Pensioni anticipate 2018 ultimissime oggi 2/9 Treu: ‘vanno eliminate’

Le ultimissime novità al 2 settembre 2018 sulle pensioni anticipate 2018 arrivano dalle dure parole pronunciate dall’ex ministro del Lavoro Tiziano Treu ora presidente del Cnel: bisogna cancellare le pensioni anticipate, ha detto, perché sono un’ingiustizia. A suo dire non dovrebbe essere in alcun modo possibile uscire dal lavoro prima dei 67 anni , come previsto dal 2019, con eccezioni per invalidi e lavori gravosi. Parole che hanno fatto in fretta il giro dei social suscitando molto malumore, specialmente tra quanti godono oggi di buona salute, ma hanno alle spalle già 41/42 anni di contributi versati e chiedono, certi di aver maturato il diritto alla pensione, di poter godere del meritato riposo anticipato.

Pensioni anticipate 2018/19: Quota 100 da 64 anni? Treu ‘anticipate vanno eliminate’

Le ultime dichiarazioni del Presidente del Cnel, pronunciate presentando il congresso internazionale della Società internazionale di diritto del lavoro, in programma a Torino il 4 settembre, sono state una doccia fredda per i lavoratori che seguono quotidianamente gli sviluppi sulla tematica previdenziale e che confidano, memori delle  promesse  elettorali, di poter lasciare anticipatamente, senza eccessivi vincoli anagrafici, il lavoro. E per quanti stanno chiedendo all’esecutivo, sindacati e Damiano in primis, che la misura di uscita anticipata quota 100 si liberi, invece, anche del restrittivo paletto dei 64 anni, che ridurrebbe e di molto la platea.

Treu  per avvalorare il suo discorso contro le pensioni anticipate ricorda anche una frase di Ciampi  che asseriva,  ‘che le pensioni anticipate sono un furto, si prendeva di più di quanto versato’. Poi prosegue facendo intendere che non è sufficiente l’aumento dei 5 mesi di aspettativa di vita che porterà i contributi necessari per l’uscita anticipata a salire dal 2019 a 43 anni e 5 mesi per gli uomini e 42 anni e 5 mesi per le donne, in quanto “le attuali uscite anticipate vanno abolite”. Sottolineando con forza che la Riforma Fornero non va toccata.

Riforma pensioni 2018, Treu: nessun passo indietro sulla Fornero

Il Presidente del Cnel infatti non solo ha ribadito la necessità di non fare alcun passo indietro sulle riforme previdenziali già fatte, facendo dunque intendere tra le righe la bontà della legge Fornero, ma  sostiene sia necessario aumentare l’età effettiva di uscita dal mondo del lavoro. Non dovrebbe essere possibile, ha asserito con determinazione, uscire dal lavoro prima dell’età di vecchiaia, ossia i 67 anni dal 2019, con l’unica eccezione, eventualmente, per invalidi e coloro che svolgono mestieri pesanti.

Per buona pace dei lavoratori precoci e/o i ‘quarantunisti’, che chiedono a gran voce di poter uscire con la quota 41 , indipendentemente dall’età anagrafica, avendo già versato 41 anni di contributi versati. E quanti sperano nella quota 100 come somma effettiva tra età anagrafica e contributiva, dunque 40 di lavoro e 60 d’età, che sono già furiosi per il possibile paletto ai 64 anni imposto dal Governo. Per buona pace anche delle donne che chiedono la proroga dell’opzione donna la possibilità che consentirebbe loro di uscire con 57/58 anni di contributi a seconda se dipendenti o autonome e 35 anni di contributi versati.

Cosa ne pensate delle considerazioni di Tiziano Treu che vanno ad alimentare il già ricco dibattito previdenziale degli ultimi mesi?

 

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

88 pensieri riguardo “Pensioni anticipate 2018 ultimissime oggi 2/9 Treu: ‘vanno eliminate’

  • Pingback: Riforma pensioni 2018-2019, ultime notizie: molti italiani rivorrebbero Monti al Governo | Pensioni per tutti

  • Avatar
    4 Settembre 2018 in 8:57
    Permalink

    Li aspettiamo al varco…..Di Mario e Salvini..se non mantengono quello che hanno promesso non li voteranno piu’ in molti…pure io

    Rispondi
  • Avatar
    4 Settembre 2018 in 8:33
    Permalink

    Il caro Treu è riuscito a tirarsi addosso tante “simpatie” con questa sua boutade. Va precisato che quella sua affermazione è, e rimane, una sua OPINIONE personale e per inciso, spero tanto che non torni mai più al governo o in qualche altro posto di rilievo, considerando che gli è già stata data una “sistemazione” politica, come si fa con certi parlamentari non più eletti. Comunque sia, tanti parlano a vanvera e non vedo perché questa libertà non possa e debba essere data a chi, molti anni fa, è stato anche un ministro della Repubblica. Di sicuro oggi si capisce che l’età avanza anche per lui.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 23:04
    Permalink

    Ma … alla fine della fiera … Di Maio si sta impegnando (a torto o a ragione) a portare a termine la sua promessa elettorale ( IL REDDITO DI CITTADINANZA).
    Sta facendo altrettanto Salvini ?!?
    Una domanda rivolta a “tutti”: per quale motivi Salvini & company … giorno dopo giorno si allontanano sempre piu’ dalla promessa elettorale della CONTRO-RIFORMA FORNERO ?!?
    Non ditemi “mancanza di risorse” perche’ l’INPS -sarebbe- in attivo di 30 miliardi dal 2016 ..!! (malgrado i 3 miliardi/annui che vengono bruciati per farla funzionare ..!!)
    Abbiamo una idea di cosa siano 3 miliardi l’anno?!?
    Per costruire il nuovo ponte a Genova (opera “faraonica”) occorrerebbero poco piu’ di 2 miliardi ..!!

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 13:35
    Permalink

    IO RIVOGLIO SUBITO TUTTO IL MIO MONTANTE CONTRIBUTIVO ,E L’HANNO CHE RESTA ZERO TRATTENUTE. POI CHE VADANO TUTTI A IMPICCARSI

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 12:27
    Permalink

    Per ora ci dicono che le pensioni “anticipate” vanno eliminate.
    Temo che sia vicino il giorno in cui qualcuno ci dirà che “LE PENSIONI” VANNO ELIMINATE! Senza se e senza ma…
    Tanto per esagerare…

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 12:21
    Permalink

    Il problema è sempre lo stesso e unico, a mio parer; ho l’impressione che tutti i mali nascano dalla confusione tra Previdenza che è un diritto strapagato col 33% di contributi e Assistenza, in crescita per l’incapacità di creare politiche per lavoro serio, a tempo indeterminato e ben retribuito, insomma la normalità, non il privilegio, come era una volta. Dato che non si riesce a dare la normalità, per mascherare l’incapacità di farlo, si chiama privilegio persino il contratto pensionistico che si continua a peggiorare sempre più fino a definirlo privilegio per quelli che l’hanno visto onorato.
    Separare la Previdenza dall’Assistenza e, come negli altri Paesi, far pagare l’Assistenza alla fiscalità generale; dandone notizia a Bruxelles che, probabilmente, non è al corrente di questa stranezza tutta nostra e crede, erroneamente, che i costi della “Previdenza” siano esclusivi di questa e non comprensivi dell’Assistenza!

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 12:00
    Permalink

    L’Onorevole Ministro Salvini ha ordinato lo sgombero di tutti gli appartamenti occupati salvo particolari casi: minori, condizioni di disagio ecc.
    Ha detto: LA PROPRIETA’ PRIVATA E’ SACRA!
    BENISSIMO, LA PROPRIETA’ PRIVATA E’ SACRA! LO SPIEGHI ALL’ONOREVOLE MINISTRO DEL LAVORO CHE VORREBBE ESPROPRIARE LA PROPRIETA’ PRIVATA SACRA DEI LORO SOLDI DELLE LORO PENSIONI SUPERIORI AI 4.000 5.000 EURO! Se la proprietà è sacra!
    Ma, anche la coerenza, non è sacra?

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 11:54
    Permalink

    Mi sa che la tempesta di Kesten abbia qualche possibilità di avverarsi… Il peggio non è mai morto. La legge Fornero sarebbe cambiata, naturalmente in peggio! Reperire soldi per il reddito di cittadinanza? Indovinate dove si reperisce sempre l’Assistenza? Nella Previdenza! Ma il reddito di cittadinanza mica lo danno per stare sul divano, dopo tre lavori adeguati rifiutati basta! TRE LAVORI ADEGUATI RIFIUTATI? MA STIAMO SCHERZANDO? MA SE NON SI RIESCE A TROVARNE NEANCHE UNO DI LAVORO ADEGUATO, CHI TE NE PROPONE TRE?

    Rispondi
    • Avatar
      3 Settembre 2018 in 12:03
      Permalink

      Ho 58 anni di età e 38 anni di contributi. SArei andata con la pensione anticipata prevista dalla legge Fornero a 62 anni e 11 mesi di età. Se ora la tolgono considerate che a 64 anni avrò quota 108 o meglio avrei potuto avere perché non ci arriverò.
      Spero che finalmente la gente si renda conto di chi ha votato. Per quanto mi riguarda mi sento presa in giro non solo dai governanti, ma da tutti.

      Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 11:46
    Permalink

    Caro Vincenzo, per essere seri, pur concordando che 67 anni sono un’assurdità per andare in pensione, devo dire che oltremodo assurdo sarebbe di togliere soldi agli altri in pensione perché a noi ci stanno penalizzando! Il discorso non fila: se a noi ci stanno penalizzando vuol dire che ile regole precedenti erano giuste; e, allora, perché reperire risorse da chi ha avuto SOLO la normalità? Semmai chiediamo anche noi la normalità, non chiediamo di toglierla a chi l’abbia avuta! A parte l’incostituzionalità della cosa, quest si chiama guerra tra poveri, Divide et impera!

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 11:39
    Permalink

    Cara Paola, le tu argomentazioni sono più che logiche, ma è inutile cercare la logica dove questa non viene più considerata; non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. La mia impressione è che si è deciso, da un po’ di anni, che la pensione non ci sarà praticamente più, l’Europa ce lo chiede, e si dovrà lavorare fino allo stremo delle forze, PUR CONTINUANDO A PAGARE I CONTRIBUTI PENSIONISTICI PIU’ ALTI DEL MONDO, 33%, a parte le altre imposte sullo stipendio per altre cose che, ugualmente, di fatto, non vengono più erogate, come il SSN!
    Solo gratis agli incapienti, che non lo pagano, e per il pronto soccorso e interventi operatori. Per il resto costa quasi meno il privato del ticket.
    Considererei, posso sbagliare, ormai, le trattenute sullo stipendio una tassa per sopperire alla fiscalità generale.

    Rispondi
  • Pingback: Pensioni anticipate 2018, news oggi 3/9 il Governo punta alla quota 100 selettiva | Pensioni per tutti

  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 11:26
    Permalink

    Sempre peggio, ogni giorno una mazzata. Ma queste persone che giocano sulle nostre spalle si rendono minimamente conto di quanto sia già duro il tran tran di noi miseri mortali? Questo signore ci vuole mandare in pensione a 67 anni, giustamente prima è troppo presto o non ce lo siamo meritato. Quindi per lui, dovrei lavorare altri 7 anni e ammucchiare così ben 47 anni di contributi. Be non penso di essere l’unica donna che ogni giorno si alza alle 05,00 poiché abito lontano dal posto di lavoro. La mia giornata lavorativa, dopo l’orario di ufficio, continua a casa visto che non posso permettermi nessun aiuto. Ho una famiglia numerosa, due figlie laureate, una che trova solo lavoretti temporanei e l’altra che ancora studia sperando di avere più chance all’estero. Una terza figlia con un lavoro part time,
    che di recente ha avuto un bimbo, prende uno stipendio da fame, cerco di aiutare come meglio posso sia economicamente sia come disponibilità, visto che a questo mondo tutto costa ma il lavoro quello serio manca. La mia non è certo una vita facile, però faccio tutto ciò che posso per la famiglia. Lo dico papale papale, per una donna lavorare fino a 62 mi sembra già tanto. Dateci la possibilità di viverci questi nipoti, dateci la possibilità di essere davvero utili così che i nostri figli possano almeno risparmiare su spese di asili nido, materne e baby sitter. Se sparate ste cavolate di farci stare fino a 67 anni danneggiate tutti. Specie i giovani che vorrebbero avere un futuro sereno. Invece così si tira a campare, non c’è futuro, i giovani non hanno possibilità di formare una famiglia, continueranno a dipendere dall’aiuto dei propri ” vecchi “. E poi si dice pure che l’Italia sta diventando un paese di vecchi, poche nascite. Bah.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 11:11
    Permalink

    Il problema è sempre il solito continuano a dare pensioni a chi ha versato meno contributi o non ha versato un cavolo è per questo motivo hanno finito i nostri soldi non è sufficiente tassare le pensioni d’oro bisogna eliminare tutti e dico tutti i privilegi assurdi e i VITALIZi .
    Poi si deve controllare tutte le Reversibilità finte , i falsi invalidi e tutti coloro che navigano e puppano nell’ assistenzialismo.
    il sistema INPS non regge più gli sprechi e i favoritismi che durano da decenni questo deve capire il sig.Treu e tutta la classe politica.
    tutto il resto è aria fritta . Ricordiamoci tutti che questi individui una cosa sanno fare bene ; far pagare il conto sempre e dico sempre ai Cittadini .

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 10:44
    Permalink

    Vuole eliminare adesso le pensioni anticipate, mentre sta comodamente seduto sulla ben retribuita poltrona del CNEL? Perchè non lo ha fatto quando era Ministro del lavoro e della previdenza sociale nel Governo Dini e nel Governo Prodi I (1995-1998). Ma non si è accorto che il mondo sta cambiando e che tra pochi anni l’automazione e i robot porteranno ad uno sconvolgimento del sistema previdenziale?
    Gli aspiranti pensionati di adesso già si sono beccati la riforma Fornero con un prolungamento di tre anni, tra pochi mesi si beccheranno anche i cinque mesi in più delle aspettative di vita… Ma non è che qualcuno pensa che questa categoria di “aspiranti pensionati” che sono rimasti nel guado devono salvaguardare i pensionati del passato e i giovani del futuro? Ma in che Paese viviamo??

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 10:31
    Permalink

    non ci sono parole,treu vaffa………………!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 9:48
    Permalink

    Se non ricordo male, il CNEL era fra gli enti inutili, costosi e quindi dannosi per l’economia del paese… perchè costui favella ancora ? perchè il cnel esiste ancora ?

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 8:05
    Permalink

    Caro Ministro Treu ma come si fa a ragionare e fare dichiarazioni di questo genere,? Perché non prova a lavorare in una sala Macchine di una nave? poi mi saprà dire se si può lavorare fino a 67anni!turni logoranti temperature esagerate vibrazioni rumori ecc. Lontano per mesi e mesi dalla famiglia e da tutti senza medico a bordo ecc. È semplice risolvere il problema della fame nel mondo quando si ha la PANCIA PIENA.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 7:17
    Permalink

    Non c’è futuro.
    Non dicono cosa vogliono fare perché non sanno cosa fare.
    Cito quanto è apparso su un quotidiano on_line ieri “…… le criticità del sistema Italia, rappresentano la sintesi di un Paese senza più una linea strategica, con una burocrazia kafkiana ed imprenditori privati cinici e rapaci …… “ .
    Ho letto sul WEB che stanno preparando un partito reazionario di ispirazione montiana, qualcosa che ancora non ha un nome ma che sarà collegato alle banche così da raddrizzarci per bene le ossa. Lo Stato incamera tutti i contributi previdenziali prevedendo la pensione per tutti a 70 anni con il contributivo. Assegno scarso e di breve durata.

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 6:49
    Permalink

    Il ritorno degli zombie … Salvini defunto, praticamente non ha più voce in capitolo, forse ostaggio di qualche cazzata della lega, passa incredibilmente il reddito di cittadinanza, per le pensioni quota 100 senza le stronzate di Brambilla invece NO MONEY !
    Faranno approvare il DEF “senza se e senza ma” poi NUOVE ELEZIONI .

    Rispondi
    • Avatar
      3 Settembre 2018 in 8:40
      Permalink

      Considerato l’articolo sopra riportato del dott ed ex ministro T.Treu, vorrei sapere in quale altro paese Europeo esiste un sistema pensionistico penalizzante come è il nostro attualmente. Da quando nel 2011 è vigente la Fornero si dice sindacati in primis ma anche autorevoli esponenti PD che la fornero va corretta in quanto troppo rigida; come cittadino faccio veramente fatica a capire le affermazioni dellex ministro. Se non sono male informato in Svezia ad esempio con 61 anni di età si acquisisce il diritto alla pensione. Se in questo paese si sono fatte in passato regalie, si rimetta in equilibrio il sistema recuperando risorse da chi ha avuto troppo; anzi chi è stato autorevole amministratore dia il buon esempio e restituisca,ma non si può negare un diritto consolidato in tutto i paesi industrializzati manndando la gente in pensione a 70 anni. Siamo seri.
      Cordiali saluti V.R.

      Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2018 in 0:53
    Permalink

    Possiamo scrivere tutto , sfogarsi.. Non leggera’..nessuno …e non gli frega nulla a nessuno…. Siamo soli a gridare…ma perché non ci uniamo e facciamo sciopero….. Non solo nei social…ma nelle piazze…

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 22:50
    Permalink

    Ma la fornero ha mai lavorato prima di parlare.si insegnato.ma perche’ prima di parlare non prova ad andare ha lavorare.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 22:49
    Permalink

    Sig Treu , Fornero ,Boeri ma se tenete al lavoro fino ad oltre 67 quelli come me siccome posti di lavoro non se creano mio figlio quando mi sostituirà avrà 39 anni siamo sicuri che lo fate per i giovani siete dei fenomeni i vecchi al lavoro i nostri figli nel periodo migliore per costruire la loro vita a casa : ai giovani serve un reddito oggi non la dipendenza economica dai genitori vecchi al lavoro meditate !!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 22:15
    Permalink

    Ok alle invettive contro questo signore che stà godendo, lui si , di privilegi nel, volevo solo ricordare al privilegiato che Ciampi parlava di privilegi quando era ministro del tesoro hai tempi della riforma Dini , da allora le pensioni dei lavoratori hanno subito diversi tagli

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 21:52
    Permalink

    LA TEMPESTA PERFETTA:
    GLI ALLARMISMI DEI GIORNALI e TV SONO PREPARATORI per un’ intervento lacrime e sangue forse la proposta TREU è premonitoria di una stangata di tipo MONTIANO che potrebbe avere ripercussioni negative sulle pensioni e peggiorare la Fornero.
    L’INCERTEZZA SUGLI OBIETTIVI sociali ed economici del Governo sembra che abbia già generato il dissesto finanziario senza che ci sia stato un solo provvedimento in materia di bilancio dello Stato. ( Spread )
    TRIA deve garantire il rispetto degli impegni europei.
    DI MAIO deve garantire prioritariamente il “REDDITO DI CITTADINANZA”.
    SALVINI, assorbito dai problemi migratori, PRATICAMENTE NON ESISTE.
    GLI IMPRENDITORI VENETI vogliono scendere in piazza contro il Governo sostenuti dai lavoratori.
    INCERTA la sorte della lega che attende il giudizio dalla Magistratura sui fondi sequestrati.
    SI PARLA di durata del Governo non oltre il 2019.

    Credo che questo Governo sia effettivamente di CAMBIAMENTO.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 21:14
    Permalink

    Sappiamo benissimo chi sono i veri ladri, dovrebbero almeno avere la decenza di non dire idiozie, dovrebbero vergognarsi prima ancora di parlare.
    Chi ha lavorato per 40-42 anni, e ha versato regolarmente tutti i contributi dovuti, ha il PIENO DIRITTO di vivere un po’ la sua vita anche se ha solo 60- 62 anni perché significa che la sua gioventù l’ ha vissuta lavorando, quando gli lasciamo il suo tempo, un po’ della sua vita? Dopo morto?
    E quando lascia il suo posto ad un giovane certamente più brillante , più sveglio, più aggiornato, più entusiasta? Questo giovane farebbe girare l’ economia, metterebbe su casa, comprerebbe mobili, auto,, giocattoli per i figli e tutto quanto serve per vivere…
    e il paese tornerebbe ricco e TUTTI saremmo felici e contenti… caro Treu…
    non solo TU e i tuoi degni compari !!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 20:47
    Permalink

    Questo signore che e’ stato ministro ai tempi della dc e del partito socialista cioe’ ai tempi delle baby pensioni, dei 50 enni pensionati delle facili pensioni di invalidita’, dei 20 anni e sei mesi, dell’ allegra finanza e degli sprechi di denaro pubblico viene ora a pontificare? Quando e’ stato il suo momento perché non ha tagliato i privilegi e tutto quello che ho citato sopra? Questo signore con la classe politica di allora ha contribuito allo sfascio del paese.
    La Signora fornero ha fatto la riforma che conosciamo, ma questi sono stati e saranno sempre peggio di lei.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 20:19
    Permalink

    Carissimo Treu..s e dopo 40 anni di contributi versati si viene considerato ladro…chi sta al parlamento come viene considerato….vergognatevi tutti….

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 20:14
    Permalink

    – Abolire l’aspettativa di vita……..e….
    -quota 42 …..

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 20:02
    Permalink

    Quota 100 deve essere “pura” senza paletti per i seguenti motivi: 1) il paletto dei 64 anni rischia di essere peggiorativo (oltre ad essere una presa in giro … perché non mettere un paletto a 67 anni?) 2) la vita media si è allungata? Bene ma come è stato possibile fare in modo che unvantaggio si trasformi in uno svantaggio per il benessere esistenziale delle persone? 3) come non capire che tenere al lavoro persone in età avanzata e svogliate si trasforma in precariato giovanile e scarsa produttività 4) la legge fornero è un vero e proprio crimine contro l’umanità : circa le coperture o scoperture queste vanno trovate nella fiscalità generale. Dove sta scritto che il sistema previdenziale deve essere in pareggio ? E la scuola ? E la sanità ? E la difesa ?

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 19:54
    Permalink

    Da quale sarcofago è uscito? Riportatelo al museo Egizio…..se lo vogliono….

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 19:23
    Permalink

    BEN DETTO RENATO. NOI LAVORATORI SIA DIPENDENTI CHE AUTONOMI STIAMO MANDANDO AVANTI L’ECONOMIA ITALIANA. ESIGIAMO RISPETTO E SOPRATTUTTO PRETENDIAMO CHE VENGANO RISPETTATE LE PROMESSE FATTE IN CAMPAGNA ELETTORALE. QUESTA E’ L’ULTIMA VOLTA CHE DIAMO FIDUCIA PER UN CAMBIAMENTO NEL PAESE. SE ANCHE STAVOLTA NON VERRA’ RISPETTATO QUANTO DETTO IN CAMPAGNA ELETTORALE NON SO COME ANDRA’ A FINIRE…………

    Rispondi
    • Avatar
      2 Settembre 2018 in 20:22
      Permalink

      Parla uno che ha sempre vissuto da parassita ed occupa un posto da dirigente un un Ente inutile che doveva essere soppresso da anni e su permette di dare giudizi su questa materia? Rinunciare a tutti i suoi privilegi rubati con i soldi degli Italiani piuttosto !

      Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 19:06
    Permalink

    pensano al reddito di inserimento e a dare 780 euro ai disoccupati: perchè intanto non danno la pensione senza tagli a chi ha già versato almeno 35 anni di contributi ? visto che in passato c’è chi è andato in pensione con meno di 20 anni mi pare che 35 siano un diritto!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:50
    Permalink

    Leggete su wikipedia il curriculum di sto fenomeno….guarda caso ha fatto il ministro prima con prodi poi cin dalema…..ora nel pd….e presidente del cnel….ennesimo ente inutile….stendiamo un velo pietoso.sti personaggi non parlano….vomitano….cosa lascio a voi scegliere

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:45
    Permalink

    Se si abolisce la pensione di anzianità,per cui si va solo di vecchiaia per cui molto tardi,come si fà ad impiegare i negri che ci stanno invadendo e sono qua per pagarci la pensioneee?????ahahahah…solo un commento….infame

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:33
    Permalink

    Anzichè stare a commentare su quello che dice questo essere facciamo qualcosa di serio .
    Una class action contro lo stato e inps ,chiediamo la risoluzione del contratto per sopravvenute modifiche unilaterali (legge fornero) e quindi la nullità dello stesso, e la restituzione una tantum dei soldi versati in una vita di lavoro.
    Si può fare e vinceremo facendo condannare lo stato, scrivetemi kolb2@tiscali.it con la mia avvocata già nel 2009 feci una causa contro lo stato e fu condannato a risarcirmi, posso mostrare sentenza.
    Io la causa civile la faccio anche da solo, chi vuol unirsi ben accetto.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:31
    Permalink

    vergognoso è l atteggiamento dei nostri politici …..noi dopo 40 anni la pensione è strapagata…….loro non si guadagnano nemmeno l aria che respirano …..il popolo dovrebbe lizenziarli tutti quei lavativi….che tutto sanno fare meno che garantire che chi paga abbia i servizi e le garanzie dovute come cittadini italiani. e come lavoratori…..vergogna….

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:31
    Permalink

    Il sig.Treu è una persona in malafede.
    Quando si riferisce alla frase di Ciampi andavano con 35 anni.
    Per risolvere il problema dopo 40 anni di contributi mi rendono i miei soldi con gli interessi. Ci dica le sue entrate piuttosto.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:28
    Permalink

    E chi come me ha cominciato a lavorare a 14 anni cosa deve fare secondo il Sig. Treu,lavorare 53 anni per andare in pensione? È giustizia invece darsi pensioni da nababbi dopo solo una legislatura come fanno quelli come lui? Che crepi presto,e’ ciò che si merita. Vergognati!!!!!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:27
    Permalink

    SIAMO ALLA FOLLIA PURA UN EX MINISTRO DEL LAVORO E DI SINISTRA PROPONE DI ELIMINARE LE PENSIONI D’ANZIANITÀ E IL MINISTRO ATTUALE CHE COME MISSIONE DI VITA VUOLE RUBARE SOLDI AI PENSIONATI PER REGALARLI A SCANSAFATICHE ,FURBI,EVASORI E LAVORATORI IN NERO ,NON TUTTI MA TANTISSIMA GENTE CHE DI LAVORARE NON NE VUOLE PROPRIO SAPERE E ” PRETENDE ” DALLO STATO SOLO ASSISTENZIALISMO RISPETTATE LE PROMESSE E MANDATECI IN PENSIONE

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:23
    Permalink

    CHIEDO PER FAVORE ALLA SIGNORINA VENDITTI DI RECAPITARE TUTTE QUESTE LETTERE DI PERSONA AL SIG. TREU E CI RILASCI UN SUO PENSIERO ( POI CI DICA ANCHE LA SUA SITUAZIONE LAVORATIVA,PENSIONISTICA ,ANNI DI ANZIANITÁ E RELATIVI EMOLUMENTI ). DOPO SAPRÒ COSA DIRGLI

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:19
    Permalink

    Ad un persona che ragiona col culo si può consigliare di andare a cagare in alto mare

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:13
    Permalink

    Ma da quale cimitero sei uscito, perché non hai parlato quando sono state elargite facili pensioni? Ritorna negli abissi.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:12
    Permalink

    Penso che le parole di Treu siano vergognose! Dire che le pensioni anticipate sono un furto e un’ingiustizia è come dire che chi va in pensione dopo aver sgobbato per più di 43 anni per uno stipendio da 1200 euro al mese (a fine carriera) è un ladro e un privilegiato!
    A me sembra che ingiustizie e privilegi siano da cercare altrove: in chi gode di superstipendi per presiedere enti che andrebbero aboliti; in onorevoli che siedono in parlamento una volta sì e dieci no; in chi, dopo pochissimi anni di lavoro, si è garantito un vitalizio mensile di gran lunga superiore alla pensione di chi ha lavorato DAVVERO tanti anni!
    Prima di parlare di furti e ingiustizie guardi bene attorno nel suo mondo e, magari, anche allo specchio

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 18:02
    Permalink

    Treu IO VENGO AL CNEL A NON FARE UN C***O E TU FAI IL LAVORO MIO

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 17:33
    Permalink

    Abolire Inps e riavere i contributi versati.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 17:25
    Permalink

    A 60/63 anni si deve poter emettere indipendentemente dagli anni di contributi, ovviamente accettando penalizzazioni. Non ci sono a quell’età abbastanza energie e il peso della vita si fa sentire.
    Giovani a casa e vecchi al lavoro, un orrore.
    I politici nemmeno immaginano la fatica e ci portano alla tomba.
    Pensiamo ai disoccupati di 60 anni che con 30/40 anni di contributi versati devono mangiare aria per 7 anni!!!
    Dividano assistenza e previdenza cosa di cui non parla nessuno…devo pagare la pensione agli invalidi, anziane casalinghe e morire forse prima di loro sul lavoro che il mio fisico non regge più.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 17:25
    Permalink

    Io ho 55 anni e 40nni di contributi
    Sig.Treu ci sono tanti giovani senza lavoro
    Esco io e altri
    e entrano i giovani e la ruota gira come in passato perché non si può fare
    Poi io dovrei andare a 51 anni ma ho iniziato a lavorare a 15nni
    I giovani d’oggi minimo iniziano a 25 anni è normale che poi vadano a 70nni
    Mi scuso se non scrivo molto bene
    Spero si capisca il concetto

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 17:14
    Permalink

    Il SigTreu dovrebbe pensare prima di parlare. Sicuramente non ha mai lavorato. Spero che l’anticipo pensionistico rimanga tale, meglio se passa quota cento senza nessun paletto sull’età anagrafica, oppure mantengano Ape sociale.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 17:12
    Permalink

    Scusate ma dove era questo signor Treu quando regalavano le pensioni dopo 20 anni di servizio e dove era questo sig.Treu quando davano le pensioni dopo 35 anni di contributi gli avete detto al Signor.Treu che oggi i lavoratori versano in 41/43 anni di contributi circa € 350.000 / 400.000 e nessuno vuole versare contributi per 42 anni e godersi la meritata pensione per 10 max 15 anni siete impazziti tutti vero
    senza pensare ai giovani visto che di questo passo già e difficile trovare lavoro prima dei 20/25 anni più 45 di contributi e come d’incanto ti trovi a 70 anni sempre se non chiudono la tua azienda e se non perdi il lavoro altrimenti sei già arrivato a 80 anni ti compri un loculo e sei un signore , queste cose il sigr .Treu le capisce o parliamo una lingua diversa . Sveglia ragazzi questi ci hanno già fottuto i nostri soldi

    Rispondi
    • Avatar
      2 Settembre 2018 in 17:52
      Permalink

      Per prima cosa occorre abolire il cnel e per seconda cosa ricordarsi di treu e di che partito sia quando andremo a rivotare. Impensabile ritenere che dopo 40 41 o 42 anni di contributi versati ( quindi molti più della media di coloro che percepiscono la pensione) oggi noi non se ne abbia più diritto.

      Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 17:10
    Permalink

    Treu è colui che ha legiferato e concesso le pensioni d oro ai sindacalisti….. avesse il buon senso di tacere e sparire dalla circolazione …lui NAPOLITANO Monti Fornero e compagnia bella

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 17:02
    Permalink

    Non capisco perché viene dato tanto spazio a dei professori che non hanno mai provato cosa vuol dire alzarsi tutte le mattine alle 5 per 42 anni e andare a lavorare magari in ufficio che non è certo un lavoro usurante ma facendo il pendolare e sobbarcarsi 3 ore tra andata e ritorno di treno. Mi chiamo Eugenio ho 62 anni e 42 anni di contributi andrò in pensione a marzo 2020 con 43 anni e 5 mesi di anzianità. Le sembrano pochi professore???

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 16:57
    Permalink

    CI MANCAVA SOLO TREU. PENSI A FARE IL PRESIDENTE DI QUELL’ENTE INUTILE CHE SI CHIAMA CNEL ( E CHE GLI ITALIANI AVREBBERO CERTAMENTE VOTATO A FAVORE PER L’ABOLIZIONE SE RENZI NON AVESSE PERSONALIZZATO IL REFERENDUM ) E CI RISPARMI I SUOI COMMENTI. UN SESSANTENNE CON 40 ANNI DI CONTRIBUTI HA TUTTO IL DIRITTO DI ANDARE IN PENSIONE. SE TREU PROPONE L’ABOLIZIONE DELLA PENSIONE DI ANZIANITA’ IO PROPONGO L’ABOLIZIONE DELLA PENSIONE PER GLI EX PARLAMENTARI QUALE LUI E’ STATO E CHIEDO CHE IL RUOLO CHE RICOPRE ATTUALMENTE VENGA SVOLTO A TITOLO GRATUITO.

    Rispondi
    • Avatar
      2 Settembre 2018 in 17:22
      Permalink

      Io ho 55 anni e 40nni di contributi
      Sig.Treu ci sono tanti giovani senza lavoro
      Esco io e altri
      e entrano i giovani e la ruota gira come in passato perché non si può fare
      Poi io dovrei andare a 51 anni ma ho iniziato a lavorare a 15nni
      I giovani d’oggi minimo iniziano a 25 anni è normale che poi vadano a 70nni
      Mi scuso se non scrivo molto bene
      Spero si capisca il concetto

      Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 16:54
    Permalink

    L’ex ministro penso che abbia perso l’ occasione per stare zitto, non capisco proprio queste dichiarazioni, ho 62 anni e 42 di contributi se le cose rimaranno così andrò in pensione a marzo 2020 con 43 anni e 5 mesi, professore le sembrano pochi. Eugenio 1956

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 16:49
    Permalink

    Eliminate i cinque mesi e bastaaaaaaa

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 16:45
    Permalink

    Cosa intendono fare ?
    Se riformano la fornero con la quota 100 permettendo il pensionamento solo a coloro che hanno 64 anni e 36 di contributi anni con il contributivo, che fine fa la pensione anticipata con 43 anni e 5 mesi ?
    Rimane com’è o la peggiorano ?
    Forse stanno pensando di abolire la norma sulla pensione anticipata prevedendo un uscita uguale per tutti a 64 anni con il contributivo ?
    COSA CI FARANNO ANCORA pur di garantire i 780 Euro ai disoccupati ?
    Ma chi è di fatto al governo del paese ? Stanno pensando di passare la mano alle banche ?

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 16:44
    Permalink

    Veramente quello che dovrebbe essere abolito immadiatamente è il Cnel, questo signore verrà pagato almeno 15000- 20000 euro per dirigere un ente che persino Renzi e a ragione aveva definito totalmente inutile!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 16:41
    Permalink

    TREU L’HAI SPARATA GROSSA,SENIL PROBLEMA È CHE UNO PERCEPISCE SEMPRE DI PIÙ DI QUELLO CHE HA VERSATO UNA SOLUZIONE C’È.FACCIAMO COME IN INGHILTERRA DIAMO L’OPPURTUNITÁ DI SCEGLIERE TRA UNA PENSIONE MENSILE O L’INTERO MONTANTE CONTRIBUTIVO .IO OPTEREI SUBITO PER LA SECONDA IPOTESI .IO QUANDO ANDREI A RIPRENDERMI QUANTO HO VERSATO FIN’ORA ( oltre 360.000 ) FORSE TRA 15/20 ANNI , MA SOLO SE CAMPO PER TUTTI QUESTI ANNI,DOPO OLTRE 42 ANNI DATEMELI SUBITO CHE POI CI PENSO IO PRIMA CHE LI REGALINO AGLI ELETTORI DEI 5 STELLE

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 16:36
    Permalink

    Il Dr.Treu parla come tutti i privilegiati che hanno trascorso una vita con stipendi altissimi e pontificando discorsi forbiti (sic!). Che lavori ad una catena di montaggio per qualche anno e poi ne riparliamo!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 16:30
    Permalink

    A fine anno ho 42 anni di contributi versati a febbraio faccio 63 anni di età svolgo un lavoro USURANTE se non si muove nulla mando al diavolo tutto e chiudo i versamenti rubati dal mio lavoro per ingrassare le vostre taschecosì dovrebbero fare tutti gli italiani nella mia stessa condizione

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 16:20
    Permalink

    Sindacatiiiii, dove siete? In ferie! Tanto i sindacalisti ne prenderanno due di pensioni, che vuoi che sia!
    Statevene buoni buoni e noi( aimè anch’io) vi paghiamo e…paghiamo per ogni cosa!
    Chi prima si sveglia…decide ! C’è veramente da aver paura!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 15:44
    Permalink

    Treu mi fai sapere dove abiti ? Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 15:29
    Permalink

    Ecco come si fa ad incentivare il lavoro nero. I contributi non hanno alcun significato l’unico metro di misura é l’età. Per la pensione di vecchiaia sono sufficienti 20 anni di contributi versati, a fronte di un’età anagrafica ( nel 2024) di 67 anni e 5 mesi, a causa dell’adeguamento con l’aumento delle aspettative di vita che l’Istat ovviamente rileverà comunque in aumento a prescindere dalla realtà. A COSA SERVE PAGARE I CONTRIBUTI PER UNA VITA INTERA ? A NIENTE ! poiché arriva TREU e ci spiega che le pensioni “così dette anticipate” sono un’ingiustizia. Ma che giustizia sarebbe equiparare chi ha già pagato a chi, non per colpa sua, non paga, non pagherà e non avrà mai pagato ? Se pagare i contributi per 43 anni e 5 mesi significa un’ingiustizia é opportuno rivedere tutta normativa sulle pensioni E’ OPPORTUNO LAVORARE A NERO tanto é uguale. Penso che tutto questo si legato alla necessità di assicurare i 780,00 Euro a coloro che non trovano lavoro. UNA COLOSSALE DISTRAZIONE DI FONDI GIA’ VERSATI ideata dallo stato deviati verso il “premio di cittadinanza” ….. del M5S

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 15:15
    Permalink

    Intanto andrebbe soppresso quel pezzente che ha inventato la “pensione anticipata” Se ho lavorato 40 anni è anticipata un cazzo. . Dobbiamo buttare a mare tutti questi vecchi, ladri, corrotti, pericolosi e spesso rincitrulliti. Rifacciamo un’Italia pulita.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 15:10
    Permalink

    Sono contro la violenza quindi per tutti questi criminali di pace Signore Mio da lassu’ facci un regalo, pensaci tu

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 13:30
    Permalink

    Treu e Fornero non sono nel Governo quindi le loro sono opinioni come possono essere le nostre. I passati governo sì sono responsabili sulle scandalose pensioni anticipate e delle caste oltre che vitalizi e laute pensioni per loro. Ora dobbiamo pagare noi? nemmeno per sogno, protesteremo ad oltranza. Pagherete voi, i veri responsabili!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:59
    Permalink

    STEFANO, chi perde il lavoro avrebbe i 780 euro non appena, tra qualche lustro, si sarà fatta la riforma dei centri per l’impiego! Basta pazientare e tirare la cinghia per una ventina d’anni!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:57
    Permalink

    Comunque sia, ciò che non riesco a capire è: Quelli che guadagnano più di 4.000 euro, se veramente attuassero il limite massimo dei 4.000 euro di pensione, dovrebbero, se ancora lavorano,continuare a pagare all’INPS i contributi per il loro attuale stipendio, che so, 10.000 euro, anche sapendo che non prenderebbero più di 4.000 ero di pensione? Non suonerebbe loro un po’ strano? E non stonerebbe legalmente?

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:53
    Permalink

    Se continua così, non è che alla fine si farà un ricalcolo generale VIRTUALE (perché perdere tempo a rivedere caso per caso e pensione per pensione, di alcune neanche si ha più traccia) e si daranno a tutti 780 euro, sia che lavori, sei disoccupato, eri già pensionato…?
    Scherzo, amaramente, ma la situazione mi sembra precipitare in simil Grecia… Spero di sbagliare!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:51
    Permalink

    Dimenticavo…una volta abolite poi chi perde il lavoro dopo i 50/60 anni lo garantiscono loro un altro lavoro nel frattempo…altro che paletti o requisiti…

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:46
    Permalink

    Non si prende più di quanto versato, il contributivo è iniquo perché ridà solo quanto versato e allora uno potrebbe andare in pensione anche dopo una settimana, senza spettare tot anni e tot servizio, “se riprende solo quanto versato”.
    Il retributivo non dà più di quanto versato: se io “presto” per decenni, sotto forma di contributi pensionistici i miei soldi all’INPS, allo Stato, non posso riprendere solo quanto versato, o miseri interessi legali, ma gli stessi interessi che, nel tempo in cui ero in pensione, periodicamente, finanziarie e banche chiedevano per erogare un prestito quarantennale!
    Quindi il retributivo è equo e andrebbe ripristinato.

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:45
    Permalink

    Ormai ad una certa età quasi tutti i lavori sono gravosi e usuranti nelle fabbriche…
    E dopo 40/42 anni di lavoro uno è gia abbastanza stanco,acciaccato,esaurito mentalmente e fisicamente a prescindere dall età…altro che buona salute!…
    Abolire le pensioni anticipate a chi gia dato da giovane??? Spero sia una provocazione….

    Rispondi
    • Avatar
      2 Settembre 2018 in 13:16
      Permalink

      In rete le dichiarazione di Treu. Da dove l hanno riesumato? E sapete che dichiara? Che le pensioni anticipate sono un furto…ma dico dopo 43 44 anni di lavoro sono un furto? E le pensioni baby cosa sono e i vitalizi dei politici cosa sono? Treu statti zitto se non vuoi ci incazziamo coi forconi. Neanche la fornero ha mai dichiarato ció. Salvini e Di Maio potreste essere i nostri figli e i figli monelli si prendono a mazze e panelli perchè diventino belli..voi siete sulla bruttezza d animo più totale…ci state facendo soffrire specie a noi donne con tutte le chiacchere che ci state raccontando. Stoppate tuttooooooo…solo ad eliminare i 5 mesi di adv dal 2019 farete l unica cosa di senno che possiate fare in 6 mesi di chiacchere. Bastaaaaaaaaaaaaaaaaa…..e a Treu…mettetegli una museruola.

      Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:41
    Permalink

    Dopo 41 anni di lavoro la pensione è un diritto non un privilegio come vorrebbero questi ex ministri che non sanno cosa vuol dire lavorare in fabbrica tutti i giorni Venite a provare voi ex ministri o attuali cosa vuol dire lavorare di fatica e stare sul pezzo 41 anni Venite Venite e poi parlate

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:40
    Permalink

    Leggo sul post cheTreu, per avvalorare il suo discorso contro le pensioni anticipate, ricorda anche una frase di Ciampi che asseriva ‘che le pensioni anticipate sono un furto, si prendeva di più di quanto versato’.
    Secondo me non è così, ma, SE LO FOSSE, QUESTO “FURTO” SAREBBE STATO OBBLIGATO DA UNA LEGGE DELLO STATO ALLA QUALE NON CI SI POTEVA SOTTRARRE, PENA ESSERE “LAVORATORI IN NERO”.
    E allora? La predica la si fa a chi è solo stato costretto ad accettare OBBLIGATORIAMENTE le leggi dello Stato? Saremmo anche “ladri”, per questo?per avere ottemperato alle regole vigenti?
    Rimango di stucco, di fronte a ciò che ricevo l’impressione essere l’assurdo conclamato delle Istituzioni dello Stato che rimproverano le leggi dello Stato e addebitano il reato, EVENTUALE (secondo me inesistente), a chi abbia dovuto subire, e sottostare, alle leggi OBBLIGATORIE dello Stato?

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:26
    Permalink

    Vedo che, salvo errori, in tema di pensioni, gli unici Ministri a parlare ED ESPRIMERE “CERTEZZE” siano, finora, solo i Ministri DEI PASSATI GOVERNI: Treu, Fornero… Siamo sicuri che quello attuale esista veramente e non sia un’allucinazione collettiva?

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:16
    Permalink

    Come non essere d’accordo con Giuseppe. Ma ripeto sta gente che parla e decide del nostro destino non ha mai veramente lavorato

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:16
    Permalink

    Treu…
    Vorrei solo chiederti se hai mai lavorato veramente in vita tua…???
    Sai cosa vuol dire lavorare x 42 anni..??
    Ma veramente,non organizzare il lavoro altrui dall ufficio x un ora al. giorno x 4 giorni alla settimana..x poi andare in pensione e vitalizio x 10-12 mila euro al mese dall eta di 50? 55? Anni e continuare a rubare soldi presidendo un ente inutile…!!!
    Grande MERDA !!!
    Dovresti vergognarti e stare zitto x vergogna MERDA!!!!

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2018 in 12:09
    Permalink

    Io ne penso che il Signor Treu dice che vanno eliminate le uscite “anticipate” salvo per lavori gravosi e invalidi. Il Signor Treu non pensa che a 67 anni, anche senza essere ufficialmente qualificati come soggetti a lavori gravosi o invalidi si sia un po’ tutti un po’ invalidi, troppo anziani per continuare lavorare, anche a prescindere dalle categorie da lui citate? O pensa che, improvvisamente, gli italiani siano divenuti dei quasi “immortali”?
    I lavori sono tutti gravosi e, soprattutto ad una certa età, si deventa tutti un po’ invalidi, non è che a 67 anni e un giorno improvvisamente uno non si regge più in piedi come il giorno prima!
    Fate vobis, se la pensione non la si vuole più elargire se non a chi non si regga più in piedi e se si vuole continuare a posticiparla continuamente quando la stai per raggiungere (nonostante ormai sia penalizzata, assurdamente, con più criteri contemporaneamente sommatisi nel tempo per le varie controriforme) col “gioco dell’oca” dell’aumento per l’aspettativa di vita, lo si dica e si dia la possibilità di chiedere LA NON PENSIONE E PRENDERE LO STIPENDIO PIENO! Tanto ormai sarebbe quasi lo stesso risultato!

    Rispondi
    • Avatar
      2 Settembre 2018 in 17:27
      Permalink

      E i disoccupati 55/60enni che devono mangiare aria per più di 7 anni? Non ci sono parole, questa é crudeltà.
      Senza contare i vecchi al lavoro ed i giovani a casa!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *