Pensioni 2019, le ultimissime su proroga opzione donna: quali i requisiti necessari?

Le ultimissime novità al 12 gennaio 2019 sulle pensioni ed in particolare sulla proroga dell’ opzione donna giungono dalla fondatrice del Comitato opzione donna social, Orietta Armiliato. Regna ancora sovrana la confusione sulla proroga dell’opzione donna date le differenti bozze del decreto che si sono succedute in questi giorni, ragione per cui Armiliato, esperta del tema, ha deciso di chiarire i dubbi sui requisiti necessari per centrare la proroga nel 2019: i 5 mesi in più relativi all’aspettativa di vita andranno o meno conteggiati?. Questo il suo post di chiarimento.

Pensioni, proroga opzione donna: si contano i 5 mesi di adv dal 2019?

Cosi Armiliato su Facebook “Considerato che ci sono ancora dubbi e che le risposte che vi state scambiando l’uno con l’altro anche nei diversi gruppi creano ancora più confusione provo, ancora una volta, a chiarire un paio di concetti circa l’art.16 del draft del DL 87, oggetto di “N” interpretazioni (alcune anche fantasiose e alcune anche piuttosto divertenti …).
Dunque, la bozza indica età 58 (59 autonome) e 35 contributi e le conferme ricevute da fonti autorevoli ed accreditate, convalidano che é questo quello che intende il governo ovvero senza dover considerare nessun ulteriore addizionale; ed il tutto, maturato al 31.12.2018 come da ULTIMA BOZZA che quindi, essendo tale, al momento é da considerarsi in attesa di formalizzazione.

Ora vi state interrogando sui 5 mesi addizionali dell’aspettativa di vita previsti per l’esercizio in corso, nonché sui termini della decorrenza e/o validità della proroga ma:
🅰️se si aggiungessero i 5 mesi di adv l’esecutivo si esporrebbe a ricorsi immediati poiché questi, come da dettato di legge, decorrono dal 1 Gennaio 2019 e dunque é chiaro che il termine del 2018 non possa essere inficiato da un qualcosa che arriverà in futuro
🅱️se il limite di proroga contempla la scadenza al 31.12.2018, l’anno 2019 é assolutamente ininfluente rispetto alla cristallizzazione del diritto, ragione per la quale il diritto a fruizione dopo essere maturato, non può essere limitato nel tempo pena incorrere nel dettato della nostra costituzione che garantisce il diritto soggettivo in virtù dell’art 38 -2 comma.
Dopodiché, solo il decreto vagliato e sottoscritto dal Cdm potrà sancire o variare il tutto, in attesa del passaggio alle camere”. Anche Luigi Metassi amministratore del comitato esodati licenziati e cessati ha aggiunto sotto il post di Armiliato un commento che avvalora quanto detto.

Pensioni 2019, il chiarimento di Metassi

Orietta provo a dare il mio contributo sintetizzando: “il diritto alla pensione è acquisito nel momento in cui siano stati raggiunti tutti i requisiti previsti dalla legge.

Va da se che un diritto quesito non può essere revocato da una regola della stessa legge che scattasse successivamente all’insorgere del diritto. Pertanto, chi ha raggiunto ENTRAMBI i requisiti entro il 31/12/2018 non è soggetta alle aspettative di vita che scattano successivamente (fosse anche un solo secondo dopo)”.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Erica Venditti

Erica Venditti
Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

6 commenti su “Pensioni 2019, le ultimissime su proroga opzione donna: quali i requisiti necessari?

    Avatar

    Giuseppina. Rullo

    (13 Gennaio 2019 - 23:31)

    Ma io. Sono di gennaio 1962 ho lavorato x qusi 40anni avevo 15anni ho lavorato una vita da sola vedova con figli adesso sono disoccupata e disrtrutta dal troppo llavoro fatto una deve andare in pensione quando lo dovrebbe volere. Io praticamente non ho l eta chi ha meno contributi e magari in lavoro puo chiedere opzione donna.ma questi dove c e l hanno la testa… io voglio andare in pensione e questi sono I nostri tecnici?ragazzi siamo rovinati qui chi non ha lavorato un giorno ha I reddito e veramente osceno dove siete sindacati movimenti boooo e una follia che dio ci aiuti

    Avatar

    Giuseppina. Rullo

    (13 Gennaio 2019 - 23:30)

    Ma io. Sono di gennaio 1962 ho lavorato x qusi 40anni avevo 15anni ho lavorato una vita da sola vedova con figli adesso sono disoccupata e disrtrutta dal troppo llavoro fatto una deve andare in pensione quando lo dovrebbe volere. Io praticamente non ho l eta chi ha meno contributi e magari in lavoro puo chiedere opzione donna.ma questi dove c e l hanno la testa… io voglio andare in pensione e questi sono I nostri tecnici?ragazzi siamo rovinati qui chi non ha lavorato un giorno ha I reddito e veramente osceno dove siete sindacati movimenti boooo e una follia che dio ci aiuti

    Avatar

    cosimo

    (13 Gennaio 2019 - 18:52)

    la mia domanda è rispetto alla proroga di opzione donna la bozza di decreto dice:si devono attendere ulteriori 12 e 18 mesi rispettivamente per le lavoratrici del settore privato/pubblico e per le autonome, a partire dal raggiungimento dei requisiti suddetti, per ricevere la prima erogazione dell’assegno pensionistico,chiedo se la persona interessata ha raggiunto entrambi i requisiti nel 2017,quando percepirà il primo assegno, salvo i tempi tecnici dell’inps, la pensione la prenderà da subito? grz

      Erica Venditti

      Erica Venditti

      (14 Gennaio 2019 - 10:44)

      Per queste questioni tecniche le consiglierei di provare a chiedere direttamente ad Orietta Armiliato referente ed amministratrice del gruppo fb comitato opzione donna social. In attesa del decreto, per quanto mi verrebbe di dirle di sì, credo convenga attendere disposizioni precise. Scriva ad orietta facendo presente che le ho dato io il riferimento

    Avatar

    Nadia

    (13 Gennaio 2019 - 8:56)

    Però se il termine fosse spostato al 31.05.2019 o addirittura al 31.12.2019, come sarebbe giusto visto che eravamo incluse in OD prima dell’innalzamento di un anno, casca il palco…. :))

    Avatar

    Carla Santoro

    (13 Gennaio 2019 - 0:00)

    Sono una pubblica dipendente, ho 35 anni di contributi e sono nata il 19 marzo 1961.
    Ora so che non potrò accedere alla pensione, anche se ridotta e con assegno a partire dall’anno succesivo, come ho sperato sino a dicembre scorso.
    Nessun altro commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *