Aumento pensioni invalidità 2020, Confsal scrive a Tridico (INPS): novità al 18 settembre

Pensioni invalidità 2021, quale reddito conta ai fini dell'aumento? Cortocircuito tra leggi

Le ultime novità sull’aumento delle pensioni di invalidità sono datate 18 settembre, mentre gli invalidi totali sono in attesa di ricevere dallo scorso 20 luglio sul cedolino della propria pensione l’aumento previsto dalla sentenza 152/2020 della Corte Costituzionale, la Confsal, attraverso il segretario generale Angelo Raffaele Margiotta ha deciso di scrivere direttamente al Presidente Inps, Pasquale Tridico, al fine di sollecitare la circolare attuativa dell’Inps che dovrebbe contenere specifiche su tempi e modi di erogazione dell’aumento. Non é più possibile, arrivati a questo punto, attendere oltre, così si legge nella lettera “Ogni ulteriore ritardo influisce negativamente sulla credibilità stessa dell’INPS e sul rapporto di fiducia che deve intercorrere tra Stato e cittadini“. Ringraziamo la segreteria della Confsal per averci girato in esclusiva tale azione attiva messa in atto dalla Confederazione generale dei sindacati autonomi dei lavoratori, che rappresenta una delle confederazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale. Vediamo nello specifico la missiva che é stata inoltrata in data 18 settembre 2020.

Pensioni invalidità 2020: Confsal sollecita Inps sulla circolare: ne va della credibilità dell’istituto previdenziale

Al Presidente Inps, Prof. Pasquale TRIDICOCon la Sentenza n. 152/2020 pubblicata in data 20 luglio 2020 dalla Corte Costituzionale i giudici si sono pronunciati sull’incostituzionalità dell’art 38 della legge 448/2001. La Corte ha stabilito che agli invalidi civili totali, con gravissima disabilità e privi delle residue capacità lavorative, deve essere garantito l’incremento, dagli attuali 286,81 euro mensili a euro 651,51, così come previsto ex-lege 448 del 2011, senza attendere il raggiungimento del sessantesimo anno di età. Il Decreto Agosto, pubblicato ormai in Gazzetta ufficiale il 15 agosto, ha confermato il diritto alla maggiorazione sociale per  gli invalidi civili totali, i ciechi assoluti e i sordomuti a partire dai 18 anni senza dover aspettare i 60 anni.

La Confsal evidenziando la giusta e condivisa pronuncia della Consulta, con riferimento  al fatto che sia irragionevole il requisito anagrafico stabilito dalla legge, giacché non è logico rimandare il cosiddetto incremento dal momento che le minorazioni psico-fisiche non dipendono dall’invecchiamento, ma derivano a monte da una condizione patologica intrinseca, sollecita urgentemente l’emanazione della circolare attuativa INPS che provveda a definire con celerità i tempi e le modalità di erogazione dell’aumento previsto dal provvedimento sopra citato.

Ogni ulteriore ritardo influisce negativamente sulla credibilità stessa dell’INPS e sul rapporto di fiducia che deve intercorrere tra Stato e cittadini, i quali manifestano seri dubbi e diffidenza sulla veridicità e sull’erogazione dell’aumento stesso. La Confsal nell’esperimere vicinanza alle persone che rientrano tra le categorie con disagio, avendo già incontrato nel corso della loro vita molte difficoltà sociali ed economiche, confida in una celere e risolutiva azione da parte dell’Istituto Previdenziale

Pensioni invalidità 2020, si otterranno gli arretrati?

Una della altre preoccupazioni dei nostri lettori invalidi che avranno diritto all’aumento e che questo temporeggiare porti loro a perdere parte dell’incremento spettante, giacché la Sentenza n. 152/2020 é stata già pubblicata in data 20 luglio 2020 dalla Corte Costituzionale, ma nulla si sono ancora visti accreditare. Il nodo come ha giustamente sottolineato la Confsal, non sta nelle risorse, il Decreto Agosto ha confermato la disponibilità economica per l’aumento stabilito, ma consta nella mancata erogazione della circolare attuativa dell’Inps che definisca come procedere.

Ragion per cui sebbene la sentenza non abbia effetto retroattivo e dunque l’incremento vi sarà solo dal 2020, i beneficiari avranno diritto agli arretrati dal 20 luglio scorso, nulla dunque é andato perduto. Non appena l’ente previdenziale emanerà la circolare si comprenderà altresì se sarà o meno necessario farne richiesta o se l’incremento avverrà in automatico, altra questione che sta sollevando molti dubbi tra i nostri lettori.

Nel mentre ringraziamo la Confsal per aver dato voce a tanti cittadini invalidi che si chiedono davvero come sia possibile un rallentamento così marcato dell’iter burocratico su una sentenza storica di tale importanza per chi versa in condizioni di disagio. Lo scopo della sentenza n° 152/2020 era proprio quello di permettere agli invalidi civili totali al 100% di vivere dal 20 luglio una vita maggiormente degna di essere vissuta, non si spiegano dunque come al 17 settembre ancora la circolare attuativa dell’Inps debba essere in standby, ed invitano dunque l’ente previdenziale a sopperire a tale ‘vergognosa’ mancanza. Speriamo la lettera a Tridico abbia il suo effetto e di potervi dare al più presto buone nuove. Ricordiamo altresì che chiunque volesse citare l’azione attiva della Confsal, essendoci stata girata in esclusiva, é tenuto a citare la fonte.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Commenti

  1. Sono una signora di 58 anni prendevo la pensione di anvalidita fino all’ anno scorso poi me l’anno tonta perché siculo che supero il reddito perché mentre la pensione di mio marito che seto 7oooo euro mi aspetto la pensione di invalidità e la aumento grazie

  2. Buonasera dottoressa Erica e dott Massimiliano è uscita la circolare, come sempre non è chiara, potete darci una mano a capirla grazie infinitamente!!

  3. Buonasera. È uscita la tanto attesa circolare. Confido in un vostro articolo in merito al più presto per fare il punto della situazione 🙂
    Intanto mi pare di aver capito che la decorrenza sarà al 1 agosto e non al 20 luglio, e che l’aumento non scatterà in automatico ma bisogna presentare domanda. Mi affido a voi esperti per maggiori chiarimenti. Grazie

  4. Secondo me l’Inps aspetta che il Decreto Agosto del 14 agosto appunto, sia convertito in Legge definitiva entro 60 gg., cioè entro 13 Ottobre..

      1. Dottoressa è uscita la circolare non ci si capisce niente !! Credo che la domanda sia neccessaria !! Può darmi delle indicazioni!! , Sul sito INPS circolare 107 arrivederci e grazie.

  5. Buonasera a tutti e grazie come sempre per gli aggiornamenti. Anche per ottobre nulla, il mio cedolino è di 297,14 come sempre, non essendo stata ancora pubblicata la circolare. Sperando che ci siano novità nei prossimi giorni, vi domando come verranno calcolati gli arretrati per luglio, dato che dovrebbero scattare dal 20 quindi non sarà una mensilità intera.

        1. Mi scusi però speravo in una risposta data da qualcuno magari qui tra i molti, con qualche informazione aggiuntiva !

          1. Vittorio mi rifà la domanda? Magari nell’approvare i tanti commenti ‘me la sono persa’…mi perdoni . Grata della comprensione, Erica

        2. Buonasera Erica e Massimiliano, ho cercato su internet e ho letto che l”aumento e i relativi arretrati saranno pagati dal 2 Novembre, la circolare tra pochi giorni uscirà. Ho letto anche che la pensione di invalidità NON fa reddito, quindi se il reddito massimo e’ di 8 mila e rotti non va inclusa la pensione di invalli dita né tantomeno l’accompagno (questo già lo sapevo). Vedremo se sarà così aspettando questa benedetta circolare, un forte abbraccio a Erica e Massimiliano, sempre gentili nel tenerci informatii.

          1. Stefano mi ridice la fonte, così verifico anch’io. Sarebbe certamente un’ottima notizia. Grazie anche a lei per le continue informazioni puntuali

          2. Buongiorno Stefano.
            Ho seri dubbi al riguardo.
            Come ho sempre detto si parla di un aumento, e per calcolare un aumento DEVE essere sottratta la somma già percepita.
            Non a caso 8.469,63 è uguale a 651,51 x 13 ossia a 286,81×13 (INVCIV) + 364,70×13 (aumento max). Se un invalido ha reddito = 0 e la pensione BASE (voce INVCIV) non venisse presa in considerazione L’AUMENTO SAREBBE DI 651,51 euro! Magari!
            Che la pensione d’invalidità non faccia reddito è assodato… ma è ben diverso farla svanire dai calcoli per l’aumento. Infatti se venisse tolta di punto in bianco ci sarebbe una vera e propria insurrezione da parte degli “over 60” che per 19 anni se la sono vista inserire nelle formule…
            L’INPS dovrebbe quindi necessariamente anche aggiornare, stravolgendolo, il computo per gli invalidi con più di 60 anni, ma questo comporterebbe un ulteriore esborso (E, MI CHIEDO, COME E’ POSSIBILE INOLTRE CHE I SESSANTENNI RICEVANO LO STESSO INCREMENTO CON LA PENSIONE INCLUSA? SE QUESTA FOSSE ELIMINATA L’AUMENTO MASSIMO POSSIBILE PER QUESTI INVALIDI DIVERREBBE DI 364,70 + 286,81 CON UNA “NUOVA PENSIONE” PARI A 938,32 EURO). Oltretutto questi disabili potrebbero giustamente porsi le domande: “Perché solo con questo aumento hanno tolto la pensione dalle formule? Perché PRIMA, con noi, l’hanno lasciata lì dov’era?”.
            IN ALTRE PAROLE L’INPS DOVREBBE CAMBIARE TOTALMENTE TUTTI I CALCOLI.
            Naturalmente spero in una tale modifica, ma francamente (per non illudere nessuno anzitempo) dubito verrà posta in atto…
            MI AUGURO D’ESSERE SMENTITO IN PIENO. Speriamo che la tanto attesa circolare sia in grado di spiegare tali controsensi.
            Distinti saluti

          1. Gianni non ho compreso cosa mi sta chiedendo…l’aumento non é stato ancora dato a nessuno, ma in ogni caso di certo non potrei verificarlo io, non accesso ai terminali Inps

  6. SALVE…VORREI FARE UNA DOMANDA ALLA SIGNORA ERIKA…

    SECONDO LEI NON ESISTE UNA DISCRIMINAZIONE NELL’ASSEGNARE 780 EURO DI REDDITO DI CITTADINANZA ,IL CUI BENEFICIARIO MAGARI NON HA ALCUN IMPEDIMENTO FISICO PER SVOLGERE UN’ATTIVITà LAVORATIVA, MENTRE UN DISABILE PARZIALE PERCEPISCE 289 EURO ?’??

    CONOSCE UN MODO O QUALCUNO CHE POSSA SOLLEVARE QUESTA PROBLEMATICA AALL ATTENZIONE DELLA SUPREMA CORTE??

    GRAZIE

  7. Ha ragione mi fa piacere che la pensa come me…. Io 1975 invalido 100×100 con la 104 chi mi paga gli interessi dopo aver subito 4 trapianti 27 interventi 3 enbolie senza arto. S. Anno aspettato di darmi una pensione d’invalidità di 200 euro dopo l’anno 2001…vergogna… Se le danno ora la pensione ai 18 anno.. È giusto che ci sia rimborsato tutti gli interessi, noi abbiamo sofferto come i cani!!!!

  8. Buonasera a tutti, riguardo ai redditi ed ai requisiti, io credo di aver capito che il pensionato debba aver compiuto almeno 18 anni d’età; abbia una percentuale di invalidità al 100%; abbia un reddito personale entro 8.469,63 euro per il pensionato solo e 14.447,42 euro per il pensionato coniugato.
    I 14.447,42 si riferiscono sempre al reddito del pensionato personale, solo che in questo caso deve pensare per se e il coniuge.

  9. Buonasera…l’aumento dovrebbe essere dai 18 in poi…includendo pure dopo i 60.
    Ci confermate? Grazie ….siete di grande aiuto per i dubbi.

  10. Ancora ingiustizie!gl’invalidi al 100% che hanno superato i 60 anni sono ancora piu’in difficolta’dei piu’giovani,perche’escluderli?

    1. Ma cara Cristiana… lei ha mai letto i nostri articoli?
      Chi raggiunge i 60 anni ha diritto a questo aumento già da diversi anni!
      Come la spiega altrimenti la frase di questo articolo: “(…) a partire dai 18 anni senza dover aspettare i 60 anni.”?
      Non si possono ripetere le stesse cose fino alla nausea per poi leggere ancora commenti come i suoi.

      1. Ma si parla solo di invalidi totali al 100% che prendono più di 500 € di pensione più accompagnamento e tutto quello che serve a queste persone non mancano. Ma vogliamo parlare di noi invalidi civili che come me arrivano al 75% e prendiamo 290€ di pensione e dobbiamo pagare tutto compreso affitto mangiare e varie medicine e visite….

        1. Cara signora io prendo quanto lei e non ho accompagno e come lei pago affitto e alcune medicine, unica “piccola” cosa che noi invalidi totali non possiamo svolgere nessuna attività lavorativa, per cui trovate i un lavoro…

        2. Nò mia cara ELENA guarda che il disabile al 100% con accompagnamento prendo lo stesso quanto lei le schifosissime ed inadeguate 289E più le 478E di accompagno tipo come mio figlio …..

      2. Ma io ne ho quasi 62 invalido al 100% inabile al lavoro e prendo 297,14 euro più accompagnamento avevo chiesto all’inps e mi ha risposto che non era previsto aumentava solo il limite del reddito che era 16 mila e rotti booh io non ci capisco nulla booh

    2. Be’ diciamo che ho visto il video del sig Pagano , ANMIC Lui dice che la circolare Inps dovrebbe uscire a ore , giorni , e poi dice che gli incrementi saranno liquidati entro 30 giorni , quindi !!! Meta Ottobre o Novembre sarebbe un record da luglio a Novembre !!! Non vi pare

    3. Il ritardo del, INPS non è dovuto per loro colpa, ma è il governo che gli a imposto di emanare la circolare dopo le votazioni, e il motivo è perché sicuramente questo aumento non lo prenderanno in molti, per i paletti che anno messo. E una presa in giro ecco il perché

      1. Guarda io sto governo non lo votato e non lo voterei mai , però la verità sta bene anche in casa del diavolo ! Quando vi sono aumenti o rivalutazioni INPS deve per necessità informativa e burocratica dare informazioni hai propri sottoposti , con circolare ufficiale !! Se mi dici che il capo dell’ INPS lo potrebbero cacciare per manifesta incapacità , che è colpa del (governo) sono d’accordo haaa su questo hai ragione!!!

      2. caro AMEDEO …credo che lei stia scrivendo una grandissima xxx … è le spiego … la SENTENZA è stata data in riferimento n.152/2020 già in atto dal 20 LUGLIO è anche duramente ….. POI il giorno 15 AGOSTO e stata PUBBLICATA SULLA GAZZETTA UFFICIALE …. OK!!!!! da quella data i soldi ( i FONDI ) già sono stati versati dallo STATO … ora non rimane che “STANZIARLI” a tutti quei DISABILI con il 100% dunque mi spieghi che cazzo centra questo governo … quando poi è stato l’unico ad affrontare la situazione vergognosa sulle pensioni dei disabili ????? in 40 anni di governi criminalizzati da dranghetisti è mafiosi hanno pensato solo a riempirsi le proprie tasche mentre che tu per loro non esistevi nemmeno …..

    4. L’Aumento era inizialmente previsto solo per gli invalidi aventi i requisiti di eta da 65 anni ora è stato modificato ed ampliato agli invalidi aventi diritto dai 18 anni di età,ma dai 18 anni quindi anche i 60/65 enni rientrano sempre nell’aumento.

      1. Si dovrà tuttavia attendere la pubblicazione della circolare INPS.
        Inoltre se l’INPS non ha ancora terminato di riorganizzare i propri sistemi informatici (sai quanto tempo per modificare qualche parametro… un bradipo avrebbe fatto tutto in una settimana) dubito fortemente che l’aumento arriverà in Ottobre (che poi sarà il 25 settembre data l’erogazione anticipata delle pensioni a causa del Covid-19)…
        NON ILLUDIAMOCI TROPPO!

      2. Certo che per aggiornare i sistemi INPS è lunga ! A 60 giorni dalla sentenza e 40 dalla pubblicazione del decreto , sembra una monarchia secolare più che l’ INPS !!

    1. Buongiorno sono in pensione anticipata con 55 anni eta 20 di contributi e 80% invalidità. Ora ho fatto ricorso a INPS e mi e stato riconosciuto il 100%.cosi percepisco 515 per 13 mensilita. Piu 286 invalidita, ci rientro con aumento, visto che il mio reddito e 6700 annui

  11. Al Segretario Generale di CONFSAL, Margiotta , voglio ricordare che la credibilità dell’INPS è già ai minimi termini, non solo per la questione della mancata attuazione dell’aumento delle pensioni di Invalidità Civile, e vorrei che prestasse attenzione a quanto esposto qui di seguito:

    1. Sentenza “Martinez” C-449/16 della Corte Europea del 21 giugno 2017, per violazione del Reg. (CE) n. 883/2004 e della Direttiva 2011/98/UE, perché l’ANF (Assegno per il Nucleo Familiare) viene considerato dall’INPS una prestazione di “assistenza sociale”, invece che di “sicurezza sociale”.

    2. Ordinanza n. 182 della Corte Costituzionale (la stessa che ha emesso la Sentenza n. 152) del 30/07/2020, con cui si chiede alla Corte Europea di certificare che il cosiddetto “Bonus Bebè” ha le stesse caratteristiche della “sicurezza sociale” e non dell’assistenza sociale, come sostenuto dall’INPS.

    3. APE SOCIALE, definita dall’INPS una prestazione di “assistenza sociale” e come tale sottratta all’applicazione del Reg. (CE) n. 883/2004, per quanto riguarda la totalizzazione dei contributi esteri e la compatibilità con una pensione estera.

    Ci sarà, prima o poi, qualcuno capace di far capire alle “menti illuminate” del’INPS la differenza tra “assistenza sociale” e “sicurezza sociale”?

    Grazie a chi vorrà inoltrare queste considerazioni alla CONFSAL.

  12. Buongiorno, ho letto poco fa che gli aumenti delle pensioni di invalidità civile 100% saranno erogate in automatico e che l’ Inps sta riorganizzando i propri sistemi informatici. Questo quanto detto da ANMIC nell’ incontro del 16 settembre con Inps. Fonte Leggioggi.it
    Voglio anche dire che io dell’ Inps non mi fido, ma staremo a vedere…Grazie

    1. Stefano mi mette il link all’articolo?n Vorrei solo evitare di illudere le persone, giacché in moltissimi ci leggono, gentilissimo

      1. Erica basta andare su google poi Leggioggi aumento pensioni invalidità e lì esce tutto l’articolo dell’incontro con l’inps, non scriverei mai una cosa per un’altra soprattutto ai miei #colleghi# invalidi come me. Grazie

        1. Stefano non mettevo in dubbio le sue parole, volevo leggere il pezzo del collega su che basi faceva certe affermazioni, le chiedevo il link,se lo aveva, per non perdere tempo a cercarlo, ma grazie uguale

          1. /www.youtube.com/watch?v=U4K4YkI8xq4&list=PLpE5meU8r66hUzYLU-BtBkSKEnF2bs8Kq&index=72&t=0s

          2. Buongiorno Erica,
            per errore ho postato il link come commento e non come risposta.
            Il commento è in data 18 Settembre 2020 in 17:27
            Distinti saluti

          3. Buonasera Erica, l’ha trovato il pezzo di ANMIC ? Noi invalidi, malati, abbandonati, in difficoltà perenne, senza nessuna possibilità di lavorare perché purtroppo inabili siamo qui per parlare dei nostri diritti e l’aumento della pensione non solo è un diritto ma ora è anche legge, ma siccome all’ Inps ci lavorano tanti cialtroni, ignoranti e menefreghisti non viene mai fuori la verità, almeno dicessero l’aumento è fra 1 anno, ok sarei più contento, almeno fra un anno posso fare i miei conti, ma non si rendono conto che vivere con meno di 300 euro al mese é devastante, e meno male che ha una casa di proprietà, posso capire chi è in affitto, beh tragedia assoluta. Comunque la ringrazio per tutto l’interessamento che ha nei nostri confronti, tanti complimenti e ancora un grazie di cuore

        2. Incredibile nn capisco perche’l’aumento e’solo fino a 60 anni perche’gl’invalidi totali che hanno superato tale tetto possono migliorare ed andare a cercare lavoro?inaudito …

          1. Oltre i 60 anni la Legge esisteva già…questo e’ solo l’adeguamento dai 18 anni ai 59 ed e’ soggetto al limite reddituale di 8469 se pensionato solo e 14447 se coniugato..

          2. Ma dopo i 60 l’invalidità si trasforma in pensione sociale perciò già prendono quella cifra

        3. Gentile signore io inv 100% inabilità alavore con disabilità sordo ma questo aumento so già che siste non vedo il motivo per che limps non vuole pubblicare questa circolare il governo a già stanziato il fondo x gli invalidi a limps cosa le costa publicare sta benedetta circolare 1 cosa assurda guarda caso quando devono dare soldi a limps li voglio subito non lo mai capito che gioco sta facendo mi scuso x quello che ho scritto ma mi sento preso x ifondelli.

        4. Speriamo che sia la volta buona e che arrivi in questi giorni , comunque quell’ articolo lo letto anch’io su leggi oggi !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su