Aumenti pensioni nel 2023: chi ha già ricevuto gli aumenti e chi dovrà aspettare Febbraio?

Inizialmente il governo Draghi e poi la Manovra dell’esecutivo di Giorgia Meloni hanno stabilito aumenti delle pensioni per l’anno 2023, legati all’adeguamento all’inflazione e all’innalzamento delle pensioni minime. Tuttavia, non tutti i pensionati hanno ricevuto gli aumenti a inizio gennaio. A chi sono stati pagati gli aumenti e perché alcuni dovranno aspettare?

Come funziona la rivalutazione delle pensioni nel 2023

La Legge di Bilancio 2023 ha previsto la modifica dello schema di applicazione della rivalutazione delle pensioni, passando da tre a sei scaglioni in base all’importo della pensione. Più alta è la pensione, meno crescerà in percentuale come spiegato nel nostro articolo dedicato. Secondo i calcoli dell’Istat, la rivalutazione delle pensioni nel 2023 sarà del 7,3%.

A chi sono stati pagati gli aumenti a gennaio 2023?

Gli aumenti delle pensioni a Gennaio 2023 sono arrivati soltanto per chi percepisce una pensione mensile inferiore a 2.101,52 euro lordi. Tuttavia, chi percepisce una pensione mensile superiore a questa cifra dovrà attendere febbraio per vedersi accreditare gli aumenti arretrati di gennaio.

Perché molti pensionati dovranno aspettare gli aumenti fino a Febbraio 2023? La risposta è “questioni tecniche. Infatti la Manovra approvata alla fine del 2022 ha rimodulato gli aumenti per chi percepisce una pensione mensile superiore a 2.101,52 euro lordi, lasciando invariati gli adeguamenti per le pensioni inferiori. Poiché fino all’ultimo non era chiaro se la Legge di Bilancio sarebbe stata approvata, l’Inps ha deciso di attendere prima di versare gli aumenti, al fine di evitare di dover poi richiedere indietro i soldi in caso di bocciatura della Manovra.

Aumento Pensioni Febbraio 2023: le date del pagamento

per chi sta aspettando l’aumento delle pensioni e se lo troverà soltanto a febbraio ricordiamo che la distribuzione delle pensioni inizierà il mercoledì 1 febbraio 2023: in quel giorno l’Inps accrediterà le pensioni sui conti correnti bancari di tutti i cittadini che stanno aspettando il pagamento.

Per quanto riguarda le Poste, invece, il calendario per il ritiro allo sportello sarà diviso in base all’ordine alfabetico dei cognomi come al solito: il mercoledì 1 febbraio 2023 sarà il turno dei cognomi dalla A alla C; il giovedì 2 febbraio 2023 toccherà a quelli dalla D alla K; il venerdì 3 febbraio 2023, invece, sarà la volta dei cognomi dalla L alla P. Nel weekend, sabato 4 febbraio 2023, toccherà ai cognomi dalla Q alla Z.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

1 commento su “Aumenti pensioni nel 2023: chi ha già ricevuto gli aumenti e chi dovrà aspettare Febbraio?”

  1. Buonasera! Desidererei ringraziare, moltissimo, tutte le Istituzioni, l’Inps, per l’applicazione della rivalutazione agli assegni pensionistici. Inoltre, vorrei ringraziare tantissimo anche la Redazione di Pensioni per Tutti.

    Rispondi

Lascia un commento