Aumento pensioni di invalidità 2020: ne ho diritto se prendo l’accompagnamento?

In moltissimi in questi giorni ci hanno scritto per comprendere meglio la sentenza 152/2020, la domanda che ci viene fatta con maggiore ricorrenza é relativa all’accompagnamento, tanti i commenti, di seguito, vi metteremo una ‘mini’, rispetto alla mole di quelli rilasciati sul sito, carrellata degli stessi che ci sono pervenuti a tal riguardo. Per questa ragione abbiamo chiesto specifiche ad esperti che indirizzandoci alla lettura della sentenza emessa in data 21 luglio 2020, a seguito di quanto deliberato dalla Consulta il 23 giugno, da cui é partito il caso, ci hanno fatto notare come la risposta chiara sia nella sezione ‘ Ritenuto in fatto’, ove si riprende la vicessitudine della signora torinese, da cui é partita la richiesta di maggiorazione al milione. Da cui si evince chiaramente che l‘accompagno non é reddito, ma compensativo della riduzione di autosufficienza. Vediamo i dettagli al 28 luglio

Pensioni di invalidità: rientro nell’aumento se percepisco l’accompagnamento?

Maria: “Mia figlia 28 anni percepisce invalidità 100 per cento più accompagno rientra nell’aumento e vorrei sapere il reddito deve essere suo personale la ringrazio“, fa eco Luca: “Quindi il reddito di mia moglie è solo da pensione d’invalidità più accompagnamento…fa reddito?, Antonio: ” Buongiorno gentile signora Erica sono invalido al 100×100 e percepisco 280 più accompagno e pii 513 euro categoria io, il mio reddito annuo e 5300 anuo ho diritto anche io al aumento, aspetto la tua risposta se e possibile, grazie di tutto cuore

Rosina, dalla sua, preoccupata scrive: “ Questo mese avrei dovuto ricevere l’aumento essendo invalida al 100% con la 104 eppure non ho ricevuto nulla nessun accredito in più devo presentare il documento isee a qualche ufficio oppure avendo l’accompagnamento non mi spetta l’aumento?grazie“, Antonella: Chi prende l accompagnamento ha diritto all aumento?Rosanna: “Chi percepisce una pensione di io invalidità civile più accompagnamento ha diritto all’aumento oppure no?”

Pensione di invalidità, l’aumento spetta di diritto anche a chi prende l’accompagnamento

Riportiamo la parte della sentenza 152/2020 che chiarisce la questione, ricopiamo la parte rilevante, e ringraziamo l’Onorevole Gnecchi, Vice Presidente dell’Inps, per averci aiutato a comprendere meglio anche ulteriori dettagli di cui parleremo nei prossimi articoli:

“In punto di rilevanza, la Corte torinese premette che risulta documentalmente provato che l’appellante, in conseguenza della patologia di cui soffre, «è costretta a vivere su una sedia a rotelle, è totalmente dipendente da terzi per il compimento di tutti gli atti della vita (lavarsi, vestirsi, alimentarsi, coricarsi, ecc.), dispone di limitatissime funzioni intellettive, comunicative e relazionali, non essendo neppure in grado di parlare ed esprimere i propri bisogni».

Sottolinea, quindi, come la stessa – a parte l’indennità di accompagnamento, che assolve però a funzione (compensativa) diversa da quella di sostentamento – di non altro, a tal fine, disponga che della pensione di inabilità, ammontante, nel 2018, ad euro 282,55 per tredici mensilità, oltre alla maggiorazione di euro 10,33 mensili di cui all’art. 70, comma 6, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2001)».

E un tale complessivo importo – ne inferisce il Collegio rimettente – non è certamente sufficiente a garantire all’appellante «il soddisfacimento dei più elementari bisogni di vita»“.

Ricordiamo però a quanti lamentano di non aver ancora ricevuto l’aumento che la sentenza non verrà applicata autonomamente, serve una norma, e poi una circolare al riguardo. L’iter per l’aumento delle pensioni di invalidità é dunque avviato ma non concluso.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

17 pensieri riguardo “Aumento pensioni di invalidità 2020: ne ho diritto se prendo l’accompagnamento?

  • Avatar
    30 Luglio 2020 in 9:32
    Permalink

    Io risulto invalido 100% con totale inabilita’ lavorativa e con accompagnamento e legge 104 art 3 comma 3. Dovrei rientrare nell’aumento, giusto?

    Rispondi
  • Avatar
    29 Luglio 2020 in 11:02
    Permalink

    Buongiorno, quando si parla di 6.700 euro di reddito, è compresa la stessa pensione di 286 euro di aumentare?????

    Rispondi
  • Avatar
    29 Luglio 2020 in 9:11
    Permalink

    Ho tutti i requisiti in regola ivalidita civile al 100x 100 permanente inabilità al lavoro mi asetta l aumento 516 euro grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      29 Luglio 2020 in 15:28
      Permalink

      Mario se non supera il reddito 6713.98 si

      Rispondi
  • Avatar
    29 Luglio 2020 in 8:37
    Permalink

    Mio marito e invalido al 100 x 100 ha la sclerosi multipla ein sedia a rotelle e nn e auto sufficiente…. Rientra nell aumento??? E d i reddito meno 4 mila euro… Grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      29 Luglio 2020 in 8:52
      Permalink

      Certo non appena sarà legge avrà l’aumento, da quanto dice pare avere tutti i requisiti

      Rispondi
    • Erica Venditti
      29 Luglio 2020 in 9:00
      Permalink

      Direi di sì, mi pare sussistano tutti i requisiti richiesti

      Rispondi
    • Avatar
      29 Luglio 2020 in 10:52
      Permalink

      Mia madre con pensione di invalida al 100% ,percepisce anche accompagnamento a diritto al aumento della pensione .

      Rispondi
      • Erica Venditti
        29 Luglio 2020 in 15:28
        Permalink

        Ne ho parlato nell’articolo di ieri, vada in home e lo legga per le specifiche.

        Rispondi
      • Avatar
        29 Luglio 2020 in 21:43
        Permalink

        O meno 100% siamo stati abbandonati, non è giusto,no voglio l’accompagnamento, almeno l’aumento,o figli,e sono disoccupato,pago affitto,luce ecc..mia moglie,no trova sempre lavoro,io neanche o 43 anni e neanche il comune di San Giovanni rotondo aiuta…anno dato case popolari a persone che anno posti di lavoro noi non ci vogliono sentire,come ci dobbiamo comportare?

        Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2020 in 20:07
    Permalink

    Mia moglie invalida al 100 x100 con legge 104 /92 comma 3 articolo 3 prende una pensione di 286 euro al mese e non a reddito personale , chiedevo se le spetta l’incremento a 5.15 euro. Grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      29 Luglio 2020 in 8:58
      Permalink

      Mi pare abbia le caratteristiche per ottenere l’aumento, attendiamo le specifiche dell’inps e l’emanazione in Gu della norma per certezza

      Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2020 in 16:12
    Permalink

    BUROCRAZIA, NORME, PER QUATTRO SOLDI

    Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2020 in 16:09
    Permalink

    SERVE UNA NORMA, SERVE UNA CIRCOLARE, BUROCRAZIA, E TEMPI LUNGHI PER QUATTRO SOLDI

    Rispondi
    • Avatar
      28 Luglio 2020 in 16:11
      Permalink

      SERVE UNA NORMA, SERVE TUTTO E PER QUATTRO SOLDI ASPETTIAMO LA BUROCRAZIA

      Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2020 in 14:03
    Permalink

    Grazie per questa informazione.
    Però personalmente avrei un altro quesito da porvi.
    Tutti o quasi gli organi di stampa parlano di requisito per accedere all’aumento di reddito personale.
    Se però andiamo a prendere i requisiti dell’attuale assegno sociale a cui fa riferimento la sentenza di Cassazione, l’INPS parla di reddito coniugale. Insomma quale reddito sarà realmente preso in considerazione?
    E inoltre gli attuali requisiti di reddito dell’assegno sociale non contemplano il fatto che ora sarà possibile accedere a questo assegno sociale anche da figli a carico di un lavoratore. Quindi in questo caso, cioè con un inabile a carico di un genitore, quale reddito bisogna prendere in considerazione?
    Quello del genitore/famiglia?
    O va considerato il reddito personale?!
    Grazie dell’attenzione, e complimenti per l’ottimo lavoro che fate.

    Rispondi
    • Erica Venditti
      30 Luglio 2020 in 8:53
      Permalink

      Grazie dei complimenti Giuseppe, oggi pubblico un articolo al riguardo, sperando di aiutare maggiormente nella comprensione di tutti qursti aspetti tecnici

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *