Pensione anticiapta 2019 ultime notizie

Pensione anticipata 2019 e quota 100 ultime notizie: Proietti intervistato da Damiano

Nell’articolo di oggi 8 novembre sulle ultime notizie relative alla Pensione anticipata 2019 e all’uscita dal mondo del lavoro tramite quota 100 vogliamo portare alla vostra attenzione un interessante incontro tra Cesare Damiano e il segretario confederale della UIL Domenico Proietti che hanno parlato di pensioni a 360 gradi  nella sesta puntata de “L’Approfondimento”, programma condotto da Damiano su Retesole che ha visto ospite proprio il Segretario Proietti.

Ultime notizie Pensione anticipata 2019 e quota 100, le parole di Proietti

Nella prima parte della puntata (che troverete in video a fine articolo) , Domenico Proietti è stato subito chiaro su quali sono le cose importanti per la UIL: “Il punto importante per noi è la riforma della previdenza, un’intervento che continui a cambiare la riforma Fornero, come abbiamo già fatto negli ultimi due anni”. Poi prosegue ribadendo ancora una volta l’importanza del Confronto tra Governo e Sindacati:

“Sulla Legge di bilancio non c’è stato nessun confronto, ufficiale o semiufficiale. Noi diciamo al Governo, attenzione, tutte le volte che si sono chiamate le parti sociali, gli imprenditori, i sindacati a discutere sulle soluzioni da dare ai problemi del paese si sono sempre fatte buone cose. Quando hanno voluto fare da sè, molto spesso si sono fatti dei pasticci, vediamo la Legge Fornero. Pensiamo di poter contribuire positivamente a individuare delle soluzioni sul tema fiscale, sulla previdenza e sullo sviluppo.

Pensione anticipata ultime oggi da Damiano e Proietti su quota 100, 41, risorse e opzione donna

Entrando nel merito della questione, Damiano chiede a Proietti a che punto sia la previdenza: tra aspettativa di vita, 41 anni per i precoci, quota 100, opzione donna. Il dubbio dell’ex Ministro del lavoro è che i 6,7 miliardi di euro stanziati possano bastare soltanto per un’operazione e non per tutto quanto è stato promesso. Proietti prova a rispondere a questo quesito: “In europa si va mediamente in pensione a 63 anni, noi andiamo a 67, quindi si possono fare molte cose. Ci sono le risorse per fare alcune cose, intanto bisogna continuare a cambiar la Fornero nella direzione intrapresa negli ultimi due anni. Non dimentichiamo che abbiamo introdotto la flessibilità per 16 categorie di lavoratori gravosi, e per loro valgono i 41 anni di contributi, fatto il cumulo gratuito, la 14esima fino a mille euro che lei Damiano iniziò nel 2007″.

“Oggi che cosa diciamo? Il Governo dice quota 100 all’inizio con 64, poi hanno capito che si peggiorava l’APE Sociale e han iniziato  a dire 62 anni e 38 di contributi. Questo è un intervento importante che risolve i problemi del Nord e dei lavoratori del pubblico, ma risolve meno i problemi dei lavoratori al centro-sud e non risolve affatto i problemi delle donne che per maternità e lavori di cura hanno  carriere contributive meno sostanziiose. Allora noi diciamo quota 100 va bene, ma bisogna affiancare a quota 100 un’intervento che valorizzi il lavoro di cura delle donne, che proroghi opzione donna che stabilisca che 41 anni di contribuzione bastino per andare in pensione e che si affronti oggi il problema delle pensioni per i giovani.

Ultime novità Pensione anticipata 2019, Damiano: ‘I soldi basteranno per tutti i provvedimenti?’

Damiano chiede ancora poi: Le risorse ci sono o non ci sono? Da un’analisi della legge di bilancio mi pare di no. Proietti: “Io penso che il sindacato non debba esser il guardiano dei conti pubblici, abbiamo l’impressione che qualcosa non funzioni nel modo di contare la finanza pubblica in Italia e in Europa. Noi abbiamo fatto un conto, tra le risorse risparmiate nelle salvaguardie, con opzione donna e con altri fondi erano quasi 4 milardi e mezzo, che sono finiti all’Economia e che possono invece esser mantenuti dentro il sistema previdenziale.

Di Seguito vi lasciamo il video integrale della puntata in onda su Retesole, e vi invitiamo a vederlo dato l’alto livello di competenza dei due interlocutori sulla materia previdenziale e vi ricordiamo di tornare a trovarci quando volete per tutte le ultime notizie sulle Pensioni qui su Pensionipertutti!

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

2 commenti su “Pensione anticipata 2019 e quota 100 ultime notizie: Proietti intervistato da Damiano

    Francesco

    (8 novembre 2018 - 19:09)

    Volete darci un aiuto? ANDATATE TUTTI A CASA !!!! eravamo messi male ma con voi stiamo peggiorando !!!!! Non toccate più nulla!!!!

    ALESSANDRO

    (8 novembre 2018 - 11:16)

    Ormai sono anni che si parla di separazione tra Previdenza e Assistenza ma nei fatti, i sindacati non hanno fatto nulla, come è capitato in occasione dell’emanazione della famigerata fornero. La critica in italia è uno sport nazionale, mentre la sostanza non c’è. Ora pretendono di mettere mano in quello che potrebbe essere una svolta per tutti i “FORNERIZZATI” che continuano ad attendere un briciolo di equità, essendo costretti a pagare per colpe degli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *