Pensioni 2018/19, il punto ad oggi 21/8 su esodati, Quota 41/100 e opzione donna

Continua a far discutere la futura riforma delle pensioni anche oggi 21 agosto 2018, la legge di bilancio 2019 si avvicina ed in tanti inizino davvero a chiedersi quanto delle parole pronunciate in campagna elettorale e in piazza dai due leader del M5S e della Lega dopo la formazione del Governo, si tramuterà in fatti concreti per i pensionandi.  Che da tempo sono in attesa, e molti per questa ragione hanno votato per il cambiamento, di una controriforma Fornero che permetta loro di uscire anticipatamente dal lavoro e dalla rigidità dell’attuale sistema previdenziale.

Le ultime considerazioni oggettive provengono dagli amministratori Elide Alboni, del Comitato Esodati licenziati e cessati,  e da Orietta Armiliato, Comitato Opzione Donna social, a seguito di un lungo post fatto da Mauro D’Achille, amministratore del gruppo Lavoro e Pensioni: problemi e soluzioni, e da loro condiviso ed approvato,  in cui si evidenzia il detto ma il non fatto dall’attuale Governo. Il punto su esodati, pensione anticipata con quota 100, che a suo dire, dato i paletti sarà un flop, e la scomparsa della quota 41, e donne.

Riforma pensioni 2018, la sintesi su quanto fatto ad oggi dal Governo

Le parole di D’Achille:Cari amici, dopo questa pausa che avrebbe voluto essere ferragostana ma che invece è diventata luttuosa per i noti fatti di Genova, torno a fare una breve considerazione su quello che è lo stato attuale delle cose e, basandomi su queste, una previsione su quelle future.

  1. Nessuna novità da parte del ministero del lavoro, con Di Maio che in questi giorni si è sostituito al ministro delle infrastrutture, On. Toninelli.
  2. Salvini tra una cena e una nave della nostra Marina militare da respingere, tra un selfie in chiesa durante i funerali delle vittime di Genova e un tweet su come non tutto andasse male essendo riuscito a respingere Aquarios, ha detto anche che quello di smontare la Fornero è un “sacro” impegno che ha preso e lo manterrà.
  3. Nel frattempo sono state depositate due proposte di legge, una dai due capigruppo di movimento e lega, ed un’altra dalla Lega da sola: entrambe sono finalizzate non a migliorare la Fornero ma a diminuire l’importo delle pensioni già in essere, per poter così portare le pensioni più basse a 780€.
  4. Peccato per loro che i pensionati quella pensione non l’hanno rubata, quale che sia l’importo, visto che fu calcolato a norma di legge vigente al momento.
  5. Dal radar è scomparsa quota 41, forse e chissà quando, diverrà quota 42 e quindi con uno sconto risibile (tre soli mesi) per le donne, come al solito penalizzate oltre misura invece che premiate come erano con ape social.
  6. la famosa quota cento è talmente cosparsa di paletti che, probabilmente, sarà un flop viste le penalizzazioni”

Pensioni 2018, per il welfare solo briciole

Poi D’Achille procede nella sua lucida analisi aggiungendo dettagli relativi alla problematica delle risorse che sono ovviamente legate alla possibilità di fare eventuali riforma in campo pensionistico come in altri settori: “A queste considerazioni se ne può tranquillamente aggiungere un’altra: i fondi per qualunque provvedimento di modifica della Fornero dovranno essere non in quota Inps bensì, essendo welfare, a carico della fiscalità generale. Finora gli ultimi due governi hanno beneficiato del quantitative easing per l’acquisto dei titoli di stato da parte della BCE, con lo spread assestato stabilmente a 100 e quindi un costo per il rifinanziamento relativamente basso.

Con il prossimo anno la legge finanziaria dovrà tener conto che i titoli di Stato avranno un peggioramento di tale costo dovuto alla maggiorazione dello spread, causato dalla sfiducia dei mercati nei confronti del nostro Governo (questa non è una mia ipotesi ma un dato reale), quindi i miliardi a disposizione del bilancio diminuiranno non poco: dando per assodato che il costo di tutto l’apparato statale difficilmente sarà inferiore, anzi, visti i rinnovi contrattuali del pubblico impiego che erano congelati da nove anni, sarà sicuramente maggiore degli scorsi anni, se ne deduce che per il welfare resteranno poche briciole. Spero di essere pessimista, oggi, e che mi stia sbagliando. Ma motivi di essere ottimista, oggi proprio non ne vedo.”

A queste considerazioni hanno fatto eco quelle di Elide Alboni e Orietta Armiliato che vi riproponiamo, data l’importanza delle richieste a cui ambiscono le due amministratrici nei rispettivi  comitati, la prima si batte da tempo per una nona e definitiva salvaguardia degli esodati rimasti esclusi dalle precedenti salvaguardie, la seconda punta al riconoscimento del lavoro di cura per le donne, che troppo spesso per aiutare le proprie famiglie e sostituirsi ad un welfare poco presente hanno accumulato buchi contributivi e avendo carriere discontinue faticano ad accedere alla pensione.

Pensioni 2018: a che punto la nona salvaguardia ?

Alboni riproponendo il post di Mauro d’Achille scrive: “Sintesi tutta da leggere perché comprende totalmente la situazione previdenziale ed economica ad oggi 20 agosto . “Per quello che riguarda il nostro specifico tema della nona salvaguardia , sapete che tanto sta “cuocendo” per settembre ( i tanti incontri istituzionali tutti rassicuranti ma poi le decisioni messe in standby causa il protrarsi del decreto dignità, l’ approvazione del sindacato a non continuare con il leitmotiv di amalgamare la nona salvaguardia per gli esodati rimasti esclusi in legge di bilancio ma di perseguire un decreto ministeriale il prima possibile , ecc) ci vede già pronti a riprendere le note azioni di sensibilizzazione perché almeno questo grave vulnus abbia , (almeno lui, viste le risorse già presenti e solo accantonate ) una pronta definizione alla riapertura delle Camere “.

Quando l’incontro con i sindacati?

Così Orietta Armiliato: “Condivido l’ottima ed esaustiva sintesi elaborata dall’amico Mauro D’Achille amministratore del gruppo FB”Lavoro e pensioni: problemi e soluzioni”, che fotografa perfettamente la situazione al momento; aggiungo solo che ad oggi non ci risulta che alcuna risposta sia pervenuta alle organizzazioni sindacali, a seguito della richiesta di incontro dagli stessi inviata lo scorso fine luglio al Ministro del Lavoro Luigi Di Maio.”

Al momento se si escludono le ultime frasi di Salvini in cui ribadisce l’intento di smontare la Fornero pezzo a pezzo, senza però che il Governo abbia ancora specificato chiaramente come, nulla di definitivo è stato detto sulla proroga dell’ opzione donna, misure promessa in campagna elettorale e che molte si aspettano di veder mantenuta, sulla quota 41 senza se e ma, a cui ambiscono precoci ed  quarantunisti , sulla quota 100 , avrà i paletti come scritto ormai in ogni dove ed annunciati da Brambilla, esperto previdenziale della Lega, o resteranno ‘sulle piste da sci’ come detto da Salvini? Si arriverà prima della Ldb alla risoluzione del dramma degli esodati attraverso un decreto ministeriale ? Quel che è certo è che volente o nolente il Governo a breve sarà costretto a scoprire le proprie carte, la Ldb è effettivamente alle porte, solo allora Mauro D’Achille e tanti altri potranno comprendere se saranno stati eccessivamente pessimisti, ce lo auguriamo tutti, specie i pensionandi, o se ci avevano visto lungo.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

6 pensieri riguardo “Pensioni 2018/19, il punto ad oggi 21/8 su esodati, Quota 41/100 e opzione donna

  • Pingback: Pensioni anticipate 2018 ultime da Fornero: 'Quota 100 si può fare, basta trovare 5 mld' | Pensioni per tutti

  • Avatar
    21 Agosto 2018 in 20:46
    Permalink

    Oramai ricominciamo tutti a lavorare perché in pensione non ci mandano, lo si capisce dal fatto molti non partecipano più a questo dibattito. Altri invece si sono a rassegnati al fatto che non cambierà nulla. Non bisogna mollare , dobbiamo rompere a tutti io ogni giorno scrivo lettere a tutti

    Rispondi
  • Avatar
    21 Agosto 2018 in 18:23
    Permalink

    Volete il voto?se storpiate la quota 100 dei 64+36 mettendo altri paletti è sicuro che lo perderete. Vedo che i privilegiati non vogliono rinunciare a niente e se dovessero farlo si rivolgono alla Corte costituzionale non vedo perché dobbiamo rinunciare noi. Si può passare dalle stelle alle stalle in un attimo
    L’odio ed il rancore che mi hanno fatto venire i governi precedenti potrebbero essere dietro l’angolo anche per Voi.

    Rispondi
  • Avatar
    21 Agosto 2018 in 16:42
    Permalink

    Ho capito che qui, come in tutta la stampa SOPRATTUTTO ON LINE e manco a dirlo nei tg di stato e non, si cerca di andare contro questo governo fomentando in ogni maniera il malcontento generale . L’ordine ,del resto, dopo il 4 marzo era quello! A questo governo occorrerebbe un apposito Ufficio stampa dedicato unicamente a smontare le stronzate – per i piu’delicati di stomaco FAKE NEWS-che quotidianamente leggiamo ( mi chiedo da dove attingono la notizie che riportano, forse da qualche talpa nel governo oppure sono segretamente in contatto giornaliero con i 2 Leader? boh…vallo a capire) . Vedo purtroppo che in tanti abboccano, a parte quelli indottrinati dagli ordini di scuderia. BRAVI. Ce la farete prima a poi nell’intento ? Chi lo sa. Perseverare è una buona tattica….Nel frattempo il consenso generale verso i giallo-verdi è un aumento ( ma forse anche questa è una cazzata)😈’ …Che gli italiani si siano rimbecilliti? Mah…..ci sta anche quello. Personalmente , preferisco aspettare gli appuntamenti del prossimo mese e vedere che piatti proporranno per noi poveri commensali i due Chef Salvini – Di Maio

    Rispondi
  • Avatar
    21 Agosto 2018 in 14:37
    Permalink

    QUOTA 100 COME VERRA’ PROPOSTA AL NORD NON VERRA’ ACCETTATA DA NESSUNO , PERCHE’ E’ UNA LEGGE CAPESTRO MOLTO PEGGIO DELL’APE SOCIAL CHE GIA’ ERA UNA STRONZATA ( E’ UN FATTO CHE SIA STATA UN FALLIMENTO ) E VERRANNO DIRATTATI I PROPRIO QUESTI FONDI ,COME VERRANNO ” RIMODULATI ” ( PAROLE DI TRIA ) I FONDI DEL REDDITO DI INCLUSIONE. IN SOSTANZA QUESTO GOVERNO NON FARA’ UN BEL NIENTE E SI FARA’ BELLO CON QUESTE DUE LEGGINE FINANZIATE CON FONDI GIA’ STANZIATE DAI TANTO VITUPERATI GOVERNI PRECEDENTI . BLOCCARE SUBITO I 5 MESI DAL 2019

    Rispondi
  • Avatar
    21 Agosto 2018 in 13:03
    Permalink

    MA SE NE RIPARLIAMO NEL 2019 DELLA QUOTA 41/42 QUELLI COME ME’ CHE L’ANNO PROSSIMO MATURANO 43 ANNI E 3 MESI SONO I PIU’ FESSI ???? VA BENE RIPARLIOMONE TRA UN ANNO , MA INTANTO BLOCCHIAMO I 5 MESI DELL’ASPETTATIVA DI VITA CHE E’ IL MINIMO CHE POSSIATE FARE ,ALTRIMENTI IN MOLTI SAREMO AD AVERE UNA CONTRIBUZIONE DI 15 MESI IN PIU’ DI ALTRA GENTE CHE DAL 2020 POTRANNO USUFRUIRE DELLA ” LEGGE FORNERO SMONTATA” !!!!!!!!!QUESTO VA’ FATTO SUBITO ALTRO CHE LA QUOTA 100 CON ” PALETTI ” ,DI CUI NON USUFRUIRA’ NESSUNO SE NON QUALCHE DISPERATO ALLA CANNA DEL GAS . A SETTEMBRE E’ LA PRIMA COSA SERIA DA FARE. GRAZIE

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *