Pensioni 2018, ultim’ora su stop adv, quota 41, opzione donna, esodati

Le ultime novità sulle pensioni al 3 luglio 2018 arrivano dal palco di Pontida, al raduno del Carroccio, dove Il vicepremier nonché Ministro dell’Interno ha ribadito l’intenzione di abolire la Fornero, con tempi e modalità che però non hanno convinto i presenti, generando scoramento e preoccupazione per le parole pronunciate, o meglio per quelle non dette.  Che fine hanno fatto le promesse sulla proroga dell’opzione donna, sullo stop dell’aspettativa di vita, sulla quota 41 per tutti e sugli esodati? Salvini menziona solo la quota 100, senza però scendere nel dettaglio. Gino Bartoli del gruppo ’41 per tutti lavoratori uniti’, fa una bella sintesi di quanto udito domenica sulla pagina del gruppo.

Riforma pensioni 2018: la  preoccupazione e lo sconforto dei lavoratori

Gino Bartoli presente in piazza domenica, posta il video, dall’audio buono, in cui si sente Salvini riaffrontare il tema previdenziale, dalle sue parole si evince il chiaro intento di infangare nuovamente la riforma Fornero, ironizzando sui conti pubblici messi in salvo dalla precedente legge e sul fatto che tornino perché la pensione si è spostata sempre più avanti. Così Salvini: “Grazie alla Fornero conti a posto? Allora potevate fare una legge per la quale hai la pensione il giorno che ti mettono sotto terra e erano salvi definitivamente“.  Tripudio di applausi dalla gente in piazza, poi il seguito che poco ha convinto Bartoli: “Non è quello che abbiamo in testa noi, noi intendiamo  cancellare la legge Fornero, smontandola pezzo a pezzo rintroducendo da subito quota 100“, che così commenta critico:

Cosa vi devo dire, oggi a Pontida sono andato con Pierangelo, ad ascoltare Salvini per voi, e un certo scoramento lo ho avuto, ha parlato di #quota100 quest’ anno e di abolizione della #leggefornero piu’ avanti.
 Nessun cenno su #41xtutti, niente su #abolizioneADV, niente su #opzionedonna, sembra che siano in attesa di sapere le #risorse disponibili per quest’ anno”. Poi aggiunge, in un altro post di riflessione, quali dovrebbero essere le priorità del Governo:

Subito quota 41 per tutti, opzione donna, nona salvaguardia esodati

A corredo di un immagine che mostra mani alzate verso la quota 41 scrive, rivolgendosi ai suoi ed in parte al Governo che sta deludendo le aspettative: “Oggi ho la certezza che dobbiamo veramente essere uniti nella lotta alle ingiustizie prodotte dalla vergognosa legge Fornero..Come la fotografia esposta in coda al post, mani alzate di tutti i lavoratori, rivolti verso la meta che riteniamo più equa per andare in pensione, 41 anni per tutti..Un limite di contributi che non è altro che una forma di riconoscenza per quei lavoratori che hanno lavorato per tanti anni, usurati fisicamente e mentalmente, e hanno contribuito alla crescita del paese”.

Poi spiega che la quota 41 ed il fare andare in pensione quanti quel montante lo hanno già sulle spalle, indipendentemente dal fatto che siano lavoratori precoci o meno, permetterebbe alle nuove generazioni di poter fare ingresso nel mercato del lavoro:  “Dando così , con un giusto ricambio generazionale, un impulso anche alle speranze di lavoro di tanti giovani, che non trovano lavoro ed un apertura alle loro speranze di futuro”. Poi la rabbia verso il Governo che non comprende le reali esigenze della popolazione:

Pensioni, Bartoli: il Governo non ha compreso le reali esigenze

Così Bartoli conclude: “Vedendo le titubanze di questo governo, mi monta una desolazione e una rabbia incredibile….Possibile che non si rendano conto di quante persone, quante vite distrutte e storie personali di sofferenze e privazioni, siano sempre più’ coinvolte in queste manfrine da commedianti perversi, che diffondono questi pseudo rappresentanti del popolo?

Poi la preoccupazione che, dice, dal poco ottenuto nella precedente legge finanziaria, si rischi addirittura di passare al nulla, vanificando anche quanto raggiunto: “Ci avevano fatto solo la carita’ nell’ ultima legge finanziaria, ma adesso stanno mettendo in dubbio pure quella, donne che chiedevano un po di flessibilita’ rimettendoci il 30 per cento con opzione donna, vivendo situazioni di disagi familiari, disoccupati senza ammortizzatori che non ce la fanno piu’ a vivere, esodati che non hanno ancora finito di soffrire prima di veder concludere positivamente la loro Odissea” .

Poi la frase conclusiva che dimostra che i lavoratori, nonostante tutto, non hanno intenzione di arrendersi e cercheranno in ogni modo di raggiungere i  loro obiettivi per ridare speranza e fiducia a quanti, esodati, ‘quarantunisti, donne, lavoratori tutti, attendono da tempo un Governo che oltre alla parole pronunciate in campagna elettorale passi ai fatti, e che questi siano in linea con quanto promesso. “Adesso ci resta solo una gran voglia di esprimere in piazza la nostra rabbia, occasione di protesta, per cui l’ Italia vera sta soffrendo, e le luci nei tunnel sono ancora spente #41xtuttilavoratoriuniti#opzionedonnaproroga #abolizioneADV”. Chi era presente a Pontida, se ha piacere ci lasci la propria testimonianza, gli altri ci dicano cosa ne pensano delle parole di Matteo Salvini.

 

 

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

36 pensieri riguardo “Pensioni 2018, ultim’ora su stop adv, quota 41, opzione donna, esodati

  • Avatar
    1 Agosto 2018 in 10:32
    Permalink

    ma insomma ci vuole tanto? qua tutti fanno gli gnorri e continuano a prendere gli italiani per i fondelli. devono stabilire un’età ragionevole e mandare in pensione con i contributi versati, senza prendere scuse di quota 100 o altro. sono tutte scusanti perchè, si tocca sanare con la nostra pelle quello che è stato sperperato! semmai dopo una certa età lasciare la libera scelta a chi si sente, di prolungare con 2 o 3 anni il lavoro, senza obbligare chi non ce la fa più!!! vogliamo andare in pensione ognuno con i suoi contributi ad un certo punto, non troppo decrepiti se è il caso e dare lavoro ai giovani, come diceva Salvini! solo così l’Italia si potrà riprendere! basta con le chiacchere! ci siamo stufati!!!

    Rispondi
  • Avatar
    24 Luglio 2018 in 10:34
    Permalink

    Io l’ho sempre detto “ci vuole la gente giusta al posto giusto” quando vanno le persone che hanno gia’ raggiunto quota 100 e hanno 62 anni di eta’?

    Rispondi
  • Avatar
    7 Luglio 2018 in 14:59
    Permalink

    Ho l’impressione che siamo passati dai CAXXARI della “scuola toscana” … ai PER-FONDELLISTI della “scuola lombarda” :
    CAMBIANDO L’ORDINE DEI FATTORI IL PRODOTTO NON CAMBIA ..!! (ce lo spiegavano gia’ alla scuola elementare ..)

    Rispondi
  • Avatar
    5 Luglio 2018 in 22:43
    Permalink

    Per MASSIMO : La macchina INPS costa – piu’- di “3 miliardi” l’anno : quante pensioni da 1000 euro si potrebbero pagare in un anno con questa cifra..?!? ma, comunque .. in ogni caso .. da uno studio indipendente, segnalato da un noto quotidiano, risulterebbe che l’INPS sia in attivo, gia’ dal 2016, di 30 miliardi …
    Voglio dire, siamo sicuri che “i soldi” non ci siano e … che comunque … ” BISOGNA ANDARLI A CERCARE ..? “

    Rispondi
    • Avatar
      6 Luglio 2018 in 14:46
      Permalink

      X GIOVANNI : CONDIVIDO QUANTO HAI DETTO , I SOLDI CI SONO E BASTEREBBERO SOLO
      8 MILIARDI PER RISOLVERE IL PROBLEMA QUOTA 100 SENZA PALETTI.
      (è scritto sul sole 24 ore)

      Rispondi
  • Avatar
    5 Luglio 2018 in 18:23
    Permalink

    Io ho 58 anni e e 37 di contributi sono disoccupata non riesco piu ha trovar lavoro perche x il mon do del lavoro sonotroppo vecchia vorrei andare con opzione donna in pensione ma senza il 30 % in meno ,non mi sembra giusto .dopo 37 anni di lavoro prenderei sulle 600 euro .togliamo questa detrazione del 30% grazie

    Rispondi
  • Avatar
    5 Luglio 2018 in 15:15
    Permalink

    Boeri ha detto: «”Servono più immigrati regolari per pagare le pensioni… e servono più immigrati per fare i tanti lavori che gli italiani non vogliono più fare…”.
    Io ritengo che se non siamo capaci di controllare gli italiani , come possiamo controllare che gli immigrati siano regolari.
    Inoltre quali sono i lavori che gli Italiani non vogliono più fare ?
    Boeri deve unirsi a Salvini e far approvare prima possibile quota 100 senza paletti.
    I soldi se vogliono li trovano.
    Le promesse vanno mantenute e non devono servire solo per prendere voti.

    Rispondi
  • Avatar
    5 Luglio 2018 in 6:25
    Permalink

    È una presa per i fondelli del caro Salvini
    Visto che io ho 41 e 3 mesi ,
    Fra due anni andrò in pensione con la fornero
    A questo punto fanculo la politica lega 5 stelle

    Stefano
    E

    Rispondi
  • Avatar
    4 Luglio 2018 in 20:37
    Permalink

    Sono una vittima di questa burocrazia italiana, sto aspettando una modifica sulle condizioni prese su gli ammortizzatori sociali, mi sento vincolato a subire, tipo ricatto, per un mio diritto di accedere alla pensione con quota 41 precoce e lavoro gravoso. Vorrei sapere di più!

    Rispondi
  • Pingback: Pensioni 2018 e giovani over 30, ultime al 4/7: sarà un miraggio se non si interviene | Pensioni per tutti

  • Avatar
    4 Luglio 2018 in 9:13
    Permalink

    Leggo di una eventuale proposta fatta dal partito Fratelli d’Italia di estendere opzione donna anche agli uomini. Finalmente una proposta degna di attenzione che potrebbe concrettizarsi su base volontaria lasciando decidere il lavoratore/lavoratrice se aderire o meno anche a costo di un piccolo sacrificio inteso come riduzione dell’importo della pensione. Brava Giorgia Meloni penso che una proposta del genere,sviluppata in tutti i suoi punti fondamentali con chiarezza, potrebbe essere una valida soluzione in tema pensionistico.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 19:53
    Permalink

    Premetto che non ho votato Di Maio / Salvini e non mi sento quindi preso in giro. Si capiva che alla fine non c’erano le premesse per dar seguito alle promesse ( reddito citt. , flat tax, pensioni )
    Vorrei solo fare qualche considerazione perchè non tutti hanno chiare le cose.
    Se le due ipotesi Quota 100 ( con età minima 64 anni ) e 41 + 6 mesi si faranno saranno delle opzioni rispetto alle condizioni attuali Fornero ( così com’era l’opzione donna )
    Il calcolo tutto contributivo per molti sarà molto penalizzante e inaccettabile per chi rientra nel retributivo fino al 2012 per cui converrà aspettare che vedersi tagliata ( per sempre ) la pensione.
    Quindi Quota 100 equivale più o meno all’ APE volontaria mentre 41 + 6 mesi penalizza molto per via del ricalcolo ( sempre che si faccia perchè già parlano del 2020 )
    Intanto pensano alle pensioni d’oro non ricordando che il precedente contributo di solidarietà non è stato bocciato solo perchè aveva durata temporanea conseguente alle condizioni particolari per la crisi del 2012.
    Concordo con molti di Voi che la sovraesposizione mediatica di Salvini ( piscina oggi, Palio di Siena ieri, … ) e le tante promesse inevase lo riporteranno presto alla parabola di Renzi e alle prevedibili debacle elettorali future

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 19:18
    Permalink

    Ho versato per 41 anni e 1 mese al primo di Luglio, penso di meritarmi la pensione senza nessun altro obbligo di riduzione o altre invenzioni. Le promesse vanno mantenute, specialmente i contratti scritti davanti a tutta l’Italia, altrimenti le persone non avranno mai più fiducia di nessun governo e tantomeno di questo. Conte ha detto che sarà l’avvocato degli Italiani, ed io essendo tale, mi aspetto che faccia anche lui qualcosa. Se vogliono fare prima quota 100 con i paletti, tutti quelli con quota 41 si sentiranno davvero offesi e presi in giro. Speriamo prendano in considerazione la voce degli elettori altrimenti…………………….

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 17:12
    Permalink

    Voglio vedere il cavallo di battaglia di SALVINI E DI MAIO sulle pensioni cosa faranno BRAMBILLA parla di quota 100 con paletto anagrafico a 64 anni queste sono le promesse ?li aspetteremo al varco della legge di stabilità in autunno cosa faranno ovviamente pensano che la gente dimentica aspetteremo e giudicheremo tanto questo governo nn avrà lunga vita quindi torneremo al voto certamente terremo conto di tutte le promesse e quanto mantenuto

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 16:22
    Permalink

    Salvini ha detto di smantellare la Fornero, quindi significa che deve scorporare i coefficienti di trasformazione
    , che sono importantissimi per il calcolo assegno di pensione , dall’adeguamento ADV.
    Lui lo sa che questo fa parte della legge Fornero?
    Se deve smantellarla tutta ,mi aspetto che i coefficienti di trasformazione devono essere legati agli anni di contribuzione, più si lavora e più aumentano

    Rispondi
    • Avatar
      3 Luglio 2018 in 18:14
      Permalink

      @Salvini @Di Maio se non rispettate alla lettera quello che avete promesso farete la fine di Renzi.

      Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 15:31
    Permalink

    Ma non ci bastava un bugiardo fiorentino con i suoi tromboni mediatici?!? adesso ne dobbiamo sorbire due che blaterano, blaterano e blaterano infischiandosi delle promesse elettorali? Dai che le elezioni si avvicinano.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 14:47
    Permalink

    Bravi, finalmente sulla rete sempre piu’ numerosi gli indignati. Non voglio essere presuntuoso ma sin dall’inizio sono stato uno dei pochi che ha fiutato l’inganno della modifica della legge Fornero. Tornate un po’ indietro nel tempo e potete accertarvi di quanto scrivevo subito dopo le elezioni in merito alla proposta di Alberto Brambilla. Vedo ora che anche coloro che mostravano una certa apertura di fiducia nell’esecutivo iniziano a capire che e’ tutta una presa in giro. Volete sapere come andra’ a finire? Non si fara’ piu’ nulla in quanto prevarra’ la legge della tenuta dei conti pubblici. Ancora una volta ci hanno preso in giro. Da un sondaggio risulterebbe che noi lavoratori
    siamo potenzialmente una forza che potrebbe col proprio voto modificare una consultazione elettorale; bene, non so voi, ma io saro’ uno di quelli che qualora non venissero mantenute le promesse fatte in campagna elettorale non esitero’ a dare la mia fiducia a delle forze politiche che magari fino ad oggi sono sempre rimaste ai margini in termini di consensi. A buon intenditor poche parole.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 14:45
    Permalink

    Mantenete la parola data, quota 100 “senza paletti”.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 14:40
    Permalink

    Salvini – Di Maio: siete finiti prima ancora di incominciare. Il rimando alla sostanziale modifica della legge Fornero come proposto dal vostro programma elettorale sarà la vostra “Waterloo”.

    Rispondi
    • Avatar
      3 Luglio 2018 in 15:29
      Permalink

      Adesso si svegliano tutti.
      Forse era meglio farlo prima di votare con la pancia e con la paura di quattro immigrati.
      Adesso voglio proprio vedere come si fa a toglierseli di torno

      Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 14:30
    Permalink

    ” Daremo
    FIN DA SUBITO (!!!)
    la possibilità di uscire dal lavoro quando la somma dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è almeno pari a 100, con l’obiettivo di consentire il raggiungimento dell’età pensionabile con 41 anni di anzianità contributiva, tenuto altresì conto dei lavoratori impegnati in mansioni usuranti.”
    Salvini, Di Maio già la stampa è contro di Voi, volete aumentare il dissenso anche da coloro che vi hanno votato e che ora si trovano gabbati dalle vostre promesse? Persone che hanno superato ABBONDANTEMENTE i 42 anni di contributi lavorativi devono aspettare chissà cosa? 5 STELLE – LEGA la pacchia è finita!

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 14:17
    Permalink

    Solo degli infami poltronari avrebbero potuto pensare e fare una cosa del genere : QUOTA 100 a 64 anni
    VIGLIACCHI !!! Dovevate chiarire prima delle elezioni questo PICCOLO PARTICOLARE.
    Spero che dalle vostre bocche non escano più le parole “ONESTA'”, “RESPONSABILITA'”, ”
    Centinaia di migliaia di persone vi hanno creduto, speravano nel CAMBIAMENTO.
    In realtà saranno raggiunti 4 obiettivi cari propri alla Fornero, all’Europa, a Boeri, al PD, ai sindacati, a Tria, a Brambilla, ….
    1) ADV ( aspettativa di vita ) non viene tolta. quindi si alza ancora di più il limite delle pensione.
    2) Col paletto a 64 anni andremo in pensione più tardi rispetto alla Fornero-Monti, con l’anticipata andavo a 62 e 8 mesi ora dovrò aspettare fino a 64 anni.
    3) Ricalcolo contributivo nettamente peggiorativo.
    4) Riduzione contributi figurativi.

    Dimenticavo: quota 41+6 rimandata a data da destinarsi e comunque con finestra a 12/18 mesi .

    MEGLIO DI COSI!!!!

    In ogni caso, la resa dei conti arriverà a breve e tornerete da dove siete venuti.
    Oggi fortunatamente internet è un canale di comunicazione VELOCISSIMO e non si riesce più a farlo tacere.
    Di Maio e Salvini, provate ad entrare in qualche blog per leggere la rabbia che trasuda dai post delle persone che,
    violentate per 7 anni dagli infami che vi hanno preceduto, speravano in una nuova rotta ! LEGGETE LEGGETE.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 13:38
    Permalink

    #MandiamoliACasa. Oramai il quadro è chiaro: non hanno alcuna intenzione di cancellare l’infamia della legge Monti-Fornero, non hanno alcuna intenzione di attivare QUOTA 100 così come era stata concordata con TUTTI gli elettori e cioè SENZA PALETTI . Per chi ha già 39-40 anni di contributi versati la prospettiva CERTA è di dover lavorarne altri 5 come MINIMO. Il gatto e la volpe, i nuovi poltronari, quando si dovrà dar conto all’elettorato si accuseranno reciprocamente così la colpa non sarà di nessuno e torneremo allegramente a votare con le stesse vecchie promesse. Cio’ che lascia perplessi è che, insensibili alla RABBIA che sta montando in tutti i blog , NON HANNO NEMMENO PENSATO DI PROSPETTARE ALCUNA ALTERNATIVA, scantonano e basta, evitano l’argomento. Di giullari ne avevamo visti tanti in precedenza, oggi siamo all’apoteosi ! Io se fossi in loro, farei fatica a presentarmi in pubblico….

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 13:13
    Permalink

    Il 4 Marzo siete stati eletti per il vostro programma che prevedeva quota 100 con minimo 35 anni di contributi e quota 41 x tutti non quota 41&5 mesi oggi non stupitevi se gli elettori non vogliono sentire parlare di paletti chiaro. Tutto il resto non serve.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 12:57
    Permalink

    Dopo aver letto i commenti, soprattutto di coloro che dicono “in fondo è solo 1 mese che sono qui lasciamoli lavorare ” oggi posso senza ombra di dubbio esprimere cosa penso: abbiamo 2 nuovi poltronari, bugiardi, incapaci di mantenere la parola. MANDIAMOLI A CASA PRIMA CHE LE RADICI ATTECCHISCANO. QUOTA 100 ERA SENZA VINCOLI. MENTITORI!!!

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 12:21
    Permalink

    qui si fanno solo chiacchiere invece di parlare per cortesia passate ai fatti.
    diteci chiaramente a settembre si fa questo a ottobre questo ecc
    non basta solo urlare smonteremo la legge Fornero, iniziate per cortesia, mettetevi al lavoro invece di andare in piazza.
    vogliamo che queste promesse siano mantenute.
    ok quota 100 ma senza limite di età
    ok quota 41
    ok opzione donna

    ma fatelo, sono stanca di chiacchiere.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 12:03
    Permalink

    Compirò 67 anni con 34anni e 1/2 di contributi quando andrò in pensione visto che ho anche il 60 fi invalidità. Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 11:53
    Permalink

    Oggi, 03 luglio 2018, 9.30 su: http://www.ilsussidiario.net/News/Lavoro/2018/7/2/RIFORMA-PENSIONI-2018-Non-solo-Quota-100-continua-la-battaglia-per-gli-esodati-esclusi-ultime-notizie-/828401/ Di Maio: “…. Prima bisognerà varare il taglio dei vitalizi degli ex parlamentari, nell’ottica di colpire prima la “casta” e poi tutti gli altri cittadini che hanno degli assegni pensionistici elevati …” NO! Contratto di Governo 5 Stella – Lega, articolo 17 comma n. 2: ” Daremo fin da subito la possibilità di uscire dal lavoro quando la somma
    dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è almeno pari a 100, con l’obiettivo di consentire il raggiungimento dell’età pensionabile con 41 anni di anzianità contributiva, tenuto altresì conto dei lavoratori impegnati in mansioni usuranti.”
    La priorità non era nei vitalizi o pensioni d’oro. Appare scontata la delusione che, da parte mia e credo anche da parecchi altri, si ripercuoterà alle prossime votazioni sia comunali, che europee del 2019 auspicando che non ci siano, nel frattempo, anche quelle politiche nazionali.

    Rispondi
    • Avatar
      3 Luglio 2018 in 12:22
      Permalink

      2 cose che si possono fare subito e che l’Europa non puo’ dire di no perché in linea con una sentenza della corte europea n.47/2009
      1. Uomini e donne stessi diritti 42 e 3 mesi dal 1 gennaio 2019
      2.tfr uguale al tfs nell’ erogazione in un unoca soluzione e nella medesima tempistica entro 3 mesi dalla pensione.

      Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 11:44
    Permalink

    Bene!!!
    Il gatto e la volpe hanno colpito ancora!!!
    Belle merde!!!!
    41 x tutti…
    Abolire la fornero…
    Smontare la fornero…
    41 di lavoro bastano…
    Altro che!!!!
    Ma tanto a giugno vi mandiamo a casa cmq…..!!!
    Siete peggio d r i governi pd!!!!!
    Merde!!!!

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 11:23
    Permalink

    Subito la pensione con 41 anni di lavoro senza penalizzazione noi precoci abbiamo fino al 2011 il calcolo col retributivo e poi contributivo come tutti questo non devono toglierlo se non vogliamo avere pensione troppo tagliata

    Rispondi
  • Avatar
    3 Luglio 2018 in 10:14
    Permalink

    Proprio come voleva dimostrarsi Salvini ancora una volta non e’ stato chiaro sulla nuova proposta pensionistica. Vi risulta che abbia smentito Alberto Brambilla? A me non risulta.
    Vi risulta che abbia chiarito definitivamente che non ci saranno paletti relativi all’eta’ anagrafica minima? A me non risulta.
    Vi risulta che abbia chiarito il punto dei 41 anni di contributi? A me non risulta.
    Vi risulta che abbia chiarito il problema dei contributi figurativi? A me non risulta.
    Vi risulta che abbia chiarito la questione di opzione donna? A me non risulta.
    Vi risulta che abbia parlato della possibilita’ per le donne di andare in pensione prima degli uomini così come sosteneva in campagna elettorale? A me non risulta, e potrei continuare ancora.
    A distanza di oltre un mese dall’insediamento del governo i lavoratori sono ancora in attesa di risposte precise. Vediamo se si avra’ il coraggio di chiarire o se si continuera’ con la presa in giro.

    Rispondi
    • Avatar
      3 Luglio 2018 in 10:40
      Permalink

      SAREBBE UNA BELLA COSA SE ENTRO L’ANNO VERRA’ APPROVATA QUOTA 100 SENZA PALETTI, IN QUANTO RITENGO
      CHE POSSA INTERESSARE ANCHE I QUOTA 41.

      Rispondi
    • Avatar
      3 Luglio 2018 in 10:56
      Permalink

      e non solo , sembra che sarà escluso il periodo servizio militare, io ho svolto tale servizio mentre già lavoravo, sono stato obbligato, quindi non è colpa mia, per cui se nel computo anni di lavoro deve essere tolto, sarò obbligato a lavorare un anno in più, meglio la Fornero allora.

      Rispondi
      • Erica Venditti
        3 Luglio 2018 in 14:02
        Permalink

        No il servizio militare conta, è escluso dal calcolo contributivo vuol dire che se ha 3 anni di figurativi ossia 2 di disoccupazione e 1 di leva, valgono tutti e tre, mentre se un suo collega ha 3 anni di disoccupazione o cassa ne valgono solo 2. NON CONTANO vuol dire che sono extra i 2 figurativi consentiti, almeno quello!

        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *