Aumento pensioni di invalidità 2020: reddito personale o famigliare, cosa va calcolato?

Moltissimi lettori ci stanno scrivendo per avere maggiori specifiche circa l’aumento delle pensioni di invalidità, tra le domande più frequenti, oltre a quella relativa all’accompagnamento, a cui abbiamo dato una puntuale risposta nel precedente articolo a cui vi rimandiamo, anche la richiesta relativa ai limiti di reddito. Si considera il reddito individuale, l’Isee, o quello della famiglia? E soprattutto ci chiedono cosa fa effettivamente reddito? Oggi abbiamo deciso di rispondere a questa domanda andando nel dettaglio, riportandovi quanto pubblicato in data 21 maggio 2020 dal portale ‘Superabile Inail’, il contact center integrato per la disabilità, da cui si evince la condizione reddituale per l’invalidità civile. Riportiamo dunque la parte concernente, al fine di rispondere alle vostra richiesta di precisazioni, ‘I redditi da dichiarare e redditi esclusi per il diritto alla concessione delle provvidenze economiche soggette a limite reddituale’.

Aumento pensioni di invalidità 2020: conta reddito personale o famigliare?

Manuel ci chiede: “Ciao, scusa se la domanda può sembrare sciocca, ma quali sono i beni che vengono conteggiati per stabilire il proprio reddito? Fino all’isee ci sono arrivato, al proprio reddito no perché non so cosa sono le cose che contano che appunto fanno innalzare il proprio reddito. Grazie mille in anticipo per la risposta. Saluti“. Carmine dalla sua, invece: “Sono invalido 100×100.il mio reddito è 13euro con il coniuge, è 6,3 personale. Mi tocca l’aumento. Grazie”

Per avere diritto alle provvidenze economiche soggette ai limiti reddituali, concesse in favore di tutti coloro che hanno un riconoscimento per invalidità civile, uno dei requisiti é si trovino nello stato di bisogno economico. Tale condizione viene accertata con riferimento AI SOLI redditi personali della persona disabile, senza considerare quelli del nucleo familiare di cui fa parte ( (art. 14-septies, L. 33/1980). L’art. 10, coma 5 della Legge 9 agosto 2013, n. 99 (di conversione del Decreto -Legge 28 giugno 2013, n. 76) ha stabilito che per gli invalidi civili si continuerà a far riferimento al solo reddito personale: Vengono valutati i redditi di qualsiasi natura, calcolati agli effetti IRPEF, al lordo degli oneri deducibili e delle ritenute fiscali. Questi dunque i redditi DA DICHIARARE:

  • stipendi, pensioni, terreni, fabbricati, redditi da impresa e da lavoro autonomo,
  • assegno di mantenimento pagato al coniuge separato o divorziato, ecc.
  • soggetti a tassazione separata riferiti ad anni precedenti a quelli di effettiva corresponsione
  • soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o ad imposta sostitutiva (interessi derivanti da depositi bancari o postali, BOT e CCT, ecc.)
  • prodotti all’estero che, se prodotti in Italia, sarebbero assoggettabili all’IRPEF
  • da lavoro, conseguiti presso Enti Internazionali operanti in Italia e non soggetti alla normativa tributaria italiana
  • da pensione concessa da organismi esteri o enti internazionali
  • relativi a indennità corrisposte ai cittadini colpiti da tubercolosi
  • Trattamenti di fine rapporto e le anticipazioni sugli stessi

Aumento pensione di invalidità 2020: Redditi esclusi dal computo

Redditi che NON devono essere dichiarati e che dunque non vanno ad incidere sul reddito necessario per ottenere l’aumento della pensione di invalidità 2020, che ricordiamo verrà concessa solo quando l’iter sarà concluso.

  • pensioni, assegni e indennità corrisposti o da corrispondere agli invalidi civili essendo dette provvidenze esenti dall’imposta sui redditi delle persone fisiche a norma dell’art.34, comma 2, D.P.R. 601/1973
  • rendite infortunistiche INAIL, aventi natura risarcitoria, gli assegni per l’assistenza personale continuativa, rendita INAIL ai superstiti in caso di morte del titolare, assegno funerario, le rendite di passaggio per silicosi e asbestosi

Anche altri redditi risultano ESENTI da IRPEF e dunque esclusi dal computo

  • le pensioni di guerra di ogni tipo e denominazione e le relative indennità accessorie
  • gli assegni annessi alle pensioni privilegiate ordinarie
  • le pensioni annesse alle decorazioni dell’Ordine Militare d’Italia
  • i soprassoldi concessi ai decorati al valore militare
  • sussidi e prestazioni assistenziali pagati dallo Stato e da altri Enti pubblici (Circolare INPS del 23/10/1998, n. 223)
  • i sussidi a carattere assistenziale e ogni altro emolumento previsto dell’art. 34, D.P.R 601/1973.
  • le rendite corrisposte in Italia dall’ assicurazione vecchiaia e superstiti svizzera AVS (Messaggio INPS n. 94/2003).

Inoltre con la circolare Inps del 21/4/2017 n°74 vengono impartite istruzioni ai cittadini ed alle sedi affinché l’abitazione si consideri non influente ai fini del riconoscimento del diritto alle prestazioni economiche, soggette a limiti reddituali, concesse per invalidità civile. La circolare stabilisce dunque che per le prestazioni di invalidità civile, cecità e sordità vi é la non computabilità del reddito da casa di abitazione.

Confidiamo di aver soddisfatto le due richieste di cui sopra e di aver chiarito le perplessità circa quali redditi entrano nel computo e quali sono esenti irpef, così come di aver chiarito i dubbi circa l’accompagnamento, che ribadiamo non fa reddito , ma ha funzione compensativa della riduzione di autosufficienza, diversa da quella di sostentamento.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

23 pensieri riguardo “Aumento pensioni di invalidità 2020: reddito personale o famigliare, cosa va calcolato?

  • Pingback: Riforma 2020, la pensione é davvero un diritto? Ultime novità oggi | Pensioni Per Tutti

  • Avatar
    31 Luglio 2020 in 6:40
    Permalink

    Buongiorno dottoressa Venditti. Io sono un operaio specializzato con reddito di 19000 euro, mia moglie è invalida al 100% e non ha mail lavorato.
    Mia moglie ha diritto all’aumento?
    Grazie in anticipo per la risposta.
    Buona giornata

    Rispondi
    • Erica Venditti
      31 Luglio 2020 in 8:06
      Permalink

      Luigi conta il reddito personale, non familiare come scritti nell’articolo, ragione per cui non vedo impedimenti

      Rispondi
  • Avatar
    30 Luglio 2020 in 20:20
    Permalink

    Ciao dottoressa sono un invalido con 75% c’è aumentato della pensione io prendo 286,81 a mese no si trova lavoro x età che ho 59 anni nessuno ti prende a lavorare grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      30 Luglio 2020 in 21:31
      Permalink

      Purttoppo solo con il 100% di invalidità

      Rispondi
    • Avatar
      31 Luglio 2020 in 9:25
      Permalink

      Gentilissima Dott.ssa Venditti
      Dato che alcune notizie sono alquanto diverse e contrastanti in merito all’aumento della pensione di invalidità , secondo la recente sentenza della corte costituzionale , vorrei se possibile avere da lei un chiarimento in merito
      Dei requisiti reddituali ( 6713€ ) faranno solo ed esclusivamente riferimento ai redditi ” personali dell’invalido ?? Saranno esclusi i redditi cumulati con il coniuge ?
      Grazie mille e complimenti per il vostro lavoro
      Buona giornata !!

      Rispondi
      • Erica Venditti
        31 Luglio 2020 in 9:44
        Permalink

        Enrico ma lo ha letto il pezzo? Perché abbiamo proprio trattato questo argomento! 🙁 vale il reddito personale, legga bene le specifiche indicate

        Rispondi
        • Avatar
          31 Luglio 2020 in 9:55
          Permalink

          Grazie mille Dott.ssa Venditti !
          Tutto chiarissimo !! Mi deve scusare 🙏 ma mi riferivo ad alcune notizie contrastanti in cui si parlava di ” reddito cumulato con quello del coniuge ”
          La ringrazio di nuovo , ora e tutto molto più chiaro e concreto
          Le auguro una bellissima giornata 🌹

          Rispondi
          • Erica Venditti
            31 Luglio 2020 in 10:01
            Permalink

            grazie Enrico, buona giornata anche a lei 🙂

        • Avatar
          31 Luglio 2020 in 11:34
          Permalink

          Gentilissima Dott.ssa Venditti
          Mi scusi ancora !!
          Pubblicazioni e notizie come questa in allegato , sono quelle che creano confusione

          Grazie per la sua pazienza e gentilezza !!

          Rispondi
          • Stefano Rodinò
            31 Luglio 2020 in 11:37
            Permalink

            abbiamo tolto il link, ma possiamo affermare che theitaliantimes è un sito totalmente inaffidabile… da evitare

  • Avatar
    30 Luglio 2020 in 15:50
    Permalink

    Sono invalido al 100% abbiamo un reddito anuale di circa 4.600€ percepisco 297€mensili di invalidità sono 2 mensilita che mi anno acettato il reddito di cittadinanza 182€ e una vergogna non poter lavorare e prendere 182€ di reddito spero che mi spetti almeno laumento di invalidita e se potete spiegare quando e come fare grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      31 Luglio 2020 in 8:07
      Permalink

      Siamo in attesa della circolare Inps che specifichi tempi e modalità

      Rispondi
  • Avatar
    30 Luglio 2020 in 15:15
    Permalink

    Dottoressa Venditti la voglio ringraziare per l’accuratezza con la quale ha scritto questo articolo, dove cita anche i vari articoli di legge sull’argomento.
    Grazie! Per me queste notizie sono molto importanti!
    Le voglio augurare di cuore una splendida carriera perché se lo merita. Il giornalismo italiano ha bisogno di persone come lei!

    Rispondi
    • Erica Venditti
      30 Luglio 2020 in 15:57
      Permalink

      ENZA ma grazie mille di cuore 🙂 , mi ha quasi fatto commuovere :-), che bello leggere le vostre parole di stima. Vuol dire che qualcosa di bello con questo sito e con la nostra informazione la stiamo facendo. Per noi questo é l’importante. Amo il mio lavoro ed il potermi rendere utile, ragione per cui sono contenta di riuscirci nel mi piccolo. Grazie ancora per il suo commento!

      Rispondi
      • Avatar
        30 Luglio 2020 in 17:16
        Permalink

        Salve visto che la conversione del decreto rilancio è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il 18 luglio vorrei chiederle quando si presume che l’ Inps paghi l’ incremento sull’ importo

        Rispondi
        • Erica Venditti
          30 Luglio 2020 in 21:33
          Permalink

          Non so proprio dirle, da quanto ho compreso manca una circolare Inps che dia anche indicazioni su modalità e importi

          Rispondi
      • Avatar
        31 Luglio 2020 in 18:28
        Permalink

        Salve dottoressa mi chiamo angelo ho 40 anni e percepisco invalidità ed accompagnamento. Ho 2 figli e l isee è pari a 4000 euro. Mi aspetta l’aumento dellal’ invalidità dato che ho l’accompagnamento?

        Rispondi
        • Erica Venditti
          31 Luglio 2020 in 22:07
          Permalink

          L accompagnamento non fa reddito dunque non viene conteggiato, ma percepirà l aumento solo se ha un invalidità pari al 100%

          Rispondi
    • Avatar
      30 Luglio 2020 in 20:59
      Permalink

      Bravissima sig.ra Enza, finalmente in questa dolorosa vita vedo qualcuno che riconosce e mette per iscritto il talento e l’abnegazione altrui. E colgo l’occasione per inviare un sincero GRAZIE anche al dott. Stefano Rodinò, co-fautore di questo sito web.

      Rispondi
      • Erica Venditti
        30 Luglio 2020 in 21:30
        Permalink

        Grazie molte anche da parte del mio collega…che sono certa troverà il modo di ringraziarla nei prox gg

        Rispondi
        • Avatar
          31 Luglio 2020 in 21:52
          Permalink

          Salve, ed eccomi con il mio quesito…
          Mio figlio, invalido al 100% per insufficienza renale grave, percepisce sia la pensione che 466 € mensili di reddito di cittadinanza.
          Dovrebbe rientrare nell’aumento della pensione, ma il RdC che fine fa? Glielo ridurranno? O addirittura glielo toglieranno?
          E in caso di trapianto, è in una buona graduatoria, che fine fanno la pensione e il RdC?
          Mi spiace, sono tante domande tutte insieme, ma immagini la perplessità che mi attanaglia…
          Grazie, delle risposte date e di quelle che darete, sempre precise ed esaustive, grazie per il prezioso lavoro svolto e per l’impegno dimostrato…

          Rispondi
          • Erica Venditti
            1 Agosto 2020 in 16:06
            Permalink

            Maria Assunta La ringrazio per la stima, cerchero di porre la sua domanda ad un esperto e le farò sapere. A presto, Erica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *