Aumento pensioni di invalidità: speranze nel 2022 post legge di bilancio? Parla Stefani

Pensioni invalidità aumento 2021: il doppio plaetto di cui nessuno parla

L’aumento delle pensioni di invalidità resta uno dei termini caldi del nuovo anno, prosegue la battaglia degli invalidi parziali, quelli nel range 74-99%, che richiedono l’aumento del loro assegno, anche gli invalidi totali che a causa del cumulo del reddito con il coniuge sono rimastai ‘dai vetri’ lamentano che l’invalidità é personale e che questo paletto ha messo in risalto l’ennesima ingiustizia ai loro danni. Hanno scritto lettere, hanno fatto petizioni, un gruppo di loto si sta facendo seguire nella loro lotta dall’Avvocato Isabella Cusanno ed hanno aperto una pagina Facebook ‘Uguali sempre’ per continuare a ribadire che si deve fare di più per gli invalidi in questo 2022.

Ottimo che la legge di bilancio abbia stanziato un miliardo a sostegno delle persone con disabilità e delle politiche per l’inclusione, ma un assegno da ‘fame’ fanno notare, scrivendo anche al Ministro della disabilità Erika Stefani, non é più tollerabile specie dopo due anni di pandemia che hanno messo ancora più in difficoltà i più fragili non solo nella vita quotidiana, ma anche e sopratutto nel mondo del lavoro. Il Ministro Stefani, dalla sua, sui profili social si é detta invece soddisfatta dei passi avanti fatti in manovra, ma per gli invalidi, che hanno scritto molti commenti sotto al post, non é abbastanza. Eccovi le sue parole:

Aumento pensioni di invalidità 2022: cosa cambierà post legge di bilancio? Le parole di Stefani

Così il Ministro per la disabilità che pare dalle righe molto soddisfatta di quanto si é ottenuto in legge di bilancio: “Questa manovra segna un passo avanti concreto a sostegno delle persone con disabilità e delle politiche per l’ inclusione e per la realizzazione di progetti di vita indipendente, stanziando circa unmiliardo di euro aggiuntivi e istituendo nuovi fondi specifici. La legge delega che ha ricevuto pochi giorni fa il via libera definitivo potrà disporre di uno stanziamento di 350 milioni di euro all’anno. Non sarà quindi solo un meccanismo procedurale e normativo ma avrà una dote economica importante.

Inoltre è stato istituito presso il Mef un fondo da 100 milioni annui per l’assistenza all’autonomia e alla comunicazione degli alunni con disabilità, alunni per i quali sono stati investiti quasi 500 milioni di euro, su base pluriennale, relativi al trasporto scolastico. E per l’abbattimento delle barrierearchitettoniche è previsto un finanziamento specifico di 200 milioni di euro per più anni. È stato avviato anche un primo pacchetto di risorse specifico per l’accessibilità turistica delle persone con disabilità.

Inoltre: le risorse previste per le politiche in favore dei soggetti con disturbo dello spettroautistico sono state aumentate di 27 milioni di euro per il 2022, un finanziamento di 50 milioni di euro è previsto per il sostegno alle misure di inclusione delle persone con disabilità.Tra le altre cose, in estrema sintesi, sono inoltre stati previsti alcuni benefici fiscali per le federazionisportive che investono in infrastrutture per la disabilità“.

Aumento pensioni invalidità 2022: ci sono speranze?

Abbiamo chiesto al Ministro più volte un’intervista a tal riguardo per comprendere realmente se vi sono anche solo remote possibilità che tale aumento vi sia nei prossimi mesi o se ormai per i disabili, non essendoci note specifiche in legge di bilancio, la speranza sia ridotta al lumicino. Confidiamo dunque il ministro Stefani, che si é sempre dimostarta disponibile ad un confronto, possa fornirci il suo punto di vista al riguardo affinché ci sia possibile aggiornarvi quanto prima.

Nel mentre dalla nostra continueremo a dare spazio alle richieste degli invalidi parziali e totali rimasti esenti dall’aumento, condividendo in toto le loro rimostranze sul fatto che sia impossibile poter vivere dignitosamente con 287 euro al mese.

Dalla vostra, invece, cosa ne pensate delle parole della Stefani, vi rassicura sapere che in Legge di bilancio vi sono fondi per l’inclusione e la disabilità o a vostro avviso questi avrebbero dovuto essere destinati ad altre priorità per i disabili? Fatecelo sapere nell’apposita sezione commenti del sito.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

15 commenti su “Aumento pensioni di invalidità: speranze nel 2022 post legge di bilancio? Parla Stefani

  1. Sono affetto da Parkinson mi è stata accettata l’invalidità, ma purtroppo sono 2 anni che devo discutere la pensione d invalidità, ma niente, fino a oggi ancora mi deve essere accreditata. Non è giusto che già si vive con difficoltà, ma ancora peggio quando hai anche problema economico, che ti assilla. Perché bisogna mangiare, pagare le competenze elettriche, metano e ecc… Ecc…. Si devono fare un esame profondo di coscienza, e capire le innumerevoli difficoltà delle persone.

  2. Cara ministra Stefani avete il potere di cambiare le cose sicuramente in meglio per molti vostri concittadini sfortunati
    Mai dire mai!
    perché a diventare invalido basta poco!!!!

  3. Ci chiamano invalidi parziali, e ci negano il diritto a un lavoro adeguato alle nostre capacità e invalidità, ” visto le inattività dei centri per l’impiego”, sebbene scrivono di tutele ai disabili ( collocamento mirato obbligatorio), inesistenti, a meno che non si abbiano amicizie politiche o di rilievo. E visto che veniamo considerati invalidi parziali, ci minimizzano le rispettive pensioni. Inutili le eventuali denunce che vengono puntualmente archiviate, o il rivolgersi ai tribunali ( Tar o TRGA), anche perché si permettono di fare sentenze false e nettamente di parte, ( evitando di documentare e descrivere tutti i documenti in loro possesso). Lasciando con ciò, persone iscritte agli uffici ( definiti competenti per legge), in attesa di un posto adeguato alle proprie capacità ( collocamento mirato obbligatorio), per anche venti anni senza un lavoro. La legge del 12 marzo del 1999 n. 68 ed il teorico diritto al collocamento mirato obbligatorio, e una farsa! Farsa adeguata solo a fingere una inclusione sociale di fatto inesistente.

  4. Salve a tutti! Credo che le battaglie condotte fin qui dalle Associazioni di categoria e dalle persone con disabilità, abbiano portato dei buoni risultati. Spero che le Istituzioni politiche, si adoperino, affinché gli invalidi civili totali e parziali,ottengano al più presto, l’agognato aumento dell’ assegno. Grazie di cuore!

  5. Salve, sono titolare di una pensione cat. IO per inabilità lavorativa con il 100% è una Inv/civ ma l’ultimo rateo accreditato il 27/12/2021 mi hanno accreditato solo il rateo riferito alla pensione Cat.IO ho inviato ben tre e-mail per conoscere la motivazione. Ho appena letto su questo forum che pochi giorni prima hanno aumentato i limiti del reddito per avere diritto alla pensione INV/CIV con 100% di appena lo 0,4% non vorrei che il motivo fosse questo. Ho avuto 21 interventi salvaVita è questi ARGUTI MARCHESI DEL GRILLO CI METTONO IN MODALITÀ PRONA COME SONO DA SEMPRE ABITUATI A FARE.
    Grazie per chi vuole darmi riscontro a riguardo.

  6. Da due anni scrivo a tutte le Istituzioni e a tutte le testate giornalistiche, la circolare Inps sull’aumento della pensione di invalidità è Discriminante. Pur dandomi ragione nessuno è intervenuto, tutto in Italia si fa con il reddito familiare l’aumento delle pensioni di invalidità no, perché? Conosco figli di funzionari Inps, fratelli e figli di senatori e deputati , nonché di giornalisti che pur vivendo in un contesto familiare molto abbiente hanno avuto l’aumento e il marito/ moglie dell’operaio no. Tutti vi dovete Vergognare!!!!

  7. Buon giorno a tutti, sono invalido al 100% con handicap comma 3 art. 3 prendo la pensione minima sono esente IRPEF per tale condizione, spendo in media annua dai 2.500,00 ai 3.500,00 euro spese mediche e farmaceutiche e non posso applicare la detrazione del 19% quindi io dalla mia pensione annua di 6.200,00 euro tolgo la somma sopra citata cosa mi rimane ? ora non mi date l’aumento della pensione di invalidità’ causa accumulo reddito con mia moglie. Ditemi voi cari politici come facciamo a sopravvivere in questo mondo illogico che voi politici avete in mano egoisticamente pensando prima a voi per i vostri stipendi le vostre rendite sbalorditive alle vostre agevolazioni e non pensata per niente a noi Invalidi.

  8. Se non è una competenza vostra avere coscienza per i cittadini italiani allora fate un solo pensiero quando ognuno di voi muore tutto quello che ha rimane qua . Almenno noi andiamo con la nostra dignità personale,. Spero che queste parole servono ha farvi riflettere a tutti voi politici.

  9. Siamo al bastone e la carota, prima Inps toglie e poi il governo si fa bello per aver restituito, parlo dell’assegno di chi si umilia per sopravvivere. Poi la disability card, grazie, con 302€ al mese, mi avanzerà sicuramente del denaro per viaggiare ed andare a teatro gratis, ma in che mondo vivono questi? Si fanno mai delle domande? Come per l’inclusione, chi mi da il denaro per poter uscire di casa e parteciparvi? Come faccio a nutrirmi per poter essere attivo? Potevano ucciderci appena nati piuttosto che torturarci tutta la vita.

  10. EGREGIO SIG. RA MINISTRO ERIKA STEFANI, GLI INVALIDI TOTALI SONO RIMASTI FUORI DALL’INDENNITA’ ECONOMICA, IN QUANTO LE PENSIONI SONO AUMENTATE DEL 1,7% MENTRE I LIMITI DI REDDITO SONO AUMENTATI SOLO DEL 0,4% FACENDO I PERDERE LA PENSIONE PER POCHI EURO IN PIU. MI AUGURO CHE L’INPS MODIFICHI LA CIRCOLARE N. 197 DEL 23/12/2021,AUMENTANDO I LIMITI DI REDDITO ALMENO ALL’1,7% IN LINEA CON GLI AUMENTI PENSIONISTICI PER IL 2022. CORDIALI SALUTI.

    1. Se non la annullano mi organizzo per un qualcosa che si leggerà sui i quotidiani. MI FERMO QUI DA BUON BUONGUSTAI POCHE PAROLE!!!

  11. Il reddito ? Io semplicemente metterei chi ha una disabilità dal 80% al 99% un paletto . Cure, farmaci, utenze, mezzi pubblici , tutto gratuito . Con 291,09 euro al mese per 14 mensilità .per gli invalidi al 100% un paletto . Case di abitazione idonee senza canone di affitto. Farmaci , cure , utenze , mezzi pubblici, tutto gratuito . Con un mensile di 592 euro per 14 mensilità . Entrambi invalidità dal 80% al 100% non devono essere inclusi redditi del coniuge o convivente di fatto . Per gli anni versati di contributi si riduce l’importo , con un semplice calcolo , spiego meglio . Con 5 anni di contributi si riceve 50 euro al mese , con 10 anni si riceve 100 euro al mese , con 20 anni = 200 euro al mese , con 40 anni = 400 euro al mese . Queste regole si applicano solo per gli invalidi civili dal 80% al 100% .poi per identità di accompagno sarebbe opportuno equiparare tutto , dal cieco totale al disabile su sedia a rotelle al disabile per problemi psichiatrici mentali . Un importo di 291 euro per 14 mensilità . Esentasse , esente redditi coniuge .

  12. Tante parole ma pochi fatti….vi dovete solo vergognare per avere la maggiorazione incremento al milione conteggiate il reddito coniugale e VERGOGNOSO …siete davvero dei pagliacci….gli ultimi fa tutto noi disabili invalidi….però ricordatevi politici che siamo persone come voi ….ci sentiamo presi in giro due volte …vergognatevi

  13. Cosa possiamo ancora dire Noi abbiamo provato in tutte le maniere lecite ma non e’ servito a nulla e ciò ci dispiace,ma non dimentichiamoci che ci sono anche altre maniere per farci sentire e ci proveremo sicura mente se ci sarà un altro no. Siamo stanchi stufi e anche molto incazzati ci sentiranno che lo vogliono o no stanno facendo di tutto per smontarci,tutto contro in questo periodo non una cosa a Nostro favore avevano pure tolto le pensione a chi aveva un piccolo lavoro,vorrei vedere loro vivere con 291€ al mese reddito del coniuge volendo ennesima presa per i fondelli come se l’invalidità di possa dividere con il coniuge,che poi il più delle volte lo e’ anche il coniuge ma questa cosa vuol dire che dobbiamo rimanere da soli e si perché se troviamo un compagno o compagna che sia non ci spetta più nulla,invece di incrementare l’unione state facendo di tutto per isolarci e poi volete dare i bonus a chi aiuta i disabili? Ma ci siete o ci fate? Non e’ un controsenso? Mi sono sposato e’ non ho più diritti anzi il mio compagno mi deve mantenere,ma Noi abbiamo una dignità forse se l’avessi saputo avrei scelto la convivenza e non avrei avuto problemi,io pensavo che fosse una cosa bella e’ utile mettere in regola un amore ma nemmeno questo possiamo permetterci? Speriamo che queste cose si possano risolvere in un paese che dice di essere democratico,ma non vi sono solo doveri imposti,ci sono anche dei diritti almeno se ricordo bene ?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su