Pagamenti Pensioni marzo 2024 INPS: date per poste e aumento importi

Partono oggi 1 marzo 2024 i pagamenti delle pensioni per tutti coloro che ricevono l’accredito su conto corrente. Per gli altri invece i pagamenti potranno esser ritirati nei prossimi giorni, fino al 5 marzo. Vediamo il calendario completo del pagamento in posta, e le ultime novità sul cedolino di marzo con i nuovi importi e gli aumenti dovuti dalla nuova IRPEF.

Pagamenti pensioni di marzo 2024 in poste italiane e banca: tutte le date

Le prossime pensioni di marzo saranno disponibili per il ritiro in contanti presso gli sportelli postali da oggi 1º marzo al 5 marzo 2024, seguendo eventuali turnazioni alfabetiche consigliate e affisse all’esterno degli uffici. D’altra parte, i pensionati che hanno optato per il ricevimento tramite conto corrente, libretti di risparmio, conti BancoPosta, Postepay Evolution, carte Postamat o carte libretto, vedranno l’accredito diretto già il 1º marzo 2024. Stessa data come sempre vale anche per chi riceve la pensione tramite accredito in banca, e dovrebbe vedere accreditato l’emolumento già nella giornata di oggi. Come anticipato, per coloro che desiderano ritirare l’assegno in contanti presso l’ufficio postale, è previsto un calendario alfabetico come segue:

  • cognomi dalla A alla C: venerdì 1º marzo 2024;
  • cognomi dalla D alla K: sabato 2 marzo 2024 (solo la mattina);
  • cognomi dalla L alla P: lunedì 4 marzo 2024;
  • cognomi dalla Q alla Z: martedì 5 marzo 2024.

In linea generale, al fine di ridurre gli assembramenti e i tempi di attesa più lunghi del normale, Poste Italiane consiglia a tutti i pensionati, quando possibile: “di recarsi a ritirare la pensione in tarda mattinata o durante le ore pomeridiane, privilegiando i giorni successivi ai primi”

Pensioni marzo 2024, cedolino online e novità oggi 1 marzo

Il cedolino, documento che vi consente di vedere l’importo della pensione ed eventualmente i motivi della variazione dello stesso, è accessibile online sul sito dell’INPS, previa autenticazione mediante le proprie credenziali personali (SPID, CIE o CNS). Per visualizzare quello relativo a marzo 2024 è necessario seguire i seguenti passaggi:

  1. Effettuare l’accesso alla propria area personale sul portale dell’INPS utilizzando Pin, SPID, Carta d’Identità Elettronica (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS).
  2. Fare clic su MyInps.
  3. Accedere alla sezione “Prestazioni e servizi“.
  4. Selezionare “Cedolino pensione e servizi collegati“.

Pensioni marzo 2024, aumento e variazione degli importi per Irpef

Le recenti modifiche all’IRPEF, introdotte dalla riforma fiscale alla fine del dicembre 2023, saranno applicate alle prestazioni fornite a partire da marzo 2024, comprese le pensioni. In particolare, l’INPS ha richiamato l’attenzione sulla riduzione da tre a quattro degli scaglioni di reddito e delle relative aliquote progressive di tassazione per le persone fisiche:

  • 23% per i redditi fino a 28.000 euro lordi annui;
  • 35% per redditi compresi tra 28.000 e 50.000 euro;
  • 43% per redditi superiori a 50.000 euro.

L’unica variazione rispetto al 2023 è l’estensione dell’applicazione dell’aliquota al 23% anche per i redditi compresi tra 15.000 e 28.000 euro (mentre nel 2022 e nel 2023 si applicava l’aliquota del 25% per i redditi compresi in questa fascia). A partire da marzo, questa modifica comporterà un lieve aumento dell’importo per molti pensionati. Inoltre, sul prossimo cedolino si rifletteranno anche i conguagli relativi alle differenze di gennaio e febbraio 2024.

2 commenti su “Pagamenti Pensioni marzo 2024 INPS: date per poste e aumento importi

  1. E’ evidente che possono solo peggiorare la Fornero. Insieme ad altri due Paesi l’Italia è la nazione con l’età pensionabile piu’ alta. È anche il Paese al mondo con la tassazione pensionistica più alta. Complimenti a chi ha elencato le promesse elettorali, di cui nessuna mantenuta. Ormai i programmi elettorali sono spot pubblicitari come si fa coi detersivi. Siamo al capolinea della democrazia rappresentativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su