Pensione anticipata 2018, ultimissime news oggi 6/4: scontro Damiano vs Salvini

Continua anche oggi 6 aprile 2018 il dibattito politico sulle promesse elettorali relative alle pensioni anticipate. In questi giorni di consultazioni per riuscire a formare il nuovo Governo, Salvini è intervenuto nuovamente per ribadire la volontà di una riforma pensionistica e lo ha fatto dopo aver incontrato il capo dello stato al Quirinale. Prontamente è arrivata la risposta di Damiano che ha risposto alle parole del leader della Lega. Vediamo nel dettaglio le dichiarazioni.

Ultimissime Pensioni 2018 ad oggi 6 aprile: Salvini vuole la riforma

“Più che i posti o i ruoli ci interessano i progetti e i programmi: riforma delle pensioni, del lavoro, fiscale, il tema dell’autonomia e le riforme istituzionali saranno centrali”. Queste le parole di Salvini dopo l’incontro per le consultazioni al Quirinale. Il leader del carroccio ha poi proseguito: “Con il capo dello Stato c’è stato un incontro assolutamente positivo, abbiamo espresso una linea costruttiva mentre molti sono venuti qua a dire dei no, noi abbiamo offerto dei sì”.

Per Salvini quindi la riforma delle Pensioni resta centrale a un punto fermo del prossimo Governo, anche se resta ancora difficile capire come reperire le risorse e le coperture necessarie per abolire la Legge Fornero. Cesare Damiano ha sollevato alcuni quesiti, rispondendo a queste dichiarazioni.

Pensione anticipata 2018 ultime notizie oggi: Damiano risponde a Salvini

Nella giornata di oggi l’ex presidente della Commissione lavoro alla Camera ha detto in una nota stampa: “Ci fa piacere che Matteo Salvini, nel corso delle consultazioni al Quirinale, abbia ricordato a Mattarella che ‘piu’ che posti e ruoli ci interessano i programmi su temi come la riforma delle pensioni, il lavoro e la riforma fiscale’. Per questo, dopo le promesse elettorali, vorremmo sapere rapidamente quali sono le proposte sulle quali, chi aspira a governare il Paese, intende confrontarsi”.

Cesare Damiano infine spiega il punto di vista del PD per quello che riguarda la riforma delle pensioni: “Infine, come Pd, non possiamo ignorare il problema delle pensioni. Sarà impossibile, per il Movimento 5 Stelle e per la Lega, ‘cancellare’ la legge Fornero, ma alcune correzioni andranno fatte con urgenza per eliminare le maggiori ingiustizie presenti nell’attuale sistema”.

Nei giorni scorsi anche Graziano Delrio in una intervista al Corriere aveva ribadito questo concetto, spiegando che “Se vogliono cancellare la legge Fornero io dico che è pericoloso, perché minando il sistema rischiamo di non pagare più le pensioni”. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti e se volete restare aggiornati seguiteci sulla nostra pagina facebook!

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

11 pensieri riguardo “Pensione anticipata 2018, ultimissime news oggi 6/4: scontro Damiano vs Salvini

  • Avatar
    4 Maggio 2018 in 9:52
    Permalink

    la proposta di lega e cioè pensione a QUOTA 100 ( vedi osservazioni di brambilla ) è una presa in giro. Chi infatti ha versato 40 anni di contributi e ha 60 anni ed avrebbe reggiunto quota 100 deve continuare a lavorare fino a 64/65 anni visto che brambilla non permetterebbe uscite prima di quella data. Addirittura peggiorativa rispetto alla legge fornero !

    Rispondi
  • Avatar
    13 Aprile 2018 in 9:13
    Permalink

    secondo me occorre anche rivedere il calcolo contributivo , il quale è abbastanza penalizzante essendo legato all’aspettativa di vita, esempio :due lavoratori che hanno lavorato e contribuito in maniera identica ma hanno un’età diversa , il lavoratore di età maggiore avrà un assegno pensionistico maggiore del suo collega più giovane, e questo non è giusto, il coeff. di trasf, deve essere legato agli anni di lavoro e non all’età

    Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 21:05
    Permalink

    Basta con le minacce …la legge Fornero va abolita e riscritta….una riforma che tiene conto di tanti fattori. Innanzi tutto va tolto subito il capestro delle aspettative di vita, e’ la piu’ grande bufala….che potevano inventarsi. si sta giocando con la vita delle persone …quota 100 o 41 di contributi e’ la soglia per andare in pensione e lascerei libero chi vuole continuare a lavorare, ma non darei nessun beneficio pensionistico in piu’. I soldi che sono stati versati da noi lavoratori per poter andare in pensione quando siamo ancora vivi deve saltare fuori da qualche taglio radicale sulle spese pubbliche ed i previlegi . Basta storie per non togliere i diritti acquisiti…anche i ns di andare a 60 anni in pensione sono diritti.

    Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 16:57
    Permalink

    avrei bisogno di una informazione:il patronato potra inoltrare la mia richiesta con il mio spid o dovro io completare l’iter dell’ape ?

    Rispondi
    • Avatar
      4 Maggio 2018 in 9:53
      Permalink

      quota 100 è una bufala visto che viene richiesta un’età minima di 64 o 65 anni per uscire.

      Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 15:06
    Permalink

    abolire subito la legge fornero………………………………………………gente come me 65 anni e 42 anni non possono andare in pensione…….nel frattempo con prodi avete regalato le pensione sociale agli over 65 extracomunitari….vergognatevi……………..

    Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 12:43
    Permalink

    Prima di derubare i nostri diritti abassatevi le vostre pensioni e abite gli ingiusti vitalizi. Basta ingiustizie, mi sembra che le elezioni abbiano dato delle indicazioni precise!

    Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 10:18
    Permalink

    Possibile che solo i lavoratori debbano sostenere l’economia di questo paese? si diano una mossa e facciano sacrifici anche loro, si tolgano i loro aurei benefici e racimoliamo un bel po di soldi e poi gli sprechi, facciano attenzione ad altro.

    Rispondi
  • Avatar
    7 Aprile 2018 in 23:29
    Permalink

    Buona sera, sono disperato, ho 53 anni di eta, sono disoccupato da 12 mesi, ho 32 anni di contributi inps, sono invalido civile al 70 %, non riesco piu’ a trovare un lavoro, anche per il mio stato di salute, sono cardiopatico con due infarti al mio cardio, e piu’ sono diabetico.
    cortesemente vorrei una risposta di aiuto per capire se ho una possibilita’ per andare in pensione. Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    6 Aprile 2018 in 19:20
    Permalink

    Dopo 35 di duro lavoro e aver perso il lavoro per fallimento nel 2016 a giugno ditemi a che santo dobbiamo rivolgerci dato che a i politici interessa solo il debito lasciando i lavoratori nei casini a proposito ho 60 anni

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *