Pensioni 2021: cosa succede con il Governo tecnico di Draghi?

Draghi Pensioni

Votare ora, proprio non si può. Non si può lasciare il Paese nell’inevitabile vuoto che il percorso elettorale comporta. E’ questo il ragionamento che Sergio Mattarella premette, prima di far annunciare dal Quirinale di aver convocato Mario Draghi per oggi. Il presidente della Repubblica ieri sera ha annunciato che si darà forma ad un Governo tecnico per superare la crisi innescata da Renzi: “Avverto il dovere di rivolgere alle forze politiche un appello per un governo di alto profilo per far fronte con tempestività alle gravi emergenze in corso”. Vediamo allora gli scenari futuri e cosa potrebbe succedere con l’arrivo di Draghi alla presidenza del Consiglio. Salvini lancia già un appello per non bloccare quota 100.

Riforma Pensioni 2021 e crisi di Governo, perchè: Draghi e non elezioni anticipate?

Il presidente Mattarella è stato molto chiaro sui rischi di un voto anticipato: “Vi sono adesso due strade fra loro alternative: dare immediatamente vita a un governo, adeguato a fronteggiare le gravi emergenze presenti, sanitaria, sociale, economica-finanziaria, ovvero quella di immediate elezioni anticipate. Questa seconda strada va attentamente considerata perché le elezioni rappresentano un esercizio di democrazia. Di fronte a questa ipotesi ho il dovere di porre in evidenza alcune circostanze che oggi devono fare riflettere sull’opportunità di questa soluzione.

Sotto il profilo sanitario, i prossimi mesi saranno quelli in cui si può sconfiggere il virus oppure rischiare di esserne travolti. Questo richiede un governo nella pienezza delle sue funzioni, per adottare i provvedimenti via via necessari, e non un governo con attività ridotta al minimo, come è inevitabile in campagna elettorale. Lo stesso vale per lo sviluppo decisivo della campagna di vaccinazione, da condurre in stretto coordinamento fra lo Stato e le Regioni

Pensioni 2021 e Governo Draghi: cosa succederà?

Matteo Salvini intanto ha già lanciato un appello al futuro Governo, e questa mattina ha dichiarato al Corriere della Sera che “Le parole chiave sono lavoro, tasse e pensioni. No assoluto alla fine di quota cento. Qui rischiano di saltare due milioni di posti di lavoro, non si può pensare di tornare alla Fornero“. Poi prosegue spiegando che garantirà l’appoggio al Governo solo se si farà il suo programma politico: “Un impegno a non aumentare in alcun modo le tasse. No alla patrimoniale, no agli aumenti dell’Imu. Chiunque voglia governare con la Lega, si chiami Draghi, Cartabia o Cottarelli, deve saperlo. E flat tax al 15 per cento e pace fiscale sulle cartelle esattoriali”.

Insomma, Salvini è pronto a stare all’opposizione, anche perchè il Governo tecnico che si appresta a nascere potrebbe varare un periodo di austerity, e sulle pensioni è difficile pensare ad un rinnovo di quota 100 (che arriverà a naturale scadenza a fine anno) o l’introduzione di una quota 41 per tutti. Draghi infatti un paio d’anni fa, da Direttore della Banca Centrale Europea, ammonì proprio il Governo Salvini-5stelle sull’elevata spesa pensionistica, ricordando che la sostenibilità del sistema è a rischio se non si interverrà con riforme restrittive: “Molti paesi hanno già applicato delle riforme dei sistemi pensionistici dopo la crisi del debito sovrano, sebbene il passo delle riforme abbia fatto registrare un rallentamento di recente. Ulteriori riforme in questo settore sono essenziali e non devono essere ritardate, anche alla luce di considerazioni di politica economica”.

Insomma, il Governo tecnico non sembra far presagire spiragli per allargare le maglie dell’uscita del mondo del lavoro, al contrario sarà molto difficile mantenere quota 100 o altre forme di pensione anticipate, e lo spettro della Fornero aleggia nuovamente sui lavoratori…. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti qui di seguito!

Commenti

  1. se a ogni lavoratore che esce dal mondo del lavoro si facessero assumere 2 nuovi giovani si risolverebbe sia il problema pensioni che quello di disoccupazione o no?

  2. Buon giorno,
    E’ da quando hanno istituito (in forma sperimentale) Quota 100 che cerco di rientrare tra quelli che ne possano beneficiare.
    Quest’anno avrò 62 anni e 38 anni di contributi e quindi dovrei andarmene in pensione finalmente.
    Sono stato fino all’ anno scorso con il fiato sospeso perchè qualcuno in Europa ed in fine Qualcuno della maggioranza demonizzava quota 100 è voleva che venisse abolita.
    Adesso mi ritrovo di nuovo a fare i conti con un altro venuto dall’ Europa anche se italiano che cercherà di tagliare in corso d’opera quota 100.
    Dobbiamo smetterla non si cambiano le carte in tavola a gioco iniziato.
    Così pure io sono capace a governare un paese.

  3. Non capisco come volete farvi del male voi stessi e ai v/s figli.
    E’ necessario prorogare la quota 100 , se non viene prorogata, provate ad immaginate cosa
    succede con lo sblocco dei licenziamenti.
    Cercate di avere una visione più ampia del fenomeno.

  4. Sono del parere che la scelta di uscire dal mondo del lavoro prima sia un diritto del cittadino Opzione donna e Ape sociale non vanno toccate.

  5. IO SPERO NEL RINNOVO OPZIONE DONNA NEL 2022 , SBAGLIO? OPPURE IN QUALCHE FORMULA CON GLI STESSI REQUISITI
    LA SPERANZA E’ L’ULTIMA A MORIRE

  6. Ma salvini la vuole capire che la legge fornero non è mai stata abolita .. continua con sto ritornello non si deve tornare indietro alla legge fornero .. la legge fornero e ancora li.. speriamo solo che non vogliano ritoccare i 41,10 per donne 42,10 uomini sarebbe veramente il massimo .. ma c’è da aspettarsi di tutto

  7. Quota 💯 era solo sperimentale e va fortunatamente in pensione a fine 2021.
    Dal 2022 resta in vigore la Fornero (mai abolita o sospesa) ma dovremo però fare i conti con ciò che ci lascia in eredità la sciagurata quota 💯: un nuovo scalone!
    Auguriamoci che propongano finalmente un sistema di uscite flessibili con decurtazioni progressive ma decrescenti nel tempo.

  8. Quota 💯 era solo sperimentale e va fortunatamente in pensione a fine 2021. Dal 2022 resta in vigore la Fornero (mai abolita o sospesa) ma dovremo però fare i conti con ciò che ci lascia in eredità la sciagurata quota 💯: un nuovo scalone! Auguriamoci che propongano finalmente un sistema di uscite flessibili con decurtazione progressive ma decrescenti nel tempo.

  9. Buongiorno mi sembra che la riforma Fornero e attualmente in Vigore , si va in Pensione 43 Anni ed un Mese…
    che facciano un po’ Loro più di cosi cosa vogliono ….

  10. Ricordo a Salvini che la c.d. legge Fornero è tutt’ora in essere e applicata… ricordo anche agli analisti e commentatori, che in Italia si va mediamente in pensione a 62 anni e qualche spicciolo di mese…la vera anomalia è questa, qualcuno va in pensione addirittura prima dei 60 anni, e altri (grazie a questi) andranno in pensione nel 2021 a 67 anni.

    1. quelli che vanno in pensione prima dei 60 anni è perche hanno cominciato a 14 anni e hanno versato donne 41 anni e 10 mesi uomini 42 e 10 mesi

    2. Caro signore
      Se uno va in pensione con 43 anni e 1 mese prima dei 60 anni,vuol dire che a 15 anni già lavorava.
      Quindi prima di parlare male ci ripensi.
      Invece ci sono le forze armate le quali a 50 vanno in pensione,quello è da risolvere

  11. Ad ogni governo tendente a sinistra da fastidio quota º pensione anticipata ..basterebbe sgravare le imprese e obbligare a istituire un turn over …dei lavoratori uscenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su