Ezio Cigna CGIl Pensioni

Pensioni 2024, Ape sociale, Quota 103, Opzione donna: quanti si salveranno dalla Fornero?

Chi andrà in pensione anticipata bypassando la legge Monti-Fornero? Numeri davvero molto bassi quelli stimati dalla Cgil, che su Collettiva.it, riporta i valori di quanti quest’anno avranno modo di uscire dal mercato del lavoro usufruendo delle nuove misure messe in campo dal Governo ed approvate con la recente legge di bilancio 2024. Come ormai é noto a quanti ci leggono, tutte le misure vigenti nel 2023 non hanno trovato proroga nel 2024, o meglio sono state riconfermate ma non alle stesse condizioni. Opzione donna, già abbondantemente modificata nel 2023 rispetto alla versione originaria, vede un ulteriore aggravio di 1 anno anagrafico, mentre Ape socale vede un aumento di 5 mesi, da 63 a 63 e+ 5 mesi appunto, la Quota 103 , diviene fruibile solo con finestre peggiorative e soprattutto solo con il ricalcolo dell’assegno contributivo.

Proprio per questa ragione é facile intendere che molti opteranno per restare al lavoro fino al raggiungimento dei requisiti Fornero in quanto, paradossalmente, meno penalizzanti di quelli attualmente proposti da chi la Fornero la voleva eliminare. Ezio Cigna, responsabile delle Politiche previdenziali dell Cgil nazionale, commentando i dati stimati dall’ufficio politiche previdenziali Cgil mette l’accento sulle ‘bugie dell’attuale Governo’. Riportiamo parte dell’articolo apparso su Collettiva in data 16/1, che ben chiarisce il quadro.

Pensioni 2024, solo 11.750 persone si salveranno dalla Fornero

“Insomma, ben pochi potranno beneficiare delle misure previdenziali (ape sociale, quota 103, opzione donna) che in questi anni avevano provato a fare un passo avanti per migliorare quella legge così criticata da tutti ma ancora in vigore e da quest’anno anche ulteriormente peggiorata: la legge Monti-Fornero. L’Ufficio politiche previdenziali della Cgil ha stimato il numero delle persone coinvolte nel 2024 in queste tre misure:

  • Ape sociale: visto l’incremento di 5 mesi per il requisito anagrafico, saranno solo 9.000 le persone che potranno beneficiare di questa misura;
  • Quota 103 (62 anni di età e 41anni di contributi): viene introdotto il ricalcolo contributivo e le finestre di uscita aumentano di ulteriori quattro mesi per i privati e tre per i pubblici (rispettivamente diventeranno 7 e 9 mesi) con un tetto massimo per il 2024 pari a 4 volte il trattamento minimo. Il risultato è che di fatto, nel privato, solo coloro che perfezioneranno il requisito nei primi 4 mesi dell’anno avranno la pensione nel 2024, mentre nel pubblico solo coloro che perfezioneranno il requisito nei primi due mesi dell’anno, vista la finestra di 9 mesi. Proprio per questo motivo le pensioni con “quota 103” liquidate nel 2024 saranno 2.500, nessuna donna accederà a tale strumento, visto che coloro che potrebbero perfezionare 41 anni di contributi e 62 anni di età, avrebbero già perfezionato il requisito per accedere al pensionamento con Opzione donna nel 2021 con 35 anni di contributi e 58 di età;
  • Opzione donna: previsto un aumento di un anno del requisito di età. Dopo l’azzeramento previsto dal Governo nella scorsa legge di bilancio è diventata di fatto una misura assolutamente inutile e riguarderà solo 100 donne. Saranno infatti necessari entro il 31 dicembre 2023 35 anni di contribuzione e 61 anni di età per le casistiche definite precedentemente (caregiver, invalide dal 74%). I 61 anni di età si riducono di un anno per ogni figlio, fino a un massimo di due (59 anni di età). Per le lavoratrici licenziate o di imprese in crisi il requisito di età è 59 anni a prescindere dal numero di figli.

Sommando questi tre dati si arriva al numero che facevamo sopra: nel 2024 solo a 11.750 persone non si applicherà la legge Monti-Fornero. “I numeri sono inconfutabili – commenta Ezio Cigna – e mostrano chiaramente le tante bugie di questo Governo. Con queste misure ci saranno 51.884 pensioni in meno di Ape sociale, Opzione donna e Quota 103, rispetto a quelle che ci sarebbero state con una proroga delle tre misure originarie. Un taglio pari a ben l’82%: questa è la verità

Voi cosa ne pensate al riguardo? Siete tra quelli rimasti fuori per un soffio o tra quelli che avete optato per rimandare la quiescenza a causa delle condizioni poco favorevoli nel 2024? Fatecelo sapere, se vi va, nell’apposita sezione commenti del portale.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

100 commenti su “Pensioni 2024, Ape sociale, Quota 103, Opzione donna: quanti si salveranno dalla Fornero?

  1. Scusate ma i sindacati che cavolo fate dormite su 7 cuscini o non ve ne frega niente neanche a voi di noi poveri lavoratori?

  2. E pensare che è la prima volta che c’è una donna al potere, la prima cosa che ha pensato bene di fare è stata fregare tutte le donne! Complimenti!

  3. In ambito di opzione donna, la scelta che hanno fatto sulle licenziate è priva di ogni fondamento. In pratica solo le licenziate da azienda in crisi MA con tavolo aperto al Mise in un preciso momento, possono usufruire di opzione donna ovviamente con la maturazione dei requisiti. Questo è un provvedimento del tutto discriminante e direi anche anticostituzionale, che meriterebbe un approfondimento giuridico. I sindacati per primi dovrebbero farsi promotori di queste verifiche in ambito legale. Arrivate ad una certa età, le donne, se licenziate, vuoi per crisi aziendale o interruzione del rapporto per esigenze del datore di lavoro, non riescono più a proseguire la loro attività lavorativa, possono forse trovare lavoretti in nero che non gli risolvono il problema dei contributi. Alcune possono aspettare di maturare i requisiti per la Fornero, magari, se ne hanno la possibilità e con enormi sacrifici famigliari versando i contributi mancanti al raggiungimento dei 41 anni e 10 mesi della Fornero, e tutto ciò è veramente inconcepibile.
    Paradossalmente, per come è stata fatta la legge potrebbero usufruire di opzione donna , coloro che sono ancora occupate in un’azienda pur in crisi, piuttosto che coloro che il lavoro lo hanno già perso magari da azienda fallita ma senza un tavolo tutt’ora aperto. Il tutto ha veramente dell’incredibile.

    1. Bravissimo spiegazione eccellente. Una vera ingiustizia visto che quest’anno hanno poi aggiunto un’altra annata all’uscita già penalizzante in confronto alla versione originale di opzione Donna l’unica opportunità per noi donne

  4. Il governo nel 2023 ha tergiversato sulla pensione anticipata, prima spostandola a 104, poi retrocedendo a 103, ma con penalizzazione: calcolo col metodo contributivo e non misto. E così mi ritrovo, dopo 41 anni di lavoro nella scuola (con università riscattata) e tra poco 62 anni di età, a percepire forse 1840 euro LORDI (calcolo previsionale Inps). Sono in dubbio se inoltrare la domanda per la pensione quota 103 o rischiare un altro anno e attendere i 41 anni e 10 mesi; temo che, se il governo appronterà la riforma, magari verranno meno queste garanzie d’uscita: 41 anni e 10 mesi con calcolo misto. Qualcuno ha la sfera di cristallo?

    1. Cara collega Franca visto che tra prof ci capiamo; dubbio amletico se continuare 1 anno o inoltrare la domanda; cosa fare? una cosa è certa: prenderesti una salassata facendo la domanda quest’anno considerando il tutto contributivo; e allora? dipende da quanto ti pesa il lavoro, quanto non ne puoi più, quanto ti mancheranno le tue classi etc; il 41 e 10 mesi con il misto è una garanzia ………… ma; potrebbero dire: tutto contributivo anche con la legge fornero; non sei d’accordo? fammi causa e giocano sul fatto che 1 su 10 gli fa causa individuale, gli altri si rassegnano o aspettano cause collettive……… tramite i sindacati…………………………ci siamo capiti; saluti a te e ai gestori del sito

    2. Cara collega Franca, sono anch’io nella tua situazione. Quest’anno maturo i requisiti per la quota 103 e il prossimo anno andrei in pensione con la leggere Fornero anticipata. La scuola mi pesa tantissimo e rimanerci un altro anno è un’impresa titanica, tuttavia, non inoltrerò la domanda per la quota 103 e aspetterò la Fornero tenendo le dita incrociate…
      Un saluto.

      1. Con l’occasione mi rivolgo a Franca e marinella60; esiste anche una terza soluzione e mi è venuta in mente perchè è quella che ho fatto io 4 anni fa: il partime; certamente , si guadagna di meno che con l’orario completo ma anche si fatica di meno; io, per esempio invece di 9 classi sono passato a 7; avevo un giorno libero in più; fate ancora in tempo in quanto di solito le domande si fanno a marzo per attivarlo a settembre; chiedete alle vostre segreterie in merito; in bocca al lupo e saluti a voi e ai gestori del sito

        1. Grazie Paolo Prof, la tua è un’ottima idea che condivido pienamente, infatti, sono in part-time da due anni ed effettivamente ti dà un po’ di respiro. Mi sentirei di consigliarlo perché se lo si fa a fine carriera e per pochi anni incide poco sull’assegno pensionistico. Dobbiamo trovare tutte le strategie per sopravvivere, perché gli ultimi anni di lavoro sono sempre i più faticosi. Grazie per il tuo contributo a questo forum. Un saluto a te e ai gestori.

          1. infatti, io ho cominciato dai 60 anni per gli ultimi 2 anni di scuola; meno soldi ma meno fatica; saluti a te e ai gestori del sito

        2. Grazie Paolo Prof, è un ottima idea, infatti sono in part-time da due anni e questo aiuta abbastanza. Lo consiglierei a fine carriera perché incide poco sull’assegno pensionistico. Del resto bisogna attivare tutte le strategie perché gli ultimi anni di lavoro sono quelli che pesano di più. Grazie per il tuo contributo a questo forum. Un saluto a te e ai gestori del sito.

          1. Grazie a prof. Paolo e Marinella! Ho optato per un anno di part time, sperando nella legge Fornero nel ’25.

    3. Scusami se mi permetto ma ti conviene accettare quota 103 questo governo vuole portare la legge Fornero a 43 anni di lavoro. Questo Governo fa il contrario di quello che promettevano hanno imbrogliato noi donne con Opzione Donna non è da fidarsi

      1. Cara Giovanna, questo governo non vuole che la gente vada in pensione anticipata per cui sta adottando qualsiasi strategia per evitare questo: non alza l’età e i contributi perchè li ha già alzati l’anno scorso ma fa di peggio: con il tutto contributivo ti vuole fregare gli anni di retributivo che non sono 5-6 adesso; adesso sono oltre i 10 per chi raggiunge i 41 anni; non gli basta, e qui lo smantellamento di opzione donna, i 35 anni di contributi perchè non vuole mandare donne in pensione a quelle età; detto questo ognuno fa i suoi calcoli sul tipo di lavoro che fa e decide; saluti a te e ai gestori del sito

  5. Meloni, Salvini, Durigon, Giorgetti e combriccola, hanno mentito al popolo italiano.
    “L’art.1 della Costituzione afferma che l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro (dei sessantenni). Lo stesso articolo sancisce il principio di sovranità popolare, affermando che la sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione… (presa per i fondelli).
    Spero che questo governo cada il prima possibile; sono riusciti a fare peggio della fornero

  6. Salvini è riuscito a entrare al governo con le sue menzogne promesse mai mantenute smantellero’ la legge Fornero pezzo pezzo testuali parole prima col governo Conte e poi gov Meloni nn sei più credibile vergogna!!!!

  7. volevo segnalare due importantissime petizioni su change.org
    la prima:
    https://www.change.org/p/riscatto-dei-periodi-di-formazione-professionale-al-fine-pensionistico molti paesi dell’Unione europea come la Germania, la Francia, anche il Lussemburgo, i corsi professionali, anche quelli svolti al di fuori del proprio stato, a patto che siano appartenenti alla UE, vengono assimilati nel calcolo dell’intera vita lavorativa in maniera automatica
    la seconda:
    https://www.change.org/p/ampliamento-termini-della-pace-contributiva-anche-prima-del-1996?signed=true Ampliamento termini della pace contributiva anche prima del 1996 PERCHE’ NON SI PUO PAGARE DI TASCA PROPRIA PICCOLI BUCHI CONTRIBUTIVI ?

  8. Ho 67 anni .20 anni di lavoro autonomo solo contributivo .ma la pensione non me l ha danno..i miei soldi versati a chi vanno?Alle persone che non hanno mai lavorato. Grazie governo.

  9. Intervenire con aumento di 5 mesi per ape social riguardante i caregiver e considerare queste situazioni aggredibili per fare cassa, soprattutto dopo aver regalato alle banche oltre due miliardi rinunciando di fatto a tassare gli extra profitti mostra un cinismo e una pochezza di visione anche politica. Poi la faccia tosta di definire il pasticcio/regalo alle banche una situazione “win to win”.

  10. Finché noi italiani non impariamo a fare le rivoluzioni i politici di Roma continueranno a toglierci tutti i diritti acquisiti dai nostri nonni e padri. A poco a poco. Non ci vuole molto, basta imparare dai cugini francesi che con le rivoluzioni, che sanno fare molto bene, riescono ad ottenere qualche risultato. Gli italiani devono cominciare a far paura alla nostra classe politica (senza incendiare le città). Riguardo ai sindacati rivolgersi a “chi l’ha visto”.
    Cordialmente

  11. Abbiamo pochi strumenti per farci sentire ma quello che ha più efficacia è il voto. Ricordiamoci delle false promesse elettorali quando sarà il momento di votare. Mai più la mia preferenza a chi ci ha fregato… senza se e senza ma!

    1. Caro Matteo Fulmino purtroppo noi pensionandi ultra sessantenni per i nostri governanti non contiamo più nulla il nostro voto non gli interessa più siamo solo carne da macello.

  12. È una vergogna! Hanno fatto solo propaganda in fase pre-elettorale per poi prendere in giro tutti. Noi donne siamo state beffate in modo inaudito! Io per prima che avevo dato fiducia all’attuale presidente del consiglio. Alle prossime votazioni spero che tutti si rendano conto dei danni che hanno fatto e si comportino di conseguenza. Purtroppo non si può fare altro

  13. Se uno va in pensione anticipata con le regole della Fornero viene conteggiata la pensione con il metodo di calcolo con il sistema misto? Grazie a chi mi risponde

  14. Maledetto Governo! Bugiardi e schiavi dell’Europa. Promesse farlocche e la colpa sempre degli altri Governi e loro cosa hanno fatto? Tasse, tasse tagli su tutto. Dopo 38 anni di contributi pagati , una vita di lavoro , 2 figli e anziani da accudire mi vogliono levare 700€ per andare in
    pensione. Speriamo che gli Italiani capiscano presto a cosa stanno andando incontro. Sindacati non pervenuti

  15. Non ci sono parole, siamo qui tutti a dire “non toccate la Fornero “.
    Salvini dovrebbe dimettersi dopo tutte le promesse in campagna elettorale.

  16. Siamo tutti cittadini italiani?
    E allora mi dite se anche il legislatore (parlamentari) sono sottoposti a questi obbrobri di età e di aspettative di vita?
    Intanto il COVID che ha diminuito tali aspettative di vita, non mi risulta che il legislatore abbia emesso una qualche norma che diminuisse tali periodi pensionistici.

    PS: Non ho visto pubblicato un mio precedente commento.

  17. Maledetto Governo Meloni Salvini tante promesse sulle pensioni poi di fatto il peggiore di tutti i tempi. Falsità e bugie per togliere quelle poche opzionali pensioni. Peggiorata Opzione z ad donna e Ape sociale niente quota 41 per tutti e tutta contributiva. VERGOGNA MELONI SEI LA PIÙ FALSA SPERO IL TUO GOVERNO DI MINISTRI LADRI VADA A CASA

    1. Opzione donna che inserisce i requisiti dei figli è anticostituzionale va contro i diritti di uguaglianza e umiliante x quelle donne che x motivi di salute non hanno avuto la gioia di un figlio la meloni e il ministro competente devono vergognarsi ,possibile che i sindacati i politici non portino la questione davanti alla corte costituzionale italiana e la corte di giustizia europea .patrizio giurista.

      1. I sindacati e i politici prendono stipendi talmente alti che uscire dalla loro confort zone sarebbe deleterio per loro……sono incantatori di serpenti ,dicono tutto e il contrario di tutto,inaffidabili personaggi,ai quali molti rincoglioniti italiani credono ancora.punto

  18. Ho 64 anni e riscattando gli anni di università potrei uscire con la quota 103 nel 2024 ma la differenza tra uscire col sistema contributivo e uscire a 67 anni con la vecchiaia si aggira tra i 300 e i 400 euro lordi mese . Potrei in questo caso utilizzare il riscatto agevolato spendendo 25000 euro circa.
    Nel 2025 arriverei a 43 anni di contributi ma per rimanere nel sistema misto dovrei riscattare spendendo oltre 100000 euro. Quindi la mia scelta è rimanere al lavoro fino a 67 anni .

    1. Io ne ho 64, mi sono fatta licenziare che nn ne potevo più sono oss, ma adesso con la parolina licenziamento “involontario” nn posso più usufruire della ape sociale….grazie quelle due donne vergognose….donne x le donne 🤮

  19. Siamo al disastro totale e al massacro dei nati dal 60 al 65.
    Elimineranno ogni canale anticipato per farci andare tutti a 67 e oltre , poi siccome non saranno comunque contenti del sangue bevuto, obbligheranno alla contributiva ed elimineranno il misto anche per chi andrà con la vecchiaia e poi per finire l’ultimo sangue rimasto, useranno il fine rapporto come assegno per la pensione fino ad esaurimento di tutto il tfr. A quel punto essendo ormai tutti con il contributivo ed essendo sparito il misto continueranno ogni anno a limare gli indici delle tabelle di rivalutazione dei contributi fino a far morire il valore mensile della pensione e renderci poveri.
    Forse allora l’Europa e i nostri politici saranno sazi e si sposteranno con la stessa energia e fame su altri fronti .

  20. Purtroppo ancora oggi si ripete …
    Le promesse elettorali le porta via il vento…
    L’importante che i loro stipendi siano sempre al sicuro e di noi cittadini onestamente a questa gente non è mai importato nulla
    In sede elettorale bisogna punire le innumerevoli bugie ….

  21. Ritengo che in uno stato che si definisca di diritto sia un’assurdita’ non sapere quando e come uno uscirà dal mondo del lavoro. Una cosa buona e giusta, in primis, sarebbe quella di far chiarezza tenendo separati i costi della previdenza da quelli della assistenza, ma evidentemente ciò potrebbe non giovare…quindi meglio andare avanti bastonando i boomer…
    Ma io mi chiedo quando hanno fatto la legge per le pensioni baby alle generazioni future non ci hanno proprio pensato…siamo governati da una massa di politici miopi

  22. In tutto il ’23 i sindacati a mio avviso hanno ottenuto zero risultati sulla previdenza, e ora mi sembra che non ne parlino neanche più , mi sembrano sempre più lontani dai lavoratori .
    Idem dicasi per Salvini che in tema di pensioni mi sembra non intervenga quasi più, visto quanto da lui personalmente promesso prima delle elezioni ….non certo finestre di 6 o 9 (nove!) mesi e assegni ridotti applicando il calcolo contributivo !

  23. Questi hanno fatto peggio della Fornero, oltrettutto io dovrei andare con 42 anni e 10 mesi più tre di finestra,legge Fornero , anche questa mi hanno detto che è penalizzata e non so di quanto,devo fare domanda di pensione e non so quanto andrò a prendere.una cosa scandalosa.

    1. Massimo…. nessuna penalizzazione per quest’anno, (per i prossimi non si sa). Vai al Patronato che ti spiegano tutto.

  24. Ma mettete ste proposta Tridico e cercate di non fare disastri.Siete degli incapaci senza nessuna esperienza e capacità politica.Fac59

    1. Caro Marco, i disastri li stanno attuando, in campo previdenziale con il peggioramento della legge Fornero, in campo fiscale con la Fla Tax, in campo economico con la riforma dell’economia differenziata, in campo della giustizia con la riforma di Nordio, come vedi al Peggio non c’è mai fine e questi “nuovi” incompetenti lo stanno facendo capire tutti i modi!!
      o NO??

      1. Posso condividere quanto espresso da te Peppe però questo è un governo politico votano dagli Italiani, gli altri governi erano formati da persone, vei PD, che non vince le elezioni da decenni, ultima volta con Romano Prodi ed è finuiti in poco tempo grazie a Bertinotti. Quindi dobbiamo rassegnarci perche questi dureranno parecchio e comunque fanno quello che possono in campo economiuco mentre sono zero nel campo della riforma delle pensioni.

      2. Governo di Buffoni….,solo promesse elettorali per togliere la legge Fornero ed ora è solo peggio. La rabbia dei lavoratori è ; tagliano i diritti sudati e non fanno NULLA per eliminare l’evasione fiscale.Governo di Esseri inutili .

          1. Caro Marco.
            Sarò un po’ lungo, perdonami.
            Parto dal tuo: “probabilmente” che ho virgolettato ma che mi rincuora dicendoti:
            A mio parere, le “mancate promesse” di un politico recente o quelle in genere dell’intera classe politica che governa si scontrano regolarmente e da tempo con le REGOLE o con le SCELTE imposteci.
            Mi limito alla fine anni 80, alle idee economiche proprie del neoiberismo perseguite in tutto l’occidente e ora rinnegate perfino da qualche premio Nobel.
            Al conseguente rifiuto dell’economia mista: PRIVATO/STATO, al divieto dell’aiuto da parte di quest’ultimo e al suo finale: la GOBALIZZAZIONE, quando il sistema misto, stranamente, è molto in auge in Cina.
            In particolare guardo alla “ruggente globalizzazione finanziaria”, all’aver globalizzato il lavoro e i suoi costi, gli stipendi e l’occupazione e di conseguenza le pensioni che ricordo essere un puro “giro di cassa” rendendole in questo modo più contenute, e/o più ritardate.

            Considerato che da profano vedo permanere l’uso antico come il cu-cu del prestito a debito; che le riforme del mercato del lavoro e delle pensioni peggiorative risalgono agli anni novanta; che si riacutizzano le situazioni di debito pubblico, geoeconomiche, geopolitiche, di crisi e di crack.
            Posso solo pensare che le delocalizzazioni hanno si reso una parte del mondo meno povera ma a discapito di una buona parte dell’altro che ne ha subito le conseguenze. Sembrerebbe parte degli economisti abbiano ignorato il principio dei vai comunicanti.

            Quel relativo, illusorio, benessere per il quale saremmo divenuti tutti più ricchi e liberi dall’oppressione del lavoro, ora si ritrova con l’avanzare di generazioni di figli che saranno più povere di quelle dei loro padri; di giovani che emigrano in cerca di lavoro e di padri che cercheranno poi di raggiungerli perché così comanda il cuore.

            Comprendo lo sconforto degli speranzosi di una “terra promessa”, trascorsi 41 di contribuzione per dedicarsi ad altro; ma come ignorare che in fatto di rovesciamenti politici abbiamo fatto scuola.
            Numerosi sono stati i tentativi, poco hanno cambiato e per l’ennesima volta i molti che qui scrivono attenderanno minacciosi “varco del voto”.
            Passata la fiducia nel continuo progresso tecnologico, resta anche la rabbia e la paura nei confronti della :ROBOTICA, degli ALGORITMI o dell’INTELLIGENZA ARTIFICIALE. Si guarda all’ipotesi di una loro possibile “tassazione”(quando arrivasse) perchè necessaria a ripianare il mancato “giro di cassa”.
            Contenere le “fortune“ di pochi e la perdita di posti di lavoro di molti.
            Personalmente concordo su questa ipotesi.
            Ma per non ricadere negli errori, non dimenticherei che la dove la globalizzazione ci ha portato, sono divenuti abili quanto o più dei “maestri occidentali” e che anche nel mondo dell’economia vige, da sempre, “L’arte della Guerra”.

            Un aforisma a conclusione.
            Tratto da: L’arte della Guerra VI secolo a.c. di SUN TZU “Possiamo fissarci in molti modi. Uno di questi può essere l’abitudine, i vecchi schemi di pensiero, simili a rivoletti nella sabbia attraverso i quali scorrono ostinatamente i nostri pensieri. Le buone abitudini possono essere tanto limitanti quanto quelle cattive.”

            Saluti.

      1. Buongiorno.Con la proposta Tridico riuscirei a prendere qualcosa da subito.Invece devo aspettare 3 anni per raggiungere i 67 e probabilmente prendere sempre meno.Sempre che non stravolgano il limite dei 67.Fac59

        1. Già, perché chi è rimasto al lavoro guadagna meno di chi è andato in pensione, per effetto degli aumenti scattati sulle pensioni, mentre gli stipendi in maggioranza sono rimasti fermi

          1. Non vorrei dire fesserie … ma quando lei avrà la fortuna di raggiungere la pensione, suppongo, che questi anni d’inflazione nel calcolo produrranno anche a lei un diverso adeguamento.
            Oppure se la logica desiderata fosse diversa, bisognerebbe fare come credo accade in Germania ldove le pensioni non seguono l’inflazione ma l’adeguamento degl stipendi.

    2. Sono d’accordo con Marco. TRIDICO sa fare pure i conti per l’INPS. Anche la Fornero se le direbbero di rivedere la riforma sicuramente farebbe meno danni di questi incapaci e incoerenti su quanto hanno promesso.

  25. Se volessi essere gentile, direi che è un immane disastro, ma in realtà è un’ecatombe, Cit. “”lupi travestiti da pecore”
    Questo è quanto

  26. Intanto il tempo che ha accompagnato il COVID e che ha diminuito l’aspettativa di vita non è calcolato.
    Ma intanto coloro che le leggi le fanno (i nostri parlamentari) sono sottoposti allo stesso criterio? Chiedo per un amico.

      1. Anche io non vado con quota 103 troppo penalizzante.Ancora un anno ma
        questi parlano di togliere la Fornero e fare 41 contributiva.Giu’ le mani dalla Fornero,i diritti acquisiti non si toccano.
        Bugiardi,dove dono i sindacati?

    1. Ma tanto non pensate che la Fornero sia molto diversa dalle quote ,perché facendo un calcolo dopo quasi 43 anni di lavoro non e che l’assegno pensionistico e molto di più la differenza sarà di 80 euro però devi fare marchette per altri due anni di lavoro e chi lavora in fabbrica duro con turno pesante che ti spacchi la schiena magari ci si fa un pensiero poi per carità ognuno sa la propria storia tanto il governo ha in mente e lo faranno tutto contributivo saluti a tutti

  27. Sono una signora disoccupata del 1964 e attendeva lo scorso anno di poter accedere alla misura opzione donna questo Governo presieduto da una donna ha falciato in un attimo la possibilità di una pensione. Meloni una donna contro le donne…..pensare che in campagna elettorale propagandavano ben altro….sfiducia totale

  28. Sono una docente e maturero’ 41 e 10 mesi di servizio nel 2025. Vorrei sapere se potrò andare in pensione o devo aspettarmi interventi peggiorativi. Questa incertezza logora.

  29. Quando sarà possibile fare domanda di pensione anticipata opzione donna? A tutt’oggi sembra impossibile
    Altra cosa assurda.

  30. Per Opzione Donna le licenziate senza tavolo di crisi ormai 60 enni che sono state esodate a requisiti raggiunti sono inoccupabili vi siete chiesti come faranno ad arrivare a 67 anni ? Non vi sembra che ci sia una discriminazione essere distinte secondo il datore di lavoro? Il mio augurio è che qualcuno ci aiuti perché dopo più di 35 anni di lavoro e’ umiliante ,poco dignitoso e soprattutto se si è alla ricerca di un lavoro sentirti rispondere che sei troppo matura Non creiamo precedenti le parole LICENZIATA/ DISOCCUPATA ha avuto sempre lo stesso significato Grazie

  31. Per Opzione Donna le licenziate senza tavolo di crisi ormai 60 enni che sono state esodate a requisiti raggiunti sono inoccupabili vi siete chiesti come faranno ad arrivare a 67 anni ? Non vi sembra che ci sia una discriminazione essere distinte secondo il datore di lavoro? Il mio augurio è che qualcuno ci aiuti perché dopo più di 35 anni di lavoro e’ umiliante ,poco dignitoso e soprattutto se si è alla ricerca di un lavoro sentirti rispondere che sei troppo matura Non creiamo precedenti le parole LICENZIATA/ DISOCCUPATA ha avuto sempre lo stesso significato Grazie

  32. Il dramma è che stiamo combattendo contro i mulini a vento…..chi può salvarci? I partiti di opposizione non credo qualche giornalista non credo…economisti di vario genere non credo….solo un miracolo può far cambiare le cose purtroppo….sfogarci fa bene ma……

  33. Volevo chiedere se quando si parla di portare tutte le pensioni anticipate al contributivo ci si riferisce anche all’ anticipata Fornero che mi consentirebbe di pensionarmi l’ anno prossimo con 41 anni e 10 mesi.
    Sarebbe veramente uno scandalo dopo le promesse pre-elettorali. Si tengano la loro quota 41 per tutti, che è comunque un inganno e uno slogan vuoto , perché nessuno la prende a queste condizioni.
    Annunciata

      1. Buonasera Erica:ha la sfera di cristallo per sapere già ,che nel 2025 la Fornero esistera’ ancora e se si non sarà contributiva?mi pare un po’ azzardato dare sentenze ora ,visto i milioni di dietrofront fatti nel 2024 da questo governo di racconta balle,o no?

  34. Sommando le tre opzioni si arriva alla somma di 11750 persone che potrebbero usufruirne, ma in realtà quanti veramente presenteranno la domanda sapendo che il loro assegno sarà decurtato di un buon 15% ?

  35. Buonasera, adesso come adesso credo che dobbiamo cercare di salvarci da Durigon e Salvini, la Fornero sembra addirittura un’ancora di salvezza…… (ed è tutto dire).

  36. Rivolgo anche al Dr. Marino e al Dr. Cigna le stesse domande fatte al Dr. Perfetto nel mio post pubblicato l’11 gennaio scorso.

    Nell’attesa che vengano valutate e accolte (mi auguro) le giuste e lungimiranti proposte sia del Dr. Marino sia del Dr. Perfetto, le accompagnerei con urgenti correzioni alla attuale normativa che sanerebbero subito alcune storture oggi in essere, come l’incomprensibile veto di coprire i buchi contributivi antecedenti il 1996.
    È stata infatti ancora riproposta la pace contributiva solo se l’ammanco ricade nel periodo lavorativo post ’96:

    https://www.ilgazzettino.it/schede/pensione_pace_contributiva_come_riscattare_5_anni_contributi_2024-7822193.html

    Chiedo se non trovate questo discriminatorio e anticostituzionale?
    La pace contributiva dovrebbe riguardare tutti, semplicemente adattandola alle diverse situazioni contributive.

    Altra stortura riguarda i caregiver che non possono più accedere alla pensione anticipata se il disabile che assistono decede prima che il cargiver acceda alla pensione (dopo magari decenni di assistenza), oltre poi a dover essere anche un lavoratore precoce, cioè avere iniziato a 18 anni.
    A parte il fatto che già uno solo di questi requisiti dovrebbe essere sufficiente ma, dal momento che oggi si inizia a lavorare più tardi, proporrei almeno di considerare il lavoratore “precoce” quando non ha ancora compiuto i 20 anni.

    Pensate vi sia un margine di manovra per correggere queste ingiustizie?
    Ho fatto solo due esempi, ma altri possono essere presi in considerazione.

    Ultima considerazione, dal momento che il posto fisso non esiste più e che, come già qualcuno sostiene, il conto previdenziale è già separato da quello assistenziale, perché non pensare seriamente a tornare al sistema a capitalizzazione, abbandonando quello a ripartizione?

    Non è umano restare ostaggi del lavoro, anche perché questo scoraggerà ulteriormente le persone dal mettere al mondo un figlio.

    Ringrazio in anticipo ambedue se vorrete prendere in considerazione le mie riflessioni, e sempre i gestori del sito per lo spazio concesso.

  37. tenetevi stretti:…..a breve non esistera’ piu’ neanche la fornero,si accedera’ con quota 41 contributivo con aumento ulteriore di finestre,e l’aumento dell’aspettativa di vita portera’ la vecchiaia a 68. Credo di essere stato anche positivo…..sti politici infami che li possino….

  38. Visto che andrò in pensione con la legge fornero e con la pensione di anzianità non anticipata vorrei chiedere a voi esperti se posso andare a 67 anni come previsto o se ci sono finestre ulteriori. io avro’ 67 anni nel mese di marzo 2031 e per alloa avrò 40 anni di contributi. Chiedo alla signorina Erika se qualche esperto o magari anche lei che è molto preparata se puo’ rispondermi. Grazie

      1. Grazie per la risposta anche se non mi piace….certo non per colpa sua signorina Erica, speriamo almeno che tolgano questi maledetti aumenti per l’aspettativa di vita altrimenti è una rincorsa continua.

      2. Ma su quali criteri si basano ,la gente muore ogni giorno vedi effetto COVID qui ci prendono tutti per i fondelli hanno in mente che la pensione non vogliono darcela questi studiano ogni giorno come imbrogliare la gente e ci dirò di più tema pensione toglieranno fra due anni la Fornero e sarà tutto contributivo vi saluto buona giornata

    1. caro Stefano, ho il dubbio che nel 2027 non mi basteranno i 67 anni ma ci vorranno 67 e 2 mesi; figurati nel 2031; dobbiamo avere tanto coraggio; saluti a te e ai gestori del sito

      1. Grazie anche a te Paolo, qui diventa una rincorsa continua e non si posono fare programmi per il futuro perchè quando pensi che sei vicino ad andare ti aumentano l’aspettativa di vita. Modificassero almeno questo della L.Fornero uno almeno può sapere quando sarà il suo turno di andare.

        1. inoltre, caro stefano, calcola anche che nel 2031 saranno 36 anni di contributivo e pochissimi di retributivo; spero tu abbia fatto una pensione integrativa e se non l’hai fatta meglio farla anche se sarà un po’ scarsetta; saluti a te e ai gestori del sito

        2. Purtroppo caro Stefano per le pensioni sarà sempre peggio perché i nostri politici devono pagare i loro stipendio d’oro e poi le armi per la guerra etc dunque elimineranno la Fornero e a fine anno faranno tutto contributivo sarà una rincorsa ogni anno perciò magari ci dobbiamo accontentarci delle briciole dopo 43 anni di lavoro siamo peggio del terzo mondo ti saluto

  39. Ho 63 anni e a metà febbraio maturo i 41 anni, non potendo andare in pensione perché troppo penalizzante ho optato a richiedere legge 151 e accudire mia zia invalida, sperando che nel frattempo non peggiorino la Fornero.

  40. Ho chiesto informazioni su APE sociale a INPS RISPONDE. Devono ancora approvare le Circolari e i Decreti Attuativi. Campa cavallo.

    1. La tragedia delle tragedie, ora la Fornero ci sembra l’acqua santa rispetto a prima che era il diavolo malefico…… e per colpa di chi? Per colpa di questi 4 scappati di casa che ci stanno governando perché i tonti che li hanno votati, si sono bevuti tutte le loro fandonie- ed ora beccatevi la fornero e ringraziamo pure il signore che non la tocchino….. ma ho i miei dubbi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su