Bonus 1000 euro INPS maggio: non tutti devono presentare domanda, no cumulo

Il dibattito su chi potrà ricevere il bonus 1000 euro Inps prosegue, ancora in molti ci chiedono se il Bonus 1000 euro di maggio é cumulabile con il contributo a fondo perduto, tanti altri ci chiedono chi deve fare domanda e se vi rientrano. Insomma lasciateci dire che la confusione continua a regnare sovrana. Eppure articoli sulla questione e sulle differenze tra i due ne abbiamo pubblicati parecchi, così come abbiamo risposto a moltissimi commenti sul portale. Confidiamo di darvi alcune specifiche che possano chiarirvi ulteriormente le idee.

Bonus 1000 euro INPS maggio: chi lo riceverà in automatico?

Per alcune categorie non é necessario presentare nuovamente la domanda per ottenere il bonus 1000 euro INPS in quanto questo verrà erogato in automatico a quanti hanno già percepito il bonus da 600 euro per marzo ed aprile, sono dunque esonerati dall’invio dell’istanza:

  • liberi professionisti di partite Iva, i co.co.co. , iscritti alla Gestione separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che abbiano cessato il rapporto di lavoro entro il 19 maggio 2020;
  • i lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, che non siano però titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, alla data del 19 maggio 2020.

Vi é dunque UNA SOLA categoria che é tenuta a presentare istanza per ottenere il bonus 1000 euro di maggio, si tratta delle partite IVA iscritte alla gestione separata dell’Inps. Questi possono presentare già istanza sul sito dell’INPS e devono dimostrare attraverso autocertificazione di avere avuto un calo effettivo del fatturato pari al 33% nel secondo bimestre 2020 rispetto al secondo bimestre del 2019. La procedura per inserire correttamente la domanda e non sbagliare i passaggi, la potete trovare nel nostro articolo in cui vi spiegavamo passo passo come procedere, a cui vi rimandiamo.

Bonus 1000 euro maggio: chi non lo riceverà?

Fuori dal bonus 1000 euro maggio dell’INPS vi sono gli autonomi in gestioni speciali AGO. Per queste categorie é stato previsto solo l’indennità per i mesi di marzo ed aprile, dunque commercianti, artigiani, coltivatori diretti, coloni e mezzadri non potranno presentare domanda per il bonus INPS, ma potranno invece accedere al contributo al fondo perduto, che lo ricordiamo é comunque pari almeno a 1000 euro.

Su come procedere per presentare l’ istanza e su tutte le informazioni riguardanti il contributo vi rimandiano all’articolo di riferimento. Vi ricordiamo che il contributo verrà erogato dall’Agenzia delle Entrate e non dall’INPS. Per coloro che sbagliano nella presentazione della domanda é possibile anche chiedere una rettifica o se ci si accorge in ritardo di non averne proprio diritto é possibile procedere, per evitare sanzioni pecuniarie e penali, alla rinuncia.

Incaricati di vendita a domicilio NON spettano i 1000 euro ma spetta un’indennità di 600 euro per marzo, aprile e maggio 2020, per quanti abbiano un reddito annuo 2019 derivante dalle medesime attività superiore a 5.000 euro. Anche gli stagionali non del turismo, intermittenti, autonomi occasionali non riceveranno i 1000 euro , ma in automatico i 600 euro, una volta inviata un’unica domanda per marzo. I lavoratori dello spettacolo avranno diritto, se rispettano determinati requisiti, all’indennità di 600 euro che resta fissa per marzo, aprile e maggio 2020

Bonus 1000 euro maggio INPS e fondo perduto incompatibilità

Il contributo a fondo perduto NON é cumulabile al Bonus 1000 euro INPS , dunque sono fuori in primis quanti hanno cessato la propria entro il 31/3/2020, poi tutte queste categorie:

  • I professionisti iscritti alla gestione separata INPS che hanno goduto delle indennità previste dall’art 27 del Decreto Cura Italia, dunque per intenderci quanti hanno ottenuto i 600 euro a marzo ed aprile.
  • I lavoratori dello spettacolo che hanno beneficiato delle indennità previste dall’art. 38 del Decreto Cura Italia;
  • Tutti i soggetti iscritti a casse private che hanno potuto beneficiare delle indennità previste dall’art. 44 del Decreto Cura Italia. Per loro la penalizzazione pesa il doppio in quanto i professionisti alle casse private hanno già avuto il limite di reddito per poter beneficiare dei 600 euro dati a pioggia agli iscritti alla gestione separata INPS per i mesi di marzo ed aprile, ed ora sono anche fuori dal Fondo perduto.

FANNO eccezione gli iscritti AGo ossia commercianti ed artigiani, percettori del bonus dei 600 euro per marzo ed aprile previsto art 28 cura Italia, in quanto tagliati fuori dal decreto rilancio dal Bonus dei 1000 euro per maggio. Quindi per loro in sostuituzione sarà possibile usufruire del contributo a fondo perduto.

Per gli iscritti alle casse private inoltre si é ancora in attesa di comprendere quali saranno i requisiti richiesti e le modalità di presentazione dell’istanza, manca il decreto interministeriale che chiarisca le sorti dei professionisti iscritti agli ordini.

Dunque in estrema sintesi per rispondere alla domanda più ricorrente apparsa sul sito NON si può scegliere se beneficiare del contributo a fondo perduto piuttosto che del bonus 1000 euro INPS perché le categorie preposte ai due bonus sono completamente diverse, e non sta al contribuente poter scegliere. Inoltre i due bonus NON sono cumulabili.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

48 pensieri riguardo “Bonus 1000 euro INPS maggio: non tutti devono presentare domanda, no cumulo

  • Avatar
    3 Luglio 2020 in 16:03
    Permalink

    Buonasera,

    sono un libero professionista iscritto alla gestione separata INPS (fisioterapista) e ho aperto p.iva a novembre 2019. Di conseguenza, non sono in grado di dimostrare nessuna riduzione del fatturato rispetto all’anno scorso. Non ho diritto al bonus e non posso rientrare in nessuna altra categoria?

    Grazie,
    Michele

    Rispondi
    • Erica Venditti
      3 Luglio 2020 in 16:04
      Permalink

      Michele legga le risposte fornite dall’esperto oggi nel pezzo pubblicato in home: ‘Bonus 1000 euro INPS maggio o contributo a fondo perduto? L’esperto chiarisce’. li troverà le risposte

      Rispondi
  • Pingback: Bonus 1000 euro INPS, contributo a fondo perduto e restituzione: il punto ad oggi – Nord Est News

  • Pingback: Bonus 1000 euro INPS, contributo a fondo perduto e restituzione: il punto ad oggi | Pensioni per tutti

  • Avatar
    30 Giugno 2020 in 1:32
    Permalink

    buonasera
    sono una lavoratrice co.co.co. che ha preso il bonus di 600 euro di marzo e aprile, il mio contratto è stato sospeso fino al 31 maggio e ho ripreso a lavorare il 3 giugno, ho la possibilità di rientrare nel bonus di 1000 euro di maggio? Altrimenti che senso ha: chi ha un contratto co.co.co. cessato può usufruire del bonus di 1000 euro, quando ha la possibilità di richiedere la disoccupazione (DIS-COLL); mentre chi è stato sospeso dal contratto e non ha percepito nulla tranne i bonus di 600 euro, non ha diritto a nulla. E’ vero che ho ricominciato a lavorare ma le competenze di giugno le prenderò a fine luglio, quindi sono scoperta per tre mesi se non prenderò nulla, ossia maggio, giugno e luglio. Scusate chi mi coprirà le spese di benzina per spostarmi e la mia prestazione? Non sarebbe stato più opportuno fare un ultimo sforzo erogando alti 600 euro a maggio ma li prendevano tutti anziché alzare la cifra per darli a pochi? E gli altri? Ricominciare a lavorare non significa ritornare alla normalità, l’aiuto economico sarebbe dovuto rimanere finché non si è ritornati alla normalità. Il Governo deve sapere che molti datori di lavoro non si comportano rispettando le leggi del lavoro…grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      6 Luglio 2020 in 15:35
      Permalink

      Pubblico la sua testimonianza nel prossimo articolo

      Rispondi
  • Avatar
    27 Giugno 2020 in 14:15
    Permalink

    Salve ho un contratto co.co.co con scadenza il 31/12/2020 ho preso il bonus marzo aprile il mese di maggio non ho lavorato per Covid 19 chi lo paga a noi il mese di maggio? Inoltre facevo full time adesso ho iniziato da poco e faccio part time quindi ho subito una perdita perché a marzo e aprile 2019 ho guadagnato di più che nel mese di marzo e aprile 2020
    riuscivo a prendere Renzi perché superavo 8.174 euro annuali secondo voi non è una perdita? Quindi anche a noi spetterebbe magari 600 euro
    Questo dovrebbero tenerlo in considerazione il Sig.Conte e Gualtieri
    Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2020 in 18:14
    Permalink

    Salve io sono un co.co.co. con contratto che scade il 31 /12/2020 però sono a casa dall’8 marzo e da allora non mi è stata comunicata ancora la data per la ripresa del lavoro. Quindi sono inattivo dall’8 marzo
    Ho percepito il bonus di marzo e aprile è vorrei sapere se mi spetta quello di maggio

    Rispondi
  • Pingback: Bonus 1000 euro maggio, ultime: si amplia la platea degli aventi diritto | Pensioni per tutti

  • Avatar
    26 Giugno 2020 in 12:59
    Permalink

    Buongiorno, sono una partita IVA in regime forfettario e ho ottenuto il bonus di aprile e di maggio,
    non avevo letto questo articolo e ho fatto domanda per il contributo 1000 euro a fondo perduto sul sito della Agenzia delle Entrate. Devo fare la rinuncia all’Agenzie delle Entrate e fare la domanda all’INPS?

    Rispondi
    • Erica Venditti
      26 Giugno 2020 in 15:37
      Permalink

      Si abbiamo anche spiegato in un articolo come procedere per fare la rinuncia, cerchi in Home Antonio e legga le specifiche

      Rispondi
  • Avatar
    26 Giugno 2020 in 2:29
    Permalink

    Buonasera
    Io ho un contratto Co co pro con scadenza 31/12/2020
    Lavoro in un call center e vendiamo vino telefonicamente
    Siamo ancora in smart working
    Non ci pagano più le ore che ovviamente si sono ridotte e prendiamo solo provvigione
    Ovviamente c’è stato un calo nelle vendite e purtroppo non si sta guadagnando quasi nulla
    Secondo lei ho diritto a qualcosa?

    Rispondi
    • Erica Venditti
      26 Giugno 2020 in 15:37
      Permalink

      No purtroppo perché i co.co.co possono accedervi solo se il contratto risulta scaduto in data 19/5

      Rispondi
  • Avatar
    25 Giugno 2020 in 21:59
    Permalink

    SONO dunque esonerati dall’invio dell’istanza: liberi professionisti di partite Iva, i co.co.co. , iscritti alla Gestione separata INPS

    Vi é dunque UNA SOLA categoria che é tenuta a presentare istanza per ottenere il bonus 1000 euro di maggio, si tratta delle partite IVA iscritte alla gestione separata dell’Inps

    QUALCOSA NON FUNZIONA

    Rispondi
    • Erica Venditti
      26 Giugno 2020 in 0:05
      Permalink

      Nel primo caso rapporto di lavoro cessato arriva in automatico, nel secondo caso p.i attiva dunque necessario dimostrare calo del fatturato, funziona eccome, basterebbe leggere attentamente

      Rispondi
  • Avatar
    25 Giugno 2020 in 18:56
    Permalink

    Quando verrà erogato il bonus di 1000 euro

    Rispondi
    • Erica Venditti
      26 Giugno 2020 in 0:08
      Permalink

      Non sappiamo, ma non credo prima di luglio

      Rispondi
      • Avatar
        27 Giugno 2020 in 13:56
        Permalink

        Salve ho un contratto co.co.co con scadenza il 31/12/2020 ho preso il bonus marzo aprile il mese di maggio non ho lavorato per Covid 19 chi lo paga a noi il mese di maggio? Inoltre facevo full time adesso ho iniziato da poco e faccio part time quindi ho subito una perdita perché a marzo e aprile 2019 ho guadagnato di più che nel mese di marzo e aprile 2020
        riuscivo a prendere Renzi perché superavo 8.174 euro annuali secondo voi non è una perdita? Quindi anche a noi spetterebbe magari 600 euro
        Questo dovrebbero tenerlo in considerazione il Sig.Conte e Gualtieri
        Grazie

        Rispondi
  • Avatar
    25 Giugno 2020 in 14:02
    Permalink

    Buongiorno,
    Sono un libero professionista con partita iva aperta 6 anni fa ed iscritto alla gestione separata INPS. Ho già ricevuto bonus di € 600 per il mese di Marzo ed Aprile.

    Per quanto riguarda il mese di Maggio mi ritrovo nella situazione di avere fatturato zero nel mese di Aprile 2019 e fatturato zero nel Mese di Aprile 2020.

    Come comportarsi in questo caso? Si può fare ugualmente domanda?
    Grazie per la risposta

    Rispondi
    • Erica Venditti
      26 Giugno 2020 in 0:18
      Permalink

      No in quanto la sua attività sembrerebbe già in crisi prima del covid 19…zero ad aprile 2019….ragione per cui per lei Covid o non covid nulla risulta essere cambiato. La logica che sta dietro al bonus è questa se non può dimostrare il calo del 33% del bimestre marzo ed aprile 2020 rispetto a marzo ed aprile 2019 non può richiedere il bonus.

      Rispondi
  • Avatar
    25 Giugno 2020 in 10:29
    Permalink

    Buongiorno. Per i co.co.co. che non rientrano nei parametri dei 1000 euro, non spetterà niente?

    Rispondi
    • Erica Venditti
      25 Giugno 2020 in 16:47
      Permalink

      Cosa vuol dire Eva? Se é un co co co ed il suo contratto é terminato alla data di entrata in vigore del decreto, ossi a19 maggio, ha diritto al bonus.. In caso contrario vuol dire che sta lavorando, non capisco la domanda

      Rispondi
  • Avatar
    25 Giugno 2020 in 8:39
    Permalink

    Buongiorno, vedo che già le è stata posta la domanda? Chi non può dimostrare il calo di fatturato del 33% nel primo bimestre 2020 rispetto lo stesso periodo nel 2019 perché in entrambe i periodi ha fatturato 0€ ha diritto a reiterare la richiesta per il bonus del cura Italia ora rilancia Italia di 1000€? Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    24 Giugno 2020 in 16:58
    Permalink

    Salve sono un lavoratore cococo con rapporto di lavoro cessato il 30/4/2020 ho percepito i bonus di marzo e aprile per maggio deve essere cessato entro il 19/5 come detto il mio è cessato il 30/4
    Ho ricominciato a lavorare il 3/6 ma appunto giugno
    Quindi il bonus mi spetta giusto?
    A me confermano di si per lei?
    Grazie mille

    Rispondi
    • Erica Venditti
      24 Giugno 2020 in 23:58
      Permalink

      Bella domanda…mi verrebbe da dire stando alla mia interpretazione che lei ne abbia diritto in quanto quel primo contratto cococo è cessato ad aprile…dunque prima del 19 maggio paletto richiesto. Dovrebbe dunque arrivarle in automatico in quanto percettore dei precedenti bonus di marzo ed aprile. Chiaramente avendo ripreso a giugno con un contratto differente credo per committente diverso dal precedente non ne avrà più diritto per i mesi a venire qualora mai prorogassero i bonus.

      Rispondi
  • Avatar
    24 Giugno 2020 in 12:43
    Permalink

    Buongiorno, siamo impresa artigiana srl cod. ateco 43.33 artigiani. Tassativamente non si poteva lavorare sino a disposizioni di maggio. Il mese di marzo non abbiamo fatturato, il mese di aprile abbiamo fatturato come circa il mese di aprile 2019 ma non da lavoro solamente percepito acconti per futuri inizio lavori, maggio fatturato po. Abbiamo diritto del contributo a fondo perduto per il bimestre o viene preso in considerazione solo aprile. Abbiamo diritto di qualche bonus per maggio (abbiamo percepito solo il bonus di € 600,00 per marzo e aprile. La ringrazio della cortese risposta.

    Rispondi
    • Erica Venditti
      24 Giugno 2020 in 14:01
      Permalink

      Gli artigiani hanno diritto al fondo perduto perché esclusi dal bonus dei 1000 euro maggio Inps,ma solo se hanno avuto un calo del fatturato rispetto al 2019 nel mese di aprile. Il bimestre non conta

      Rispondi
  • Avatar
    24 Giugno 2020 in 10:12
    Permalink

    Buongiorno. Sono un po’ confuso su alcuni aspetti appena letti. Ho la partita Iva e finora ho regolarmente ricevuto l’indennizzo dei 600. Poiché il fatturato è ovviamente crollato, vorrei ricevere l’indennizzo da 1000€, ma nell’articolo si dice che non ho bisogno di inviare una nuova richiesta, però subito sopo viene indicato che se sei delle partite IVA iscritte alla gestione separata dell’Inps, devi farla. E’ uguale a prima. Non vedo differenze nell’articolo. Sto sbagliando io e non capisco alcuni aspetti o è un errore? Grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      24 Giugno 2020 in 14:38
      Permalink

      Ho scritto correttamente che chi è titolare di p.i ma l attività é cessata non deve ripresentare domanda , riporto qui : ” liberi professionisti di partite Iva, i co.co.co. , iscritti alla Gestione separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie,che abbiano cessato il rapporto di lavoro entro il 19 maggio 2020″ poi ho specificato che in caso contrario se la p.i é attiva SI DEVE AUTOCERTIFICARE un calo del 33%. Dunque lei deve presentare domanda.

      Rispondi
  • Avatar
    23 Giugno 2020 in 21:11
    Permalink

    Salve, ma per coloro che dovrebbero ricevere il pagamento in automatico, quando inizieranno a fare questi bonifici? Bonus maggio, ma ormai è quasi finito giugno.

    Rispondi
    • Erica Venditti
      23 Giugno 2020 in 23:31
      Permalink

      Credo che prima di luglio non si vedrà nulla….

      Rispondi
  • Avatar
    23 Giugno 2020 in 20:38
    Permalink

    Il bonus da 1000 euro sarà erogato entro giugno o ci faranno morire di fame e farci andare a rubare per mangiare?!?!grazie,un cittadino arrabbiato.

    Rispondi
    • Erica Venditti
      23 Giugno 2020 in 23:32
      Permalink

      Temo che si arriverà ai primi di luglio

      Rispondi
  • Avatar
    23 Giugno 2020 in 20:00
    Permalink

    Perché ai braccianti agricoli non viene riconosciuto il bonus di maggio che l’unico settore che non a mai un lavoro stabile noi che campiamo alla giornata che non sappiamo mai se il giorno dopo si lavora come si fa andare avanti così e ai liberi professionisti viene riconosciuto il bonus di maggio invece di aiutare i settori più deboli che fate aiutate i settori più ricchi ma siete normali si o no

    Rispondi
  • Avatar
    23 Giugno 2020 in 19:15
    Permalink

    Buonasera quando verrà pagato bonus colf e badanti? Mia moglie a fatto domanda i primi di giugno e a ricevuto già la ricevuta che la domanda è stata consegnata.a quando il bonifico? Grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      25 Giugno 2020 in 0:00
      Permalink

      Non saprei dirle credo, ma credo ai tratti di gg ormai

      Rispondi
  • Avatar
    23 Giugno 2020 in 19:02
    Permalink

    Un autonomo a gestione separata che ha fatturato € 0,00 nel 2019 e € 0,00 nel 2020 ad oggi non prende nulla…

    Rispondi
    • Avatar
      24 Giugno 2020 in 7:59
      Permalink

      Anche io sono nella stessa situazione, 0 euro bomestre 2019 e 2020 e vorrei capire come mai … più perdita di zero cosa bisogna dimostrare… Sapete indicarci perfavore se è così o se possiamo fare qualcosa ? grazie in anticipo per la risposta…

      Rispondi
  • Avatar
    23 Giugno 2020 in 16:15
    Permalink

    Mio padre a preso i 2 bonus di marzo e aprile vorrei sapere visto che era un dipendente stagionale del turismo quando inizierete a erogare il bonus di maggio grazie!!!!

    Rispondi
    • Erica Venditti
      25 Giugno 2020 in 0:02
      Permalink

      Noi non erogheremo mai, siamo “solo” 2 giornalisti non l Inps, dunque non possiamo verificare le singole situazioni

      Rispondi
  • Avatar
    23 Giugno 2020 in 16:03
    Permalink

    Salve, io sono una libera professionista con regime forfettario. Non riesco a capire in quale modo devo fare i calcoli per capire la riduzione del 33% del reddito, per il bonus maggio INPS. Come che, io a marzo ho percepito soldi per il mese di novembre 2019, li devo tener presente come redditto marzo 2020 anche se una fattura del anno scorso. Grazie mille a chi mi po aiutare con questo metodo di calcolo. Grazie mille.

    Rispondi
    • Erica Venditti
      26 Giugno 2020 in 0:26
      Permalink

      La rimando via messanger a Domenico Cosentino gia presidente di patronato, spero possa esserle d aiuto. Faccia pure il mio nome. Saluti

      Rispondi
    • Avatar
      27 Giugno 2020 in 10:13
      Permalink

      Buongiorno sig.ra Stefania, sono nella stessa situazione e non so nell’eventuale controllo dell’agenzia se mi faranno problemi visto il particolare regime. Lei ha avuto delle informazioni utili a riguardo? Non vorrei fare cavolate o “bruciarmi” la domanda. Grazie in anticipo

      Rispondi
  • Avatar
    23 Giugno 2020 in 15:15
    Permalink

    Salve mia moglie lavora part-time per 5 giorni settimanale percepisce mensilmente un reddito di 300.00 ho fatto la richiesta della domanda del reddito di emergenza e mi e stata rifiutata…
    Ditemi voi se in questo stato si può andare Avanti, io sono disoccupato non percepisco niente battono sul reddito di mia moglie che e poco

    Rispondi
    • Erica Venditti
      23 Giugno 2020 in 15:22
      Permalink

      Con quale motivazione?

      Rispondi
  • Avatar
    23 Giugno 2020 in 14:40
    Permalink

    Salve percepisco una pensione di invalidità di 297 euro mensili bin lavoro ho 51 anni e possibile richiedere un aumento di tale pensione che mi permette di avere solo le cose strettamente necessarie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      23 Giugno 2020 in 15:07
      Permalink

      Toccherà alla Consulta decidere in questi giorni se verranno aumentate o meno, dalla sua Conte ja promesso che verranno aumentate. Ma nulla di concreto al momento

      Rispondi
    • Avatar
      24 Giugno 2020 in 0:01
      Permalink

      Pensioni di invalidita avevano diritto a bonus 600,la domanda andava fatta entro il 3 giugno 2020

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *