Pensioni 2019, novità da Damiano e Durigon oggi 7/1 su Ape social, esodati e opzione donna

Le ultimissime novità al 7 gennaio sulle pensioni giungono direttamente da Cesare Damiano esponente PD che ha espresso la sua opinione circa la bozza del decreto pensioni che sta circolando in queste ore in merito a esodati e ape sociale, e da Claudio Durigon a cui abbiamo posto una domanda diretta che ci è stata rivolta dalle lavoratrici che si sono sentite beffate dalla proroga di opzione donna contenuta nella bozza della manovra 2019. Ecco le loro parole.

Pensioni: Damiano, Di Maio tradisce promesse a esodati

Cosi Damiano sulla bozza del Decreto su pensioni e Reddito di cittadinanza che sta circolando vorticosamente e su cui stanno piovendo numerosi commenti, spesso negativi da parte dei cittadini. Vi è da dire come ricorda l’onorevole che “come tutte le bozze, non e’ definitiva. Subira’ ancora dei cambiamenti” e che soprattutto dovra’ per divenire effettiva ” superare l’esame della Ragioneria: la cosiddetta ‘bollinatura’“.

Damiano, dirigente del Partito democratico, nella sua ultima nota stampa fa notare come nel testo “alcune promesse non vengono mantenute: che fine ha fatto la nona salvaguardia degli esodati, che riguarda circa 6.000 lavoratori? Poi scende nei dettagli: “Di Maio, il 18 ottobre scorso, in un incontro con i comitati degli esodati, aveva fatto una promessa solenne. Non e’ stata mantenuta. ” Anche sull ‘Ape sociale le cose non tornano, ecco perché.

Pensioni anticipate, proroga ape sociale non sufficiente

Damiano spiega “La proroga dell’Ape sociale non e’ sufficiente se non consente anche ai disoccupati che non hanno utilizzato gli ammortizzatori sociali, di poter accedere alla normativa” perché se così fosse “si rischierebbe di non spendere le risorse stanziate. E’ gia’ capitato l’anno scorso. E non e’ un caso che siano proprio i disoccupati a fare le maggiori richieste di accesso all’Ape sociale”. Per questa ragione chiude l’esponente dem, con un appello accorato al buon senso dell esecutivo” Il Governo faccia queste correzioni”. Altra categoria qui non contemplata da Damiano , ma molto delusa dall ‘attuale bozza del decreto è quella delle donne. Che si sono sentite beffate da una proroga che non comprende, come inizialmente era stato assicurato, tutte le donne che hanno 58/59 anni e 35 di contributi, ma pare solo quelle nate nel 58/59. I dettagli e le richieste di chiarimento a Durigon.

Opzione donna, proroga per chi? Durigon

Le donne deluse dalla proroga contenuta nella bozza del decreto, ci hanno interpellato chiedendoci come mai dall‘incontro avvenuto venerdì 4/1, da noi recensito in esclusiva, tra il precoce D’ Onofrio e il sottosegretario al ministero del lavoro Durigon è emerso che la proroga sarebbe stata retroattiva dal 1 gennaio e strutturale, mentre da una successiva intervista rilasciata al Messaggero da Durigon emerge che dal 2019 potranno usufruire della proroga unicamente le nate negli anni 59/60. Le donne ci hanno chiesto di contattare , incredule del limite, il ministro Durigon per chiedergli, confidando in un errore del giornalista se: “quest’anno potranno beneficiare della proroga coloro che hanno 58/59 anni o le nate nel 58/59?” Così ci ha gentilmente risposto Durigon in pvt ” “quest’anno potranno usufruire della proroga le donne del 58 e 59 e l’anno prossimo andranno quelle nate nel 59 e 60 e così via”. Abbiamo altresì chiesto al sottosegretario entro quale data dovranno essere maturati i requisiti, su questo purtroppo non abbiamo ancora avuto risposta. Non appena ci perverra’ sarà nostra cura aggiornarvi.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

7 pensieri riguardo “Pensioni 2019, novità da Damiano e Durigon oggi 7/1 su Ape social, esodati e opzione donna

  • Avatar
    9 Gennaio 2019 in 7:10
    Permalink

    DOPO I TRADIMENTI NEI CONFRONTI DEGLI ESODATI, NON SALVAGUARDATI, MI SONO AMMALATO DA SINDROME DA SEGGIO ELETTORALE, COME MI AVVICINO A UN SEGGIO , MI VIENE LA NAUSEA, CONATI DI VOMITO E DIARREA .

    Rispondi
  • Avatar
    7 Gennaio 2019 in 21:00
    Permalink

    Ogni giorno nuove stronzate ,se ne inventano di tutti i colori pur di salvare i soldi stanziati per ll reddito di cittadinanza il provvedimento più ingiusto di questa manovra. Mio figlio 28 anni …disoccupato…non avrà un “navigator ” che gli troverà un lavoro …. Questo è profondamente iniquo , solo perché abita ancora in famiglia non avrà diritto al reddito e avrà ancora meno possibilità di trovarsi un impiego !!!!!!!!!!!! E’ questa la democrazia il modello dei 5S ? Sono solo degli ipocriti , personaggi improvvisati , dilettanti allo sbaraglio ,non si rendono conto che aumentano le ingiustizie perché non sanno vedere i problemi a 360 gradi ,anche perché chi li manovra non ha mai lavorato e sanno solo fare danni per brama di potere.

    Rispondi
  • Avatar
    7 Gennaio 2019 in 18:00
    Permalink

    Buonasera. Non riesco a capire perché prima viene promessa una cosa, cioè blocco dell’aspettativa di vita (altra stronzata) perché nessuno è in grado di stabilire quanto può vivere una persona, e poi ti vedi aggiungere come per magia una inaspettata finestra di 3 mesi che praticamente vanifica ciò che si è promesso un attimo prima. Sono esterrefatto e amareggiato. Non si può giocare con la pelle degli altri. Penso che un cittadino dopo 42 anni di lavoro abbia tutto il diritto di pensionarsi e non dovere giocare con le finestre.

    Rispondi
  • Avatar
    7 Gennaio 2019 in 17:54
    Permalink

    MANTENETE LE PROMESSE OPZIONE DONNA INSERITE 1960 AVETE TEMPO X CORREGGERE MOLTE ARRABBIATI CON M5S

    Rispondi
  • Avatar
    7 Gennaio 2019 in 13:48
    Permalink

    Io resto esterrefatta delle notizie di oggi.
    Durigon questa è l’ennesima bastardata.
    Cosa significa eliminare lADV solo per chi è iscritto all’ INPS?
    iO SONO UNA PRECOCE CHE HA INIZIATO A LAVORARE A 15 ANNI QUANDO VOI A 15 ANNI PRENDEVATE ANCORA GLI OMOGENEIZZATI CAPITO?
    L’ASPETTATIVA DI VITA DEVVE ESSER TOLTA PER TUTTI… HO 4 ANNI DI ANZIANITA’ E NON SOLO 1 PRIMA DEI 19 ANNI E VOGLIO CHE MI VENGA TOLTA L’ASPETTATIVA DI VITA ANCHE SE FINISCO IL MIO PERIODO DI LAVORO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. NON SONO LA SOLA E NON SIAMO I SOLI IN QUESTA SITUAZIONE E NON SONO NEANCHE TANTI MA FARE STA BASTARDATA COME STO LEGGENDO CHE TOGLIETE ASPETTATIVA DI VITA SOLO AD AUTONOMI ED USURANTI E’ DAVVERO UNA PORCHERIA. peggio della sinistra che promise 41 ai precoci e poi ha fatto passare solo gli usuranti.
    Vergognatevi.
    Non credo piu’ a nessun politico guardate siete veramente delle menti contorte contro le nostre vite sulla nostra pelle.
    Voglio veder letto come promesso da Durigon, che mi sembra persona seria ,che l’aspettativa di vita venga tolta a tutti indistintamente

    Rispondi
  • Avatar
    7 Gennaio 2019 in 13:31
    Permalink

    Uno schifo, un voltagabbana tragico per molte donne, dal 1960 in su…

    Rispondi
    • Avatar
      7 Gennaio 2019 in 17:26
      Permalink

      Concordo. La manovra pensioni è un insulto per la maggior parte dei lavoratori. Vergognatevi. Governo del cambiamento. Si in peggio. Le Vs menti hanno qualche serio problema

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *