di carattere previdenziale. L’assegno sociale è compatibile con il reddito di cittadinanza, nel senso che il RdC può integrare l’assegno sociale fino a 780 euro mensili se chi fa domanda paga mutuo o affitto e fino a 1092 euro in caso di coppia coniugata. Ovviamente, l’assegno è compatibile anche con la pensione di cittadinanza (PdC).

L’Osservatorio statistico dell’INPS ha pubblicato un monitoraggio sulle prestazioni erogate a titolo di reddito/pensione di cittadinanza con riferimento agli anni in cui l’istituto ha trovato applicazione. Ci limitiamo a riportare i dati relativi al numero dei nuclei, delle persone, dell’importo medio mensile in euro, rispettivamente per gli anni dal 2019 al 2022 (quest’ultimo da gennaio ad aprile).

Italia:

2019- nuclei: 132.453; persone coinvolte: 150.645; importo medio mensile:  221,28.

 2020- nuclei: 156.242; persone coinvolte: 177.591; importo medio mensile: 251,91.

2021 – nuclei: 169.381; persone coinvolte: 191.842; importo medio mensile: 277,33.

2022 – (gennaio-aprile): nuclei: 138.697; persone coinvolte: 157.839; importo mensile medio 278,40.

Ripartizione territoriale:

 Nord:

2019- Nuclei: 42.828; persone coinvolte: 47.033; importo medio mensile: 201,21.

2020 – Nuclei: 49.863; persone coinvolte: 54.732; importo medio mensili: 233,50.

2021 – Nuclei; 52.546; persone coinvolte: 57.453; importo medio mensile: 259,44.

2022 (genn./aprile)- Nuclei: 44.232; persone coinvolte: 48.349; importo medio mensile: 256,92.

 Centro:

2019- Nuclei: 23.734; persone coinvolte: 26.743; importo medio mensile: 221,35.

2020- Nuclei: 27.411; persone coinvolte; 30.776; importo medio mensile: 253,07.

2021- Nuclei: 29.823; persone; 33.266, importo medio: 283,71

2022 (genn./aprile)- nuclei: 24.731; persone: 27.534; importo medio: 286,59.

 Sud e Isole:

 2019- nuclei: 65.891, persone:76.869; importo: 234,00.

2020- nuclei:  78.968; persone: 92.083; importo 262,80.

2021- nuclei:  87.012; persone:  101.123; importo : 285,76.

2022 genn./apr.)- nuclei:  69.734; persone: 81.956; importo: 288,00

Come si nota, osservando le tabelle, anche per la PdC (non potrebbe che essere così vista la corrispondente ripartizione territoriale del RdC) i beneficiari sono più numerosi nelle regioni meridionali“.

Giuliano Cazzola

Un commento su “Anche il reddito di cittadinanza va in pensione: l’editoriale del Prof. Cazzola

  1. Salve Presidente,ho 64 anni con 36 anni di contributi il mio lavoro è custode di un parco, soffro di pressione alta e con la schiena (discografia lombare)posso andare in pensione entro il 2022?.gradirei una risposta grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su