Pensioni anticipate 2018, Salvini su quota 100 e 41: ‘I paletti sulle piste da sci’ (video)

Le ultimissime novità ad oggi 20 giugno 2018 sulle pensioni anticipate 2018 giungono da un video girato in esclusiva da un lavoratore precoce che lo ha poi condiviso sul nostro gruppo facebook  ‘riforma pensioni: parliamone‘, in cui Salvini nel weekend, sul palco di Orbassano (To), ha rassicurato i presenti sulle intenzioni del Governo. Il neo ministro menziona chiaramente quota 100 e opzione donna dicendo che saranno misure che verranno attuate da subito con l’obiettivo di arrivare poi alla quota 41, facendo intendere che potrebbe essere concessa più avanti.

Il video di Salvini sulle pensioni anticipate: Quota 100 si farà

Da sotto il palco si sentono grida insistenti di più lavoratori che urlano: “si ma senza paletti” il riferimento è ovviamente al limite dei 64 anni per poter accedere alla quota 100, menzionati come vincolo da Brambilla,  mente del capitolo previdenziale della Lega. Salvini dal palco, in tono ironico, risponde, rassicurando: ‘i paletti li lasciamo sulla pista da sci‘, poi chiude il discorso riforma pensioni, passando la ‘patata bollente’ all’assente Di Maio.

Di seguito vi proponiamo il video che è stato condiviso anche sulla pagina facebook 41 X Tutti Lavoratori Uniti, in modo che possiate sentire con le vostre orecchie le parole di Salvini sul tema delle pensioni anticipate e su quota 100. A seguire anche la trascrizione della frase pronunciata, come sempre vi invitiamo a farci sapere la vostra opinione nei commenti o sulla nostra pagina facebook Pensionipertutti!

Pensioni anticipate 2018: quota 100 e 41 senza paletti? Salvini rassicura

Un lavoratore che indossa il cappellino con su scritto quota 41,  chiede a Salvini: “Si parla di abolizione della Legge Fornero ma  a che condizioni?”. Ecco la risposta di Salvini: “L’ obiettivo è abolirla, inserendo da subito quota 100 opzione donna con obiettivo quota 41…questo é scritto nel contratto… i paletti li lasciamo sulle piste da sci….”

Salvini prosegue poi con una precisazione: “Ragazzi però fatemi dire una cosa già mi accusano che  è un Governo in cui decide tutto la Lega, fatemi fare il mio mestiere, vi è un viceprisedente del consiglio che stimo che é un ragazzo in gamba che si occupa di lavoro e sviluppo economico,  dirò a luigi di Maio di venire a Orbassano di venirvi dare anche la sua parola, se no poi dicono che faccio il lavoro di tutti, fatemi occupare dei miei temi, la parola data io tengo a mantenerla, siccome c’è una squadra facciamo lavorare tutta la squadra”.

 

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

23 pensieri riguardo “Pensioni anticipate 2018, Salvini su quota 100 e 41: ‘I paletti sulle piste da sci’ (video)

  • Avatar
    21 Giugno 2018 in 17:45
    Permalink

    Ciao a tutti io fortunatamente sono andata in pensione da novembre 2017con i precoci…..essendo disoccupata da 5 anni …..però dico che con questi nuovi governanti bugiardi purtroppo non so se i prossimi ce la.faranno ad andare in pensione questi pensano a tutte altre cose meno a chi lavora da una vita nelle fabbriche nei cantieri negli ospedali ecc ecc fondamentale pensano solo alle poltrone e non alla povera gente scandalosi e supponenti

    Rispondi
  • Avatar
    21 Giugno 2018 in 12:13
    Permalink

    Tante promesse ora servono i fatti.

    Rispondi
  • Avatar
    21 Giugno 2018 in 10:52
    Permalink

    Io penso che Salvini sia una persona seria, quando dice una cosa da l’impressione che ci creda veramente.
    Di maio e i 5 stelle in generale, si sono sempre battuti per i problemi della società.
    Per questi motivi non vedo la convenienza politica da parte dei due partiti di prendere in giro gli elettori. Differenziarsi dal vecchio modo di fare politica, credo sia cosa di estrema importanza e, cercando di fare
    quello che hanno promesso, risparmiando eventualmente da vecchie logiche partitiche credo sia la cosa più giusta da fare. Gli italiani osservano e poi come sempre daranno il loro verdetto finale ( Vedi Renzi ) in poco tempo dove si trova. Io credo che daranno soddisfazione e governeranno per molti anni ancora.

    Rispondi
  • Avatar
    21 Giugno 2018 in 10:43
    Permalink

    Penalizzati prima con cassa integrazione e mobilità,penalizzati ora con paletti.

    Rispondi
  • Avatar
    21 Giugno 2018 in 10:38
    Permalink

    Penalizzati prima con cassa integrazione e mobilità,penalizzati ora con nuovi paletti.

    Rispondi
  • Avatar
    21 Giugno 2018 in 9:55
    Permalink

    è necessario scorporare l’intero sistema pensionistico( età anagrafica e calcolo assegno di pensione) dall’aspettativa di vita.
    la vita non è una statistica.
    Se uno va in pensione a dicembre 2018 e un altro a gennaio 2019 ,quest’ultimo a parità di età e contribuzione avrà un assegno pensionistico decurtato rispetto al primo dell’1,3% .
    Questo è malefico

    Rispondi
    • Avatar
      22 Giugno 2018 in 5:19
      Permalink

      giusto così! dopo una vita lavorativa di sacrifici e presenze continue anche in condizioni di salute non ottime. e giussto essere penalizzati fino alla fine dei nostri giorni.
      VERGOGNATEVI TUTTI DI ESISTERE.

      Rispondi
  • Avatar
    21 Giugno 2018 in 8:26
    Permalink

    Se i paletti, come ha affermato Salvini, non ci saranno, lo faremo santo !
    Centinaia di migliaia di italiani sono stati INGIUSTAMENTE violentati in questi ultimi 7 anni.
    Questi italiani CHE LAVORANO, che hanno tirato la carretta italiana in un periodo , non ne possono più !!!
    Purtroppo il ragioniere di turno alias europa, Fornero, Boeri, Tria, Brambilla, Padoan, sindacati, pd …. dirà che non ci sono i soldi, si arriverà ad uno scontro intra governo, nuove elezioni, etc.etc…. e noi come sempre porteremo sulle spalle la stessa croce che Monti-Fornero ci hanno caricato addosso per anni e anni ancora ….

    Rispondi
  • Avatar
    21 Giugno 2018 in 8:02
    Permalink

    Dato che non ci sono impedimenti per non onorare l’impegno da subito, perché non lo onorano da subito, Altrimenti mi viene da pensare che siano le solite cialtronate elettorali da subito

    Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 23:00
    Permalink

    prima di tutto, chiaramente al momento attuale si tratta solo di ipotesi e quindi occorre aspettare di avere precise indicazioni sulle regole che il nuovo governo vorrà porre per quota 100 e quota 41. detto questo, basandosi solo sulle ipotesi fatte attualmente, se dovessero essere quelle definitive mi chiedo se per situazioni come la mia (ad oggi 41 anni di contributi, 57 anni età anagrafica, pensione anticipata secondo regole attuali fornero 43 anni e 3 mesi di contributi a 59 anni dal 9/2020, attualmente in iso pensione avendo aderito ad art. 4 legge 92/2012 Fornero e quindi avendo lasciato l’azienda percepisco da essa attraverso inps un assegno di esodo da 8/2017 a 8/2020) cosa si prospetterebbe ? naturalmente non quota 100 per il fatto che età minima si ipotizza sia 64 anni, quindi quota 41 che già oggi avrei maturato ? Mi chiedo anche se l’accordo firmato per iso pensione tra me (ed altre migliaia di persone) con azienda, sindacati e ministero lavoro verrebbe “annullato” dalle eventuali nuove leggi o rimarrebbe valido e sarebbe mia discrezione mantenerlo qualora le nuove regole fossero peggiorative ? nonostante varie domande fatte, al momento nessuno ha saputo dare una risposta. ciao, un saluti a tutti 🙂

    Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 20:45
    Permalink

    Se anche la parole di questo governo sono blasfeme…………..non ci resta altro che la rivoluzione!!!!!!!!

    Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 20:11
    Permalink

    Oramai non se ne puo’ più’ la carotina s’ d’ davanti al tuo naso e quando pensi di averla raggiunta te la spostano più’ avanti. Mancano anni o non c’e’ l’eta’, non siamo mai pari. Di sacrifici ne abbiamo fatto abbastanza al contrario di molti che girano con scorta ed auto blu. La misura d’ colma da un pezzo!

    Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 19:46
    Permalink

    AD OGGI E’ EFFICACE UN CONTRATTO PER IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
    IL CUI ARTICOLO 17. PENSIONI. STOP LEGGE FORNERO sancisce:

    a) Sono stanziati 5 MILIARDI per agevolare l’uscita dal mercato del lavoro delle categorie ad oggi escluse;

    B) Daremo fin da subito la possibilità di uscire dal lavoro quando la somma dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è almeno pari a 100; ( PERTANTO, QUOTA 100 E’ UNA FACOLTA’ E NON UN OBBLIGO DI ANDARE IN PENSIONE);

    C) con l’obiettivo di consentire il raggiungimento dell’età pensionabile con 41 anni di anzianità contributiva, tenuto altresì conto dei lavoratori impegnati in mansioni usuranti.

    C) Prorogheremo la misura sperimentale “opzione donna” che permette alle lavoratrici con 57-58 anni e 35 anni di contributi di andare in quiescenza subito, optando in toto per il regime contributivo. Prorogheremo tale misura sperimentale, UTILIZZANDO LE RISORSE DISPONIBILI.

    IN SOSTANZA, I PRESUPPOSTI ESISTONO, NON CREDO CI SIANO IMPEDIMENTI PER ONORARE L’IMPEGNO ASSUNTO.

    Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 19:10
    Permalink

    Bravo!!!!
    Chiarezza!!!!
    …ma non solo negli intenti!!!!
    X troppe volte ci fanno vedere il traguardo e poi viene spostato sempre in avanti!!!
    Sono e siamo stufi!!!
    42 anni penso che bastino di contributi e di lavoro!!!!!
    Vedremo…..

    Rispondi
    • Avatar
      21 Giugno 2018 in 7:58
      Permalink

      Ho capito caro Pasquale che è un’ opzione ma nel contratto c è scritto da subito… ma da subito quando?

      Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 17:14
    Permalink

    Siamo ancora nel campo delle promesse……(parole, parole, parole, soltanto parole……)

    Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 16:50
    Permalink

    Non abolite L’ApeSocial e una legge che ha salvato oltre 40 mila persone.

    Rispondi
    • Avatar
      20 Giugno 2018 in 19:45
      Permalink

      Giusto non abolitela per carità anche perché chi ha già 64 anni e non ha tutti i contributi ed è disoccupato che fine facciamo non vedo nulla di alternativi e poi non si parla di vecchiaia a che età?

      Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 16:17
    Permalink

    Giusto Salvini parole forti e chiare…ma ha asoltato il discorso del ministro Tria sul DEF ? Ha sentito Gravaglia sulle priorità economiche del governo? Mi sembra che laLEGGE FORNERO non fosse granché considerata o addirittura (Tria) Elisa.

    Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 16:09
    Permalink

    Bravo Salvini finalmente una frase che fa un po’ di chiarezza quando dici che i paletti vanno messi nelle piste di sci. Mi auguro che questa frase non sia un battuta ma che indichi un preciso intendimento del governo nel formulare la proposta definitiva in tema pensionistico sulla quota 100. Mi sia permesso di dare un consiglio a coloro i quali vorrebberro inserire dei “paletti” in riferimento alla quota 100.
    Oltre che al posto indicato da Salvini potrebbero metterli anche da altre parti.

    Rispondi
  • Avatar
    20 Giugno 2018 in 15:57
    Permalink

    Prima di parlare di paletti e coperture secondo me la prima cosa da fare sarebbe separare subito la previdenza dall’assistenza, in modo da avere un quadro chiaro di chi può andare in pensione per aver maturato contribuzione ed età, poi costruire una riforma seria e duratura. Ma a quanto pare leggo commenti a destra e a manca di persone che vogliono tutto e subito dopo 7 anni di silenzio assoluto sulla Fornero…

    Rispondi
    • Avatar
      20 Giugno 2018 in 19:26
      Permalink

      Si ma questo signore non aveva detto in campagna elettorale che al primo consiglio dei ministri non si sarebbe alzato dal tavolo se non avessero abolito la fornero?

      Rispondi
      • Avatar
        20 Giugno 2018 in 19:53
        Permalink

        Soliti discorsi aleatori.ci vuole chiarezza e sincerità.ho 64 anni e 40 anni contributi.senza lavoro da giugno 2017.la naspi aiuta ma non basta.lavoro no n si trova.tutto questo è ingiusto.chiarezza sulle intenzioni.

        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *