Pensioni anticipate 2019, ultim’ora dal Governo: quota 41 cede il passo a quota 42

Le ultime novità sulle pensioni anticipate al 9 giugno 2018 non sono delle più rincuoranti per quanti ambivano alla quota 41 per poter uscire dal mercato del lavoro senza paletti anagrafici. Se nei giorni scorsi si era infatti parlato, per voce di Alberto Brambilla, di quota 100 dai 64 anni d’età da subito  e di quota 41,5 dal 2020, ora a causa di un oggettivo problema di risorse, si vocifera che il Governo stia pensando addirittura a sostituire quota 41.5 con quota 42. Uno modo per aprire ad una misura slegata dall’età ma certamente meno onerosa per il Governo.  Le prime indiscrezioni.

Quota 41 cede il passo ad una nuova misura: la Quota 42, i dettagli

Stando alle prime indiscrezioni, dal momento che la quota 41 potrebbe essere una delle voci di spesa più onerose per la ridefinizione della Riforma Fornero, tanto che si è parlato di posticipare la misura al 2020, suscitando disapprovazione da parte dei precoci e dei quarantunisti che ambivano all’approvazione da parte del nuovo Governo della quota 41 senza se e ma da subito, si starebbe pensando ad un’alternativa maggiormente economica.

Italia Oggi, ha anticipato, che l’escamotage del Governo per consentire il ritorno ad una pensione anticipata con i soli contributi, potrebbe essere quella di aumentare gli anni di contributi versati richiesti. Un modo quello di aumentare di 1 anno, passando dunque dalla desiderata quota 41 alla quota 42 senza vincoli anagrafici, di ridimensionare la platea rendendo chiaramente più sostenibile la proposta da un punto di vista finanziario.

Quota 42 senza se e ma: la nuova proposta per i precoci e non solo

Ecco dunque in cosa dovrebbe consistere la nuova misura pensata per quanti hanno iniziato a lavorare in giovane età: non conterebbe l’età anagrafica per poter accedere alla pensione, vincolo invece imposto dalla quota 100 che porta con sé il paletto dei 64 anni, ma vedrebbe aumentare di 1 gli anni contributivi richiesti, gli stessi passerebbero dai 41 ipotizzati e sponsorizzati in campagne elettorale e nel contratto, ai 42.

Il motivo sostanzialmente di natura economica, solo riducendo gli aventi diritto, dunque offrendo la possibilità di accedere alla quiescenza ad un numero più limitato di persone, sarà forse possibile attuare una misura che sia esente dai limiti anagrafici. Allo stato attuale se tale misura fosse confermata, il guadagno nei confronti delle attuali regole Fornero sarebbero di 1 anno e 3 mesi per gli uomini, che dal 2019 dovrebbero maturare 43 anni e 3 mesi, e di solo 3 mesi per le donne, a cui basterebbero 42 anni e 3 mesi. Siamo certi che non solo il passaggio dai 41 ai 42 anni creerà malumore, ma per l’ennesima volta ad essere penalizzate saranno le donne, a cui questo Governo non sembra pensare molto. Si confida almeno che la promessa fatta sulla proroga dell’opzione donna con 57/58 anni d’età e 35 di contributi, sebbene porti con sé il ricalcolo dell’assegno contributivo ed una perdita di circa il 30% sull’assegno ultimo, possa venire confermata, in caso contrario per le donne si prevedono tempi sempre più grigi.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Erica Venditti

Erica Venditti
Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

27 commenti su “Pensioni anticipate 2019, ultim’ora dal Governo: quota 41 cede il passo a quota 42

    Redbob

    (11 Luglio 2018 - 10:06)

    Ma nel frattempo che vi scannate per vedere chi la spara più grossa, cari politici/politicanti, perché non fate almeno una cosa semplice.
    Bloccate gli aumenti demografici ed i ricalcoli economici delle pensioni anticipate e di vecchiaia, così come previsti dalla Fornero, compreso quello del 2019 e che Renzi non ha voluto fare, mangiandosi l’ultimo residuo di credibilità degli illusi del PD che lo avevano votato fino al 4 marzo.
    42 anni e 10 mesi di contribuzione per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, sono già più che sufficienti (per le donne direi che sono anche troppi).
    Noi lavoratori siamo persone semplici e ci accontentiamo di poco (sic..) ma le cose della vita le capiamo bene; andare in pensione sempre più tardi nella vita ha dei costi personali, in termini di salute, che rendono ridicoli i calcoli dei soloni sulle future aspettative di vita.

    roby57

    (10 Luglio 2018 - 22:07)

    E’ proprio vero che non c’é mai fine al peggio, il prossimo passo sarà quota 43 che, per effetto dell’aspettativa di vita, passerà, nel 2020, a 43 e mezzo così da garantire il 30% di salario in piu’ ai sessantaquattrenni (quota 100) che rimangono al lavoro. Vi immaginate cosa potrà pensare un lavoratore di 61 anni con 41 anni di contributi che piglia il 30% di meno del suo compagno (quota 100) facendo lo stesso lavoro? Bravo Salvini ! Bravo Di Maio ! E pensare che, in molti, ci avevamo creduto.

      rosetta.lazzara

      (11 Luglio 2018 - 9:21)

      mi aspettavo di più da Salvini e Di Maio già mi vedevo in pensione con la quota 100 con 40 anni di servizio e 60 anni di età .
      E siamo messi peggio di prima tante aspettative e belle promesse prima delle elezioni e tutto svanisce dopo.

    Enzo

    (10 Luglio 2018 - 19:23)

    Ragazzi lasciamoli fare diamine cosa volete che siano 42 anni di contributi può essere che manchino i soldi ? Secondo un fenomeno che capisce di contabilità si potrebbe fare 43/44 forse 45 non è un problema vorrà dire che i lavoratori potranno fare la domanda di pensione subito dopo essere passati in municipio ed aver comperato loculo e cassa da morto così i conti tornano ( VERGOGNA Ladroni )

    Pierantonio

    (10 Luglio 2018 - 16:57)

    Visto la confusione e la scarsa chiarezza del governo sulla questione pensioni e soprattutto quota 41 che probabilmente sarà 42 tantissimi di noi che già oggi hanno superato chi 41, chi 41 e mezzo e chi addirittura 42, se per farci mandare in pensione a fine 2019 o inizi 2020, qualche mese prima dei 43 e della fornero, neutralizzandoci i 18 anni prima del 1 gennaio 1996, allora preferisco tirare la carretta qualche altro mese ma mi tengo la fornero, altrimenti ci penalizzano anche economicamente.
    Spero che dopo agosto tutto questo casino sia finito, tutti vogliamo chiarezza e il mantenimento di quanto detto prima delle elezioni. Alla fine non vorrei che la legge fornero diventasse il male minore.

    massimo

    (9 Luglio 2018 - 22:19)

    ATTENZIONE!! NON SO QUANTI DI VOI HANNO SEGUITO STASERA LA TRASMISSIONE SU RETE QUATTRO INTITOLATA “STASERA ITALIA”. SI E’ PARLATO DI PENSIONI CON LA PRESENZA DI MASSIMILIANO FEDRIGA E GIULIANO CAZZOLA. EBBENE FEDRIGA NEL SUO INTERVENTO E’ SEMBRATO CHE ABBIA PRESO LE DISTANZE DALLA PROPOSTA DI ALBERTO BRAMBILLA, RIBADENDO ANCORA UNA VOLTA LA TESI DI QUOTA 100 SENZA LIMITAZIONE ALCUNA.
    RITENGO FEDRIGA UNA PERSONA CORRETTA E INTELLETTUALMENTE ONESTA E SPERO PERTANTO CHE QUANTO HA DETTO SI TRAMUTI QUANTO PRIMA IN SOSTANZA.
    ASPETTIAMO E VEDREMO

      paola

      (10 Luglio 2018 - 11:34)

      Vorrei replicare a quanto scrive Massimo…….
      mi piacerebbe davvero tanto darti ragione ma ahimè ho perso le speranze in questo nuovo governo e ogni giorno ne sono sempre più convinta. …. Fedriga ha preso le distanze dalla proposta di Brambilla relativa a quota 100 …….. mah….. però hai giustamente puntualizzato :
      E’ SEMBRATO ……. ecco io mi concentrerei decisamente sul fatto di …… SEMBRARE …… perché, non vorrei fare troppo la disfattista, ma converrai con me Massimo che il caro governo del cambiamento di fatti ne ha partoriti quanti??? boh !!!! chiacchiere ? tanteee …… promesse ??? a carrettate. Qui ogni giorno tirano fuori certe ideone assurde, vedi l’ultima delle serie …….. Brambilla….. new entry : tassa sulle pensioni, tutte le pensioni, a partire da 0,35 % e a salire per quei fortunati pensionati che hanno un assegno più sostanzioso! Questo x far cosa? perché ovviamente non sanno più da che parte girarsi x trovare fondi. Andrà a finire che sempre i soliti poveracci pagheranno lo scotto. Perché non riusciranno mai e poi mai a tagliare dove è giusto farlo. Pagheranno sempre e solo i poveri italiani che non hanno modo ne di opporsi ne di impedirlo. Cioè NOI ovvio!! NOI possiamo solo far sentire la nostra voce, il nostro disappunto, la nostra rabbia, QUI. Ed io sono la prima eh, sono consapevole di non essere nessuno di fronte a questi grandi cervelli politici, ma almeno qui posso dire la mia, senza restrizioni, censure, rimanendo una persona civile certo, ma consapevolmente stufa di essere presa in giro dai politici di turno. Quindi, chiedo scusa a Massimo e a tutti voi che mi leggete spesso e volentieri, finisco dicendoti che alla fine la speranza è dura a morire, come si dice, staremo proprio a vedere se l’opinione di Fedriga diverrà sostanza. Vorrei tanto essere smentita questa volta.

        paola

        (10 Luglio 2018 - 12:29)

        Aspettate devo rettificare una cosa che ho scritto poco fa….. la new entry tassa sulle pensioni dello 0,35 % indovinate come è stata battezzata ? Contributo di solidarietà !!!! Un contributo a casa mia è una offerta facoltativa. Naturalmente se va in porto questa ideona tutto è meno che contributo. Dicono perfino che sarà temporaneo. Cioè????? Fino a quando? Di certo da quello che ho capito e letto io, ci sta solo che ti tolgono soldi a secondo di quanti soldi prendi nell’assegno pensionistico. Si parte dallo 0,35 % e si sale…… e quello che fa pensare bene a quanto può contare un pensionato comune mortale, cioè zero. Perché? Brambilla suggerisce che tagliare le pensioni d’oro sarebbe …..mmmmm…… quantomeno problematico, una sorta di boomerang. Meglio non rischiare di beccarsi un bel no dalla Corte C. E poi sarebbero pochi soldini rispetto invece a quanto si potrebbe racimolare col Contributo di solidarietà!!!! Ragazzi qui già si sono fatti due conti! Se va cosi cosà arrivano a un miliardo, se invece va alla grande eccone due di miliardi. Poveri pensionati. Con una mano concedono la quattordicesima e con l’altra …… Speriamo che sta cosa assurda si blocchi prima di subito. Che rimanga al livello di idea. Fra le altre motivazioni che portano a questo Contributo leggo anche il sostegno ai giovani che hanno contratti di lavoro molto discontinui!!!! Allora qui sono parte in causa perché i miei figli rientrano in questa categoria come ho altre volte scritto… allora politici vi posso dire una cosuccia????? ben venga pure l’aiuto economico ai giovani ovvio, ma quello glielo diamo già noi famiglia, noi genitori, ai nostri figli ai nostri giovani manca il lavoroooooooo serio, quello sì che garantisce un futuro, una propria famiglia, una vita dignitosa. Il contributo di solidarietà è solo l’ennesima tamponatura, e poi che succede???? Invece de girarci intorno e tirare una coperta comunque sempre troppo corta, se davvero li volete aiutare un bel po di giovani mandate a casa chi ha 40 anni di servizio e date l’opportunità a loro di sostituirci con un bel ricambio generazionale. Questo si che sarebbe un ottimo contributo.

    silvano

    (9 Luglio 2018 - 22:09)

    Altro giro altra corsa, venghino lor signori venghino, il divertimento è assicurato…. Ed effettivamente non so se ridere o se piangere.
    Questi due sono riusciti in un’impresa che sembrava impossibile…HANNO SURCLASSATO IL BOMBA…

    Franco

    (9 Luglio 2018 - 17:46)

    Salve a tutti, tralasciando per un attimo la farsa tragicomica delle pensioni ormai immancabile ogni giorno su vari quotidiano o siti vari di informazione ho letto proprio oggi della morte purtroppo di un operaio dipendente di una ditta che stava lavorando su un’impalcatura. Questa persona aveva 70 ANNI!!! 70 anni? E cosa ci stava a fare ancora al lavoro a 70 anni? Non doveva essere giustamente a riposo, magari a fare il nonno ammesso che avesse dei nipoti? Da questo si evince il grado di civiltà di questo bel paese!! E allora forza con le disquisizioni su quota 41 42 43 44 100 102 103 104…………….

    Pantaleo

    (9 Luglio 2018 - 17:32)

    Ed io che credevo di essere l unico incazzato…..!!!!
    Sono dei contaballe il gatto e la volpe…
    Ma faranno la fine di renzi…
    Tranquilli….

      Pantaleo

      (9 Luglio 2018 - 17:54)

      Compio 66anni a ottobre, a fine anno maturo 42 anni di contributi sono un precoce lavoro nel settore edile ma quando potrò andare in pensione?

    giuseppe

    (9 Luglio 2018 - 16:20)

    un saluto a salvini voglio solo dirgli che ho 61 anni e 41 e7 mesi di contributi , quando ho inziato a lavorare , lui non esisteva e ci volevano 1417 settimane di contributi ad oggi ce ne vogliono quasi 1000 in piu ,se non mantiene le promesse si potrebbe fare la lega sud

    Mimmo

    (9 Luglio 2018 - 14:53)

    Voglio credere che non sia veritiero quello che leggo , altrimenti è stato unaltro fallimento , tutto quello che hanno professato che avrebbero tolto la legge Fornero è stata solo una fake , mi vergogno innanzitutto di essere italiano e di aver contribuito alla vittoria dei 5 stelle , poi dicono che la gente si allontana dalla politica è logico con questa specie di animali

      Incazzata nera

      (9 Luglio 2018 - 17:31)

      Ma i sindacati che quando passó la legge fornero non levarono nessum grido di sgomento ora che fanno tacciono ancora? Ma non è che perchè c è un governo salvini di maio non si debbano sentire di non fare alcuna battaglia….ohhhh…si pagano le tessere sindacaliiiiii….popolo se abbiamo le palle cancelliamo oggi stesso le tessere questi si stanno turando il nasooooo e non parlano…nè sindacati di destra nè di sinistra….

    Gas Nervino

    (9 Luglio 2018 - 13:52)

    governo di falliti. incapaci di guardare al futuro. RIP.
    il futuro sono i nostri ragazzi.
    è da mentecatti costringere le persone a lavorare fino alla morte ed avere i nostri giovani a spasso !

    Elisabetta Tolone

    (9 Luglio 2018 - 13:49)

    Ho 59 anni e (almeno finché tutto questo rimane a livello ipotesi) andrò in pensione con il 1° di novembre 2018 con 41 anni e 10 mesi di contributi. Finchè dura mi conviene dirmi “prendi i soldi e scappa”. A chi ha votato questo governucolo dico “ma pensarci prima no? Era chiaro che sono arrivati al successo elettorale tramite fake news e bufale forti che gli italiani ci avrebbero creduto!!! Adesso teneteveli!!! E purtroppo ce li dobbiamo tenere anche noi che non li volevamo

    salvo

    (9 Luglio 2018 - 13:35)

    molto bene, da 41 a 42 e i giovani PASSEGGIANO!!!!!

    paola

    (9 Luglio 2018 - 12:40)

    Scusate ragazzi ma anche qui devo far sentire la mia voce!!!!! A nome di tutte le donne vorrei dire…… governo del cambiamento ….. ma graaaaaziiieeeeee x tenere le donne in così tanta considerazione, giustamente lo sconto rispetto alla Fornero per noi femminucce è di soli tre mesi ovvio !!!! tanto a noi è concessa pure l’Opzione Donna anche se con una minima decurtazione, solo il 30% !!!!!! E in virtù del principio che uomini e donne hanno stessi diritti e doveri, la tanto declamata Opzione Donna verrà allargata anche agli uomini. Fin qui no problem. Ma allora non capisco è sempre in virtù di questo principio che, vista la strada di quota 41 in dirittura per tramutarsi in quota 42, vede gli uomini rispetto ai 43 anni e 3 mesi previsti x l’uscita, guadagnare 1 anno e tre mesi e invece noi donne, guadagnamo soli tre mesi???? Alla faccia dell’equità!!!! Ci state levando giorno per giorno pure la minima speranza nel vostro governo del piffero, chi come me ha visto evaporare quota 100…… mi mancherebbero SOLI 4 anni…… di età…… anche se compensati da 39 di servizio….. illusa illusa…. sperava enormemente in quota 41 !!!!! mmmmmm…… non posso scrivere cosa ho pensato quando ho letto poco fa che magicamente 41 diverrà 42 !!!!! tanto lo sapete tutti cosa ho pensato. Non è possibile ce l’hanno con noi. Aspettano che ci venga un coccolone. Ma dalla rabbia eh! Quindi non solo tocca aspettare il 2020 se va bene, ma già hanno ventilato che saremmo in troppi a volercene andare a casa. Morale chi ha 36 anni pure se 64 di età non solo può andarsene in pensione, ma volendo, può decidere di rimanere col superbonus! Chi di anni ne ha 40 deve continuare a lavorare e basta, senza nemmeno troppo sperare che i signori politici si preoccupino di mantenere le tante promesse fatte prima delle elezioni, tanto ormai si è bello che capito l’andazzo. Mi piacerebbe però sapere come questo governo pensa di poter aiutare i nostri figli, i giovani, a crearsi un futuro, una propria famiglia, una vita. Io ormai ho aperto bene gli occhi e rimarrò in attesa che qualcuno si decida a darmi lo stop, spero di non dover attendere troppi anni, visti questi chiari di luna. Alla lunga saranno altri 4 anni che vuoi che sia. Devo x forza. Mi spiace davvero tanto per i miei figli con lauree e master continuano a trovare sempre lavori sottopagati, temporanei e sperano di trasferirsi all’estero per avere possbilità maggiori. Non è giusto. Non è per questo che li ho messi al mondo. E’ troppo desiderare un futuro migliore per i figli qui in Italia? Governo oltre alle parole cerchiamo di fare i fatti per questi ragazzi, dategli delle opportunità.

    IlDiavoloTentatore

    (9 Luglio 2018 - 11:21)

    Alberto,
    oserei aggiungere anche INCAPACI, INETTI e soprattutto …… POLTRONARI, adesso chi li toglie più dalla scrana.
    Altro non si può dire.

      giacomo

      (9 Luglio 2018 - 22:10)

      Scusate questi ci stanno prendendo per il didietro , ogni giorno ne tirano fuori una nuova, non sanno che pesci prendere.Addirittura vogliono prelevare un contributo di solidarietà dai pensionati roba da pazzi , hanno promesso ,promesso tanto pur sapendo che non avrebbero potuto mantenere quello che hanno detto in campagna elettorale e gli elettori si sono fidati delle promesse fatte dai nuovi maghi della politica. Almeno mantenessero quello iniziato dal precedente governo , ci sono delle buone cose per anticipare l uscita dal mondo del lavoro come ape social e ape volontaria basta prorogarle sono pronte e collaudate . ( chissà se Salvini e Di Maio o chi per loro si degnano di leggere le nostre osservazioni.) buona serata a tutti.

    massimo

    (9 Luglio 2018 - 10:56)

    E’ PROPRIO VERO CHE AL PEGGIO NON C’E’ LIMITE. CHE DELUSIONE SALVINI E DI MAIO. SPERO QUANTO PRIMA CHE SI RITORNI A VOTARE E CHE I LAVORATORI DIANO UNA BELLA LEZIONE A COLORO I QUALI NON MANTENGONO LE PROMESSE

      SONO DISPERATAAAAA

      (9 Luglio 2018 - 13:54)

      IO SONO FUORI DI TESTA. VOGLIO ANDARE IN PENSIONE. PRECOCE PRIMA DEI 18 ANNI. 41 ANNI QUEST’ANNO. USURATA DI CERVELLO. STI BASTARDI CI PEGGIORANO LA VITA. MA PERCHE’ NON PRENDIAMO TUTTI I FORCONO ED ANDIAMO SOTTO IL PARLAMENTO? NON E’ GIUSTO CHE CI TRATTINO COSI’- E LE DONNE DOPPIAMENTE BEFFATE CHE HANNO SULLE SPALLE IL PESO DEI VECCHI DEI NIPOTI E DEI FIGLI ANCORA A CASA IN CERCA DI LAVORO.
      BASTA. VOGLIO URLARE PER IL DOLORE GRANDISSIMO CHE PROVOOOOOOOOO

        stefano

        (10 Luglio 2018 - 16:05)

        carissimi miei mi addolora accodarmi atali incazzature e delusioni. Io il 18 agosto faccio 42 anni di contibuti e sarebbe davvero troppo arrivare a Gennaio 2019 e veder aumentare di 3 mesi la maledetta legge fornero. Sarebbe davvero la cosa più vergognosa che i lor signori salvini e di maio permettessero.

        stefano

        (10 Luglio 2018 - 16:07)

        carissimi miei mi addolora accodarmi atali incazzature e delusioni. Io il 18 agosto 2018 faccio 42 anni di contibuti e sarebbe davvero troppo arrivare a Gennaio 2019 e veder aumentare di 3 mesi la maledetta legge fornero. Sarebbe davvero la cosa più vergognosa che i lor signori salvini e di maio permettessero.

    Alberto Manzi

    (9 Luglio 2018 - 10:51)

    Oramai il coro è unanime. BUFFONI !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *