Pensioni 2018 ultim’ora su prepensionamento: la spesa pensionistica torna a salire

Nella giornata di oggi 21 maggio 2018 sarà ufficializzata con ogni probabilità la formazione del nuovo Governo LegaM5S che ha promesso agli italiani di abolire la legge Fornero sulle pensioni tornando ad un sistema che permetta il prepensionamento con quota 100 o con 41 anni di contributi versati. Ma va segnalata anche un ultim’ora sulle pensioni di oggi che riguarda i costi della spesa pensionistica italiana che sembrano destinati a crescere già dal 2020, anche mantenendo l’attuale riforma Fornero.  Sarà quindi davvero difficile per il Governo in carica abolirla completamente senza dover fare i conti con le coperture necessarie per ora e per il futuro.

Ultim’ora Pensioni 2018: Spesa pensionistica destina a salire nei prossimi anni

Stando alle ultime indiscrezioni il nuovo Governo dovrebbe veder insediarsi a  Palazzo Chigi il docente di Diritto Privato Giuseppe Conte, al ministero dell’Interno Matteo Salvinie al ministero dello Sviluppo economico (o al Lavoro) Luigi Di Maio. Questo l’accordo trovato nella giornata di ieri, come confermato poi da Salvini che in conferenza stampa ha dichiarato: “Stamattina abbiamo chiuso su nome del premier e squadra di governo e speriamo che nessuno metta veti su una scelta che rappresenta la volontà della maggioranza degli italian. Per la presidenza del Consiglio abbiamo un nome equilibrato che soddisfa noi e loro, ora aspettiamo un segnale dal Quirinale”.

Ma il nuovo Governo potrà davvero risolvere il problema delle Pensioni e del prepensionamento abolendo la Legge Fornero? Le notizie che arrivano dall’ approfondimento del Def all’esame delle Camere, su cui ha insistito in audizione anche Bankitalia, non sono delle migliori. L’ ANSA infatti ha riportato che “La spesa pensionistica si è ridotta negli ultimi anni grazie alla riforma Fornero ma a brevissimo, già dal 2020, tornerà a crescere toccando il suo picco nel 2042″.  Nell’approfondimento si può leggere poi che “Oggi il rapporto tra spesa e Pil è di circa il 15% ma, secondo i calcoli del Mef a legislazione vigente, conservando cioè tutti gli effetti della Fornero, arriverà comunque tra poco più di 20 anni a superare il 16% a causa dell’effetto demografico, per poi ridiscendere bruscamente dal 2050”.

Pensioni 2018 ultime novità: Pedretti (CGIL) contro il  Governo Lega-M5S

All’Agenzia di stampa DIRE, il segretario della SPI-CGIL Ivan Pedretti ha parlato a lungo delle pensioni e di come il nuovo Governo vuole superare l’attuale riforma, utilizzando parole pesanti: “Se pensano di cancellare la riforma Fornero e dare una risposta ai giovani  è una cosa fuorviante. Serve un confronto vero e approfondito sulle pensioni a partire dalle giovani generazioni a cui va assicurata una pensione di garanzia. Bisogna, inoltre, riconoscere il lavoro di cura a milioni di donne che non hanno nessun riconoscimento per l’attività dedicata ai lori familiari

Per quanto riguarda l’Ipotesi di passare alla quota 100 per le pensioni, Pedretti spiega che ” Non basta: bisogna intervenire sui coefficienti della legge Fornero per renderla flessibile, bisogna rivedere i meccanismi dell’aspettativa di vita che è diversa a seconda delle condizioni di lavoro e bisogna garantire ai giovani un lavoro bene retribuito”. Insomma, per Pedretti, il Governo giallo-verde E’ fatto di sprovveduti: devono passare dalla campagna elettorale ai fatti concreti”. Voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra e per tutte le notizie dell’ultim’ora sulle pensioni potete seguirci anche su facebook!

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

6 pensieri riguardo “Pensioni 2018 ultim’ora su prepensionamento: la spesa pensionistica torna a salire

  • Avatar
    22 Maggio 2018 in 11:18
    Permalink

    Nessun problema vogliamo giustizia quota 100 x tutti vecchi giovani e Politici anche la politica in pensione a quota 100 vanno in pensione dopo aver versato 40 anni di contributi .

    Rispondi
  • Avatar
    21 Maggio 2018 in 19:30
    Permalink

    IN CAMPAGNA ELETTORALE E’ SEMPRE STATO PARLATO DI QUOTA 100 SENZA LIMITI D’ETA’ , QUINDI DEVE ESSERE APPROVATA TASSATIVAMENTE .

    Rispondi
  • Avatar
    21 Maggio 2018 in 16:10
    Permalink

    Ribadisco fino alla noia per tenere il dibattito sempre vivo e pungente. Proposta in campagna elettorale: quota 100 senza se e senza ma.
    Si sta optando per inserire una eta’ anagrafica minima di anni 64 così come sostenuto da Alberto Brambilla esponente della Lega. Cio’ non e’ stato detto minimamente in campagna elettorale. In casa mia questo trattasi di presa in giro. Invito i futuri pensionandi che arriveranno ad avere 64 anni di eta’ e 41 di contributi a fare il totale. Sbaglio o arriviamo a 105! Dove’ la quota 100?????

    Rispondi
  • Avatar
    21 Maggio 2018 in 13:52
    Permalink

    quota 100 e quota 41, non sono chiare.
    quota 100 da 60 anni e 40 di contributi, quota 41 se hai lavorato un anno prima dei 19 anni, e chi come la sottoscritta ha iniziato 10 mesi prima dei 19 anni, a quanti anni deve andare in pensione e con quanti contributi?
    ovvio questa categoria non rientra ed è penalizzata…al compimento dei 60 anni, sulle spalle mi ritroverò 42 di lavoro e contributi versati.

    Rispondi
  • Avatar
    21 Maggio 2018 in 13:03
    Permalink

    Ivan Pedretti dovrebbe solo tacere in questo momento visto che proprio i sindacati nel momento in cui il governo impose la Fornero tacquero. In altri paesi avrebbero messo a ferro e fuoco il paese. In ogni caso, se verrà varata la riforma e mantenuta la promessa a quota 100 senza paletti e quota 41, si libereranno immediatamente milioni di posti di lavoro che garantiranno un’entrata immediata di altrettante nuove giovani leve.

    Rispondi
  • Avatar
    21 Maggio 2018 in 12:32
    Permalink

    Ma e’ incredibile … fino a qualche mese fa leggevamo che la riforma FORNERO/MONTI avrebbe consentito di risparmiare (fare cassa) – grazie ai contributi previdenziali “versati e da versare” – diverse centinaia di miliardi entro il 2050 !! E adesso leggiamo che con il “leggero lifting” voluto dall’intesa SALVINI-DI MAIO, rischiamo di creare una deflagrazione nucleare in Italia … in Europa … e rischiamo pure di far sciogliere i ghiacciai del polo nord e del polo sud ..!!!
    Fra qualche giorno … ci arriveranno proteste e minaccie anche dai cittadini di Hiroshima e Nagasaki …!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *