Pensioni anticipate 2019, ultim’ora Quota 100: salgono al 20% le domande respinte

Le ultime novità sulla riforma delle pensioni al 15 aprile 2019, vedono alternarsi differenti dibattiti intorno alla quota 100. Il provvedimento cardine del Governo giallo- verde continua a fare discutere, se prima si sentiva parlare solo del boom delle istanze presentate per l’uscita anticipata, ora che l’Inps sta effettuando i primi controlli, che ricordiamo sono stati post datati rispetto all’accettazione provvisoria di tutte le domande, il fulcro dell’attenzione si sta spostando sui rigetti delle stesse.

Nei giorni scorsi vi abbiamo presentato i primi dati, il numero delle domande respinte era pari al 18%, su questi dati, già allarmanti perché si ipotizzava un trend in crescita, abbiamo intervistato Roberto Ghiselli, che ci ha detto la sua nell’intervista che ci ha rilasciato in esclusiva. Ora i dati sono stati aggiornati e si fanno ancor più preoccupanti, l’ente previdenziale sta procedendo con le verifiche, e sta richiedendo indietro ad alcuni lavoratori il primo rateo ricevuto indebitamente. Il tasso delle domande respinte é salito al 20%, e il trend, temiamo, continuerà a salire. I primi numeri sull’andamento della quota 100 li fornisce il neo Presidente Inps, Tridico.

Pensioni 2019, Quota 100: su 51 mila istanze, 10 mila rifiutate

Il neo presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, ha snocciolato in un’intervista rilasciata a “Il Corriere” i primi dati relativi alla quota 100 . Evidenziando, attraverso i dati Inps, l’identikit di chi sta usufruendo maggiormente ad oggi della pensione anticipata con quota 100. Al 12 aprile ha detto Tridico delle 117 mila domande presentate, la prevalenza é tra quanti hanno una fascia d’età compresa tra i 63 e i 65 anni e si tratta di dipendenti privati. Poi vi sono le domande del settore pubbico che si attestano sulle 40 mila e la metà é relativo al comparto scuola.

Poi ha precisato, facendo la conta di quelle ad oggi verificate, 55 mila sono quelle presentate per avere la decorrenza dal mese di aprile, di queste 51 sono già state lavorate, ma non tutte accolte. Tridico precisa: “ 41mila accolte e 10mila no per mancanza dei requisiti”. Ragione per cui la percentuale dei rifiuti, é salita ad oggi al 20%, circa 1 su 5 domande non supera il controllo che sta effettuando l’Inps. Poi Tridico precisa che non tutte le pensioni, quelle verificate fin qui, s’intende, riusciranno ad essere liquidate ad aprile, alcune andranno in pagamento a maggio. Circa 35 mila pensioni sono in pagamento, le altre lo saranno a maggio. L’importo medio mensile di una pensione “quota 100”è di 1.865 euro”. Mauro D’Achille, amministratore del gruppo Lavoro e pensioni: Problemi e soluzioni, dalla sua lancia l’allarme sull’aumento dei rifiuti.

Pensioni, quota 100. D’Achille: salgono al 25% quelle respinte

Stamattina in un breve post Mauro D’Achille ha voluto aggiornare sulle ultime novità gli iscritti al gruppo Fb che amministra, riportando le ultime parole di Cottarelli, direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani, e del neo presidente Inps Tridico: “Cottarelli: quota cento e RDC non incideranno sulla crescita del PIL. Tridico: 30.000 domande accolte ed in pagamento, 10.000 respinte” .Poi ha aggunto la percentuale (il 25%!!!), volendo sottolineare il trend in crescita di quelle rigettate.

In realtà la percentuale totale dei rifiuti ad oggi- se si considera il numero delle istanze complessive, non solo quelle in pagamento ad aprile, ma anche quelle che andranno in pagamento a maggio, che comunque sono già state oggetto di verifica- cala leggermente, attestandosi per ora, alla percentale che aveva preventivato Roberto Ghiselli ( Cgil) nell’intervista che ci ha rilasciato, ossia al 20%. Vi terremo comunque aggiornati sui futuri dati relativi alla quota 100, sia per quanto concerne le istanze presentate, ma anche e soprattutto sulla percentuale di quelle respinte sul totale di quelle accolte. Il nostro obiettivo é quello di comprendere quanti, a conti fatti, riusciranno davvero a pensionarsi grazie alla misura Quota 100.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Erica Venditti

Erica Venditti
Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

1 commento su “Pensioni anticipate 2019, ultim’ora Quota 100: salgono al 20% le domande respinte

    Avatar

    Franco Giuseppe

    (16 Aprile 2019 - 11:24)

    Roba da pazzi !!! Ma Tridico, Durigon e Tripiedi, pensano davvero che la gente sia stupida ? Come avevo già scritto, le famose 450.000 domande non si raggiungeranno a fine anno e il perchè è che i lavoratori facendo due conteggi hanno visto che la somma che percepiranno sarà un reddito da fame, inferiore in molti casi ai mille euro e finanche solo 900. Nel frattempo aumenta l’ImU, la Tasi e non si faranno scrupoli ad aumentare l’IVA su tutti i prodotti. Come faranno ad arrivare a fine mese ? Solo pochi potranno permetterselo o chi intende lavorare in nero percependo cosi due redditi. Chi è stato respinto poi potrebbe anche non essere riassunto dal proprio datore di lavoro che non vedeva l’ora di liberarsene. Una riforma fatta male. Avete capito che volevano comprarvi i voti per le europee? Incapaci, disonesti e dannosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *