Pensioni anticipate 2018, ultim’ora: Salvini rassicura Quota 100 entro l’anno

Le ultimissime novità al 25 luglio 2018 arrivano da Matteo Salvini che è tornato a parlare dell’abolizione della Legge Fornero, ospite della trasmissione l’Aria pulita su Italia 7 Gold, questa volta il ministro ha parlato di tempistiche, garantendo che non solo la riforma si farà ma che la quota 100, una delle misure più ambite dai lavoratori, sarà resa possibile e dunque spendibile da quanti vorranno uscire anticipatamente dal lavoro entro l’anno. Ecco le sue dichiarazioni certamente attese da quanti sui social, esausti dall’ attesa e dai continui rinvii,  da giorni chiedono al Governo di passare dalle parole ai fatti .

Pensioni anticipate, Salvini : quota 100 nostro obiettivo, sarà entro l’anno

Matteo Salvini accelera sulla tematica previdenziale e forse incalzato da quanti continuano a chiedere ‘si passi ai fatti’, annuncia finalmente un arco temporale entro cui si vedranno le prime misure di abolizione della riforma Fornero.   “Voglio un segnale entro l’anno”, ha detto il ministro dell’Interno, nella trasmissione L’aria Pulita su Italia 7 Gold. Poi ha ribadito le primarie intenzioni del nuovo esecutivo, che stando alle parole del vicepremier per ora sembrerebbero dunque lasciare in standby quota 41 e opzione donna, Quota 100 “è il nostro obiettivo” così come aumentare le pensioni minime grazie anche al taglio di quelle cosiddette ‘d’oro’”

Poi rivolgendosi a Boeri, contro il quale continua a manifestare il proprio disaccordo dice: “è una bufala che costa troppo toccare la Fornero, è falso che c’è bisogno di immigrati per fare certi lavori ed è falso che c’è bisogno di più immigrati per pagare le pensioni degli italiani. Boeri chiede x mila immigrati per pagare le pensioni e quella è una c…ta”. Dal canto suo il Presidente dell’INPS, seppur invitato caldamente a dimettersi , nei giorni scorsi ha ribadito , rispondendo all’attacco subito dal Governo, le sue intenzioni di portare a termine il suo mandato che scadrà solo nel 2019, ed ha affermato che qui non si tratta di fare politica, ma di dire onestamente ai cittadini quali misure sono fattibili o meno in base alle risorse a disposizione, affinché i conti restino in equilibrio. Salvini si dice convinto che la riforma delle pensioni si potrà fare anche se si dovesse andare contro i numeri di Bruxelles.

Pensioni 2019, controriforma sembra sempre più vicina: cosa comporterà?

Inoltre Salvini non solo conferma le tempistiche su quota 100 in televisione, ma approfitta per parlare con i giornalisti delle intenzioni del Governo anche in altre occasioni. Le ultime affermazioni all’uscita dall’Avis di Milano dopo aver donato il sangue:  Gli italiani ci hanno votato per stare meglio: per andare in pensione all’età giusta e per pagare meno tasse rispetto alla follia di oggi. Questo faremo cercando di rispettare vincoli e regole come quella del 3 percento inventate a tavolino. Se dovremo per il bene degli italiani superare qualcuno di questi vincoli, per noi non sarà un problema”.

Poi il Ministro dell’interno parlando della prossima manovra economica, rincara la dose, a dispetto dei numeri e delle stime giunte fino ad oggi, “dovrà essere di crescita, essere coraggiosa, nuova, diversa da quella degli ultimi anni. Già da quest’anno ci dovranno essere segnali concreti, a prescindere dalla situazione economica internazionale, sulle pensioni, sulle tasse, sul lavoro e su Equitalia”. Poi conclude lasciando speranzosi tutti i lavoratori che da tempo seguono le indiscrezioni derivanti dai media sul comparto previdenziale “dovranno entro quest’anno dare un segnale di tendenza e quindi dovremo almeno cominciare le riforme che ci siamo impegnati a fare”, se così fosse e le parole avessero poi un seguito nei fatti,  dicono i lavoratori, opzione donna, esodati, quota 100 e 41 dovrebbero essere misure davvero prossime in base a quanto annunciato in campagna elettorale. Sebbene diversi sindacalisti che abbiamo intervistato ci abbiano fatto notare come la strada che si intende percorrere, abolizione ape sociale, quota 100 dai 64 anni, quota 41 dal 2020,  priva di confronto con le parti sociali, possa essere pericolosa e peggiorativa.

Riforma Pensioni 2018: quando e come avverrà lo ‘smontaggio ‘ della Fornero?

Vi è poi anche chi come Orietta Armiliato e Mauro D’Achille, amministratori del CODS e del gruppo lavoro e pensioni: problemi e soluzioni, provocatoriamente incalzano il Governo affinché passi davvero dalle parole ai fatti.

D’Achille: “Salvini continua a promettere che “smonterá ” la Fornero, che si farà la pace fiscale e la flat tax, e che delle imposizioni europee non gli interessa, Tria, dal canto suo, tranquillizza i mercati promettendo che non ci sarà sforamento oltre il tre%. E noi, qui, in trepidante attesa di sapere come avverrà, e se, questo “smontaggio” della Fornero”.

Armiliato:📌Ottimo Ministro Salvini! Siamo tutti curiosissimi ed in trepidante attesa di conoscere COME, DOVE e QUANDO questi suoi annunci diventeranno norme all’interno del nostro ordinamento.“. Come sempre attendiamo i vostri commenti e vi ricordiamo che potete seguirci anche sulla nostra pagina facebook pensionipertutti!

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

24 pensieri riguardo “Pensioni anticipate 2018, ultim’ora: Salvini rassicura Quota 100 entro l’anno

  • Avatar
    27 Luglio 2018 in 11:39
    Permalink

    Cari colleghi non arrabbiamoci questi signori hanno studiato alle scuole Alte dove quota 100 fa sempre minimo 64 siamo noi che non capiamo un C…O quota 41 non conta perché a breve da gennaio sarà 41,5 grazie alla SDV quindi il nuovo governo la porterà a quota 42 dal 2020 quando la maggior parte di noi avrà già 43 anni di contributi e già con la odiatissima riforma Fornero sarà in pensione.
    Fateci vedere che .almeno siete capaci di eliminare la SDV. tutto il resto sono solo balle….

    Rispondi
  • Avatar
    26 Luglio 2018 in 12:29
    Permalink

    se non ricordo male, Salvini ha detto che i paletti si mettono nella pista da sci,
    mah vedremo, ho l’impressione che dopo la legge di stabilità i consensi scenderanno in picchiata, in forte
    picchiata

    Rispondi
    • Avatar
      26 Luglio 2018 in 12:45
      Permalink

      E ALLORA SI’ CHE SERVIRANNO MOLTI PALETTI DI PROTEZIONE PER EVITARE CHE CADANO NEL BURRONE.
      O SARA’ FORME MEGLIO FARLI PRECIPITARE?

      Rispondi
  • Pingback: Pensioni ultime novità oggi: quota 100 e le promesse di Salvini non sono attuabili? | Pensioni per tutti

  • Avatar
    26 Luglio 2018 in 10:15
    Permalink

    io ho 60 anni e 35 anni di contributi, lavoro dall’età di 15 anni, però quando sono andata a farmi fare il conteggio dei versamenti mi sono trovata un bel regalino, per sei anni di lavoro mi hanno versato 1 anno di contributi. Purtroppo oggi non posso provare che quel periodo ho lavorato e mi tocca lavorare, a questo punto non so fino a quando. Per arrivare a quota 100 mi mancano 5 anni, ma se c’è il limite dei 64 anni di età, sono penalizzata perchè a 64 anni la quota diventa 103. Volevo solo dire alla fine che, a 64 anni io ho 49 anni di lavoro senza poterlo provare. La quota 100 funzionerebbe solamente senza limiti di età…….. oppure un minimo ma no di certo 64 anni.

    Rispondi
    • Avatar
      26 Luglio 2018 in 12:06
      Permalink

      CARA NICOLETTA LA TUA E’ LA CLASSICA SITUAZIONE DI QUOTA 95. SE SCORRI I MIEI INTERVENTI VEDRAI CHE ALCUNI GIORNI FA’ HO SCRITTO DELLA PROPOSTA DI QUOTA 95 PER LE SOLE DONNE. CON QUESTA MIA PROPOSTA TU ORA SARESTI GIA’ IN PENSIONE. RIGUARDO LA QUOTA 100 ORMAI TUTTI NOI LAVORATORI RITENIAMO CHE CI SI DEVE ARRIVARE SENZA LIMITAZIONI E TANTO MENO CON UNA ETA’ ANAGRAFICA MINIMA DI ANNI 64, IN QUANTO SAREBBE UN GRANDE IMBROGLIO.
      TI SALUTO

      Rispondi
  • Avatar
    26 Luglio 2018 in 7:29
    Permalink

    Mi piacerebbe sapere quanti sono i lavoratori che si trovano nelle condizioni di quota 100. Ovvero coloro che non si trovano già in pensione e che, nel 2019, sono nati nel 1955 -. 1954 – 1953 e che non sono ancora in pensione perché non hanno 36 – 35 – 33 anni contributivi. Capire quanti siano coloro che avrebbero potuto godere del sistema contributivo (18 anni al 31.12.1995). Quanti ci si aspetta che non aderiranno all’opportunità pensionistica tenuto conto della decurtazione proposta dalla pseudo riforma e il bonus del 30% di salario in piu’ se rimangono a lavorare fino a …… ” non sappiamo fino a quando ” poiché nessuno può loro imporre di lasciare il lavoro cono 36 anni di contributi. Io credo che , per la combinazione dei diversi fattori che compongono la pseudo riforma le forze politiche potranno dichiarare di aver fatto ciò che avevano promesso in campagna elettorale senza pregiudizio per i conti pubblici . Ecco che cominciamo a capire quello che potrebbe capitare in futuro e quali prospettive spettano ai lavoratori che hanno già pagato 41 / 42 anni di contributi e che non hanno 64 anni di età.

    Rispondi
  • Avatar
    26 Luglio 2018 in 7:27
    Permalink

    oramai il coro verdiano unanime canta…. salvini favella ora o mai più…. siamo stanchi di vedere sempre e solo scantonature , fumo, nebbia. BASTA !!! ci siamo rotti !
    oltre ai milioni di agognanti pensione , anche il nord est stesso , che ti ha appoggiato quasi unanime, ultimamente inizia ad essere stanco.
    se continui su questa strada la caduta rovinosa di renzi sarà nulla se rapportata alla slavina che produrrai.
    perchè non rispondi/chiarisci le domande che ti vengono CHIARAMENTE poste in tutti i blog , in tutti i post e nelle chat ?
    alle prossime elezioni, in base alle risposte che darai avremo:
    QUOTA 100 con paletti , QUOTA 42 nel 2020 = lega + 5S al 2%
    QUOTA 100 senza paletti , QUOTA 41 nel 2019 = lega + 5S al 70%

    Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 22:11
    Permalink

    Ma veramente pensate che smonteranno la legge Fornero? Ma siamo seri ,sono promesse fatte in campagna elettorale lo sanno anche loro che non lo potranno mai fare, vedrete troveranno delle scuse e tireranno a campare.Se sono furbi dovrebbero mantenere le attuali opzioni flessibili come ape social per poter uscire a 63 anni, farebbero contenti una bella fetta di pensionandi. Così darebbero un segnale di voler cambiare le regole. La quota 100 è molto peggiorativa, primo si uscirebbe a 64 anni con dei paletti che rientrerebbero pochissime persone ad usufruirne.

    Rispondi
    • Avatar
      29 Luglio 2018 in 21:33
      Permalink

      Concordo. Esattamente quello che pensano milioni di elettori. E sopratutto alle prossime elezioni il 70% di elettori voteranno cheda nulla .

      Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 21:57
    Permalink

    “Smonteremo la legge Fornero pezzo per pezzo…”, così parlò qualcuno… “Smonteremo questo governo pezzo per pezzo…” diciamo noi!!!

    Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 20:57
    Permalink

    Voglio ricordare ad Antonio , comunque, che non è giusto nemmemo che chi come il sottoscritto per due settimane in meno di contribuzione alla data del 31/12/1995 (18 anni di contributi ) rientra nel misto e non nel più vantaggioso retributivo. Quindi qualora si decidesse di far diventare tutti “misti” direi che ci sia più equità.

    Rispondi
    • Avatar
      25 Luglio 2018 in 22:15
      Permalink

      Per il dig. Nicolo’Mal comune mezzo gaudio?
      Le voglio ricordare che le riforme fatte fino alla Fornero non sono state mai “vendute” come migliorative E in effetti hanno tolto sempre qualcosa. Questa che si prospetta di Salvini Di Maio viene ” venduta” come migliorativa. Io andro in pensione , von la quota 100, quaranta gg dopo e con 200 euro in meno rispetto alla Fornero. Sono nato nel 1956 e lavoro da piu di 42 anni. Buona serata

      Rispondi
    • Avatar
      21 Agosto 2018 in 14:16
      Permalink

      Fai un po’ confusione,chi ha 18 anni di contributi al 31/12/1995 é con il retributivo fino al 31/12/2011 dal 1/1/2012 è con il contributivo,poi 2 settimane un giorno o un’ora , non importa, una scadenza bisogna pur darla, allora per chi è” dentro”per una settimana non dovrebbe averne diritto “per equità ” non sono d’accordo

      Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 20:49
    Permalink

    Oramai dice solo cazzate!!!
    Campagna elettorale finita caro faccia di Merda!!!
    Sei peggio di renzi!!!!
    Farai la sua stessa fine alle prox elezioni a CASA!!!

    Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 20:16
    Permalink

    Perfettamente d’accordo con Silvano. Si ricordi però il sig. Salvi i che nel 2019 ci sono le europee e ci ricorderemo delle sue balle. Vedi come fa presto a tornare al 4 per cento!

    Rispondi
    • Avatar
      25 Luglio 2018 in 20:36
      Permalink

      Trovo.profondamente iniquo questo discutere e promettere la quota 100 con paletto a 64 anni
      La promessa era di mandarci in pensione con 41 anni di servizio e la priorità deve esser data ai precoci che hanno anzianità contributiva prima dei 19 anni. Molti di noi hanno lasciato la scuola prima dei 18 anni e dall età di 15 16 anni hanno iniziato a lavorare facendo lavori semplici per aiutare le famiglie. Non è giusto che ci straziate cosi. Io che colpa ho se ho 60 anni e già 41 anni di contributi? Ho lavorato da bambina…sono stanca siamo stanchi…mandateci a casa…fate lavorare i giovani. Avete fatto promesse…cosa c entra quota 100 con paletti? Non è giusto…chi ha 36 anni va in pensiome ed io precoce 15enne con 1p1 noooo? Ma daiiii…ma siate onesti…si certo ld europee…ce ne ricorderemo.ma a che prezzo che questi ci faranno danno scorticandoci la pelle? Basta…e la firnero ha creato gli esodati… questi altri si dimenticano delle promesse e non parlano più dei precoci…non so più come urlare…

      Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 20:15
    Permalink

    Salvini-Di Maio-Tria… dite chiaramente come stanno le cose, o forse tra le righe lo avete già detto (poveri delusi chi vi ha votato!!!!)

    Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 18:39
    Permalink

    Salvini DEVE dire se, con la sua riforma, i lavoratori che al 31 dicembre 1995 avevano già 18 anni di contributi andranno in pensione con il solo calcolo contributivo.
    Oppure con il calcolo retributivo fino al 2011 e poi contributivi.
    Questo è di fondamentale importanza, perché la pensione con il solo calcolo contributivo potrebbe essere più bassa anche di 200 euro.

    Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 18:14
    Permalink

    CARI SILVANO E PIERANTONIO SONO D’ACCORDO CON VOI. SALVINI LA DEVE SMETTERE DI SBANDIERARE L A PROMESSA
    DELL’ABOLIZIONE DELLA LEGGE FORNERO. I LAVORATORI VOGLIONO SENTIR DIRE DALLA SUA BOCCA CHE COLORO I QUALI RAGGIUNGONO LA QUOTA 100 INTESA COME SOMMA TRA ETA’ ANAGRAFICA E ANNI DI CONTRIBUTI POSSONO SCEGLIERE DI ANDARE IN PENSIONE COSI’ COME QUELLI CHE HANNO RAGGIUNTO I 41 ANNI DI CONTRIBUTI A PRESCINDERE DALL’ETA’.
    NON MI SEMBRA SIA UNA FRASE PARTICOLARMENTE DIFFICILE DA DIRE. RIGUARDO L’ARMA DI DISTRAZIONE DI MASSA
    RELATIVA ALLA LOTTA ALL’IMMIGRAZIONE NON MI FACCIO DI CERTO DISTRARRE DA QUESTE SITUAZIONI, E LO STESSO PENSO DI VOI. IL PROBLEMA DELLE PENSIONI E’ TALMENTE SENTITO CHE NESSUN ALTRO ARGOMENTO SARA’ IN GRADO DI TOGLIERE L’ATTENZIONE. SE CREDONO QUINDI DI ATTUARE QUESTI STRATAGEMMI PER FAR PASSARE L’ARGOMENTO IN SECONDO PIANO CON ME SI SBAGLIANO

    Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 17:51
    Permalink

    Quello che sto sentendo ultimamente mi ricorda, purtroppo, due dittatori che alla fine del secondo conflitto mondiale credevano ciecamente alla vittoria mentre cadevano le bombe sulle loro teste. Avevano perso completamente il senso della realtà.
    E’ meglio che a questo punto i nostri amici al governo si fermino prima di superare il punto di non ritorno, perché poi, ci saranno solo lacrime per tutti.

    Rispondi
    • Avatar
      27 Luglio 2018 in 8:55
      Permalink

      Certo che in campagna elettorale e’ facile sbandierare slogan!
      Nella stessa campagna erano stati chiari smontare legge FORNERO.

      – quota 41 di contributi versati

      – quota 100 tra somma eta’ e contributi versati

      Ora e solo ora esce che soldini non ce ne sono…..questo gia’ non lo sapevano durante
      i loro bei comizi?
      Mi sa che stesso copione dei governi precedenti…..peccato io ci avevo creduto come tanti
      altri….ma attenti gli italiani non hanno poi la memoria cosi’ corta……..parole…parole…parole..
      soltanto parole e noi poveri coglioni a crederci …..sensazione bellissima! GRAZIE e al prossimo
      voto!!!

      Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 17:20
    Permalink

    Silvano, hai centrato il problema. sicuramente ti ricordi anche tu queste parole: “la fornero e’ la nostra priorita. Appena al governo la aboliremo. E’ un mio punto fondamentale che ho con gli italiani e un patto che voglio onorare” Bene! Peccato che fino ad oggi per te esisteva solo il problema immigrati, con il quale ci hai scassato le palle. Ho il forte sospetto che l immigrazione clandestina fosse la cosidetta arma di distrazione di massa che salvini ha usato, per distogliere i pensieri degli italiani da altri problemi che toccano le pensioni, il lavoro, la disoccupazione. Mi sa che chi si e fatto il mazzo per 40,41 o addirittura 42 anni si vedra’ accantonato mentre la quota 100 verrà realizzata mandando in pensione a 36 anni le persone, sia pure con paletti, mentre i precoci dovranno arrivare a 42. In sintesi la logica e il buon senso che va a puttane. Insomma per i nostri fenomeni 1+1 non fa 2 ma un numero a caso. Aspetto solo i sondaggi da metà settembre in poi e le elezioni europee della prossima primavera!!!

    Rispondi
  • Avatar
    25 Luglio 2018 in 15:37
    Permalink

    Il Patata (Salvini) la deve smettere di sparare bombe renziane, di Bomba ne abbiamo avuto già uno e ci è bastato, anche avanzato…!!! Il Patata deve solo dire come intende smontare la Fornero e lo deve fare scendendo nei dettagli, nei minimi dettagli perchè da come cantano le sirene c’è sentore di burrasca, con il cielo che si fa sempre più cupo e il mare che urla a forza nove. Ma lo deve fare in fretta, anzi lo deve fare adesso, subito..!! Anche se la riforma entrerà in vigore nel 2019..!! Comunque Il Patata è stato una delusione tremenda…..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *