Pensioni anticipate 2020, Quota 41 infuriati: quota 101 l’ennesima proposta indegna

Le ultime novità sulla riforma pensioni giungono dai precoci e dai quarantunisti che sui social continuano a commentare una delle ultime proposte emerse in questi giorni per superare la quota 100, stiamo parlando della quota 101 proposta dal Ministro della Pa Fabiana Dadone.

L’idea di base a scadenza di quota 100 potrebbe essere quella di incrementare a 101 appunto la quota necessaria per poter accedere alla pensione anticipata. Il Ministro Dadone ha comunque ribadito nei giorni scorsi, ai microfoni di Rai Radio Uno, che quota 100 resterà in vigore per tutto il triennio di sperimentazione. Sebbene si tratti solo di valutazioni preliminari, correttivi post quota 100 per evitare il fanoso ‘scalone’, ai quarantunisti ed ai precoci questa proposta di incrementare a 63 anni l’età di uscita non é piaciuta per nulla. Ecco le reazioni.

Pensioni post quota 100: soluzioni allo studio

Sono allo studio del Governo e delle parti sociali delle soluzioni che permettano di uscire dalla quota 100 senza penalizzare eccessivamente chi si troverà per pochi giorni fuori dalla finestra 62+38 disponibile fino al 31/12/2021, per gli altri scatterebbe lo scalone dei 5 anni aggiuntivi che riporterebbe ‘dal giorno alla notte’ nuovamente alla Fornero. Su questo puntano i sindacati che da tempo ribadiscono che la quota 100 ha creato un’ opportunità per alcuni, ma é una misura a scadenza che non ha affatto, ricorda Ghiselli, segretario confederale della Cgil, a Matteo Salvini, eliminato la Riforma Monti-Fornero in vigore ancora oggi.

Tra le varie ipotesi allo studio pare vi sia anche la proposta della quota 101, che permetterebbe l’uscita anticipata dal 2022 ma con un incremento anagrafico e/o contributivo appunto di un anno. Per i precoci ed i quarantunisti che attendono invece dai tavoli di confronto tra Governo e sindacati emerga la possibilità di associare da subito a quota 100 la quota 41 per tutti, questa quota 101 dal 2022 non può che essere vista, dicono all’unisono sui social, come l’ennesima misura ingiusta ed indegna nei loro confronti. Ecco allora le brusche reazioni sui social.

Pensioni 2020, ma quota 41 che fine ha fatto?

Sulla pagina fb ‘Andiamo a Roma per la pensione di tutti’ lcostituita da poco da quanti stanno organizzando la Manifestazione a Roma che si terrà il prossimo 25 marzo 2020 , si leggono svariati post di protesta nei confronti del Governo e dei sindacati, come:“Quota 101? Ma dai tavoli sapete partorire solo porcate?? 41xtutti è superare la Fornero!! Tutto ciò di diverso non è accettabile!”

Anche Vincenza Medici una delle amministratrici del gruppo chiosa esausta: “QUOTA 101 CHE ROBA È? UN’ALTRA FREGATURA CHE STANNO PROVANDO AD APPIOPPARCI?”

Ed ancora scrive Gino Bartoli, altro amministratori del gruppo: “Ora circolano voci su quota 101….e su altre invenzioni geniali, come la distinzione fra operai e impiegati😭 Ma dico io, 41 x tutti è caduta dall’ ordine del giorno? CI PENSEREMO NOI A RICORDARVELO!! 25 MARZO A MONTECITORIO CON TANTI MEGAFONI E TUTTA LA RABBIA CHE TENIAMO IN CORPO. BASTAAA LEGGE FORNERO!!!!SAREMO IN TANTISSIMI A RICORDARVELO!”

Voi cosa ne pensate della proposta del Ministro Dadone relativa alla quota 101? Fatecelo sapere nella solita sezione commenti del sito.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

21 thoughts on “Pensioni anticipate 2020, Quota 41 infuriati: quota 101 l’ennesima proposta indegna

  • Avatar
    28 Febbraio 2020 in 23:13
    Permalink

    E il lavoro notturno! Come la mettiamo? Faccio più di 68 giorni di lavoro di notte all’anno.. Perché sono operaio il mio non è lavoro usurante.. Mi dite come mai?

    Rispondi
  • Avatar
    28 Febbraio 2020 in 18:53
    Permalink

    Ho cominciato a lavorare in fabbrica all età di 15 anni ora ho 39 anni di contributi,. A 23 anni ho perso la vista ad un occhio per un incidente domestico, poi andando avanti nel rempo ho avuto altri acciacchi che ora non sto a elencare. Ho un invalidità del 67%.ma a noi chi ci pensa? In queste condizioni fisiche non è possibile lavorare finora 43 anni

    Rispondi
  • Avatar
    28 Febbraio 2020 in 16:19
    Permalink

    Qualcuno, da quanto risulta scritto, si distingue da altri sottolineando di non lavorare o aver lavorato “dietro una scrivania”. Ho circa 40 anni lavorativi alle mie spalle, 37 dei quali con inquadramento a livello impiegatizio e coordinamento e la maggior parte trascorsi “dietro una scrivania” a contatto telefonico e fisico con migliaia di persone.
    Vorrei far presente che “il lavoratore di scrivania” non è da ritenere “il nulla facente baciato dalla fortuna” perché anche in questo tipo di lavoro i problemi sono molteplici e diverse volte arrecanti stress anche più pericoloso di quello fisico.
    Comunque, dopo questa parentesi, colgo l’occasione per ricordare due particolari a cui tengo veramente:
    1) SONO FAVOREVOLE A “QUOTA 41 PER TUTTI SENZA LIMITAZIONI”.
    Leggo varie volte, in merito alla proposta il termine: con “SOLI” 41 anni di contributi.
    Signori, chi inserisce con “SOLI” non è sicuramente a conoscenza di cosa significa lavorare per 41
    anni qualsiasi tipo di lavoro trattasi, perché sempre di lavoro si parla.
    2) Inoltre al momento ci sono determinate regole legate alla età e/o anni di lavoro per poter ottenere la
    pensione e sia quelle di anzianità che vecchiaia sono molto onerose e quindi:
    PERCHE’ NON LASCIARE LIBERO OGNUNO DI DECIDERE IN BASE ALLA PROPRIA ETA’ E AGLI ANNI
    DI LAVORO DI ANDARE IN PENSIONE QUANDO MEGLIO CREDE VALUTANDO SE CONVENIENTE O
    MENO?
    Non si potrebbe quanto nei punti 1) – 2) inserirlo in un contesto referendario in rete proponendo una
    votazione per un “SI” o un “NO”?

    Rispondi
  • Avatar
    28 Febbraio 2020 in 14:18
    Permalink

    Mettere i paletti sulla pensione e’ stata la più grossa ingiustizia dopo gli esodati.Se doveva essere 100 o se sarà 101 o 41,dovevano contare solo i numeri,senza paletti dell’età.Io ho quasi 60.anni,con 43 di contributi.Quindi fra 2 anni avrò 45 anni di contributi ed avrò lavorato 7 anni di più rispetto a chi ha i 38 anni.Maledetti

    Rispondi
  • Avatar
    28 Febbraio 2020 in 12:27
    Permalink

    Quota 101, ovvero una proposta PEGGIORATIVA ed altrettanto RIGIDA di Quota 100, con un minimo di anni di contributi alto (e altissimo per chi ha cominciato a lavorare dopo l’Università e non si può permettere di riscattarla a 15mila euro per ogni anno di studio) è un’autentica PRESA PER I FONDELLI.

    Qui ci vorrebbe, contemporaneamente:
    – la proposta di Cesare Damiano per i non precoci, con un minimo contributivo non superiore ai 35 anni, meglio se anche più basso
    – Quota 41 per tutti, per le giuste esigenze dei precoci

    Invece temo che si andrà su PROPOSTE INDECENTI come Quota 101.

    Rispondi
  • Avatar
    28 Febbraio 2020 in 11:20
    Permalink

    questo schifo deve finire dobbiamo fare come ifrancesi,blocchiamo la nazione poi vedrete come fanno saltare la fornero.

    Rispondi
  • Avatar
    28 Febbraio 2020 in 5:40
    Permalink

    Mi sono rassegnato, essendo nato il 20 gennaio 1960, ho al 1 ottobre 2019 40 anni di contributi. Mi toccherà andare in pensione se non cambierà nulla con la Fornero. Per soli 20 gg, non avendo 62 anni, non rientro in quota 100, ma sarebbero pochi mesi la differenza tra le due opzioni. In pratica pagherò la penalizzazione di aver iniziato a lavorare a 19 anni versando 5 anni di contributi in più di chi è potuto andare con quota 100 (38+62) mentre per me sarà 43+63 essendo uomo.

    Rispondi
    • Avatar
      28 Febbraio 2020 in 12:19
      Permalink

      Ti capisco stesse condizioni sono nato il 29 febbraio del 1960 per 2 mesi non rientro a fine 2021 con quota 100 avrò 41 di contributi ma non 62, dovro’ aspettare 1 febbraio 2024;la Fornero con 42,anni e 10 mesi, non mi sembra proprio giusto…in dovrò pagare i contributi volontari perché,, sono disuccupato

      Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 18:59
    Permalink

    Siete una massa di *******io che svolgo lo stesso lavoro di chi è andato in pensione con 35 anni di contributi oppure con quota 41 mi dite che cosa cambia? Forse inizierò a lavorare di meno rispetto agli altri, svolgerò meno ore lavorative oppure guadagneró di più? So solo che avete stancato di giocare con la vita degli altri siamo nati per essere solo comandati altro che democrazia siete peggio dei fascisti decidete voi per noi in qualsiasi ambito vi dovreste vergognare io sarei andata volentieri in pensione con 35 anni come tanti altri, e finalmente godermi la famiglia, queste leggi le potreste adottare per chi sta iniziando a lavorare ora no a noi che avevamo solo 15 anni quando ci siamo chiusi in una fabbrica, a tutti piacerebbe stare dietro una scrivania, ma se non ci fossimo stati noi a farvi le scarpe oggi camminereste scalzi, abbiate un minimo di rispetto per chi svolge lavori di questo genere

    Rispondi
    • Erica Venditti
      27 Febbraio 2020 in 19:08
      Permalink

      Daniela ho dovuto mettere gli *** per poter pubblicare, non si poteva esprimere lo stesso concetto senza intercalare? lo ricordi per la prox volta! A presto

      Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 16:58
    Permalink

    La più giusta è flessibilità in uscita dai 60 anni . tenendo conto dei contributi versati . Età Max vecchiaia 64 .Con Fornero troppi lavoratori anziani in azienda con ripercussioni produttività e mancanza cambio generazionale . Serve piuttosto un credito di cittadinanza , a supporto delle Az . Che non possono assumere giovane da affiancare al lavoratore anziano . Con Fornero si rischia di fare chiudere le medio piccole aziende Se vogliamo mettere in sicurezza i conti lo sforzo deve essere comune compresi politici e manager con stipendi milionari pagati per fare più danni che tutto il resto!

    Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 13:18
    Permalink

    Se fosse 101 senza vincoli è un discorso. Se fosse coi soliti paletti tra età e contributi, allora NO! Fino ad ora non ho letto nessuna proposta completa per una riforma seria che cancelli veramente la l. Fornero. Non una proposta concreta per le donne… Solo sparate a dx e a sx, senza una proposta completa ed ampia.

    Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 13:16
    Permalink

    Dadone non conta nulla e la massoneria che spinge il pd m5s a maltrattare i lavoratori. L’unica riforma è 60 anni vecchiaia o 40 anni contributi, i soldi se vogliono ci sono, tutto il resto è aria consumata.

    Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 12:37
    Permalink

    Mi piacerebbe che si parlasse di riforme anche per gli invalidi. Io per esempio ho 60 anni e mezzo con 41 anni e mezzo di contributi sono invalido al 67% con riconosciuto stato di handicap art. 3 comma uno e non so ancora quanto dovrò lavorare. Ci sono lavoratori che si trovano in condizzioni peggiori della mia e anch’essi sono costretti a lavorare. Vergogna… poiregalano reddito di cittadinanza a cani e porci e i soldi per gli extracomunitari ci sono sempre.

    Rispondi
    • Avatar
      28 Febbraio 2020 in 9:57
      Permalink

      Parole sacrosante caro amico!
      Aggiungo inoltre che sono stati presentati da diversi anni ormai vari disegni di legge , per far andare gli invalidi a partire con il 60% di invalidita’ a 57 anni e 35 di contributi.
      che fine ha fatto questo DDL presentato dall’On. Carrescia?
      Perchè si parla sempre di quota 100 ? forse paga di piu’ politicamente?
      chi può rispondermi ? Grazie!!!

      Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 10:53
    Permalink

    Buongiorno, sono una dipendente della P.A. da 35 anni e 7 Mesi ma ho cominciato a lavorare a 17 anni ho 56 anni. Quando potrò andare in pensione

    Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 10:36
    Permalink

    Buongiorno niente da fare per noi precoci dobbiamo subirci la fornero io o fatto 43 anni e un mese ora sono in pensione .non e giusto abbiamo fatto piu anni di lavoro di tutte le generazioni passate e future per inps noi siamo il loro tornaconto sicuro in futuro chi lavorera tanti anni come noi .per loro siamo troppo giovani per pensione fateci morire sul lavoro e peggio di un ergastolo .auguriamoci che cambi qualcosa ma ne dibuto come gira il nostro paese e chi ci gorverna la vedo durissima .comunque non molliamo noi precoci abbiamo tirato su il nostro paese con il nostro lavoro e questa e la riconpensa .forza precoci avanti cosi mai mollare .in bocca al lupo a tutti

    Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 10:29
    Permalink

    Ma i sindacati dove sono a cosa servono il 25 marzo dovrebbero essere tutti in piazza per far finire queste ingiustizie.. Possibile che non si capisca che mandare in pensione chi ha fatto 40/41/42 anni di contributi e sacrosanto e da la possibilità a giovani di cominciare a farsi una vita.. Almeno diteci perché ai precoci non si dà la possibilità di andare in pensione..se i soldi non ci sono (e su questo ho i miei dubbi) allora non ci sono per nessuno..basta proporre stupidate quello che va fatto è quota 41… Bastaaaaa

    Rispondi
    • Avatar
      27 Febbraio 2020 in 13:30
      Permalink

      41 per tutti basta a prenderci per i fondelli siamo esasperati e arrabbiati

      Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 10:17
    Permalink

    Stanno ancora una volta a prendere per il culo i precoci, quelli che ancora stanno versando contributi
    dopo 41 anni di lavoro.
    Distinzione su operai e impiegati? forse mi sfugge qualcosa,
    ma i contributi non si versano allo stesso ente?
    Siete buoni solo a dare i numeri, io gli ho giocati al lotto 38 36 non sono mai usciti insieme.
    Non siete buoni neanche a dare i “numeri” giusti.
    Non si può giocare 92 96 98 100 101 102ecc.
    Caro Governo non scherziamo perché ci sono molti di noi, incazzati veramente.
    senz’altro saremo in tanti il 25 marzo, dovremmo prendere esempio dai Francesi e da i Greci.

    Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2020 in 10:14
    Permalink

    Vorrebbero fare quota 101 con incremento anagrafico o contributivo di un anno, quindi 62 -39 oppure 63-38.
    Non accetteremo mai un’età minima a 62 anni !!!!!!
    Se vogliono la quota 101 potrebbero fare :
    64-37 – 63-38 – 62-39 – 61-40 – 60-41 etc

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *