Pensione anticipata 2018 ultimissime su quota 100, esodati e previdenza

Sono diverse le novità sulle pensioni di oggi 28 luglio 2018 a partire dal nuovo post pubblicato da Orietta Armiliato nel gruppo Comitato Opzione Donna Social per parlare della mancata separazione tra assistenza e previdenza. Ma non solo, arrivano notizie anche per gli esodati e una nuova critica al Governo mossa da Carlo Cottarelli in un recente articolo per Business Insider trader.

Pensioni 2018 ultime notizie dal CODS su assistenza e previdenza

Ecco il lungo post di Orietta Armiliato si legge: “L’ annoso tema della separazione dell’Assistenza dalla Previdenza viene invocato un un po’ da tutti, dalla politica ai Sindacati ai lavoratori e la cosa va avanti da talmente tanti anni da perdere memoria della data nella quale per la prima volta questa stortura fu sottoposta ad attenzione ma, nella scorsa Legge di Bilancio, ottenne finalmente il suo momento e fu inserito un capitolo dedicato che di seguito riporto:

È istituita un’apposita commissione istituzionale per una corretta comparazione della spesa previdenziale ed assistenziale a livello internazionale che dovrà concludere i propri lavori entro il 30 settembre 2018, nella commissione saranno presenti anche esperti nominati dalle parti sociali. Il Governo, entro 10 giorni dalla chiusura dei lavori, dovrà relazionare al parlamento sugli esiti dello studio”.

Orietta Armiliato poi prosegue “Dunque oggi, ci si domanda se sono state poste le basi per arrivare preparati alla deadline imposta, ricordando che, tutto ciò, è contenuto nella Ldb2018 e, quindi, non impatta sulla mutata condizione del Governo a seguito della fine della XVII Legislatura; così come ci si domanda se sono già stati avviati i lavori riportati nell’altro capitolo anch’esso incluso nella LdB di cui sopra ovvero: ‘Commissione tecnica di studio sulla gravosità delle occupazioni‘.

Non credo serva sottolineare che questi studi, analisi e confronti sono funzionali alla preparazione della prossima legge di bilancio e che, da detti studi e confronti, potrebbero generarsi suggerimenti normativi di particolare influenza sul tema pensionistico. Chiedo cortesemente a Roberto GhiselliDomenico Proietti e a Ignazio Ganga, se ci possono aggiornare in merito allo stato dell’arte di codesti lavori”.

Pensioni anticipate ultimissime su esodati

Si continua a lottare anche sul fronte della nona salvaguardia per gli esodati. Durante la trasmissione  Legge o Giustizia su Radio Cusano Campus Paolo Papa ha raccontato degli incontri avuti con diversi esponenti politici, tra cui il presidente della Camera Roberto Fico del Movimento 5 stelle. A quanto si evince c’è un problema di difficile soluzione per le forze politiche, anche per chi è disponibile a portare avanti la causa degli esodati.

Il problema è quello segnalato da Luigi Metassi del Comitato Esodati Licenziati e Cesssati in un post sul suo blog il volo della fenice: “Alla guida dei ministeri chiave, quelli ai quali l’articolo 81 della Costituzione affida l’ultima parola in tema di vincoli di spesa, non c’è alcuna disponibilità a derogare dalle politiche “lacrime e sangue” che tanto hanno già inciso sulla qualità della vita del Paese. Nel caso e ammesso che il passaggio di fine anno non preluda a rese dei conti nel senso più popolare del termine, ci sarebbe semmai da domandarsi quale potrebbe essere l’eventuale contropartita”.

Ultime su Pensioni anticipate 2018: Cottarelli contro il Governo

Carlo Cottarelli è tornato a parlare di Pensioni con un articolo su Business Insider trader. Il Direttore dell’Osservatorio Conti pubblici Università Cattolica di Milano ed ex Presidente del Fondo monetario internazionale risponde nell’articolo ad un precedente intervento di Gianfranco Polillo: “Un aumento del deficit porterebbe a una riduzione del rapporto tra debito pubblico e Pil (e magari anche a risorse per finanziare flat tax, reddito di cittadinanza e controriforma delle pensioni). La strategia dell’esecutivo non piace a Cottarelli, voi cosa ne pensate invece? Fatecelo sapere qui sotto!

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

13 pensieri riguardo “Pensione anticipata 2018 ultimissime su quota 100, esodati e previdenza

  • Avatar
    1 Agosto 2018 in 21:22
    Permalink

    Risalve. Vorrei fare solo un’osservazione a Massimo, Alberto e Salvatore.
    Ma ancora parlate di ritornare a nuove elezioni per rifare un governo con persone capaci? CHI? Renzi, Berlusconi, PD Forza Italia, Leu, FdI?

    Ma di cosa stiamo parlando? Sono tutti lì a spartissi le poltrone . Votiamo quelli ceha per quasi dieci anni hanno bloccato i contratti di lavoro e adeguamenti stipendiali mentre tutta l’Europa è andata avanti regolarmente? o quelli che si compranno 300 milionio di aereo di Stato e vogliono pure la vasca idromassaggio dentro mandando i nostri figli con la Jobs Act ( parolona all’inglese così fa più effetto) a elemosinare per un posto di lavoro a tempo? Ancora volete mettere crocette nella scheda elettorale per sperare l’ennessima presa in giro del politico di turno che vi promette una cosa e poi pensa solo alla sua tasca? si perchè nel frattempo in questio 10 anni loro li hanno comunque adeguati i loro stipendi. per quel che mi riguarda se entro la fine di quest’anno Lega-M5S non fanno quanto promesso almeno per le pensioni quota 100 senza paletti e flat tax onesta cioè chi ha redditi medio bassi entro i 50.000 Euro non si ritrovi a pagare di più altrimenti è tutta na truffa , le prossime tornate elettorali è da matti continuare a votare. Ormai fanno bene i nostri figli ad andarsene all’estero. Infatti all’estero vanno via i ragazzi che hanno voglia di fare e riescono ovunque. Qui rimangono solo i raccomandati ed i figli dei politici o i fannulloni ( che poi sono quelli di prima) che già hanno assicurata una poltrona. Ecco perchè hanno bisogno di tanti migranti che poveretti costretti a fuggire servono a rimpolpare le file del nostro paese per garantirsi loro tutti i privilegi che ancora mantengono. Continuare a votare? Per CHI?

    Rispondi
  • Avatar
    30 Luglio 2018 in 9:41
    Permalink

    Mi sembra che Matteo Salvini oramai si sia dedicato a tempo pieno sui migranti e non intende altro. La conferma a quando anzi detto viene anche dalle nomine ultime (RAI, CDP, etc.) dove l’ha spuntata DI MAIO checchè se ne dica. Ricordo non soltanto la campagna elettorale., ma dal 1° gennaio 2012 Matteo Salvini ha sempre sbraitato che il suo primo provvedimento, una volta al governo, sarebbe stato quello dell’abolizione della legge c.d. Fornero. Devo constatare con rammarico che Matteo Salvini non si differisce dagli altri politici che lo hanno preceduto (tanto fumo e niente arrosto), di questo ne dovrà certamente dare conto alle elezioni, che a mio parere non sono molto lontane, devo dire che avevo posto tanta fiducia nel politico Salvini, oggi mi sono ricreduto e sinceramente non vedo questo grossa percentuale di voti che dicono i sondaggi, in quanto più si va avanti con questo governo più si abbassa la fiducia in Matteo Salvini, almeno che non succeda un miracolo, ma qui ora siamo in altri campi che non sono quelli politici. Sfiduciato e ricreduto auguro a Salvini buona politica ma senza il mio voto.

    Rispondi
  • Avatar
    29 Luglio 2018 in 18:33
    Permalink

    ALBERTO CONCORDO IN PIENO CON QUANTO DICI. VORREI SOLAMENTE AGGIUNGERE QUATTRO CONSIDERAZIONI IN RIFERIMENTO AL TUO INTERVENTO.
    LA PRIMA E’ CHE SEMBRA ORMAI CERTA LA PRESA PER I FONDELLI CHE TUTTI NOI SUBIREMO QUANDO IN AUTUNNO VERRA’ PRESENTATA NELLA LEGGE DI BILANCIO LA PROPOSTA DI RIFORMA DELLE PENSIONI.
    LA SECONDA E’ CHE TUTTI COLORO CON CUI DISCUTO DI RIFORMA DI PENSIONI E CHE COME ME HANNO DATO FIDUCIA A QUESTO ESECUTIVO, SONO PROFONDAMENTE DELUSI DAL NON RISPETTO DI QUANTO DETTO IN CAMPAGNA ELETTORALE, E ANDANDO A NUOVE ELEZIONI MAI E POI MAI RIDAREBBERO LA LORO FIDUCIA COL PROPRIO VOTO A QUESTO GOVERNO.
    LA TERZA RIGUARDA L’AFFERMAZIONE DELL’ITALIANO PECORONE CAPACE DI REAGIRE E SOPRATTUTTO DI AGIRE . HAI PERFATTAMENTE RAGIONE ANCHE SE IO PRIMA CHE ITALIANO MI SENTO SARDO.
    LA QUARTA E’ UN AUSPICIO CHE IN AUTUNNO IL GOVERNO CON TUTTE LE SUE CONTRADDIZIONI NON ABBIA PIU’ LA MAGGIORANZA PER GOVERNARE APRENDO DUNQUE UNA CRISI CHE CI PORTI A NUOVE ELEZIONI, CON LA SPERANZA CHE IL FUTURO GOVERNO, SIA COMPOSTO DA PERSONE CAPACI E CHE ABBIANO ALMENO UNA QUALITA’ CHE IO RITENGO FONDAMENTALE. MANTENERE LA PAROLA DATA.

    Rispondi
  • Avatar
    29 Luglio 2018 in 15:49
    Permalink

    Confermo quanto esposto da Massimo e Silvano, il sorridente brambilla , che ha parlato IN NOME E PER CONTO DELLA LEGA , stesso savor faire della fornero anche se molto più zotico , NON HA alcuna intenzione di abolire la legge fornero.
    La lega quindi conferma che quota 100 si farà con 64 ANNI MINIMO di età.
    I paletti li infileranno a noi quindi…
    La lega inoltre conferma che quota 41 sarà invece 41,5, o 42 a partire dal 2020.
    Secondo paletto….
    La lega inoltre dichiara che quanto espresso in campagna elettorale è stato fraintesto, sarebbe cioè impossibile cancellare la legge fornero e quindi se ne deduce che milioni di persone ( NOI ) sono dei poveri cerebrolesi, incapaci di percepire le sfumature del linguaggio elettorale … strano però , tutti indistintamente hanno inteso che si parlava di CANCELLAZIONE DI UNA LEGGE, di applicazione di quota 100 senza vincoli e quota 41.
    Queste affermazioni sono state rese pubblicamente da un esponente della lega durante la trasmissione televisiva serale di rete 4 del 28.07.2018 e non lasciato adito a supposizioni o differenti interpretazioni.
    Quindi FINALMENTE E’ CHIARO A TUTTI che abbiamo 2 nuovi poltronari, mentitori, bugiardi e infami, , perfino peggio dei peggiori governi che li hanno preceduti, incapaci di promuovere un vero rinnovamento e che costringeranno i giovani a mendicare qualche lavoretto e gli anziani a lavorare fino alla morte.
    Lega in primis e 5S siete destinati a sparire dalla faccia della terra, da oggi inizierà la NOSTRA contro campagna elettorale su tutti i media.
    Lega e 5S avete solo la fortuna che gli italiani sono un popolo di pecoroni incapaci di reagire….

    Rispondi
  • Avatar
    29 Luglio 2018 in 14:54
    Permalink

    Il nuovo esecutivo in fatto di pensioni dovrebbe ammettere che ha tappato ,vuole fare una legge quota 100/41 peggiorativa rispetto alla Fornero,che lasci le pensioni così come sono o a limite metta delle finestre di uscita per alcuni lavori ma NON FACCIA NESSUN RICALCOLO CONTRIBUTIVO DELLA QUOTA B o contributi di solidarietà se lo farete sarete degli infami altro che Fornero
    Occupatevi di come far crescere il paese NON CREATE ALTRO DEBITO SOLO PER ONORARE A UNA PROMESSA FOLLE , se toccate un solo euro a persona che hanno versato per 43anni NON AVRETE PIÙ FUTURO VEDRETE I RISULTATI DELLE PROSSIME ELEZIONI

    Rispondi
  • Avatar
    29 Luglio 2018 in 9:40
    Permalink

    PROPONGO ALCUNI INDOVINELLI PER TUTTI I LAVORATORI CHE SEGUONO CON INTERESSE L’EVOLVERSI DEL TEMA PENSIONISTICO:
    SAPETE CHI ERA PRESENTE COME ESPERTO PENSIONISTICO ALLA TRASMISSIONE DI STASERA ITALIA SU RETE 4 NELLA PUNTATA DI SABATO 28 LUGLIO 2018?
    RISPOSTA: ALBERTO BRAMBILLA
    SAPETE COSA HA DETTO IN MERITO ALL’ABOLIZIONE DELLA LEGGE FORNERO?
    RISPOSTA: LA LEGGE FORNERO NON VERRA’ ABOLITA.
    INCREDIBILE, PERSINO IL GIORNALISTA CONDUTTORE E’ RIMASTO STUPITO DALL’AFFERMAZIONE.
    CONTINUO A CHEDERMI COSA INTENDEVA DIRE SALVINI IN CAMPAGNA ELETTORALE QUANDO DICEVA CHE IL PRIMO PROVVEDIMENTO CHE AVREBBE PRESO IL NUOVO GOVERNO SAREBBE STATO LA CANCELLAZIONE DELLA LEGGE FORNERO. VORREI CAPIRE DUNQUE SE BRAMBILLA PARLA A TITOLO PERSONALE O SE CIO’ CHE DICE E’ IL PENSIERO DELLA LEGA IN TEMA PENSIONISTICO. AD OGGI NON MI RISULTA SIA STATO SMENTITO DA SALVINI IL CHE’ LA DICE LUNGA SU QUANTO BOLLE IN PENTOLA. VEDREMO IN AUTUNNO CON LA LEGGE DI BILANCIO SE PROPORRANNO LA PROPOSTA DI BRAMBILLA O LA PROPOSTA DI CANCELLAZIONE DELLA LEGGE FORNERO COSI’ COME PROMESSO IN CAMPAGNA ELETTORALE.

    Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2018 in 22:08
    Permalink

    Ormai è un dato di fatto. tutti prima delle elezioni raccontano frottole. Quota 100 ( chi ha fatto 40 anni di lavoro con 60 anni è di diritto che deve godersi gli ultimi 15-20 anni di vita in santa pace) era una promessa per abolire la mannaia Fornero che colpiva ovviamente i cittadini che pagano sempre. Io credevo che il M5S dimostrasse coerenza. in questi ultimi 10 anni hanno illuso milioni di italiani che speravano nel vero cambiamento, Così come Salvini che ribadiva in campagna elettorale che chi avesse lavorato 40 anni aveva il diritto di andare in pensione ) ora spuntano i paletti dell’età 64-36 così chi ha 40 di contributi a 60 anni deve stare ancora altri 4 anni almeno). Sembrava troppo facile che questi intenti si unissero e incontrassero il giusto favore. Ma la realtà è che in Italia pagano soli i cittadini ed i privilegi non si toccano. per questo l’utima spiaggia politica sta naufragando miseramente. E i nostri figli continueranno ad andare via all’estero. Spero che si ravvedano e mantengano la parola data agli elettori perchè dopo come elettorato ci sarà il nulla.

    Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2018 in 19:07
    Permalink

    Attendiamo quota 100 come da contratto 5 stelle e lega, abbiamo molto bisogno.

    Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2018 in 17:14
    Permalink

    Silvano hai proprio ragione.
    Ma finché c’è vita c’è speranza !
    Ci pensa il grande esperto Brambilla !

    Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2018 in 16:27
    Permalink

    Mah….c’è poco da commentare !! Abbiamo visto crescere questi due movimenti, sembravano composti da valide persone, hanno predicato il cambiamento..!! Hanno promesso di tramutare l’acqua in vino e i sassi in pesci, demonizzando tutto ciò che prima era stato fatto.
    Poi vanno al potere e ti accorgi che hanno scherzato, anzi scopri che le loro intenzioni sono nefaste, ancora più nefaste della Fornero.
    Ma soprattutto ti guardi indietro e pensandoci bene scopri che quelli di prima qualcosina di buono hanno fatto, vedi l’ape social, vedi l’ape volontario, vedi il reddito d’inclusione. Certo poco ma pur sempre qualcosa, qualcosa che questi vorrebbero eliminare e sostituire con altre cose che ad essere buoni definirei demenziali….!!!! Mah…c’è proprio poco da commentare….

    Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2018 in 16:06
    Permalink

    Quota 100 esiste gia’, vari ordine dei professionisti,
    età minima 62 anni ,
    anni di contributi minimo 35,
    anni figurativi 2/3 anni.

    Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2018 in 14:39
    Permalink

    Se non metteranno quota 100 in questa legge di bilancio, si sgonfieranno come un pallone…….

    Rispondi
  • Avatar
    28 Luglio 2018 in 12:34
    Permalink

    mi piacerebbe sapere per quale motivo si potrebbe andare in pensione con la famosa quota 100 eta’minima 64 anni e 36 anni di contributi mentre io devo proseguire a lavorare che ho 42 anni di contributi e 60 anni di età.

    grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *