Pensioni 2019 nuova proposta: contratto di espansione per uscita anticipata fino a 7 anni

Sul tema della riforma delle Pensioni 2019 arriva un’ultima novità contenuta nel prossimo decreto crescita: si chiama Contratto di espansione e offre la possibilità in misura sperimentale per il 2019 e 2020 di accedere alla pensione con anche 7 anni di anticipo rispetto ai termini attuali previsti dalla legge per i lavoratori delle grandi aziende. Ma di cosa si tratta? Chi potrà usufruirne?

Pensioni 2019: contratto di espansione, cos’è e chi potrà usufruirne?

Cos’è il contratto di espansione? Questo scivolo pensionistico consentirà alle imprese con più di mille dipendenti di pensionare con un anticipo fino a 7 anni e sarà introdotto con un emendamento al decreto crescita che in questi giorni si sta discutendo. Come specifica la Repubblica, ” Queste aziende potranno utilizzare questa norma solo nel caso in cui stiano per avviare o abbiano avviato processi di reindustrializzazione e riorganizzazione, e quindi si trovino di fronte all’esigenza di ‘modificare le competenze professionali in organico”.

Come si legge nell’emendamento il contratto di espansione “Consente alle imprese con un organico superiore a 1.000 unità, che intendono avviare processi di reindustrializzazione e riorganizzazione, di adottare particolari misure, come la possibilità per i lavoratori che si trovino a non più di 84 mesi dal conseguimento della pensione di vedersi riconosciuto un’indennità commisurata al trattamento pensionistico lordo” maturato al momento della cessazione del rapporto di lavoro.

Come riporta poi il Messaggero: ” La spesa prevista, In via sperimentale per il 2019 e il 2020, è rispettivamente di 40 e 30 milioni di euro. Inoltre “Oltre a dare la possibilità di anticipare le uscite dei più anziani, si prevede anche la riduzione oraria (che «può essere concordata, ove necessario, fino al 100%), che potrà essere integrata da Cig e Cigs ma fino a 18 mesi anziché 24. Nel contratto andrà indicato il numero di nuove assunzioni a tempo indeterminato o con il contratto di apprendistato professionalizzante“.

Contratto di espansione: I dubbi delle opposizioni sul decreto crescita

Le proposte di modifica, 13 in tutto, sono state presentate poco prima della ripresa dei lavori, dopo la pausa del fine settimana. Il Partito democratico chiede quindi di rinviare la seduta, per consentire di esaminare i testi e presentare i subemendamenti entro il termine fissato per le 18 ma i due relatori, Giulio Centemero (Lega) e Raphael Raduzzi (M5s), dicono di essere pronti a illustrare le norme presentate, così da evitare l’interruzione.

Inizia così un botta e risposta tra Cementero e Raduzzi che tentano di spiegare i contenuti degli emendamenti, e le opposizioni, in particolare Maria Elena Boschi (Pd) e Luigi Marattin (Pd), che chiedono chiarimenti sugli effetti finanziari, sulla coerenza degli argomenti trattati rispetto al decreto legge e sul significato delle norme. La Boschi ha dichiarato: “Avevamo chiesto di sospendere la seduta per esaminare i testi, ma avete voluto proseguire i lavori con una illustrazione che non c’è stata, non voglio infierire sui relatori però l’esposizione è parziale per non dire inesistente”.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

2 commenti su “Pensioni 2019 nuova proposta: contratto di espansione per uscita anticipata fino a 7 anni

    Avatar

    Maurizio

    (9 Giugno 2019 - 18:18)

    In parole poverissime cosa vuol dire ?
    …..come la possibilità per i lavoratori che si trovino a non più di 84 mesi dal conseguimento della pensione di vedersi riconosciuto un’indennità commisurata al trattamento pensionistico lordo” maturato al momento della cessazione del rapporto di lavoro.
    Ti danno la classica buona uscita in soldoni e te la gestisci tu o ti versano i contributi mancanti alla data della pensione ?

    Avatar

    Maurizio

    (9 Giugno 2019 - 8:42)

    Se ho capito bene la societa’ ti versa i contributi all’Inps per gli anni che ti mancano alla pensione (fino a 7) e in pensione ci vai subito ? O si e’ un osodato ?
    No perche’ se la pensione te la danno dopo tot anni nel frattempo come la si campa ?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *