Pensioni anticipate 2019, ultim’ora: l’intervista esclusiva ad Aiello (M5S)

Le ultimissime novità sulle pensioni  giungono direttamente da Davide Aiello, portavoce Movimento 5 Stelle alla camera dei deputati che ci si è gentilmente reso disponibile a rispondere  alle nostre domande, rilasciandoci un intervista in esclusiva, che ruota a 360° sui maggiori dubbi dei nostri lettori. Abbiamo spaziato con l’onorevole cercando di fare chiarezza su quota 100, quota 41, opzione donna ed esodati, Questo quanto emerso dalle sue parole.

Pensioni anticipate, Aiello: quali i requisiti per opzione donna?

Gentile Onorevole Aiello, Può dirci qualcosa in più sulla proroga dell opzione donna, i dubbi sono ancora molti tra le donne che l’attendono con impazienza, sarà al 31 12 2018 o al 31/12/2019 e quali i requisiti necessari? Reastano in vigore quelli menzionati nella legge 243/2004 o vi sarà l’incremento di un anno anagrafico?

Sappiamo bene che esistono delle differenze nell’accesso al mondo del lavoro tra uomini e donne. È per questo che abbiamo deciso di prorogare opzione donna. Tutte le lavoratrici che al 31 dicembre 2018 avranno 58 anni se dipendenti o 59 se autonome, e 35 anni di contributi potranno andare in pensione.

Pensioni 2019, Aiello su QUOTA 100: 

Per quanto concerne l’uscita anticipata con Quota 100, invece, resterà tale (38+62) o potrebbe passare quota 104 come suggerito da Brambilla? Dunque al 31/12/2018 sarà necessario aver maturato i requisiti da almeno 2 anni per poter accedere subito alla misura?

Nella legge di bilancio abbiamo previsto i fondi per la realizzazione di quota 100 che consentirà a chi ha 62 anni di età e 38 anni di contributi versati di ritirarsi dal lavoro. I dettagli saranno contenuti in un decreto collegato alla Legge di Bilancio di prossima approvazione. Al momento questi sono i dati certi, ma potrebbero esserci sviluppi politici.

Manovra 2019: esodati,  il punto al 7/12

_Vi sarà la nona ed ultima salvaguardia per gli esodati, dal momento che sono ancora 6.000 le persone in attesa da 7 anni che venga risolto il loro dramma previdenziale, può dirci qualcosa in merito?

Escludo che ci saranno salvaguardie. Noi, , vogliamo aiutare chi davvero ha diritto alla pensione. Prevedremo quindi sistemi che permetteranno a chi rientra nella definizione di “esodato” di poter accedere finalmente alla pensione.

-Pensioni quota 41: resta obiettivo.del Governo?

-La quota 41 per tutti a lungo richiesta dai precoci, ad oggi esclusi dalla quota 100 perché troppo giovani, resta o meno un obiettivo del governo e soprattutto in che tempi?

Dobbiamo valutare innanzitutto che effetti avrà quota 100. Successivamente potremo prendere in considerazione altre misure come quota 41, sempre nell’interesse dei lavoratori e del loro diritto di andare in pensione.-

_In ultimo ma non per importanza. Vi sarà dal 2019 lo stop dell’adv almeno per le pensioni anticipate ed i precoci? Stiamo lavorando anche su questo per non lasciare nessuno indietro.

Ringraziamo l’ onorevole per il tempo il dedicatoci .

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

21 pensieri riguardo “Pensioni anticipate 2019, ultim’ora: l’intervista esclusiva ad Aiello (M5S)

  • Avatar
    8 Dicembre 2018 in 9:10
    Permalink

    Erica grazie per la sua cortese risposta

    Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 20:24
    Permalink

    Erica gradirei possibilmente una risposta quando chiedo se sa se l,’ ape social sarà prorogata
    Per me è importante
    grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      8 Dicembre 2018 in 0:30
      Permalink

      Lucia Durigon ha affermato che per 1 anno dovrebbe essere confermata. Ma comprende bene che senza norme scritte non possiamo dare certezza né illudere nessuno. Sarà certamente ns cura tenervi aggiornati.

      Rispondi
      • Avatar
        8 Dicembre 2018 in 6:25
        Permalink

        Ho 40 anni di contributi sono precoce assunto 14 aprile 1978 la domanda é: se ho 40 ANNI di contributi con la legge Dini la 335 del1995 che dice chi ha versato i contributi prima dei 18 anni valgono 1,5 ( 1anno e mezzo) in PIÙ quindi avrei ad oggi 41 anni e sei mesi POSSO ACCEDERE ALLA PENSIONE? con la legge attuale?

        Rispondi
        • Erica Venditti
          8 Dicembre 2018 in 10:41
          Permalink

          Vincenzo LE RISPONDO Lunedì OGGI è FESTA ANCHE PER ME :-), mi riscriva se dovessi dimenticarmi. A presto

          Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 19:27
    Permalink

    Salve,avete predicato che chi ha lavorato 43 anni e giusto che vada in pensione però li penalizzate con le finestre posticipato di 3 mesi,ma dico ma veramente siete al governo ?? Le persone si buttano dalle finestre sono stanchi di lavorare

    Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 18:24
    Permalink

    Sono un artigiana, al 31/12/2018 bastano 59 anni,oppure 59 e sette mesi? Sono nata ad agosto,ho 37 anni di contributi

    Rispondi
    • Erica Venditti
      8 Dicembre 2018 in 0:33
      Permalink

      Gloria credo…dats la domanda fatta…che i 7 mesi siano impliciti…la domanda era valgono requisiti legge 243/2004 o un anno anagrafico in più ? Rispondendo 58 59 a mio avviso fa intendere aumentano di un anno requisiti 243/2004 che comprendeva 7 mesi di adv. Credo vadano aggiunti…ma finché non vi sarà un testo scritto….non possiamo dare conferma.

      Rispondi
      • Avatar
        8 Dicembre 2018 in 6:05
        Permalink

        Erica ma sto testo a quando? Oggi è 8 dicembre e tutti noi siamo appesi alla speranza di leggere la certezza che vengano promulgate questi nuovi parametri per la pensione. Io voglio sapere oggi dai nostri politici se eliminano l ADV 2019 perchè chi matura il diritto prox anno drve fare domanda ora…lo capite o no? Non possiamo aspettare…

        Rispondi
        • Erica Venditti
          8 Dicembre 2018 in 10:42
          Permalink

          Annamaria purtroppo non lo sappiamo nemmeno noi, confidiamo entro Natale, magari sotto l’albero :-), perdoni l’ironia ma qui davvero ogni giorno ne esce una. Buona festa.

          Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 17:29
    Permalink

    Bene. Leggo che opzione donna sarà prorogata fino al 31.12.2018 con aumento dell’età. Io per un mese e 8 giorni e 38 anni di contributi sono fuori
    Grazie. Però fra 4 anni potrò accedere a quota 100. Eh no… Perché probabilmente sarà solo per 3 anni. E quindi tutti con 41 anni di contributi o a 70 anni. Eh no caro governo del cambiamento. Io I miei soldi li voglio da viva. È chiaro?

    Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 16:57
    Permalink

    DI MAIO FAI UNA COSA GIUSTA NELLA TUA VITA ……….LASCIA PERDERE IL REDDITO DI CITTADINANZA E VEDRAI CHE SI AGGIUSTA TUTTO. IL POVERO TRIA LO STATE ESAURENDO.

    Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 15:47
    Permalink

    Prorogata l’opzione donna ???? Buffoni l’avete modificata non prorogata. Buffoni !!!!!

    Rispondi
    • Avatar
      7 Dicembre 2018 in 18:49
      Permalink

      Che si siano confusi? Hanno “superato” opzione donna invece della legge Fornero?

      Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 15:41
    Permalink

    Qualora qualcuno mi chiedesse se siano stati fugati i miei dubbi sulle pensioni, dopo aver letto quanto dichiarato dal portavoce 5*, on. Aiello, mi spiace, la risposta sarebbe TOTALMENTE negativa. Ogni giorno una dichiarazione nuova e diversa, spesso in totale antitesi con quelle degl altri colleghi della stessa maggioranza, dimenticando che si sta parlando di PERSONE che hanno lavorato una vita, contribuendo alla ricchezza del nostro Paese. Siate seri, finalmente e raccontate l’amara verita’agli Italiani! E cioe’ che, senza manco documentarvi, in campagna elettorale ci avete raccontato ” favole “. SENZA IL LIETO FINE……..

    Rispondi
    • Avatar
      7 Dicembre 2018 in 18:47
      Permalink

      Infatti, ogni giorno si cambia versione: per l’appunto, IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO!

      Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 14:40
    Permalink

    Vorrei una volta per sempre avere notizie circa la possibile proroga dell’apertura social
    Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 14:09
    Permalink

    POTEVATE TRANQUILLAMENTE FARE A MENO DI PUBBLICARE QUESTA INTERVISTA…
    PRATICAMENTE NON HA DETTO UN EMERITO C

    Rispondi
    • Erica Venditti
      7 Dicembre 2018 in 16:37
      Permalink

      Edoardo a me non pare…per gli esodati purtroppo a detto fin troppo, così come per opzione donna.

      Rispondi
      • Avatar
        7 Dicembre 2018 in 16:53
        Permalink

        Praticamente una presa per il culo per le donne Italiane. Hanno messo a contratto Opzione donna e poi fanno una cosa diversa !
        Ma che proroga è mettere una scadenza al 2018 non è un proroga sono nuovi requisiti è in altra norma .

        Rispondi
  • Avatar
    7 Dicembre 2018 in 13:48
    Permalink

    Leggo che, salvo errori, l’Onorevole Di Maio vuole tagliare del 40% le così rinominate “pensioni d’oro”, anche già rinominate, da esponenti del M5s, “pensioni di privilegio”, GIA’ IN ESSERE, SOPRA 4500 EURO, legittimamente percepite, con le stesse regole di quelle più basse, secondo le regole dello Stato all’epoca vigenti.
    Leggo che, incostituzionalmente, il M5s vorrebbe ricalcolare a contributivo le pensioni già in essere, sopra tale importo, perché. secondo la loro tesi e secondo l’ “Onorevole Di Maio pensiero”, ” a Suo insindacabile giudizio”?, col retributivo avrebbero preso più di quanto versato (non tengono conto degli interessi dovuti a chi presti per decenni i propri soldi allo Stato, all’INPS?),mentre, COMUNQUE, PER LA STESSA REGOLA, EVENTUALMENTE, PIU’ DI QUANTO VERSATO HANNO PRESO ANCHE I DETENTORI DI PENSIONI PIU’ BASSE O ADDIRITTURA SOCIALI (che nulla abbiano versato) e che, quindi, VORREBBERO DARE SOLO “QUANTO EFFETTIVAMENTE VERSATO” RICALCOLANDO TALI PENSIONI CON UN TAGLIO DEL 40%! PENSIONI CHE, HO L’IMPRESSIONE PRIMA POI, ANCHE QUESTE SUBIRANNO LO STESSO TRATTAMENTO, SE SI CREASSE UN PRECEDENTE DI SUPERAMENTO DELL’INCOSTUZIONALITA’.
    DOMANDA: L’ONOREVOLE DI MAIO PENSA CHE IL RETRIBUTIVO ABBIA “REGALATO” IL 40% IN PIU’ A TALI PENSIONATI? A ME RISULTA CHE, SEMMAI, PIU’ ALTE ERANO LE PENSIONI E PIU’ PENALIZZANTE ERA IL CALCOLO DELL’INPS.
    COMUNQUE IN NESSUN CASO SONO STATE SOPRAVVALUTATE DEL 40% PER IL CALCOLO RETRIBUTIVO: MA DIAMO I NUMERI?
    O SBAGLIO? SE, COME IO PENSO, TALI PENSIONATI NON HANNO AVUTO, PER IL CALCOLO USATO COL RETRIBUTIVO, UN 40% IN PIU’, A PARTE IL FATTO CHE COMUNQUE SIA SAREBBE INCOSTITUZIONALE FARLO, SU COSA SI BASA LA “PRETESA” DI TAGLIARE TALI PENSIONI DEL 40%? SE, DA CALCOLI EFFETTUATI, SI VERREBBE A SAPERE, COME POSSIBILE, CHE TALI PENSIONATI HANNO AVUTO “MENO” DI QUANTO VERSATO, IL GOVERNO RESTITUIRA’ LA DIFFERENZA IN MENO?
    Temo che il Presidente della Repubblica nel firmare una tale proposta, se il Parlamento la approvasse, PERALTRO CON L’ENNESIMO VOTO DI FIDUCIA (E’ DAL 2011 CHE ORMAI SI VOTA QUASI SOLO CON LA FIDUCIA; A CHE SERVE ELEGGERE IL PARLAMENTO? PER FORTUNA CHE I 5 STELLE CRITICAVANO I PRECEDENTI GOVERNI PER L’USO SPROPOSITATO DELLA FIDUCIA!) si troverebbe, in un certo qual modo, in una situazione a che a me sembra, posso sbagliare ma ricevo questa impressione, quasi di “ricatto”: perché se non firma, perché chiaramente incostituzionale IN UNO STATO DI DIRITTO, non verrebbe poi, da alcuni esponenti del Governo, INGIUSTAMENTE accusato di essere “dalla parte dei pensionati d’oro” “dei privilegiati” (ed altre amenità simili)? e, non è possibile che gli verrebbe INGIUSTAMENTE addebitata una eventuale “colpa”, invece non sua, di una eventuale sanzione di Bruxelles se la manovra venisse bocciata? Poi la Consulta provvederebbe, ma tra qualche anno, quando per Bruxelles la manovra è passata perché sono stati “trovati” i fondi per il “reddito di cittadinanza”.
    Posso sbagliare ma io ricevo tutte queste impressioni e anche quella che, forse, LO STATO DI DIRITTO MI SEMBRA DI PERCEPIRLO SEMPRE PIU’ IN PERICOLO.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *