Pensioni, ultime novità su quota 100, Salvini e Di Maio: ‘i cittadini la chiedevano da anni’

Pensioni, ultime novità  su quota 100, Salvini e Di Maio: ‘i cittadini la chiedevano da anni’

Le ultimissime novità al 25 giugno 2019 giungono direttamente dal Governo, sia il vicepremier Salvini quanto il vicepremier Di Maio hanno pubblicato sulla loro pagina facebook un post riguardante i numeri relativi alle domande effettivamente presentate per uscire con quota 100. I due leader di Governo si sono detti soddisfatti della misura, voluta fortemente dall’esecutivo, ma i lavoratori precoci, dal canto loro, sotto al post hanno commentato ribadendo che la quota 100 avrà pure permesso a 150 mila persone di fare domanda di uscita anticipata, ma ha beffato la loro causa.

A loro quota 100 non serve, nessuna l’ha richiesta, occorre necessariamente quota 41 dalla prossima legge di bilancio, altrimenti chi ha lavorato di più, si vedrà passare, paradossalmente, davanti chi ha lavorato di meno. Dal canto suo Salvini commentando le ultime dichiarazioni della Fornero non ha perso occasione per dirsi come sempre contro la Professoressa e lieto di aver iniziato a smontare ‘l’infame’ legge che porta il suo nome. Eccovi il punto della situazione ad oggi 25/6.

Pensioni 2019, scontro Fornero- Salvini su quota 100: non serve, serve eccome

Per l’ex ministro del Lavoro Elsa Fornero con quota 100 già lo scorso anno l’esecutivo ha perso l’occasione per fare una legge previdenziale che avrebbe dovuto stabilire delle priorità per il Paese, il Governo ha venduto illusioni e con questa misura ha sbagliato. Poi dal festival del lavoro dei consulenti in corso a Milano ha ribadito: “Servirebbe un governo che dica la verità e invece qui mi sembra che ci sia un governo che ogni tanto, dice un sacco di bugie o aliment aun sacco di illusioni”. Poi ha aggiunto da quota 100 e rdc sono rimasti dei risparmi rispetto a quanto preventivato proprio perché in realtà non rappresentavano affatto le priorità della popolazione. Inoltre ragionando sulla parola risparmi, molto usata in questi giorni, puntualizza: ” E poi a dire il vero non sono risparmi perché quelel misure sono a debito, e quindi avere meno debito dovrebbe essere un obiettivo importante”. All’attacco é partito il vicepremier leghista Salvini da sempre contro la Fornero e la sua riforma previdenziale che postando le dichiarazioni della professoressa ha scritto fiero: “Se abbiamo ‘sbagliato’, come mai più di 140mila italiani hanno fatto domande da per Quota 100?Sempre più orgoglioso di aver iniziato a smontare la sua legge infame, ed é solo l’inizio”.

In questo ‘é solo l’inizio’ parrebbe celarsi nuovamentetra le righe la promessa di concedere la quota 41 per tutti, già riconfermata più volte come prossimo obiettivo del Governo giallo-verde. I precoci sono in trepida attesa di comprendere quando davvero potranno, avendo alle spalle 41 anni di contributi versati, lasciare il posto di lavoro ai più giovani. A detta loro l’età non conta, devono valere unicamente i contributi versati, per questo il Governo deve mantenere la promessa già sbandierata in campagna elettorale e mai mantenuta dei 41 per tutti senza se e ma. Anche Luigi di Maio, attuale ministro del lavoro e delle politiche sociali si dice fiero dei risultati conseguiti con la quota 100, peccato i lavoratori non la pensino allo stesso modo e non nascondano la propria amarezza sotto il post di ‘trionfo’.

Quota 100, Di Maio orgoglioso: oltre 150 mila domande, precoci ‘pagliacci’

Questo il post apparso sulla pagina del vicempremir Di Maio: “Sono oltre 150mila le domande per quota 100 presentate fino al 20 giugno. Questo é quello che chiedevano i cittadini da anni. Grazie a questi pensionamenti anticipati si libereranno posti di lavoro e si potrà dare un futuro a tanti giovani. Continuiamo a lavorar per rendere più dignitoso il lavoro grazie al salario minimo e permettere alle imprese di assumere ed essere competitive con il taglio del cuneo fiscale”.

Ma i precoci non hanno esitato a fare notare ai due vicepremier che sono solo dei ‘pagliacci’ perchè nessun in realtà ha mai chiesto loro o ai governi precedenti questa quota 100, anzi nelle manifestazioni in piazza i precoci hanno sempre domandato, indossando rispettive magliette e cappellini, la quota 41, mai e poi mai la quota 100, a maggior ragione con paletti anagrafici. Una misura, dicono all’unisono, ingiusta, a scadenza, per una platea ridotta e soprattutto che avvantaggia chi ha lavorato per meno anni. L’ennesima ingiustizia a danno dei precoci, che attendono, amareggiati anche da questo governo che li ha prima illusi, in sede di campagna elettorale, e poi ‘traditi’ in corsa, qualcosa avvenga almeno nella prossima legge di bilancio, prima che gli stessi precoci, si estinguano del tutto, come qualcuno ironicamente ha aggiunto.

Voi cosa ne pensate delle parole di Salvini e Di Maio, la quota 100 era davvero la misura che tutti si aspettavano e che i cittadini avevano richiesto, per superare la Riforma Fornero? Fatecelo sapere con un commento nell’apposita sezione del sito.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

15 pensieri su “Pensioni, ultime novità su quota 100, Salvini e Di Maio: ‘i cittadini la chiedevano da anni’

  1. Quota 100 e’ stata una legge giusta,molti lavoratori come me l’aspettavano anche se per il mio caso avendo quasi 67 anni e 42 anni di contributi non mi ha agevolato molto,forse ho lavorato rispetto alla fornero un po’ di mesi in meno,ma io penso ad altri colleghi che hanno usufruito di questa legge,avrei una domanda da fare a chi critica questa legge..io lavoravo nell’industria metalmeccanica 3 turni di 5 giorni lavorativi,ma dopo i 62 anni sfido chiunque a lavorare in queste condizioni……..grazie.

  2. Buongiorno a tutti. La quota 100, soprattutto con dei paletti ma anche senza paletti, causa il pensionamento a eta’ anagrafica diversa a seconda del numero di anni di contributi versati. Secondo il mio punto di vista, la possibilita’ di andare in pensione dovrebbe essere data ad un’eta’ fissa uguale per tutti, che, ragionando con un po’ di buon senso, potrebbe essere di 60 anni. La differenza starebbe nel diverso importo percepito, in proporzione ai contributi versati; possibilita’ non significa obbligo di pensione forzata a 60 anni di eta’: chi preferisce fare qualche anno in piu’ per aumentare l’importo della pensione sarebbe libero di farlo; ma chi si accontenta di una pensione con importo ridotto e andare in pensione a 60 anni di eta’ avrebbe questa possibilita’ di scelta. A me sembra una buona idea. Vediamo cosa ne pensate. Grazie per l’attenzione.

  3. Quota 100 è sicuramente migliorabile ma è giusta, qualsiasi cosa pensino i fallimentari governi a guida PD!
    Migliore ancora sarebbe quota 41 indipendente dall’età. Diciamolo: chi ha contribuito con 41 anni di lavoro ha più che diritto a ritirarsi, senza contare che nella stragrande maggioranza dei casi ha già dato tutto quello che poteva al lavoro.
    In ogni caso è una scelta volontaria, come è giusto che sia.
    Non sono d’accordo sull’affermazione che quota 100 inibisca i diritti dei lavoratori precoci: chi è precoce e ha lavorato regolarmente ha i requisiti a 60 anni, due anni prima di quota 100.

    1. Sig. Salvatore, credo che farebbe meglio a ragionare prima di scrivere stupidate. Io andrò in pensione con 60 anni ma con 43,1 anni di contributi che in totale farebbe quota 103,1. La vede la differenza ? NO ? Allora non c’è speranza per Lei. Se una persona va con quota 100 secca 62-38 vuole dire che ha iniziato tardi a lavorare ( 24 anni) e ha lavorato meno (38 anni di contributi e di lavoro). I precoci hanno iniziato a 16-17-18 hanno già lavorato e versato più di 40 anni di contributi ma non hanno nemmeno la facoltà di scelta se avere magari una penalizzazione. Faccio gli auguri a chi è rientrato in questa riforma ma almeno risparmiateci i vostri erronei commenti. Davvero assurdo sentire che quota 100 non “inibisce i diritti dei lavoratori precoci”. Probabilmente sarà il caldo di questi giorni.

  4. Ogg,i guardando uno dei TG di regime, ho sentito una cosa da fare accapponare la pelle.Salvini vorrebbe anticipare la nuova manovra finanziaria entro l’estate e non in autunno.Quel fenomeno di DI Maio, avrebbe risposto cosi’……..ok ma cosa ci mettiamo dentro?Sig.Di Maio ma…..eventualmente la quota 41, cosi’ giusto per fare qualcosa…… per riempire un buco, visto che non ha idea di cosa metterci dentro.Si legge, che c’è stato un considerevole risparmio su reddito di cittadinanza e quota 100, io direi, caro Sig.Di Maio, che sarebbe ora di mantenere le promesse fatte in campagna elettorale per il voto del 4 Marzo 2018.Le ricordo che i 41 erano nel vostro programma di governo.Lei e il suo compagno di merende Salvini, non riuscirete a prendere per il culo gli italiani ancora per tanto tempo.Volete governare per altri 20 anni o volete mandare a cagare questo governo?Vi garantisco che se tirate via la legge fornero, da li’ dove siete ora non vi tira giu’ nessuno………anche se Berlusconi fara’ di tutto per farvi saltare…… perchè lui, tra 20 anni, sara’ ancora li, è un nuovo Highlander, è un immortale dell’ultima generazione, sono i peggiori che questo mondo abbia mai visto.Buona giornata

  5. Saro’ in pensione il 1 settembre di quest’anno,con quota 100, la controriforma fornero mi aveva “condannato”(e come me diversi altri colleghi docenti) ad oltre sei anni in piu’ di colpo,per l’eta’ della’ pensione,ne ho scontato tre ed avendo gia’ 64 anni ho le batterie quasi scariche.
    Hanno mille ragioni i precoci: evidente chesiano stati esclusi,pur avendo magari anni di contributi in piu’ rispetto ai miei,che sono 40 e rotti ,son costretti a lavorare ancora: quota 100 e’ sostanzialmente una manovra divisiva per il lavoratori.
    L’abbiamo denunciato,come comitato di docenti,anche a roma il 17 maggio,in occasione della mobilitazione per le pensioni.

  6. Per cortesia TOGLIETE LO SBARRAMENTO DEI 62 ANNI x quota 100. Se mi mettete in pensione con i 41anni di lavoro… Io donna ci vado a 64 nel 2024 anni, mentre con quota 100, senza sto cavolo di sbarramento, posso andare nel 2022!!!!

  7. La quota 100 e una loro invenzione nessuno la aveva chiesta o comunque se la volevano fare la dovevano fare per tutti.. Contributi più età faceva 100.. Allora era una cosa sensata .. Continuano a inventarsi un sacco di pagliacciate che non ha chiesto nessuno.. La vogliono capire che la gente vuole 41 per tutti..e la pianino di prenderci in giro

  8. Hanno solo illuso gli italiani io sono precoce appartengo alla categoria usuranti facendo oltre 200 notti all’anno che non mi è stata riconosciuta all’Inps con oltre 41 anni di contributi devo aspettare un altro anno più la finestra che schifo

  9. Quota 41-per tutti quello che serve per tutti..ma lo capite voi due che è dura a lavorare per 41 anni…..avendo iniziato da giovanissimi senza un grazie un bravo dai nostri capi …solo È sempre avanti come dei robot….quindi voi due sbrigatevi a fare sta maledetta legge (41)…..ogni giorno ne sbandierate una nuova …scivolo flat tax ma chi se ne frega BASTA…….41…..per tutti…

  10. Ma chi l’ha chiesta, se la sono inventata loro la quota 100! hanno sempre propagandato Q 41! Se volevano chiamarla in altro modo, dovevano fare la Quota 100 senza paletti!

  11. Ribadisco:
    Possono pubblicizzare q
    100 fino a che vogliono, ciò non toglie che sono degli Infami Traditori e Bugiardi!!!
    Salvini si è rilevato degno del miglior PD…
    Promesse vane e attacamento alla poltrona con gli agi che ne derivano!!
    Ma d altronde da gente che non ha mai lavorato cosa potevami aspettarci…???
    Brutta gente… Peccato aver dato lui fiducia!!!
    Essere immondo….

  12. Non dite stronzate, quota 100 non l’ha mai chiesta nessuno, chiedetelo alle donne del 61 con 40 di contributi che devono ancora lavorare o ai precoci!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *