Pensioni Brambilla

Pensioni anticipate 2018, ultimissime notizie: quota 100 cambia ancora, i nuovi requisiti

Le ultimissime novità sulle pensioni anticipate giungono dalla proposta presentata da Alberto Brambilla, ben descritta con dovizia di particolari dal Corriere della Sera, che fa notare come la quota 100 potrebbe subire, ancora, importanti modifiche rispetto alle promesse iniziali, si tratterebbe dunque di una misura rivisitata e decisamente ridimensionata.

A conti fatti, ora vi spiegheremo il meccanismo che vi sottende, chi riuscirà ad accedere alla quiescenza dal 2019 potrà in realtà andarci con quota 104, già perché pare, che l’idea dell’esperto previdenziale della Lega, per contenere i costi ed evitare una fuga ‘in massa’, starebbe nel concedere la quota 100 da subito a quanti hanno maturato i requisiti da almeno 2 anni. Nello specifico.

Pensioni anticipate 2018: Quota 100 non più con 38+62 ma con 64+40

L’ipotesi insita nella nuova proposta presentata da Alberto Brambilla è quella di uno scalone al 31 dicembre per cui andrà in pensione a marzo 2019 si chi ha raggiunto i requisiti per la quota 100 (62 anni di età + 38 di contributi ) ma da almeno due anni. Qui sta la novità, ragione per cui vuol dire che da gennaio 2019 andranno potenzialmente in pensione non tutti coloro che hanno centrato i 2 requisiti imprescindibili che già a lungo hanno fatto discutere ma solo ed unicamente chi entro il 31/12/2018,  quei 2 requisiti li ha centrati da ormai due anni. In estrema sintesi, si potrà ritirare solo chi IN realtà avrà 64 anni di età e 40 di contributi.

Pensioni ultimissime, Brambilla: modifica necessaria, per evitare ingorgo Inps e costi esosi

Nella legge di Bilancio al momento non vi sono criteri che stabiliscono l’uscita con la quota 100, ragione per cui è ipotizzabile, che proprio nella speranza di trovare una quadra con l’Ue, ed evitare la procedura d’infrazione, si dovranno tagliare le spese sulle due misure (reddito e pensioni) che più pesano sul bilancio della Manovra 2019.

Per questa ragione  Brambilla offre il suo suggerimento al governo, e lo fa attraverso le pagine del Corriere, parlando di pensioni, sebbene la necessità di mantenere gli impegni presi con gli italiani, afferma che sia fondamentale agire con moderazione e la giusta prudenza: “La prima necessità è risolvere i problemi della legge Fornero. Fatto questo chiarimento ci sono due elementi pratici di cui tenere conto: nel prossimo mese di gennaio l’Inps non può ricevere in un sol colpo quasi 300mila nuove domande di pensionamento, l’altro punto è che un meccanismo del liberi tutti costerebbe di più 7 miliardi di euro”. Chi potrebbe dunque andare in pensione ‘da subito’ , marzo 2019 si ipotizza, e chi pur avendo i requisiti dovrà ancora pazientare?

Pensioni anticipate con quota 100: ecco i potenziali beneficiari

Sarebbero circa 250 mila persone, e non più 400 mila, i nuovi destinatari della quota 100 rimodulata, è lo stesso esperto previdenziale della Lega a farne una stima. Le uscite sarebbero così scaglionate: 150mila per il 2019 e 100mila per il 2020. “Il costo previsto sarebbe all’incirca di 3,9 miliardi all’anno nei primi cinque anni, il picco di spesa è comunque nel 2020 con un costo di circa 5,3 miliardi”.

Chi andrebbe in pensione da subito stando al nuovo meccanismo? Quanti al 31/12/2018 hanno già i requisiti da almeno due anni, dunque chi avrà 40 anni di contributi e 64 d’età.  Poi toccherebbe a chi li ha maturati da più di 18 mesi ma meno di 24, e così via. Per arrivare agli ulteriori due scaglioni, 4 finestre in 2 anni, tra la fine del 2019 ed il 2020. Una soluzione, dice Brambilla, che permetterebbe, a suo dire, ma temiamo i lavoratori non la penseranno allo stesso modo, di salvare la promessa elettorale, ma risparmiando.  La premessa, sostiene convinto” è liberare tutti i lavoratori” che non hanno 67 anni di età o 42 di contributi e non possono quindi uscire dal mondo del lavoro.

Ma era davvero questo che avevano in mente gli elettori quando avevano sentito parlare di quota 100? Oppure ha ragione Boeri che il termine è  ingannevole e andrebbe mutato per non continuare a creare false illusioni?

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Erica Venditti

Erica Venditti
Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

54 commenti su “Pensioni anticipate 2018, ultimissime notizie: quota 100 cambia ancora, i nuovi requisiti

    Ivo valsecchi

    (5 Dicembre 2018 - 9:49)

    Salvini continua a prendere in giro chi ha lavorato di piu di 38 anni, precoci e donne visto che avete massacrato anche l’opzione donna, la pacchia sta finendo , ci rivediamo alle prossime elezioni. Divertiti fino a che puoi, Matteo SALVIRENZI

    ANTONIO

    (5 Dicembre 2018 - 8:43)

    TRANQUILLI RAGAZZI ANCORA IERI SERA A CARTA BIANCA DALLA BERLINGUER SALVINI HA CONFERMATO LA VERA QUOTA 100, COME E’ SEMPRE STATA PROSPETTATA. LE IDEE STRAMPALATE DELLO SVEGLIONE DI MERATE NON VENGONO CONSIDERATE DA NESSUNO.

      Ivo valsecchi

      (5 Dicembre 2018 - 11:17)

      Antonio, tranquilli cosa???? Quindi l’idiozia di mandare in pensione chi ha lavorato meno e lasciare sul posto di lavoro chi ha lavorato di piu’ vogliono portarla a compimento questi farabutti ????? E te lo chiede chi ha sempre votato lega…

    Francesco

    (4 Dicembre 2018 - 23:19)

    Carissimo di Maio, vuoi un consiglio ? Non la chiudere l’azienda di papà… Tra poco ci dovrai tornare… Ancora un paio di stronzate e torni da dove sei arrivato. E magari ti porti dietro anche il tuo amico Salvini… Presto avrà bisogno anche lui di un posto di lavoro… Magari in nero… Tanto voi sapete come fare… Eventualmente chiedi a papà…

    Angelo

    (4 Dicembre 2018 - 22:55)

    Maggiorenni a 16 anni invece che a 18. Li devi , però compiuti i 16 anni da 2 anni. Geniali. Brambilla è consulente di Salvini nonché uno dei maggiori esperti in materia previdenziale e ha sempre sostenuto quota 102. Come 64+38

    Ivo valsecchi

    (4 Dicembre 2018 - 20:57)

    Ma da dove arriva questo fenomeno ???? PD ???? Non mi sembra sia della lega , quindi che cavolo.vuole ?

      Filomena Vicinanza

      (5 Dicembre 2018 - 10:28)

      A marzo avrò 63 anni e 40 anni e tre mesi di lavoro effettivo più un mese riscattato e 5 figurativi. Se la quota 100 diventa 104, io non posso usufruire di nessuna agevolazione perché quando arriverò a 64 posso accedere direttamente alla pensione con le dimissioni perché sono arrivata ai 42 e 10 mesi. Proprio una presa in giro per chi, essendo andato a lavorare molto giovane, lasciare il mondo del lavoro a 64 anni e dover avere poi delle penalizzazioni sulla pensione, è ovvio che a quel punto, per pochi mesi, non le conviene più lasciare. In, questo modo la quota 100, la giudico un vero blef, al popolo italiano. Ci avevo tanto sperato, anche se nel profondo, sapevo già che non sarebbe stato vero

    Enzo

    (4 Dicembre 2018 - 20:01)

    La delusione è tanta! Non li ho votati ma l’avrei fatto alle Europee nel caso avessero portato a termine in modo degno il capitolo pensioni. Penso davvero che stiano prendendo in giro il popolo italiano. Ci credono incapaci di ragionare sulla quota 100 (che già era improprio chiamarla così.. figuriamoci ora), sul Reddito di Cittadinanza (che sarà dato veramente a pochi e toglierà lavoro ai giovani con ISEE anche leggermente più alto, dato che i Datori di Lavoro saranno spinti ad assumere coloro che vengono da tale serbatoio).
    Che dire.. una forte delusione! (58/38 !)

    Patrizia

    (4 Dicembre 2018 - 18:31)

    Sono nata il 1′ gennaio 1955… ed ho quasi 41 anni di contributi…
    Quindi non ho i requisiti per questa genialata di Brambilla.

    NO COMMENT

    Antonio

    (4 Dicembre 2018 - 18:26)

    Se fanno questo tutti a casa, vergogna prendere in giro il popolo

      Isabella

      (5 Dicembre 2018 - 9:42)

      @Patrizia. Sono nella tua stessa condizione e non posso che condividere il tuo amaro commento. Se ci aggiungi che a noi donne e’ da sempre, toccato il doppio ruolo casa-lavoro senza alcun riconoscimento, comprendi bene l’ulteriore insensibilita dimostrata nel proporre quest’altra genialata. Ci considerano NUMERI, NON PERSONE…..

      Umbros

      (5 Dicembre 2018 - 10:30)

      Sono elettore m5s convinto ma se fanno questa stronzata governo a casa e nuove elezioni e i brambilla di turno potranno finalmente lavorare

    Francesco

    (4 Dicembre 2018 - 18:14)

    Erica dice di lasciare un commento…. Ma cosa vuoi commentare? Ormai quei due sveglioni non sono più neanche ridicoli. Se non fosse che stanno finendo di rovinare l’Italia mi farebbero anche un po’ pena…. Mandiamoli a casa finché siamo in tempo….

    Filippo

    (4 Dicembre 2018 - 18:00)

    Per me è una fregatura, visto che ho maturato i requisiti 62+38 nel 2018, andare in pensione ora che l’azienda ha un licenziamento collettivo in atto proprio per i più anziani come me!!

    Francesco

    (4 Dicembre 2018 - 17:48)

    E con 62 anni e 2 mesi + 42 anni e 1 mese di contributi a Dicembre 18 cosa mi aspetta grazie

      Erica Venditti

      Erica Venditti

      (4 Dicembre 2018 - 22:31)

      Se quota 100 classica 38+62 fosse confermata vi rientrerebbe da subito. Se passasse la proposta di Brambilla pur avemdo i contributi sarebbe fuori per l età…entrambi i requisiti devono essere entro il 31 12 2018 maturati da 2 anni…dunque occorrerebbero 40+64 in soldoni quota 104. Ma lei essendo prossimo ai requisiti Fornero…specie sw passaase lo stop dell adv è certo le convenga andare con quota 100? Al suo posto mi farei far fare una simulazione dall inps per comprendere l assegno ultimo corrispondente nei 2 casi. Saluti, spero di esserle stata di aiuto.

    Giuseppe C.

    (4 Dicembre 2018 - 17:45)

    Speriamo che il buon Boeri non pensi di suggerire di “smontare” la legge Fornero suggerendo quota 109 (68
    e 41), altrimenti c’è il rischio che lo accontentino subito?

    Giuseppe C.

    (4 Dicembre 2018 - 17:42)

    Stanno “smontando” i pensionandi, si fa per dire… pensionandi presuppone che prima o poi si vada in pensione.

    Giuseppe C.

    (4 Dicembre 2018 - 17:38)

    “… quota 100 cambia ancora…”: Il Governo del cambiamento!

    Revenge

    (4 Dicembre 2018 - 17:25)

    Brambilla rip .

    massimo

    (4 Dicembre 2018 - 17:09)

    Conto sulla lealtà di Salvini e spero che non tradirà il popolo che lo segue da anni. Matteo rammenta a Brambilla che 38 anni di servizio sono tanti ma anche 61 e 6 mesi di età anagrafica non sono sono pochi, quindi non scherziamo.
    Brambilla come pensa di valutare i disoccupati come me e senza possibilità di incrementare 38 anni di contributi? Matteo daglielo tu il suggerimento oppure dovrò rassegnarmi a raggiungere i 67 anni per la pensione di vecchiaia, ma dopo ben 6 anni senza percepire stipendio.

      Giorgio

      (5 Dicembre 2018 - 12:29)

      Spero che la proposta del Sig Brambilla non venga presa in considerazione. Ho 62 anni e 40 di contributi , sono disoccupato da un anno , com’è possibile aspettare altri due anni ? Spero che il Sig Salvini mantenga quello promesso , altrimenti addio al governo del paventato cambiamento.

    Patrizia

    (4 Dicembre 2018 - 16:51)

    COSA POTEVAMO ASPETTARCI? MA CI HANNO PRESO PER IMBECILLI????? NON HO PAROLE.

    tiziana

    (4 Dicembre 2018 - 16:47)

    Ma che razza di mente contorta ha potuto architettare una simile carognata!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Фра

    (4 Dicembre 2018 - 16:07)

    Brambilla…..P.O.C., ti piacerà!

    ALESSANDRO

    (4 Dicembre 2018 - 15:04)

    A volte bisogna anche saper rimanere in silenzio. Non è questo il caso di Brambilla, che dopo la boutade di questo articolo, si sta candidando al premio Nobel per il gioco delle 3 carte, con buona possibilità di risultare vincitore assoluto, essendo avanti anni luce rispetto ad altri economisti. Comunque, Brambilla offre il suo suggerimento al governo. MA CHI GLIELO HA MAI CHIESTO??????????

    Luca

    (4 Dicembre 2018 - 14:53)

    Io a luglio avrò 62 anni e 42 anni di contributi, rientrerei in questa nuova ipotesi di quota 104 ????

      Erica Venditti

      Erica Venditti

      (4 Dicembre 2018 - 22:27)

      Luca in realtà se passasse no perché dovrebbe avere maturato entrambi i requisiti da almeno 2 anni…dunque nel 2019 andrebbero coloro che hanno 64+40. Ma pare che Salvini e Durigon abbiano già smentito questi nuovi requisiti e che restino 38+62 per tutti ragione per cui vi potrebbe rientrare. Il problema è che in assenza di una norma scritta ogni giorno si dice tutto ed il contrario di tutto senza alcuna certezza effettiva.

    Nora

    (4 Dicembre 2018 - 14:17)

    È l’ennesima str..spero sia una bufala come detto ieri sera in un programma televisivo altrimenti c’è da fare una rivolta
    Che schifo

      Erica Venditti

      Erica Venditti

      (4 Dicembre 2018 - 22:33)

      Unq bufala no perché sono dichiarazioni fatte da Brambilla…dunque si tratta di uan sua proposta….che sia già stata smentita da salvini e Durigon risulta anche a me…domani ci scriverò su un pezzo per fare il qaudro completo.

    giovanni

    (4 Dicembre 2018 - 14:14)

    facciamo,come i francesi.
    scendiamo in piazza.
    e’ ora di finirla di giocare con le persone..

    Revenge

    (4 Dicembre 2018 - 13:53)

    vive la france !!!
    chiedo di essere adottato dai cugini d’oltralpe se la lega continua a dar parola a questi elementi.
    lo stesso ci aveva già provato qualche settimana fa col paletto a 64 anni. oggi si ripresenta!!!
    ma fatelo tacere per sempre !
    è perfino peggio di boeri, fornero, monti, padoan, confindustria, pd, ue , etc, etc…. messi assieme.
    sicuramente costui non ha mai preso in mano un martello, nè usato una vanga, nè guidato un tir, nè assistito un malato terminale….
    a chi giova un comportamento simile ? forse salvini vuole che il popolo insorga ?
    purtroppo caro salvini, il pecorone italiano non ha le palle come il cugino francese e quindi puoi dormire sonni tranquilli… qualsiasi decisione prenderai , resterai sul barcone ancora per anni e anni a venire !

    Renato

    (4 Dicembre 2018 - 13:33)

    ILLUSIONISTI DA STRAPAZZO

    ALESSANDRO

    (4 Dicembre 2018 - 13:28)

    Devo dire che solo in Italia esistono geni di si fatta portata e natura. Qui siamo di fronte alla creazione pura in tutto e per tutto, quasi da Nobel per l’economia. Tanto tempo fa, il comico Enrico Montesano fece un sketch nel quale impersonava Anderotti. Per la crisi economica si era inventato una banconota che da un lato valeva 10 e dell’altro valeva 100. In questo modo si riceveva lo stipendio pagato dal datore di lavoro, dal lato meno oneroso (cioè 10) e il lavoratore, a sua volta, poteva utilizzare il lato più favorevole (cioè 100). Tutto questo per dire che a me sembra una solenne BOIATA. Tanto vale cambiare per l’ennesima volta le regole di questo nuovo gioco, ancora non iniziato, affermando che, data la situazione attuale potrà andare in pensione solo chi ha 40 anni di contributi versati e 64 anni. Si eviterebbero giri di parole ed anche la sensazione di essere presi per il C……..olletto.
    In effetti poi, Brambilla offre il suo suggerimento al governo, (ma chi glielo ha mai chiesto)????????????

    MMZ

    (4 Dicembre 2018 - 12:28)

    Spero che smentiscano immediatamente questa boiata perché se fosse confermata, arriverei a rimpiangere “renzusconi”……ho detto tutto!!!

    GIUSEPPE DE SANTIS

    (4 Dicembre 2018 - 12:21)

    E’ chi compie 64 anni a febbraio con 41 anni di servizio quando andrebbe in pensione?

      Francis

      (4 Dicembre 2018 - 14:25)

      Se fanno le finestre alla prima utile, sennò il mese dopo.

    Umbros

    (4 Dicembre 2018 - 12:11)

    Occhio se fanno questa stronzata vanno a casa

      gabriele periz

      (4 Dicembre 2018 - 13:19)

      E perché ? Se i conti non lo permettono almeno la buona volontà

    Mauro

    (4 Dicembre 2018 - 12:09)

    allora sai cosa c’è, se succede questo???,…………… voi leghisti, voi pentastellati siete dei QUAQQUARAQUA’ senza palle e senza midollo.!!!!!!!
    Genuflessi anche voi ai poteri forti e ai CONF….industria…artigianato…commercio ..
    ma andatela a pijaà in ter culo e mettetevi a fare dell’altro coglioni

    PAOLO CURABA

    (4 Dicembre 2018 - 11:31)

    L’ultima cosa onorevole da fare che vi resta è il blocco della AdV di 5 mesi.per il resto un italiano su due è stato illuso dalle promesse irrealizzabili,…delusione!!!!

    Claudio

    (4 Dicembre 2018 - 11:13)

    perchè non proporre quota 100 (62 anni di età + 38 di contributi )maturata da almeno 5 anni, si andrebbe in pensione a 67 anni.

    IDA ZAUTZIK

    (4 Dicembre 2018 - 11:08)

    Potevano fare meno gli “sboroni” prima… tante promesse per poi non contentare nessuno e – nel frattempo – aver fatto perdere al paese una sacco di soldi per lo spread e la borsa… Sarebbe stato meglio stoppare l’aumento dell’aspettativa di vita e sanare qualche ingiustizia , piuttosto che fare l’ennesima eccezione alla legge Fornero , che comunque rimane valida, e rovinare le aspettative di molti !!!!! e per fortuna che Conte diceva che questa era una manovra seria e studiata da tempo… siano al 3/12/2018 e ancora non sappiamo che caspita vogliono fare….

    ANTONIO

    (4 Dicembre 2018 - 11:06)

    SVEGLIONE, SE AVESSI AVUTO 62 E 38 DUE ANNI FA SAREI ANDATO E CON ME ALTRE PERSONE IN QUIESCENZA GIA CON L’APE SOCIAL. QUESTO DIMOSTRA LA SUA IGNORANZA IN MATERIA PREVIDENZIALE. L’UNICO POSTO CHE E’ SEMPRE DISPONIBILE X LE SUE CAPACITA’ E’ IL MAGAZZINIERE…. FORSE….

    cesco

    (4 Dicembre 2018 - 11:01)

    Io il 31 dicembre 2018 avrò 63 anni e 10 mesi con 41 anni e 10 mesi di contributi ( sarei a quota 105 ) a questo punto mi conviene la Fornero …..venditori di fumo !!!!

    PAOLO CURABA

    (4 Dicembre 2018 - 10:49)

    A questo punto l’unica cosa decente da fare è ammettere di aver parlato a vanvera e da incompetenti al fine di acchiappare voti……E basta!!!!!Un italiano su due preso per il culo.Rimane un’ultima cosa decorosa da fare :bloccare l’aspettativa di vita….gli ulteriori 5 mesi di sorprusi della Fornero.Se non riuscite nemmeno in questo abbiate il buonsenso di……

    Mauro

    (4 Dicembre 2018 - 10:43)

    C’è in atto uno scontro tra chi è economista e chi di professione è un politicante populista

    ANTONIO

    (4 Dicembre 2018 - 10:24)

    Brambilla vallo a prendere dove lo prendono le oche, imbranato, mi chiedo come fanno a tenerti nella lega.

      Ivo valsecchi

      (5 Dicembre 2018 - 6:59)

      Non mi sembra che brambilla sia della lega altrimenti dopo quelle pagliacciate che si inventano resteranno salvini, brambilla borghi e qualche militonto che li votera’ lega. Io da sempre leghista saluto questi squallidi personaggio. Mandare in pensione uno con 38 anni e far lavorare uno di 42 ??? Salvini sei peggio della fornero, divertiti un po con gli immigrati, tra 5 mesi alle europee la pacchia e’ finita. Vai con renzi a giocare alla ruota della fortuna e’ li il tuo livello

    paola

    (4 Dicembre 2018 - 10:17)

    Tralasciando inizio e parte centrale dell’articolo quello che mi ha fatto proprio tanto pensare è la parte finale esattamente dove Brambilla sostiene ” liberare tutti i lavoratori ” e pure convinto lo sostiene! Appunto libera chi non ha 67 anni di età o 42 di contributi. Chi invece ne ha già da un pezzo 40 o 41 o 42 anni di contributi ma è troppo ” giovane ” non viene liberato. Anzi. Pure io ovviamente. 60 anni e 39 di versamenti, non verrò liberata ma, altri 4 annetti e arrivo a 43 di versamenti e che sarà mai. Ma meno male che c’è la Fornero a sto punto vado via un bel po prima! Non avrei mai immaginato di scrivere questo! La mia impressione è che lo scopo finale di tutti questi avanti e indietro del governo, di dire una cosa e l’inverso il giorno dopo, è solo uno: abolire la pensione anticipata e lasciare solo quella di vecchiaia. Spero di andarmene prima che questa impressione diventi una certezza.

    Renato

    (4 Dicembre 2018 - 10:03)

    UNA BOIATA PAZZESCA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! SE PENSO A QUA NTI CHE HANNO CAMBIATO PARTITO NELL’URNA CREDENDO A QUESTI CIALTRONI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! MI VIENE DA RIDERE PER NON PIANGERE

    Renato

    (4 Dicembre 2018 - 10:01)

    E IL BLOCCO DELL’AdV CHE FINE HA FA FATTO ????????????

      gianni

      (4 Dicembre 2018 - 16:16)

      Parlano di ingombro eccessivo di pensionandi nei primi mesi del 2019 nel caso si riformasse la Fornero,facendo finta di non sapere che i primi 5mesi,come effetto del blocco previsto,ci sarà una netta diminuzione rispetto all’anno precedente. Per salvare la faccia annullino il previsto aumento come segno concreto di una intenzione di modificare la situazione in atto,a beneficio di tutti.Al massimo si permetta a chi vuole di continuare a lavorare,ma non come obbligo.

      Giuseppe C.

      (4 Dicembre 2018 - 17:41)

      E lo scongelamento del TFR TFS bloccato per anni dalla legge Fornero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *