Riforma pensioni 2023, e quota 41

Manovra Pensioni 2024: news su quota 41, sindacati attaccano con Capone e Sbarra

Nella legge di bilancio voluta dal Governo Meloni c’è poco spazio per una riforma delle pensioni che possa superare la legge Fornero. Tra i tanti temi discussi oltre alla proroga di opzione donna e quota 103, c”è anche il futuro di quota 41. Il Governo, nonostante diverse dichiarazioni favorevoli a questa misura per il momento resta fermo, e in queste ore sono arrivate dichiarazioni da parte dei sindacati che chiedono nuovamente maggior flessibilità in uscita. Facciamo il punto

Pensioni 2024, ultime news da Paolo Capone, Leader UGL: “Quota 41 per favorire flessibilità in uscita

Stiamo seguendo con interesse le proposte del Governo sul tema pensioni contenute in Legge di Bilancio. In tal senso, è importante l’impegno ribadito dal sottosegretario al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Claudio Durigon, alla realizzazione di Quota 41 e al superamento della riforma Fornero. Una riforma sbagliata e iniqua che ha finito per ingessare il mercato del lavoro contribuendo alla crescita esponenziale della disoccupazione giovanile. Pertanto, occorre ridare flessibilità al sistema lasciando alla persona la scelta di valutare se e quando uscire dal mondo del lavoro.

Un primo passo, in questa direzione, è la proroga dell’Ape sociale e di Opzione donna anche se riteniamo che le penalizzazioni introdotte possano ridurre ulteriormente l’accesso a queste forme di uscita anticipata.
L’introduzione di Quota 103, nonostante qualche limite, ha svolto una funzione importante. Per superare la Fornero, ribadiamo la centralità di una proposta come Quota 41, che prevede 41 anni di contributi a prescindere dall’età lavorativa, al fine di avviare una riforma del sistema previdenziale improntata sui criteri di equità e favorire la flessibilità in uscita oltre a incentivare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale UGL, in merito alla riforma delle pensioni.

Pensioni 2024 manovra non sufficente? Sbarra (CISL): ‘Serve quota 41’

segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, ha sottolineato durante l’Assemblea generale di Federmeccanica a Roma l’importanza di quota 41 oltre alle uscite anticipate a partire da 62 anni di età. Ecco le sue parole: “Assieme al numero 41 serve associare il numero 62 di età per restituire alle persone la libertà di decidere come e quando uscire dal mercato lavoro”.

Sbarra durante l’evento ha ribadito le richieste dei sindacati sul fronte pensioni, ricordando appunto che è stata presentata, nei mesi scorsi, “Una piattaforma unitaria complessiva. Abbiamo chiesto al ministro del Lavoro di aprire urgentemente un tavolo di confronto politico, per affrontare il tema del cambiamento del sistema pensionistico nella sua complessità”.

Intanto ricordiamo che proprio ieri intervistato dal Corriere.it, Claudio Durigon ha ribadito che “La riforma della professoressa Fornero è erosa. In via di superamento, come la Lega ha promesso. Entro la legislatura, manterremo un’altra promessa: la realizzazione di quota 41“. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

91 commenti su “Manovra Pensioni 2024: news su quota 41, sindacati attaccano con Capone e Sbarra

  1. Oddio !!!! Quando parla Sbarra e UGL c’è aria di Inc….ta !!!! Questi vogliono solo contributivo puro !!!! Proseguono con la campagna farsa di Salvini e Durigon….. Vi prego andate a farvi una vacanza e tornate nel 2050….

    1. Sono d’accordo e mi piacerebbe che una volta Landini e Bombardieri prendessero le distanze dalla Coppi Sbarra Capone- ma non credo lo faranno mai e perciò attenti a quei due ….. sono completamente asserviti ai capi della banda governativa- che squallore!!!!

    2. E’ proprio così i pinocchi legaioli appassionati di ambi da gioco del lotto, la ducetta bionda e l’ex-sedicente unto dal signore hanno promesso favole…….irrealizzabili…… e hanno ottenuto la maggioranza dei voti.
      In particolare il pinocchio legaiolo (con l’allora M5stelle) nel 2019 ha permesso Q100 (62età+38anni di contributi) per 3 anni per circa 400.000 persone …costo 27 miliardi di euro …… passati i tre anni aveva promesso i 41 anni di contributi per tutti senza se e senza ma …… ha ripetuto la stessa promessa nel 2022….. la ducetta bionda ha promesso genericamente più flessibilità e superamento della Fornero ……
      Quindi hanno permesso pensioni con soli 38 anni di contributi versati (oltre a mantenere privilegi per pensioni con soli 36 o 39 anni di contributi veri……. e 41 apparenti…….. o opzione donna con 35 anni …… oggi solo contributivo e ritardato dalle finestre) ……..
      Non parliamo poi del reddito di cittadinanza ……
      Oggi…..mettono in discussione, riducono la parte retributiva residua, ritardano ……… le eventuali pensioni con 42 o 43 anni di contribuzione (peraltro distinte per sesso ….. unico ambito dove questo avviene) ……..
      Probabilmente, prima o poi, dipende dai risultati elettorali, permetteranno pensionamenti con (soli) 41 anni di contributi versati…….. ma con qualche se e diversi ma …….. tipo calcolo totalmente contributivo della pensione …… peraltro il residuo retributivo oggi al massimo 14/15 anni ……è destinato in ogni caso all’estinzione (anticiperanno tale estinzione) ……. e/o aumentando il limbo delle finestre ……. e chiameranno questi interventi finalizzati alla riduzione economica della pensione dei futuri pensionandi (per ora solo le loro), superamento della legge fornero e sbandiereranno la nuova QUOTA41.
      Oggi, come ieri e l’altro ieri le meloni, i salvini, i taiani di turno confideranno nella smemoratezza e nell’analfabetismo funzionale e nella sua scarsissima propensione alla lettura, dell’italico/a medio/a ……. a cui propineranno le nuove regole …… chiamandole superamento della (legge) fornero……peraltro alcuni aspetti di detta legge …… erano stati introdotti dalla precedente legge sacconi.

  2. Buonasera! Ritengo che i lavoratori e le lavoratrici debbano avere la possibilità di sciogliere, quando uscire dal mondo del lavoro, ma senza essere penalizzati.

  3. Essendo ormai evidente che non riuscirà a mantenere neppure minimamente le promesse pre-elettorali di azzerare la legge Fornero, ieri Salvini ha cominciato a smarcarsi dicendo che lui fa il ministro dei trasporti …direi che non servono commenti , si commenta da se’ !

    1. Avevo pubblicato un commento del tuo stesso tipo ma la AI dell’algoritmo di questo sito non la ha fatta pubblicare. Non capisco se la I di AI stia per Intelligenza o per il suo opposto.

      Ciò detto: rivogliamo quota 103 integra e Opzione Donna modificata.

      Grazie Sig. Ministro dei Trasporti.

      1. Concordo con te, Otto: sarà pure il ministro dei trasporti ma non esita a chiamare schifezza la legge Fornero…
        E noi come dovremmo chiamare la loro quota 103 con calcolo tutto contributivo e con nove mesi di finestra (nove mesi !!!) , che a queste condizioni sarà inutilizzabile per la maggior parte dei lavoratori ?
        Di questo passo faranno quota 41 senza vincoli di età, ma con un importo calcolato con il contributivo e inaccettabile per la maggior parte dei lavoratori…e questo sarebbe il superamento della legge Fornero ?

      2. Non ha senso andarci a 62 se poi hai una pensione da fame! Non si può a fine carriera , io ad es ho 39 anni di contributi, dire che cambiano le condizioni di calcolo. Io sono entrata nel 1985 . Mi fecero giurare fedeltà alle Istituzioni. Rinuncia a carriere più remunerative per poter andare in pensione con 19 anni 6 mesi e 1 gg. Nonostante quello che si dica , la CPDEL era in attivo. Lavoravo alle pensioni. Non avendo CIG , nonostante la possibilità di andarci con pochi anni. Nel 92 poi nel 95 il cambio da CPDEL a INPDAP poi INPS dove è stato assorbito tutto e cominciata la politica che eravamo un peso. Se vendi e usi i gioielli di famiglia e li elargisci a chi non lavora , difficile mantenere un equilibrio finanziario. Da quel momento decurtazioni, aumento età pensionabile. Da 19 anni 6 mesi e 1 gg , 25…35..40..41..41 e 4…41 e 10 , ora nuovo calcolo sulla parte retributiva. Rivalutare chi non ha versato nulla , non lo trovo corretto. Che iniziassero a eliminare il contante. Niente nero e versamenti perché lavora.

    2. E non poteva essere altrimenti, cosa ci aspettavamo da un personaggio che ha fatto della menzogna il suo punto di forza e tanti lo hanno preso sul serio, acclamandolo e votandolo- chiaramente non è l’unico, perché di questi menzogneri c’è ne sono tanti- vogliamo fare l’elenco? Lasciamo perdere ! Risultato…. noi qui in eterno nel limbo e loro li a riempirsi le tasche , impegnati a fare del male alla gente.

  4. Il Min. Salvini ha aperto a probabili modifiche ma, ha precisato, che lui è il Min. dei Trasporti. Comodo parlare così é ?
    Vogliamo che quota 103 torni integra per TUTTI e non solo per pochi e che magari venga resa strutturalee non certo nella forma totalmente contributiva., vogliamo che Opzione Donna venga rivista.
    Chiediamo troppo Sig. Ministro nochè Sig. Segretario delle promesse fatte?

  5. Quota 100,102,103 e 103 totalmente contributiva. Questo è il presupposto per arrivare alla quota 41. E’ come se per andare dalla Lombardia in Sicilia facessi il tragitto verso l’Ucraina.

    1. L’intento di questo governo è quello di arrivare a quota 41 interamente contributiva ( se mai la dovessero adottare) e inducendo le persone a non accettare per via del taglio dell’assegno molto consistente e quindi saremmo costretti ad aspettare la legge Fornero o 67 anni di età + prolungamento dell’aspettativa di vita o l’anticipata Fornero 42 anni e 10 mesi + finestre e prolungamento aspettativa di vita + eventuali peggioramenti. Siamo veramente alla follia Povera Italia e Poveri Italiani.

      1. …non direi poveri tutti, direi invece fortunato chi è già in pensione che avrà pure la rivalutazione … e potrà pure continuare a votare quello che vuole, tanto nessuno tocca i privilegi acquisiti.
        Poveri tutti gli altri

  6. Al numero 41 non serve associare il numero 62 di età, ma separare le due richieste come è stato sempre richiesto dai sindacati. Ma siccome sono anni oramai che fate tavoli su questo, non sarebbe ora di fare qualcosa di diverso, magari tutti i sindacati insieme bloccando il paese finchè non si raggiunge un intesa? Altrimenti andrete a finire a fare altri tavoli, ma poi cambiate mestiere e fate i falegnami!

  7. Ci manderanno in pensione a 70 anni, con finestra di 11 mesi e con la giustifica dei genitori. In compenso i politici e diplomatici italiani sono i più pagati al mondo. PD e Fratelli d’Italia devono scomparire come i dinosauri.

    1. Scomparire nel senso letterale del termine e per sempre, insieme ai loro compagni di merenda delle finte opposizioni. Certo sarebbe interessante risalire ai loro mandanti….

  8. Concordo totalmente con Domosessantuno. I sindacati sbandierano quota 41 come se fosse la panacea di tutti i mali ma sanno benissimo che quota 41 sicuramente comporterà il ricalcolo dell’assegno con il contributivo. Ma per loro questo è un dettaglio insignificante. Paolo Capone, addirittura, dice che “quota 103, nonostante qualche limitazione, ha svolto una funzione importante” . QUALCHE LIMITAZIONE ? E il taglio dell’assegno fino a oltre il 20% con il ricalcolo contributivo lo chiamano “qualche limitazione”?
    Quota 41 riproporrà la stessa formula della nuova quota 103 e quindi sarà sicuramente più iniqua della riforma Fornero. Il governo ci toglierà il diritto acquisito del retributivo col plauso dei sindacati e noi ci troveremo con pensioni da fame. Ma da che parte stanno i sindacati? Lo sono o lo fanno?

  9. Come si fa a dire : “L’introduzione di Quota 103, nonostante qualche limite, ha svolto una funzione importante.”
    Quota 103 è una vergogna, un furto indecente dove ti vengono rubati vita e denaro! Che schifo!

  10. Capisco la posizione del dott. Sbarra . Ma purtroppo penso che maggior flessibilità in uscita resterà solo un sogno. A meno che il governi non aspetti il giudizio positivo delle altre agenzie di rating per poi concedere qualche cosa. Le mie sono speranze che purtroppo resteranno tali.

    1. Sbarra dimentica di precisare che vogliamo si’ poter uscire a 62 anni , ma con una pensione dignitosa; questi invece sono fissati con il contributivo e la pensione risultante è troppo bassa ! Poi aggiungono sempre lunghe finestre mobili di 6 – 9 mesi , in cui l’importo è zero !
      Questa non si può chiamare flessibilità!

    2. Anche io in cuor mio lo spero…..È tutto talmente assurdo che si spera ci sia sotto qualche accordo x mascherare lo scempio fatto…..Ma la cosa che temo di più e continuo a sottolinearlo è l’uniformità con cui tutti i mass media sembrano concordare con la scelta governativa come se non ci sia altra alternativa che far cassa con le pensioni x salvare questo benedetto paese e sentire che tutti la pensano così rischia di influenzare le menti della stragrande maggioranza delle persone rese già fragili da avvenimenti avvenuti in passato

    3. Dottor sbarra de che? Al massimo geometra Sbarra, con il dovuto rispetto per i geometri, si intende, che il signor sbarra si pregia di disonorare

    4. Oddio dottore !!! Rino …..dai !!!! Io metterei questi dottori sul carro dei partiti che in campagna elettorale ci hanno promesso e non mantenuto. Io propongo a questi dottori un referendum per mandare in galera a chi promette in campagna elettorale cose che poi non vengono mantenute. Galera a chi ha tradito operai, donne, giovani, fragili, disoccupati, invalidi …. Galera senza se e senza ma !!!! È ora di finirla di illudere la povera gente

  11. A me non pubblicano quasi niente continuerò a scrivere finché non avrò delle risposte.
    Ero un editorialista e non ho mai insultato nessuno.

  12. Visto che l’unione europea ci impone tante cose, perché NON IMPONE anche che lo stato Italiano si allinei con Germania, la Francia, anche il Lussemburgo, e riconosca i corsi professionali, anche quelli svolti al di fuori del proprio stato, a patto che siano appartenenti alla UE, vengono assimilati nel calcolo dell’intera vita lavorativa in maniera automatica. Non è possibile accettare che si parli di Unione Europa solamente quando è conveniente ad una parte.

    1. Si … ma posso immaginare che, se così fosse, li riconoscerebbe nell’ambito di una frequentazione lavoro studio da ora in avanti … difficilmente in modo retroattivo.

  13. Con i soldi risparmiati sulla pelle dei lavoratori hanno comprato i carri armati.
    Con i 5 mesi in più sulla ape sociale hanno fatto il pieno di gasolio…sti sciacalli

  14. Dopo l’ennesima Bugia “Altra Promessa Mantenuta” credo solamente che a parte qualche Malato di Mente Cerebroleso nessuna persona sana di mente possa ancora credere a questi MENTITORI SERIALI.

    1. Caro Mog, davvero non se ne può più: il governo è composto da incompetenti che pensano solo a restare più possibile lì, raccontandoci quanto bravi siano. Personalmente non mi sono proprio sentita rappresentata da questi e non mi aspettavo nulla di buono. Mi duole esser stata così pessimista, ma ne avevo e ne ho ben donde. Ed ora con la loro riforma costituzionale si preparano a rimanere lì per un bel periodo. Si sveglieranno male: non ci serve una nuova costituzione ci serve un GOVERNO!!!! Se la tengano la “madre di tutte le riforme” da come l’hanno congegnata scoppierà loro in mano: ci facciano votare al referendum e vedranno quanto gliela confermeremo! Un caro saluto. Lilli Reolon

      1. visto quello che hanno fatto contro le pensioni Anticipate Fornero, se mi concederanno di votare, voterò NO a prescindere, non c’è da fidarsi di questi … ma probabilmente non ce lo concederanno. saluti

    2. Hai ragione Mog, il festival delle porcate non finisce mai con questi boia di stato che si divertono a lasciarci sul patibolo in attesa del compimento delle loro azioni devastanti .

  15. Signori miei abbiamo capito che siamo ad un passo dal superamento della Fornero e conseguente introduzione di quota 41, così da far credere che la lega manterra’ le promesse. Infatti l’idea è quella di fare quota 41, libera senza vincoli di età, unica condizione è che la finestra passa da 3 mesi a 30 mesi per gli uomini e 18 per le donne. Era tanto difficile?? Così salvano capra e cavoli e possono continuare a predicare che hanno superato la Fornero.

    1. Aggiungi che il calcolo sarà tutto basato sul contributivo e le pensioni avranno così un importo bassissimo …bella quota 41 !

      1. Caro Dome 61, cominciate a capire l’aria che tira? a me hanno permesso di terminare ma a mie spese: ti mangi la pensione integrativa; e il tutto contributivo era molto prevedibile se una persona voleva andare via prima della legge fornero; e ora? speriamo in buone nuove ma dubito tanto; saluti a te e ai gestori del sito

          1. certo che le rate della Rita arrivano(ogni 3 mesi ma è poca cosa); la pensione ufficiale diciamo che sono ottimista; mi aspetto che arrivi nel 2027 a maggio; ma potrebbe essere anche a fine 2027; saluti a te e ai gestori del sito

      2. Caro Domesessantuno, le promesse di Durigon sembrano minacce, ma forse gli faccio troppo onore che non merita. La sua quota 41 è una misura indegna. Parla di libertà di scegliere di uscire dal mercato del lavoro, pfui, la stoltezza di questa affermazione è palese: al mercato si vendono le merci non le persone. Chi lavora non è una merce è un cittadino o cittadina contribuente, badino a come parlano questi politicanti. Un caro saluto.
        Lilli Reolon

    2. Sig. Eusebio oltre ad allungare le finestra proporranno pure uno scempio di Q.41 interamente contributiva e questo a mio avviso non deve essere accettato.

  16. Fermo restando che per alcuni la conversione al CONTRIBUTIVO sarà MOLTO peggiorativa (ma col passare del tempo lo sarà sempre di meno); non capisco perchè con la legge Fornero i CONTRIBUTIVI PURI possono andare a 64 anni con almeno 20 anni di contributi, mentre a noi che fanno la conversione (quindi siamo equiparabili), debbano mettere il paletto dei 41 anni …
    Avrebbe avuto più senso, dato che ci equiparano facendoci perdere parte di quanto previsto col MISTO, farci andare a 62/63 anni (1 o 2 anni di sconto per compensare la perdita), con almeno 30 anni di contributi.

    Un saluto a tutti (redazione compresa)

    1. l’ho già detto altre volte : i contributivi puri a 64 anni andranno in pensione 1 su un milione perchè c’è un tetto minimo; anno più , anno meno saranno vicini ai 70 anni; per noi esiste praticamente solo la legge fornero; saluti a te e ai gestori del sito

  17. Questi si sono anche inventati una finestra di 9 mesi per quota 103 e si vantano di essere dalla parte dei lavoratori ?!?
    Una finestra di 9 mesi la considero una vergogna, che si aggiunge al calcolo interamente contributivo…i lavoratori ringraziano …

    1. Il calcolo sulla finestra di 9 mesi si basa sulla statistica che magari una buona percentuale degli ‘aventi diritto’ passi a miglior vita; così il risparmio per lo stato è garantito e massimizzato.

  18. la quota 41 che faranno questi sarà per moltissimi inutile e inutilizzabile, perché basandola sul calcolo contributivo gli importi della pensione diventano bassissimi !
    In campagna elettorale Salvini e Durigon non parlavano di calcolo contributivo !!

    1. Avevano promesso Q. 41 senza sè e senza ma – e Salvini nei suoi comizi in campagna elettorale parlava di Sacrosanto diritto alla pensione Q. 41 con sistema Misto Retributivo /Contributivo dicendo che questa cosa appesa saliti al Governo la avrebbero fatto oggi che sono in sella non solo non la hanno fatto ma hanno peggiorato pure la legge Fornero sono enormemente amareggiato e scoraggiato.

    2. Caro Domesessantuno, salvini e durigon possono aver promesso la luna, ma sono stupita dal fatto che tanti vi abbiano prestato fede. I conti che fa il nostro illuminato governo non sono per le pensioni, ma per favorire gli evasori fiscali. E non spendono una parola per l’abominio degli infortuni mortali sul lavoro, solo per una bimba inglese malata incurabile, tolgono un diritto al giorno alle persone oneste se non sembrano loro mamma e papà. Reazionari all’opera per danneggiare la vita degli italiani: come fare per uscire da questo governo-incubo? Un saluto. Lilli Reolon

    3. Salvini e Durigon hanno progettato la porcata e pagheranno alle europee…i leghisti stanno gia’ bruciando le bandiere ,per loro sara’ un risveglio amaro.
      Solo per il fatto che pensano solo a modificare per i medici e creare disuguaglianze sara’ un bel boomerang.Sono ancora in tempo se rinsaviscono in questi giorni.

  19. Manterremo un’altra promessa, dice Durigon, ma perchè, quali sono le altre promesse?? e quanti, ad oggi, ne sono state mantenute??
    Come al solito è diventato usuale affacciarsi, a turno, (oggi Durigon domani Salvini, dopodomani la Meloni e così via…) ogni giorno dal pulpito a prenderci per il culo, facendosi gioco del futuro delle persone che da più di 40 anni si fanno il mazzo. Questi geni della lampada, i quali quello che dicono la mattina viene rimesso in discussione prima che arrivi sera!!! Da qui alle prossime elezioni Europee vedrete quanto bava in bocca si faranno! Ma che lascino la Legge Fornero e vadano a quel paese!!!

      1. Durigon il nulla fatto politico facciamo una risata…dal fisico si magna tutto lui e a noi non rimane niente …ritorno serio lui e Salvini dovrebbero dare le dimissioni ma…..scusate sto sognando

  20. Ma allora “questi” non hanno capito nulla!!!

    Il nocciolo del problema non è quota 41, 102, 103, 104, ecc., ma le penalizzazioni che ci verranno abbinate.

    Anch’io sarei capace di formulare una legge che mette a carico dei lavoratori tutti i costi e gli oneri dell’uscita dal mondo del lavoro rispetto a quella prevista dalla Fornero.

    Fanno passare come un ‘grande successo di civiltà’ la concessione di quota 41 o altri ‘intrugli’, mentre alla fine faranno cinicamente calcoli e speculazioni solo considerando il risparmio delle spese per lo stato (consentitemi di scriverlo con la lettera minuscola).

    E magari, entro la fine della legislatura, qualcuno proporrà con orgoglio il superamento della Fornero con quota 41, ma con calcolo interamente contributivo, finestra a 10 mesi, gettone di uscita per recupero spese amministrative e chissà quale altra penalizzazione.

    E pensare che ci sarebbero migliaia di aziende più che ben disposte a contribuire economicamente pur di liberarsi di lavoratori anziani, demotivati, improduttivi, culturalmente tecnicamente superati, senza obiettivi se non quello di trascinarsi faticosamente all’agognata data dell’ultimo giorno di lavoro.

    Avranno fatto anche i calcoli di quanto costano all’INPS i lavoratori sopra i 40 anni che si metteranno per mesi in malattia?

    La transizione alla Industry 4.0 (o 5.0 come stanno già progettando per stanziare nuove ‘elargizioni’ a fondo perduto) iniziamo a farla cambiando la media dell’anzianità delle nostre aziende. Per rimanere la passo dei tempi serviranno ‘nuovi cervelli’ e nuove energie.

    Sono convinto che, se ben studiata con una equivalente assunzione dei giovani, molte aziende sarebbero disponibili a collaborare per ringiovanire la loro forza lavoro e anche a contribuire economicamente per colmare il ‘gap’ di bilancio dello stato in questa transizione.

    Ma forse ci vogliono dei ‘geni’ per capirlo; o forse basterebbero politici che abbiano più coraggio, cultura, competenze e capacità di innovazione per progettare il futuro della società.

    Già, … ma questo è un altro problema.
    MG

    1. Guardi io ne ho provata una delle migliaia che lei menziona.
      Almeno il 50% dei costi è in carico allo Stato (scritto con la maiuscola); ovvero in carico a me, a lei e ai tanti che qui scrivono con la bile alle stelle.
      Quello che lei suggerisce se lo possono permettere forse: BANCHE, MULTINAZIONALI E AZIENDE NELLE MANI DI FONDI COMUNi.
      Per il resto non c’è trippa ne per gatti ne per lavoratori.
      E non vado oltre sul progettare il futuro.

  21. Quota 41 ? … tutto contributivo ? …gia’ non danno un czz con il sistema misto…. ; poi…. a 62 anni molti hanno gia’ piu’ di 43 anni di lavoro… nb. Con la storia quota 103 hanno sondato la nostra totale sudditanza…..

    1. Faranno la pensione con 41 anni di contributi per tutti, ma la pensione dovrà pagarla il pensionato all”INPS (calcolata col retributivo)…

  22. Salvini (per quello che contano le sue parole) e sindacati non mi rappresentate! Una riforma pensionistica basata solo su quota 41 è iniqua è sbagliata. La flessibilità in uscita deve prioritariamente riguardare l’età anagrafica del lavoratore, dalla quale discendono in primis problematiche di salute ed esistenziali. Finiamola di considerare il pensionamento come il disinvestimento del montante contributivo, siamo uomini non strumenti finanziari!

    1. Bisogna stare ancora attenti, perché per salvare le pensioni future di medici e le altre categorie interessate, potrebbero avere ancora qualche pazza idea sulle altre pensioni, in quanto le coperture devono restare invariate.

    2. Azzeccata la conclusione “non siamo strumenti finanziari”.
      Non so quando, ma se le fiabe da sempre iniziavano con: c’era una volta e si concludevano con: tutti vissero felici e contenti; l’ultima, quella dei tempi del “bail in” potrebbe avere stesso inizio ma finale diverso.
      …C’era una volta il lavoro e dal lavoro prendeva forma il denaro … poi un giorno arrivò la finanza e con essa iniziarono a creare il denaro dal nulla per le mani di pochi … e fu cosi che, all’improvviso, la fiaba si fece tragedia per tutti.
      Speriamo che resti una fiaba.

    1. Ma che quota 41.Ci teniamo la Fornero.Questi,sindacati inclusi,non hanno la minima idea di come risolvere il problema.Solo parole ed incompetenza assoluta.Fac59

  23. Nella vita contano i fatti….
    dopo quello che stanno facendo con la legge di bilancio come possiamo credere a certi personaggi soprattutto quando continuano a parlare al futuro?Fatti non parole furboni…

  24. Magari, sarebbe la manovra giusta. Io che nel 2024 maturo 41 anni di contributi perché ho iniziato a lavorare a 15 anni lascio il mio posto ad un giovane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su