Pagamento pensioni Gennaio 2022 in posta e banca: anticipo confermato, ma non per tutti

Pagamento Pensioni

Lo stato di emergenza è stato prorogato da Draghi fino al 31 marzo prossimo, e con questo vi sarà l’anticipo del pagamento delle pensioni 2022 anche per il mese di Gennaio (e di febbraio e marzo), come siamo ormai abituati da quando è iniziata la Pandemia. Questa volta però la differenza tra chi ritira la pensione in posta o su conto postale e chi la deve aspettare canalizzata nella propria banca è abissale: se i più fortunati riceveranno l’emolumento in anticipo già il 27 dicembre, per altri toccherà aspettare addirittura il 4 gennaio. Ecco tutte le informazioni utili qui di seguito e il calendario per il ritiro in posta

Calendario Pagamento pensioni Gennaio 2022 in posta: si parte il 27 dicembre?

L’anticipo del pagamento delle pensioni di gennaio 2022 resta un metodo voluto dal Governo e dalla Protezione civile per evitare assembramenti alle poste ed evitare il diffondersi del Coronavirus. Per questo motivo il ritiro in posta della pensione sarà scaglionato in base all’iniziale del Cognome, e anche se non vi è ancora il calendario ufficiale delle Poste Italiane, con ogni probabilità il ritiro avverrà tra il 27 ed il 31 dicembre 2021. Stando alle ultime notizie infatti la divisione sarà la seguente, e per ricevere la pensione ci si dovrà recare in Posta in base al calendario che vi mettiamo qui di seguito:

  • lunedì 27 dicembre: per i cognomi da A a C;
  • martedì 28 dicembre: per i cognomi da D a G;
  • mercoledì 29 dicembre: per i cognomi da H a M;
  • giovedì 30 dicembre: per i cognomi da N a R;
  • venerdì 31 dicembre (solo mattina): per i cognomi da S a Z

Come anticipavamo all’inizio dell’articolo, chi non ritira la pensione in contanti alle poste ma riceve direttamente l’accredito bancario sul proprio conto corrente dovrà aspettare molto di più. La pensione a Gennaio arriverà infatti il secondo giorno bancabile del mese (e non il primo giorno bancabile come negli altri undici mesi), che per gennaio sarà il 4. Il 1 gennaio è infatti festivo, il 2 gennaio è domenica ed il secondo giorno bancabile sarà martedì 4 gennaio 2022.

Pagamento Pensioni gennaio 2022 ultime novità: le info utili

Ricordiamo che la stessa regola riportata sopra vale anche per assegni e indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili dall’INPS, così come delle rendite vitalizie dell’INAIL, qualora riscosse su conto bancario.e che anche per Gennaio dovrebbe esser possibile effettuare la delega per il ritiro in posta ai Carabinieri per tutti gli over 75 che lo richiedono.

Rispondiamo infine a una domanda che ci è giunta riguardante il 730 precompilato dei pensionati. E’ possibile rateizzare l’irpef e a quali condizioni? La possibilità di versare a rate le imposte risultanti dalla dichiarazione dei redditi è prevista per tutti i contribuenti, anche per chi compila il modello 730. Il pagamento può essere dilazionato in un massimo di 6 rate e deve comunque concludersi entro il 30 novembre. Nella compilazione del 730 basterà chiedere il versamento dilazionato del saldo e dell’eventuale acconto. Sul pagamento delle rate successive alla prima sono dovuti interessi che nel 2021 erano pari al 4% annuo. Per i contribuenti non titolari di partita Iva il versamento deve essere effettuato entro il giorno 30 di ogni mese.

14 commenti su “Pagamento pensioni Gennaio 2022 in posta e banca: anticipo confermato, ma non per tutti

    1. Io infatti ero con la banca prima ma ho visto che le davano dopo le pensioni e mi sono tolto dalla banca e sono passato alla posta perché la banca ha me mi fregava ora io con la posta mi trovo bene

  1. Trovo vergognoso che le banche non si siano mai adeguate al sistema di pagamento delle poste.Come trovo inadeguato il fatto che chi versa alle Poste tasse annuali , attraverso un conto corrente ,venga penalizzato rispetto a chi ,ogni mese passa in posta per ritirare la pensione.Meglio non averlo.

  2. Domanda : Chi ha lavorato come professionista a contratti a termine per tutta la vita fino all’età di 67 anni, magari donna e non ha raggiunto i requisiti minimi di 21 anni di contribuzione cosa gli viene riconosciuto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su