Pagamento Pensioni oggi 2 marzo 2020: poste riaperte nelle zone del Coronavirus

Le ultime notizie sulle Pensioni di oggi 2 marzo 2020 riguardano principalmente i pagamenti di questo mese e le riaperture degli uffici postali anche nelle zone più colpite dal Coronavirus. Il pagamento delle pensioni previsto per il 1 marzo cadeva di domenica, ed è quindi slittato ad oggi 2 marzo. Nulla di anomalo quindi, ma ricordiamo che Poste Italiane consiglia di non affollarsi tutti agli uffici nel primo giorno disponibile per il ritiro della Pensioni (ossia oggi 2 marzo), soprattutto nelle zone più a rischio Coronavirus.

Ultime novità Pensioni oggi 2 marzo 2020: aperti gli uffici postali nelle zone a rischio Coronavirus

Poste Italiane ha pubblicato oggi alcune specifiche da seguire per la”zona Rossa” colpita dal Coronavirus e ha ricordato che da oggi 2 marzo le pensioni sono messe in pagamento anche nei 5 Uffici Postali a Codogno, Casalpusterlengo, Castiglione D’Adda, San Fiorano in provincia di Lodi e Vo’ Euganeo in provincia di Padova, che riaprono così al pubblico per la prima volta dopo l’esplosione dell’emergenza dovuta dal Covid19.

Poste Italiane ricorda poi nel suo comunicato ufficiale che “nella medesima zona interessata dalle misure straordinarie in riferimento alla diffusione del COVID19 sono in funzione anche gli ATM Postamat degli Uffici Postali di Codogno, Casalpusterlengo, Castiglione d’Adda e Somaglia. Nella stessa zona è possibile prelevare agli sportelli ATM delle banche senza commissioni“.

Poste poi spiega: “L’Azienda informa inoltre che in tutto il territorio nazionale i titolari di un Conto BancoPosta, di un Libretto di Risparmio o di una Postepay Evolution, possono richiedere gratuitamente l’accredito della pensione. I possessori di carta Postamat, di Carta Libretto e di Postepay Evolution, che hanno già scelto l’accredito della pensione, possono prelevare i contanti negli oltre 7000 Postamat. Infine, qualora si avesse, la necessità di recarsi in uno degli Uffici Postali indicati, vi invitiamo, ad evitare le fasce orarie con maggior afflusso (prime ore del mattino)”.

Riforma Pensioni 2020, ultime oggi dal CNEL: necessario riconoscere lavoro di cura

Intanto per quanto riguarda la Riforma delle Pensioni, arriva un nuovo avvertimento da parte del CNEL (  Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) per quanto riguarda il gender Gap ed il lavoro di cura. In commissione lavoro il presidente Tiziano Treu speiga: ” Il CNEL ritiene che il Paese debba fare un salto culturale per l’affermazione del principio di co-genitorialità e di condivisione delle responsabilità del lavoro di cura in tutte le fasi della vita familiare. Non si tratta di un percorso facile: occorre soprattutto tener conto che il Paese sconta una drammatica disomogeneità sociale, economica e culturale sul territorio“.

Come segnalato sul rapporto sul mercato del lavoro, “la condizione della donna lavoratrice è soprattutto penalizzata dalla difficile conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, che spinge in basso (49,7% dato ISTAT, contro il 60,4% Ue) la quota dell’occupazione femminile fra i 15 e i 64 anni e che induce il 27% delle donne madri ad abbandonare la propria occupazione alla nascita del figlio, una quota enorme se confrontata a quella maschile (lo 0,5%). Secondo gli ultimi dati Istat c’è un differenziale nel tasso di attività pari a +19,2% a favore degli uomini rispetto alle donne e un differenziale nel tasso di occupazione pari a +18,6% a favore degli uomini. Il divario di genere in termini di lavoro non retribuito nel quale le donne spendono in media 4 ore e 15 minuti al giorno, contro 2 ore e 16 minuti degli uomini”.

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

One thought on “Pagamento Pensioni oggi 2 marzo 2020: poste riaperte nelle zone del Coronavirus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *