Nuovo Governo Pensioni e quota 100: ultime news, arriva ipotesi 102, conferme su Od

Nuovo Governo Pensioni e quota 100: ultime news, arriva ipotesi 102, conferme su Od

Con l’arrivo del nuovo Governo M5S PD in molti in queste ore si stanno chiedendo che cosa cambierà per le pensioni anticipate ed in particolare per quota 100. La misura fortemente voluta dalla Lega resterà così o è destinata a subire modifiche? Al momento il nuovo Governo di Conte ha come pilastri l’opzione donna e la pensione di garanzia per giovani, con rischio che quota 100 diventi quota 102. Vediamo nel dettaglio le ultime novità.

Ultime novità Pensioni e nuovo Governo: Opzione donna e garanzia giovani i pilastri

Quota 100 non sembra una priorità per il nuovo esecutivo. Questo è stato ribadito anche ad Agora su Rai 3 dall’ex Ministro dell’economia e parlamentare del PD Piercarlo Padoan che ha detto: ” Quota 100 è dannosa, dovrà essere gradualmente eliminata ed essere sostituita da misure che funzionano meglio”. Stando al programma di Governo ad oggi restano invece saldi due pilastri per quanto riguarda le pensioni: l’Opzione donna e la pensione di garanzia per i giovani. Sono molte le donne che attendono che la misura sperimentale in scadenza a fine anno possa esser prorogata anche il prossimo anno. Una conferma sulla volontà del Governo di fare prorogare il provvedimento arriva nell’estensione del programma a 29 punti, dai 26 precedenti.

Buone notizie anche per la pensione di garanzia per i giovani: l’ultima novità previdenziale allo studio è quella di incrementare il Fondo previdenziale integrativo pubblico che include anche la prestazione per i giovani, per andare incontro a coloro che hanno carriere discontinue. Al momento non possiamo fornire ulteriori spiegazioni poichè non ci sono dettagli relativamente alle modalità previste per prevedere la pensione di garanzia.

Pensioni nuovo governo e quota 100: possibile modifica fino a quota 102? Le ipotesi

Intanto però quota 100 resta a rischio per il futuro, con possibilità che la misura venga modificata nei prossimi anni. Tra le ipotesi che circolano online e nelle discrezioni vi è l’idea di alzare il tutto a quota 102, o 101. Tale via prende in considerazione l’aumento dell’età anagrafica a 63-64 anni o in alternativa l’aumento del requisito contributivo che potrebbe andare a 39 o 40 anni. Attualmente la misura di quota 100 prevede invece l’uscita a 62 di età anagrafica e 38 di contributi.

Resta comunque il fatto che la quota 100 è una misura sperimentale della durata di 3 anni, e terminerebbe in ogni caso nel 2021. Contando che le richieste sono inferiori alle previsioni il Governo potrebbe anche decidere di lasciare questa finestra attiva e aspettare la sua naturale conclusione (o al massimo ridurne di 1 anno la sperimentazione). Difficile invece che quota 100 possa esser già eliminata anche per il 2020, anno in cui probabilmente si potrà ancora uscire con i requisiti attuali. Voi cosa ne pensate dei provvedimenti sulle pensioni del nuovo Governo? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto come sempre e seguiteci sulla nostra pagina facebook!

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

28 pensieri su “Nuovo Governo Pensioni e quota 100: ultime news, arriva ipotesi 102, conferme su Od

  1. Mi spiace GIAN ma ha ragione FRANCO a noi precoci non ci danno nessuna possibilità di uscita dobbiamo farci 43,1 mese per poter andare in pensione 41 anni sono solo per chi è invalido al 74% per chi fa lavori usuranti per chi lavora in miniera per chi lavora in conceria ecc.. ecc.. Dunque tutti gli altri anche se hanno iniziato a lavorare a 14 /15/16 anni se la prendono nel cosiddetto. Sono contento che con quota 100 siano andati in pensione molte persone.. Ma mettiti nei panni di gente che non ha avuto neanche un’infanzia e ha dovuto andare a lavorare così presto non perché lo voleva ma per molte famiglie per bisogno.. Lavorare 43,1 mese sono veramente tanti fidati…

  2. Ho 61 anni e 38,5 di contributi tutti versati . Sono disoccupato.
    Non si può dare speranze alle persone e poi cambiare la legge perché proposta da un partito concorrente .
    Non siamo bestie. È ora di finirla. La mantengano fino al 12/2021 . Specialmente per chi è disoccupato.
    Molti di riempie o la bocca parlando della quota 100 come del male per il futuro dei ns giovani.
    Ma se ne ricordano solo ora ?
    Vorrei sapere per curiosità quanti pensionati hanno versato 38 anni di contributi .
    Prima a 52 anni e 30 di contributi andavi in pensione .
    Allora i giovani non importavano ?
    Non rompete con modifiche a quota 100 e rifate i conti delle pensioni con il sistema contributivo. Basta con le prese in giro !!!!!

  3. Buona Sera Signora Erica Venditti….Mi Spiace che Lei qui in Italia nn avrà futuro,questo naturalmente nn a causa Sua. Fornero e Monti hanno creato uno Stop nel 2011 che nn si potrà piu colmare.Perfetti Logistici…Ci sono persone che hanno lacori usuranti,nel senso dei tendini e della schuena Dolorante ! Chi voleva poteva andare in Pensione con 35 anni di lavoro e poi dare una mano ai propri figli. Fornero e Monti…..ora che han fatto chiudere tutto e che nn c é piu un ragazzino che possa comprare qualcosa ,sono riusciti nel loro intento. Signora Erica i suoi Genitori sicuramente Sono Stati molto importanti per il Suo Studio….Mi Auguro che Le abbiano consigliato di Cambiare Stato,in quanto ormai l Italia nn c é piú. Sempre che Sia sempre in Tempo.Quello che Mi logora di piu dopo i tendini e la Schiena é pensare xhe un Giorno Persone come Lei, e qui Spero che Mi Sbagli, NON AVRANNO UN FUTURO. ANCORA FANNO GIRARE NOMI DELLA FORNERO E MONTI !! Hanno fatto Chiudere tutto. Buona Sera Signora Venditti

  4. Buona Sera Signora Erica Venditti….Mi Spiace che Lei qui in Italia nn avrà futuro,questo naturalmente nn a causa Sua. Fornero e Monti hanno creato uno Stop nel 2011 che nn si potrà piu colmare.Perfetti Logistici…Ci sono persone che hanno lacori usuranti,nel senso dei tendini e della schuena Dolorante ! Chi voleva poteva andare in Pensione con 35 anni di lavoro e poi dare una mano ai propri figli. Fornero e Monti…..ora che han fatto chiudere tutto e che nn c é piu un ragazzino che possa comprare qualcosa ,sono riusciti nel loro intento. Signora Erica i suoi Genitori sicuramente Sono Stati molto importanti per il Suo Studio….Mi Auguro che Le abbiano consigliato di Cambiare Stato,in quanto ormai l Italia nn c é piú. Sempre che Sia sempre in Tempo.Quello che Mi logora di piu dopo i tendini e la Schiena é pensare xhe un Giorno Persone come Lei, e qui Spero che Mi Sbagli, NON AVRANNO UN FUTURO. ANCORA FANNO GIRARE NOMI DELLA FORNERO E MONTI !! Hanno fatto Chiudere tutto. Buina Sera Signora Venditti

  5. Ho accettato l’esodo volontario perché a giugno 2020 compirò 62 anni 2 con 41 di versamenti sarei andato in pensione con quota 100 (anzi 103). Se cambiano i parametri dell’età cioè 63 0 64 anni io sarò senza stipendio ne pensione. I sindacati stanno zitti come con Renzi e Fornero. E’ una vergogna !

  6. Quota 100 e’ utile soprattutto a chi e’ disoccupato e non avrebbe altra possibilita’ che attendere la Fornero a 67 anni. Perche’ quindi eliminarla? Se poi venissero alzati i requisiti di un anno e la accorciassero di un anno significherebbe che non ci sarebbe nessun pensionato in piu rispetto ad oggi in grado di arrivare al traguardo. Inoltre che senso avrebbe potenziare ape social per i disoccupati che sarebbe a completo carico dello stato quando invece la pensione sarebbe quella maturata dal contribuente? E’ ovvio che se si avesse ancora un lavoro a disposizione quota 100 resterebbe una opzione e non un obbligo e che ciascuno puo valutare al meglio. Ma per un disoccupato anziano quota 100 resta l’unica forma di anticipo pensione e non a carico dello stato. Quindi perche bloccarla?

  7. La legge va rispettata pertanto quota 100,la quale è in via sperimentale Fino al 2021, è indispensabile,io sono stanco e nel 2020 dovrò compiere 62 anni di età,e sono in regola anche con i contributi, tantissimi sono nelle mie stesse condizioni, perché ,discriminarci considerando questa possibilità.Spero che i governanti lo capiscano.

  8. Era chiaro che se arrivavano al governo quella brutta gente del PD avrebbero rovinato come prima cosa quota 1oo! La loro contrarietà a questa forma pensionistica è sempre stata nota ! Io a febbraio 2o2o ho 40 anni di contributi e 62 di età , a questo punto, come tanti altri ci tocca di PRENDERLO IN TASCA! avete immaginato bene quello che prendiamo in tasca , eufemismo per non dire nel c…o !

  9. Ho letto che per qualche persona quota 100 è un privilegio e una ingiustizia a cui non si vuole rinunciare.. Non credo proprio, si parla di pensione a 62 anni con riduzione di assegno pensionistico. Quota 100 c’è e dovrebbe rimanere, non vanno tolte le spettative di coloro che, volontariamente e non obbligatoriamente, potrebbero uscire dal mondo del lavoro. Il nuovo governo dovrebbe soltanto cercare di offrire anche altre opportunità di uscita.

  10. Perché rovinare le aspettative di chi ha studiato e poi lavorato con sacrificio e che oggi vede la possibilità di trovare una via di uscita con quota 100. Nato nel 1959 e con i requisiti di quota 100 da raggiungere nel 2021 (questi vogliono cancellare la misura nel 2020!!!). Aggiungo che agli anni di lavoro si sommano quelli di riscatto laurea e (parziale) di specializzazione che sono costati tantissimo. Sarebbe una vera ingiustizia oltre che una rapina legalizzata.

  11. Ma non pensano quanto quaquaraquà sono se veramente tolgono quota 100 prima del previsto? Non si vergognano? E già la vergogna appartiene alle persone oneste che hanno lavorato una vita e con tante umiliazioni. Loro sono degli ingrati a loro non frega una beata mazza rovinare le famiglie. Diceva mio suocero che i veri ladro sono quelli con la biro è quindi si capisce tutto Sono indignato e oltre. Non toccare QUOTA 💯 almeno come promesso e non che per fare un dispetto a Matteo Salvini vi portate sulla coscienza famiglie di italiani e non . Poi non capisco ma se sta costando meno del previsto perché dovete rompere i cosiddetti Maroni???

  12. Quota 100 è stata una bandiera del programma politico di ambedue gli schieramenti politici ed é stata accolta come una sorta di liberazione per coliro che possiedono i requisiti prescritti.
    Toglierla sarebbe una enorme ingiustizia e discriminazione per coloro che in tal caso vedono a portata di mano tale opportunità che non potrebbero più sfruttare. Toglierla sarebbe soprattutto la fine definitiva del M5S che l’aveva proposta. Assumino i giovani e lascino gli anziani a godersi la vita

  13. cari sinistri … NON TOCCARE QUOTA 100 !!!
    innalzare l’età a 64 anni equivale a reintrodurre la fornero.
    piuttosto TOGLIETE GLI INFAMI PALETTI da quota 100 così otterrete la pacificazione con gli italiani, 41isti compresi.
    sbaglio o conte ha dichiarato che questo sarà il governo della pace con gli italiani….
    cari sinistri, continuate a parlare di 64 anni e vi ritroverete azzerati.

  14. come volevasi dimostrare, i nuovi sinistri reiterano nella intenzione di applicare 64 anni minimo a tutte le prestazioni pensionistiche come vuole la ue, confindustria, padoan, fornero, brambilla.
    q100 e 41 sarrano nuovamente dannati e bannati.
    la cosa divertente e’ che m5s sta “GIURANDO” che q100 non verrà toccata come riportato ufficialmente nalla dichiarazione di voto di Francesco D’Uva : “quota 100 era un punto del programma dei 5 Stelle e non si tocca e non si tocca nemmeno il reddito di cittadinanza”.
    unitamente a questa misura sinistra, ci aspettiamo inoltre la reintroduzione dell’adv e un aumento della soglia minima di contributi i.e. 39/40 anni.
    caro conte, questo sarà il governo dell’odio …. verso gli italiani !

  15. Credo che già fare in questo momento delle ipotesi sia quanto meno azzardato! Quota 100 è e rimane una cagata fatta dal governo precedente che premia chi ha versato di meno (38 anni) lasciando a lavorare chi di anni ne ha già lavorati 40 o 41 ma solo perché ha iniziato da giovane non ha i requisti per rientrare nelle condizioni del “malefatto”!! Che dire, le soluzioni potrebbero essere semplici per raddrizzare i casini fatti, la prima è togliere i paletti dall’attuale Quota 41 per i Precoci, la seconda è fare una quota 100 o se vogliamo 101 per i precoci! non ci vuole mica tanto!!

  16. 41 anni di servizio, indipendenteme dall’età anagrafica per tutti. Credo che dopo aver lavorato x 41 anni (lavoro gravoso) sia più che giusto godersi una meritata pensione

  17. Premesso che ormai io sono arrivato e che il prossimo anno a giugno andrò in pensione con 43,1 con 61 anni di età e quindi quota 104,1, avete capito bene ?104,1 !!!! quindi non sto chiedendo niente per me. Ritengo che una legge debba essere equa e giusta X TUTTI e non sprovvista di equità e giusta solo per chi ne è favorito. E’ uno scandalo che deve finire il fatto che chi oggi rientri nella quota 100 minacci di scendere in piazza se dovesse essere ritoccata la legge. Volete solo mantenere il privilegio, che altri lavoratori non hanno, di potervene andare in pensione dopo solo 38 anni di lavoro e avendo iniziato a 24 anni. Ci sono lavoratori che hanno iniziato a 17 e oggi con 42 anni di lavoro in fabbrica sul groppone devono vedere andare via prima colleghi che hanno lavorato meno e versato meno. Più ingiustizia di così !!!!

    1. Forse è bene che lei si informi adeguatamente in materia prima di fare simili dichiarazioni assurde
      Tanto per cominciare nel 2019 chi ha 42 anni e 10 mesi di contributi può accedere alla pensione indipendentemente dall’età anagrafica
      Chi va invece con quota 100 (cioè 62 anni di età e 38 di contributi) deve mettere in conto che avrà una pensione di importo ridotto rispetto a chi accede alla stessa con i contributi pieni di cui sopra avendo versato di meno (riduzione che può arrivare anche al 15%, tanto è vero che in molti rinunciano a questo “privilegio” come lei lo definisce) Dov’è l’ingiustizia?
      Se lei ha iniziato a 17 anni e pensa di poter andare in pensione con 38 anni di versamenti, ad una età cioè di 55 anni, anzichè a 60 come invece ora è previsto nel suo caso, mi pare pretendere un po’ troppo.
      Le ricordo ad ogni modo che sono previsti dei “privilegi” anche per lei, tipo APE, APE social ecc
      Forse è meglio che si informi più adeguatamente piuttosto che prendersela con chi attende di poter arrivare al pensionamento a 62 anni rinunciando in cambio ad una quota non indifferente della rendita.

      1. Mi dispiace ma è Lei che si sbaglia non io e nemmeno l’inps. Siamo nel 2019 e io non ho ancora 42,10, che invece compirò nel giugno del prossimo anno. Potrei andare oppure attendere la finestra sino a fine settembre e diventano 43,1. Non mi spetta ne APE, ne APE SOCIAL ne ALTRO. Inoltre ai quota 100 viene data la possibilità di scegliere se prendere di meno o se continuare, ai precoci questa scelta è preclusa, devono obbligatoriamente farsi tutto e quindi non possono scegliere se rinunciare ad una quota della rendita, a voi si, potete scegliere. Si informi più adeguatamente Lei. Grazie.

  18. Cosa vuole pensare, i comunisti sono stati prima e ora la rovina dell’italia, vedesi a dimostrare in tutte le occasioni. Sul fronte pensioni, considerando che modificarla gia nel 2020 si rovinerebbero, allora cominciano a dare lo zuccherino alla gente ( forse nel 2021 con 62/63/64 anni ) Questo è un partito che lecca il C…o all’europa , ma non fa gli interessi interni nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *