Pensioni 2019, ultim’ora Damiano al Governo: si proroghi subito l’Ape sociale

Le ultimissime novità al 16 novembre 2019 sulla riforma pensioni giungono dall’on Cesare Damiano che nella sua ultima nota stampa invita il Governo a presentare subito un emendamento alla legge di bilancio al fine di tutelare almeno i lavoratori più disagiati garantendo, dunque, l’estensione dell’ Ape Sociale. Mancando in manovra i dettagli sulle pensioni, il rischio, mette in guardia l’esponente Dem, e che ci si trovi in un limbo, misure valide non prorogate perché messe in campo dalla precedente legislatura e nessuna nuova possibilità d’uscita. Un vero e proprio paradosso, sentenzia,  per chi prometteva di abolire in toto, in sede di campagna elettorale, la Riforma Fornero.

Manovra 2019, Damiano: Ancora nessun dettaglio su pensioni

Così Damiano, candidato alla segreteria del Partito democratico, tornando sulla legge di bilancio: “Nella legge di Bilancio, com’è purtroppo noto, non c’è il dettaglio delle misure che riguardano le pensioni, a partire da Quota 100, perché, secondo il Governo, saranno oggetto di un provvedimento ad hoc“.

Poi aggiunge, precisando sui contenuti insiti nella manovra: “C’è solo la costituzione di un nuovo Fondo che dovrebbe finanziare futuri e generici interventi per l’introduzione di altre misure, ancora in gran parte sconosciute, di flessibilità pensionistica, con uno stanziamento di risorse pari a 6,7 miliardi di euro. Una cifra senza spiegazioni di merito e sicuramente non sufficiente per mantenere le promesse del Governo”.

Pensioni necessaria proroga immediata Ape sociale

Poi aggiunge, cercando di sensibilizzare il Governo sui rischi di un vuoto normativo, e facendo una sorta di appello : “Nel frattempo, non essendo stata prevista nel testo della legge di Bilancio la proroga dell’Ape sociale, migliaia di lavoratori non avranno più alcuna possibilità di andare in pensione prima dei termini previsti dalla Fornero, cioè a partire dai 63 anni come prevede la normativa attuale”.

Poi preoccupato aggiunge, evidenziando la triste realtà che le categorie maggiormente disagiate potrebbero trovarsi dinanzi dal 1 gennaio 2019: I lavoratori disoccupati, o quelli che assistono un congiunto disabile, o hanno una disabilità superiore al 74 per cento o, ancora, che hanno svolto attività gravose, non potranno più anticipare di 4 anni il pensionamento. Infatti, la norma scade il 31 dicembre prossimo. E non è nemmeno detto che la loro condizione potrà essere comunque garantita dalla prossima e ancora di là da venire Quota 100.

Pensioni anticipata 2019, morale: senza nuove norme, lavoratori in un limbo senza sbocchi

Poi conclude, mettendo in luce un enorme paradosso verso cui potrebbe andare incontro il Governo, se non risolverà al più presto una grave lacuna: “Morale: fino a che non entreranno in vigore le nuove norme del Governo sulle pensioni, questi lavoratori resteranno in una sorta di limbo senza sbocchi. Ovvero, fino alla effettiva esigibilità della nuova misura, ci troveremo nel pieno regime della legge Fornero. Davvero un bel paradosso per chi avrebbe voluto cancellarla!”

Dunque incalza il Governo ad agire per il bene dei pensionandi, quanto prima:Al fine di colmare questa grave lacuna, mi auguro che venga rapidamente presentato un emendamento alla legge di Bilancio per la proroga dell’Ape sociale. In caso contrario la promessa del Governo diventerebbe una bugia”. Condividete le richieste di Damiano al Governo e le sue considerazioni?

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

11 pensieri riguardo “Pensioni 2019, ultim’ora Damiano al Governo: si proroghi subito l’Ape sociale

  • Avatar
    28 Novembre 2018 in 10:53
    Permalink

    PENSO CHE DAMIANO COME AL SOLITO DICE COSE CREDIBILI E VERE.LA MIA DOMANDA .E’ POSSIBILE CHE NESSUN ENTE RIESCA A DIRE QUALE E’ LA PERDITA ECONOMICA PARTECIPARE ALLA APE SOCIALE O LAVORARE ANCORA TIRANDO A CAMPARE ALTRI ANNI PER RAGGIUNGERE LA FATIDICA ETA’ DI 67 ANNI’? e doversi dimettere dal lavoro con il rischio di rimetterci un terzo della retribuzione annuale?

    Rispondi
  • Avatar
    18 Novembre 2018 in 7:38
    Permalink

    Qualcuno mi può spiegare dove sta la logica nel fatto che chi ha 38 anni di contributi può andare in pensione e io che ne ho 42 di anni e 59 di età non posso ?

    Rispondi
  • Avatar
    18 Novembre 2018 in 7:34
    Permalink

    Caro signor Di Maio… Stamattina ho sentito che sta per cadere la sua abitazione in un mare di merda .. mi auguro che un eventuale salvataggio non sia previsto nel programma di governo così ci ritroveremo tutti insieme dove lei ci sta portando…..

    Rispondi
  • Avatar
    17 Novembre 2018 in 20:25
    Permalink

    RENATO, hai pienamente ragione del resto la rovina dell’italia sono sempre stati politici da certa parte dell’italia, persone con poche vedute se non le proprie, vedi NO a TAP, NO a TAV, NO a INCENERITORI ecc… Vogliono rimanere allo stato primitivo. Invito a questi politici dei 5 Stelle a visitare paesi come gli Emirati arabi, il Qatar, l’Oman per rendersi conto di quanta trasformazione anno avuto nell’ultimo decennio, mentre noi con la loro mentalità ottusa disfattista su tutto riducono un paese alla rovina e obsoleto. POVERA GENTE senza testa

    Rispondi
  • Avatar
    17 Novembre 2018 in 12:13
    Permalink

    Ha ragione Damiano quando dice che la maggior parte degl’esodati sono dopo il 2019, quindi l’Ape Sociale deve essere prorogata senza termini. Io sono una di questi. Andrei se la prorogano nella fine 2020.

    Rispondi
  • Avatar
    17 Novembre 2018 in 8:06
    Permalink

    PENSANO DI AVER RISOLTO IL NODO PENSIONI CON UNA QUOTA 100 RIDICOLA , E NON C’E’ GIORNO CHE NON TROVINO ALTRI PROBLEMI DI CUI PARLARE ( INCENERITORI ) , UN GOVERNO CHE LITIGA SU TUTTO E RIMANE IN CARICA SOLO PER REALIZZARE OGNUNO IL SUO PROGRAMMA. I 5S DIMOSTRANO IN CONTINUAZIONE L’APATIA SU OGNI OPERA OGNI PROBLEMA CHE QUOTIDIANAMENTE SI PONE RISOLVONO LE NUOVE QUESTIONI LAVANDOSENE LE MANI SEMPRE CON LA STESSA TIRITERA ” NON ERA NEL CONTRATTO “!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! MA E’ OVVIO CHE SE C’E’ UN TERREMOTO SE CADE UN PONTE BISOGNA AFFRONTARE IL PROBLEMA CON RAPIDITA’ , BUONSENSO , E TANTA TANTA RAGIONEVOLEZZA !!!!!!!! NON SI PUO’ DIRE NO A TUTTO I PROBLEMI VANNI RISOLTI E BENE LASCIANDO DA PARTE ò’ORIENTAMENTO POLITICO, MA LORO VEDONO L’INGANNO OVUNQUE E NON RISOLVONO NULLA ASPETTONO CHE I DUE BURATTINAI DETTINO LA LORO LINEA . SONO SOLO DEGLI INCAPACI E INETTI ,VERE E PROPRIE MARIONETTE , COME SI PUO’ DIRE CHE GLI INCENERITORI NON SI FARANNO MAI . LA PATTUMIERA DELLA CAMPANIA DOVE LABUTTIAMO A MARE ?????E’ OVVIO CHE MANDANDOLA IN GEMANIA O IN ALTRE REGIONI D’ITALIA I COSTI VANNO ALLE STELLE , POI SI LAMENTANO CHE I CAMPANI PAGANO MOLTO LO SMALTIMENTO E ANDRA’ A FINIRE COME LE ASSICURAZIONI CHE PER LE LORO FRODI A L’ALTA PERCENTUALE DI INCIDENTI PRETENDONO DI LIVELLARE IL COSTO IN TUTTA ITALIA !!!!!!!!!! QUESTI VIVONO IN ALTRO MONDO ,SONO ANATI AL GOVERNO SOLO PER FARE DISASTRI DEL PROBLEMA DEI PENSIONATI E DEI PRECOCI NON GLI FREGA NIENTE , ANZI CI VOGLIONO LASCIARE A MORIRE SUL POSTO DI LAVORO E CON I NOSTRI CONTRIBUTI DANNO IL RdC A CHI IL LAVORO NON L’HA MAI VISTO O LAVORA IN NERO.

    Rispondi
  • Avatar
    16 Novembre 2018 in 21:39
    Permalink

    Damiano parla benissimo
    Mi auguro così come penso sia per tutti i disoccupati non per loro scelta ma per costrizione,che venga prorogata l’ape social
    Unica soluzione per tante persone non proprio baciate dalla fortuna…

    Rispondi
  • Avatar
    16 Novembre 2018 in 17:56
    Permalink

    Senza dubbio. Senza il rinnovo dell’ape social i disoccupati non potranno fare altro che attendere la pensione di vecchiaia a 67.5 anni o al massimo , in alcuni casi con gestione separata, la pensione anticipata ma contributiva a 64 anni. Direi che l’unica possibilita’ per un disoccupato 63 enne e’ solo l’ape social prevista dal governo gentiloni. La quota 100 non serve assolutamente in quel caso perche non potresti piu accumulare contributi per raggiungere i 38 richiesti. Saluti Andrea

    Rispondi
  • Avatar
    16 Novembre 2018 in 14:21
    Permalink

    la richiesta di Damiano è giusta ed indiscutibile,

    Rispondi
  • Avatar
    16 Novembre 2018 in 9:54
    Permalink

    Damiano ….adesso cosi prodigo di idee e consigli… peccato che quando il suo partito ha governato non avete fatto nulla in materia di pensioni!

    Rispondi
  • Avatar
    16 Novembre 2018 in 8:44
    Permalink

    Ma tale damiano non è quello che col suo partito (pd) ha votato la fornero
    Ma quando erano al governo (qualche mese fa) cosa ha fatto per i lavoratori?
    Ma chi ha attuato il jobs act ?
    Damiano è meglio che si nasconde .lui ed il suo partito hanno fatto solo nefandezze per i lavoratori!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *