Pensioni anticipate 2022, Lega scopre le carte: quota 41 per tutti e sconti per le donne

Riforma pensioni ei crisi di Governo: l'appello a Conte da aparte di Durigon

Quota 102 sta definitivamente andando in pensione, il bilancio fatto dall’Inps su quota 100 pare aver evidenziato alcune criticità che non hanno consentito all’intera platea immaginata di accedere alla quiescenza, ragion per cui in molti si stanno interrogando su cosa sarà del loro futuro previdenziale dal 1 gennaio 2023. Se i sindacati non riusciranno ad ottenere l’uscita dai 62 anni d’età e la quota 41 per tutti o altre misure di uscita anticipata nei prossimi incontri col Governo, il rischio é quello di tornare alla rigida riforma Fornero dal nuovo anno.

Della questione ne ha parlato apertamente Claudio Durigon, padre della quota 100 e braccio destro di Salvini, intervistato da Il Tempo. La Lega in questa intervista, di cui riprenderemo le parti cruciali, pare aver ‘scoperto le carte’ sulle proprie intenzioni, per quanto concerne la previdenza per Durigon tutto ruota intorno alla quota 41 per tutti indipendentemente dall’età e su alcuni sconti contributivi per le donne, che da sempre devono fare il doppio lavoro dentro e fuori casa. Ma ci sono le risorse? Le sue parole.

Pensioni anticipate 2022, il piano esposto da Durigon: quota 41 per tutti e sconti per le donne

L’ex sottosegretario leghista inizia la sua intervista facendo notare come il Ministro Daniele Franco sia in realtà già a conoscenza delle proposte della Lega che sono cotenute del ddl e che devono dunque essere messe nella sessione bilancio affinché non scada il tempo ed i lavoratori si trovino nuovamente con la legge Monti-Fornero. La proposta della Lega é chiara permettere la quiescenza a chi ha 41 anni di contributi alle spalle, permettendo alle donne di avere uno sconto contributivo di 1 anno ‘per ogni figlio avuto.

Alla domanda su come si potrebbe ovviare alle restrizioni dell’Ue, Durigon ha risposto: “ La mediazione politica nella maggioranza e l’interlocuzione tra governo e Bruxelles potrà imporre condizioni e paletti. Questo fa parte del gioco. La cosa fondamentale è rottamare definitivamente la Fornero. E sancire una volta per tutte la soglia di contribuzione necessaria, i 41 anni, per lasciare il posto. Poi si possono introdurre correttivi per alcune categorie“. Per quanto concerne il problema della sostenibilità avanzato giustamente dal collega nel corso dell’intervista, per Durigon l’impatto dei 41 anni non sarebbe poi così invasivo sui conti in quanto il bacino di chi ha il conteggio con il retributivo si sta esaurendo, ragion per cui l’uscita anticipata ha sempre meno peso per le casse dello Stato. Poi snocciolando i dati aggiunge: ” Le stime che circolano parlano, di un costo compreso tra 4,5 miliardi e sei tra il 2023 e il 2025. I dati precisi li ha l’Inps, i miei sono probabilmente spannometrici, ma non si discostano molto dalla realtà”

Pensioni anticiate 2022, soluzioni alternative a quota 41? Ok ma su base volontaria

Durigon fa presente che potrebbero esserci delle soluzioni accettabili tra quelle proposte per andare incontro alle esigenze personali che potrebbero far parte della riforma pensioni, ma dovrebbero essere solo su base volontaria, in quanto comunque penalizzanti per il lavoratore che dovrebbe valutare bene se é o meno conveniente per lui. E spiega: “Nel campo della massima volontarietà, dunque per venire incontro alle esigenze personali, si potrebbe introdurre Quota 41 con il ricalcolo integrale con il sistema contributivo. O anche l’idea del presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, che prevede l’assegno a 62 anni solo per la parte maturata con la riforma Dini e l’intero importo, comprensivo della quota contributiva, a 67 anni. Sono tutte formule che si possono prevedere ma solo, ripeto, su base volontaria“.

Poi facendo notare come per i giovani i 41 anni di versamenti contributivi saranno praticamente impossibili si affronta anche un altra spinosa questione secondo il leghista Durigon a breve non si dovrà solo più parlare di salario minimo , ma di pensione minima per garantire poiu un’esistenza dignitosa ai giovani di oggi alle prese con lavori discontinui.

A vostro avviso la quota 41 questa voltà sarà devvero concessa o al più sarà su base volontaria e solo concessa con il ricaalcolo dell’assegno contributivo come alternativa a qualche altra misura? Diteci, se vi va, nell’apposita sezione commenti del sito che percezione avete avuto leggendo queste dichiarazioni espresse nell’intervista rilasciata a Il Tempo.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

56 commenti su “Pensioni anticipate 2022, Lega scopre le carte: quota 41 per tutti e sconti per le donne

  1. Voi della lega questa volta non ci fregate fate diventare quota 41 reale prima delle elezioni ma dico prima e vi assicuro che avrete il mio voto e non solo

  2. Ma che simpatica proposta on Duringon…41 per tutti!!! …evviva!!!…
    Sembra un preludio per le prossime elezioni. Leggendo bene però vedo che è solo su base volontaria e, badate bene, col calcolo contributivo!!!. Hai, hai, qui casca l’asino, questa proposta può andar bene a chi è entrato da poco nel mondo del lavoro e che ha tutto il tempo per farsi un fondo integrativo (stipendio permettendo e con grandi sacrifici), non va certo bene a chi ha già 40 anni e oltre sul groppone.
    Durigon è a queste persone che deve dare una risposta, non a chi non ha contributi da far valere.
    La vogliamo capire o no che dopo 41 anni di lavoro uno se ne deve andare in pensione, ripeto se ne deve andare e non volontariamente,ma forzosamente e con una decorosa pensione.,
    Se però desidera restare al lavoro gli levo la meta dello stipendio perchè mi serve per sostenere economicamente il giovane che non trova lavoro.

    saluti Er+

  3. È incredibile la sfacciataggine con la quale ci prendono in giro! 41 per tutti! No, su base volontaria! No, con il contributivo…
    Proposte buttate lì per confondere e alla fine non decidere. I sindacati fanno lo stesso, rimanendo su due proposte (flessibilità dopo i 62 anni e 41 per tutti) che già sanno essere irrealizzabili perché il governo filo BCE e Nato ha al momento altre priorità. Sì dovrebbe andare su proposte che abbiano qualche possibilità di essere approvate. Io sono per la Quota 103, che unisce i due requisiti “sindacali”: 62+41, con le varie altre combinazioni e fatti salvi i trattamenti di maggior favore per disabili, precoci, donne e lavori usuranti. Un po’ di realismo signori!

  4. Durigon ricordi a i suoi colleghi che Voi onorevoli in luglio prendete circa 30000 euro tra stipendio e tredicesima al contrario PRECOCI COME ME DISOCCUPATI A 62ANNI CON 41ANNI VERSATI SENZA REDDITO NE BONUS 200 EURI
    FREGATI DA DRAGHI CON QUOTA 100 (DEL 60). ASPETTERANNO CON ANSIA LA PROSSIMA RIFORMA IN TUTTI I CASI RICORDI CHE ESISTONO I 60ENNI DISOCCUPATI SENZA REDDITO CHE NN HANNO IL RDC XCHE
    SUPERANO L ISE

  5. Con i 67 anni percepisci l’82% della retribuzione lorda, con i42 10 mesi della Fornero il 74, con i 41 e contributivo il 62. A sto punto lasciate i 42 10 mesi della Fornero se no con cosa mangio? Se devo cambiare legge per danneggiare ancora una volta chi lavora….
    41 anni secchi senza penalizzazioni!

  6. Salvini e durigon fanno pena ogni volta che si sta per arrivare alle elezioni promettono ….ma che me ne faccio io per esempio di un 41 per tutti solo contributivo ho 17 anni di contributi prima del 96…ci rimetto alla grande … per poi sentire Salvini o l”altro in TV cantare vittoria (abbiamo abolito la Fornero….) Ma siamo seri dai…!!!!!

    1. Sono d’accordo: Salvini e Dirigon si vergognino. Sono penosi!
      Per quanto riguarda le donne: esistono solo quelle con figli?
      RICORDATEVI CHE CHI HA FATTO FIGLI HA USUFRUITO DELL’ASPETTATIVA PER GRAVIDANZA E CURA FIGLI! IN QUEI PERIODI HANNO LAVORATO LE ALTRE!!!
      VOLETE PREMIARLE ANCHE CON LA PENSIONE?Vergognatevi!!!

  7. Ma chi ci crede più alla Lega! Salvini nel 2018 prometteva 41 per tutti ed ha preso tanti voti… È andato al governo e per qualche anno ci ha “venduto” che avevano abolito la Fornero, solo perché hanno fatto quota 100 e bloccato l’aspettativa di vita ..come mai adesso è rispuntata di nuovo l’abolizione della Fornero? Ma chi credete di prendere in giro? Un partito maschilista, non pensano minimamente alle DONNE, se non sono madri le altre non contano.. .. Roba da medioevo. Durigon si è dimenticato di parlare di OPZIONE DONNA o volutamente non la considera nemmeno come opzione di uscita anticipata riservata a noi Donne???? Ah dimenticavo nel 2018 ho votato x la lega… fiduciosa che qualcosa cambiasse… ma fregata una volta basta e avanza. Ciao ciao Durigon

  8. FAI QUALCOSA CHE,CHI COME ME A INIZIATO A LAVORARE AD APPENA 15 ANNI INVECE DI PENSARE A DARE NUMERI 100 102 ORA 104….POI 62 64 67…..TOMBOLA.

  9. La Lega mi ha già fregato una volta, visto che non ho potuto usufruire della quota 100, visto che sono 1960, e avendo 62 anni,con 41anni e 5 mesi di anzianità, vorrei se cambia la legge sulla pensione ,nel 2023 posso usufruire della Fornero 42+10+3,che per me è più conveniente grazie gradirei una risposta.

  10. Si si, solita propaganda Lega alla ricerca perenne di voi, ricordo anche i risultati della quota 100 lato pensionamenti e assunzioni, 2/3 posti nuovi….come se li decidessero loro. In definitiva portiamo a casa una quota 42, sarebbe già quasi un anno in meno della Fornero.

  11. Secondo me,bisogna anche pensare a ruotino gli ultra 65 anni che non hanno
    Ne 42,10e ne 41 di contributi.e non c’è la fanno più a rimanere altri due anni fino ai 67,che credetemi sono pesanti .
    Quindi per questi sigfetti ,lo stato potrebbe almeno accorciare di un anno in pensione a 66 anziché 67.
    Un anno di sacrificio dopo i 65 anziché due.
    E inoltre pensare alla flessibilità, dai 63/64 anni per chi vuole aderire con una piccolissima penalizzazione, non più del 2 per cento all’anno fino ai 66.
    Che ne pensate?

  12. Penso che 41 anni di contributi versati alle casse dello stato siano più che sufficienti per andare in pensione a prescindere dall’età ,inoltre quota 41 esiste già basta togliere i paletti per far accedere tutti .Caro Presidente Tridico rivoglio i MIEI soldi che vi ho versato è senza penalizzazioni e gli voglio tutti ,cos’è questa storia meta subito e metà a 67 anni ( in modo che a quell’età uno muore e i soldi restano a voi ).mi auguro che i partiti e sindacati siano tutti uniti ,questa è una battaglia di tutti i lavoratori che bisogna VINCERLA.Grazie

  13. Ma, non capisco una cosa, ma pensate che chi ha 39 anni di lavoro, oppure 41 ecc non ne abbia gia lavorati 43 o 45 di anni, perché non gli sono state pagate dai datori di lavoro i contributi oppure l INPS nonostante le buste paghe o i vari modelli del cavolo che fai ogni anno non gli vengono accettati …quindi di cosa parliamo sempre del nulla…RICORDO,per chi usa il cervello critico non è un problema di soldi, perché è l unica cosa che non cresce sugli alberi ma si crea dal NULLA che ancora meglio, basta ipocrisia per discutere di qualcosa si deve sempre partire dalla VERITÀ. Quindi una volta capita la truffa, si può parlare di , cose un lavoro, quante ore e giorni servono per quel lavoro, cosa far fare al automatizzione ecc…vi invito sempre alla visione del venus proget di Jacque Fresco ingeniere futuristico…

  14. Durigon non le sembra giunto il momento di fare le cose seriamente, di evitare di rincorrere gli elettori con i soliti artifizi elettorali. Allora si impegni seriamente a fare una cosa sola ma in tempi stretti:
    Legge entro il 31 dicembre che con decorenza 1/1/2023 con 41 anni si va in pensione, senza alcuna penalizzazioni, senza alcun ulteriore dilazione finestra, finestrina ecc.
    Chiariamo un concetto non ci deve dare il contentino, quando hai lavorato per tutti questi anni la pensione è stra meritata è un tuo diritto riceverla piena e decorosa.
    La lega è da tempo che punta su questa riforma, che spinge in questa direzione per recuperare un po’ di consensi, ebbene prosegua su queta strada ma lo faccia seriamente, dimostri che entro fine anno riesce nel suo intento e vedrà che i voti arriveranno. Non lo faccia e ne subirete le giuste conseguenze.

  15. Hanno permesso di andare con 38 anni adesso per attuare quota 41 dicono che è troppo oneroso, danno i soldi ai ragazzi per stare a casa e tengono le persone anziane a lavorare fino a 67 anni

  16. Ancora con il ricalcolo contributivo? Anche per chi da tanti anni lavora nel sistema misto?
    Questo significa rubare e ingannare i lavoratori E i sindacati che fanno? Assistono!!!!!laboratori

  17. Se fanno 41 per tutti deve essere;senza penalizzazioni a qualsiasi età,a noi ci hanno già frodato nel 2010,e il minimo che possono fare, Hanno dato soldi a tutti, Noi che abbiamo una marea di contributi ci hanno trattato da servi come nel lontano 800 dove sta di casa l’uguaglianza in sto Paese chi deve avere dovrà sempre Dare ci avete stancato.

  18. Sono proprio curioso di vedere quante persone daranno il loro voto a questi individui, facendosi fregare per una seconda volta. Svegliatevi! Quota 41 non verrà realizzata. Ma come si a fa a non capire che data la situazione congiunturale economica e geo-politica, non ci sono e non ci saranno le condizioni per approvare leggi pensionistiche simili.

  19. Signor Durigon come si fa a essere così poco credibili ? Solo poche settimane fa intervistato su questo portale PROPRIO LEI CHIARIVA CHE QUOTA 41 ERA ASSOLUTAMENTE SENZA PENALIZZAZIONI !!! Ora .. per incato ecco il solito gioco delle tre carte e compare una quota 41 tutta contributiva su base volontaria! Tutto ciò signor Durigon non è serio ! Lei sa molto bene che vorrebbe dire per chi ha iniziato a lavorare nei primi anni 80 percepire una pensione decurtatissima e da fame ! O procedete con QUOTA 41 per tutti CON IL SISTEMA MISTO altrimenti è una presa in giro ! L’ENNESIMA FREGATURA ! Meglio che lasciate l’anticipata della Fornero !
    Dopo tante promesse disattese , POICHÈ SIETE AL GOVERNO .. È CERTO CHE SE NON FATE QUESTA QUOTA 41 E SENZA PENALIZZAZIONI ENTRO IL 31 DICEMBRE 2022 ALLE ELEZIONI DEL 2023 NON PRENDERETE UN VOTO !!!
    LA GENTE È STANCA DI TUTTO CIÒ E I LAVORATORI ORMAI ESASPERATI NON SONO PIÙ DISPOSTI A FARSI FREGARE PER L’ENNESIMA VOLTA !

  20. Quando i cavalli di fermano a trottare saranno gli asini. Sindacati,politici ,vi siete tirati indietro? Il vostro posto verrà occupato dai populisti azzeccagarbugli e voi verreste spazzati via. Non siamo cretini. Il silenzio dei sindacati ,del governo è una vergogna e sta creando un rumore assordante. Siete stati anestetizzati.

  21. Cioè, oltre ad aver lavorato e versato contributi per 41 anni, bisognerebbe accettare anche qualche penalizzazione?
    Bravissimi!!!

  22. 41 anni senza penalizzazioni , non ci devono dare il contentino, quando hai lavorato per tutti questi anni hai diritto a prendere la pensione piena.
    La lega è da tempo che punta su questa riforma ma, se l’e giocata con le varie quote, non sarebbe ora di farsi valere?
    Io non mi fido più.

  23. bella la proposta della lega; 41 anni di contributi con il ricalcolo tutto contributivo; già attualmente con il discorso del misto le pensioni sono alquanto ridotte proprio perchè sono già 27 anni che è entrato il contributivo; ulteriori penalizzazioni? bella idea; è comunque una proposta; e gli altri partiti cosa dicono? lasciamo perdere; sarei curioso di sapere la proposta del partito della meloni visto che dai sondaggi vincerà le elezioni; saluti ai gestori del sito

    1. Se la proposta di andare in pensione con 41 di contributi prevede un taglio dell’assegno preferisco lavorare finché crepo è mi sarà dato un assegno dignitoso già tagliato del 20 per cento figuriamoci se viene tagliato ancora di più per andare un paio di anni prima, poi sarò costretto a lavorare in pensione inconcepibile

  24. Io penso che x chi ha inizziato a 16 anni dovrebbe essere riconosciuto un premio di 2 anni prima x aver bruciato l’infanzia poi sono più che d’accordo alla quota 41anni.

    1. Sono pienamente d’accordo quei ragazzi degli anni 80 che si divertivano con poco e lavoravano tanto 👍

  25. Basta con questi tira e molla. 41 Ma con il contributivo no scusate facciamo quota 103 in fila per 6 col resto di 2. Hanno stufato. Date una indicazione precisa e fatela finita. E poi si va in pensione con il maturato e senza penalizzare nessuno. Quello che ho versato mi spetta. C’è gente che con 15 anni di contributi sta prendendo la pensione da 40 anni. Smettetela di tartassare chi ha 40 anni di contributi e pochi anni di età

  26. Arrivati a questo punto , dove le indecisioni sono tante , lasciamo la legge Fornero . Ma che si renda strutturale
    L’APE SOCIAL , dando la priorità a quei lavoratori che ultra sessantenni disoccupati , difficilmente riusciranno a trovare un nuovo impiego .
    Oppure , come da uno studio fatto dai consulenti del lavoro , stabilire una Quota consona , che una volta raggiunta età più contributi si possa decidere di lasciare il lavoro .
    Non Mettere dei paletti come quota 100 o 102 . Per che motivo a 61 anni e 39 di contributi tu non possa accedere oppure a 63 e 39 è irrispettoso , soprattutto nei confronti , lo voglio rimarcare , perché se ne parla poco , verso quei lavoratori che purtroppo e visti i tempi , non per colpa loro perdono l’impiego.

  27. Vorrei chiedere a Durigon oppure a Salvini se questa proposta di 41 per tutti la stanno studiando come quota 100 solo per tre anni, visto che stanno facendo previsioni solo fino al 2025. Quelli che maturerebbero il requisito nel 2026 – 2027 e successivi? Sarebbe bene essere molto chiari, perché con quota 100 non lo si è stati, solo dopo si è detto che valeva solo per tre anni. Saluti

    1. Sono d’accordo con quanto hai dichiarato, ma sembra chiaro che vogliono scoraggiare dal pensionamento chi rientra nel sistema misto.
      Solo la proposta di Tridico è equa

  28. Io faccio questa considerazione, che è un po di tutti:
    Possibile che per la rivalutazione delle pensioni, per la previdenza, stipendi e invalidità non ci sono soldi e per le armi 50 milioni al giorno li hanno trovati in 5 minuti ?

  29. Caro signor Durigon.
    Con la sua proposta cosa succederebbe a:
    Un uomo che avesse 41 anni di contributi il 1 gennaio 2023 con che sistema uscirebbe: misto o contributivo.
    Una donna che avesse 39 anni di contributi il 1 gennaio 2023 e avesse due figli con che sistema uscirebbe: misto o contributivo.
    Che fine faranno con le sue idee le pensioni anticipate che al momento garantiscono il sistema misto dal 1 gennaio 2023.
    Che fine faranno le finestre e l’aspettativa di vita.
    L’opzione Tridico come ce la spiega dal suo punto di vista!

    Sbaglio o il sindacato propone qualcosa di più semplice e comprensibile a tutti … dove stanno le sue differenze (spero non spannometriche) o le fregature, esimio Durigon.

  30. “per Durigon l’impatto dei 41 anni non sarebbe poi così invasivo sui conti in quanto il bacino di chi ha il conteggio con il retributivo si sta esaurendo ?????” Quindi??

    “i miei sono probabilmente spannometrici !!!!!” Quindi??

    “Nel campo della massima volontarietà, dunque per venire incontro alle esigenze personali, si potrebbe introdurre Quota 41 con il ricalcolo integrale con il sistema contributivo ?????” Quindi ??

    “Pasquale Tridico, che prevede l’assegno a 62 anni solo per la parte maturata con la riforma Dini e l’intero importo, comprensivo della quota contributiva, a 67 anni. Sono tutte formule che si possono prevedere ma solo, ripeto, su base volontaria ?????“. Quindi ??

    Ma i termini “retributivo” e “misto” sono stati già cancellati ancora prima di cancellare la legge Fornero!

    Non ci ho capito una mazza !!!!!!
    Ma se non ci sono errori … Lega al 4% alle prossime elezioni.

    1. carissimo Wal 52; intanto chiariamo un punto: sono tutte proposte fatte ad arte per sondare la gente; proposta tridico: dai 62 anni? nel libro dei sogni; è come se si fossero dimenticati dei nati nel 1960; anche lì è tutto nebuloso e ondeggia tra i 63 e i 64 anni; tutto contributivo? sii realista: se adesso con 62 anni e 41 di contributi mi dicono: ti lascio andare ; la pensione la vedi ai 67 anni; mangiati quella integrativa e se non ce la fai sono c………………………i tuoi; è una proposta; tutti gli altri partiti cosa dicono? parlano delle elezioni, di legge elettorale perchè stanno troppo bene a Roma a non fare un c………………………o; sono proposte buttate là per poi a dicembre dirti: che cosa pretendevi? accontentati altrimenti stai a lavorare saluti a te e ai gestori del sito

  31. Ogni tanto si sveglia pure sto Durigon per ingannare la gente e acchiappare voti, ecco un’altro disco rotto con sta proposta di quota 41 che già sa che non verrà ascoltata né discussa- la butta lì tanto per far vedere e già sa che è irraggiungibile! Se la lega vuole veramente esserci e cambiare qualcosa, si concentri su qualcosa finanziariamente sostenibile,altrimenti il drago se ne fottera’ e tirerà diritto! Perciò valuti Salvini e compagnia la proposta Tridico che costa poco e cerchi di strappare questa per questa estate ,prima che scompare ape social,quota donna e 102 , tanto per quello che servono- siamo a luglio e ancora non sappiamo di che morte dobbiamo morire, con questi folli che ci calpestano senza ritegno,mentre loro si prenderanno la loro bella pensione e noi lavoriamo per mantenere I baby pensionati e i pensionato d’oro- ma che schifo di paese è questo?

  32. Buongiorno, i 41 vanno bene soprattutto per chi ha già compiuto 63 anni e ha sempre fatto un lavoro in ambiente tipografia molto duro sollevando pacchi di lastre di zinco, lavorato con inchiostri, piombo fuso con macchine Linotype, continui aggiornamenti, produttivi al massimo sempre 8/9 ore al giorno per tutti i giorni dell’anno. È veramente dura, e vi dico francamente che dopo i 60 anni non ce la fai più con questi ritmi. Sono distrutto. Se il governo vuole portarci direttamente in tomba basta che lo dica.
    Oltretutto bisogna dare la possibilità ai nonni che abbiano compiuto 62 anni di andare in pensione. I figki hanno un bisogno enorme dell’aiuto logistico da parte dei nonni, oggi più di ieri.
    Saluti, stefano

    1. TRA L’ALTRO QUESTO MERAVIGLIOSO LAVORO NON È RICONOSCIUTO COME USURANTE E IO NE SO QUALCOSA DOPO AVER LAVORATO E GESTITO UNA TIPOGRAFIA.
      Ci vuole un pochino di serietà per i politici e non tirare troppo la corda…
      Se la Legge Fornero serviva a fare cassa nel 2011 dopo 11 anni c’è un bel TESORETTO, si dice anche la quota 100 ha lasciato circa 5 miliardi e mo? non si può fare q. 41× Tutti?
      Si deve fare una legge strutturale un INIZO e una FINE da 1 a Quaranta (40) MASSIMO e abbassare le pensioni d’oro non dico toglierle (tanto non lo farebbero mai) MA ALMENO UN PO DI RISPETTO x i lavoratori che arrivano oltre i 40 anni di contributi.
      Ciao Stefano.

  33. Sembra esserci una proposta per una Quota 102 flessibile (senza requisiti minimi di età o di contributi). Se così fosse mi sembra meglio della 41 x tutti se ovviamente per gli under 60 resterebbe la Fornero 43 uomini o 42 donne.
    Dai 67 + 35 ai 60 + 42 tutti ed equamente in pensione. E anche ke future generazioni sarebbero tutelate un grazie ad Erica sempre sul pezzo

  34. Articolo da reparto psichiatrico. Un lavoratore che per anticipare uno o due anni (se F o M) passa dal misto al tutto contributivo può essere solo un pazzo.

  35. Quante belle promesse in preparazione delle future elezioni….
    Siete al governo, si bene allora dimostrate che siete capaci di portare avanti l’iniziativa e di farla approvare qust’anno, con decorrenza 2023. Sicuramente raccoglierete molti voti.

  36. Per i 62enni che sono nel sistema misto sarebbe come regalare il 30% dei propri sacrifici e privazioni lavorative ai ns governatori, affinche’ qst ultimi possano continuare a mantenere la sostenibilita’ dei vitalizi. Come sentito asserire da qlc percettore intervistato, i vitalizi e pensioni “dorate” non sono un diritto x’ applicati da una Legge sostenuta e votata da loro stessi, senza alcun referendum popolare .
    Non so’ quanti pensionandi possano condividerlo, ma inoltre il coefficiente di rivalutazione a 62aa e’ penalizzante rispetto a quello dei 65 o dei 67 !
    Questa e’ la pragmatica triste realta’ .
    Se realmente si vuole concedere Quota 41 a tutti senza penalizzazioni, vanno cambiati anche i coefficienti di rivalutazione.
    Il resto …. ? Parole “cicero pro domo sua”.

    1. Dopo 41 anni di duro lavoro con nove anni di notte fissa cosa volete ancora sarebbe ora che scendiamo in piazza con i bastoni

  37. Quota 41 ma senza tutto contributivo per chi ha il misto!
    Nella prima parte dell’intervista parla di misto, e nella seconda parla che si potrebbe fare tutto contributivo.
    Eh no caro signore! deve essere fatta, se si farà , con il misto, per chi ce l’ha!

    Evvai con le prime promesse elettorali… come diceva qualcuno in passato, nel 23 voterò lega, che non ho mai votato, solo se sarà già attiva quota 41 senza penalizzazioni alcuna!
    Pagare moneta, vedere cammello!

  38. Come al solito la Lega promette e poi non mantiene. Ha iniziato dicendo 41 di contributi per poi dire 41 di contributi con sistema contributivo. Forse non sa (ma non ci credo) che i precoci con il sistema contributivo percepiranno una pensione molto inferiore.
    Per chi come me ha raggiunto quota 41 non conviene assolutamente, 41 per tutti con sistema misto altrimenti meglio che lascino la Fornero.
    NON FATEVI FREGARE PER L’ENNESIMA VOLTA

  39. Non mi pare che la proposta di Durigon venga avanzata con la giusta determinazione, in quanto già il fatto di ritenere “regole del gioco” le condizioni ed i paletti che l’UE possa imporre è un segno di debolezza ed è soprattutto la volontà di accettare vincoli di età o addirittura di cumulo contributivo.
    Anzi dirò di più queste dichiarazioni sembrano la conferma che a Durigon e alla Lega non interessa che i contenuti della riforma siano improntati al principio di equità ma soprattutto che compaia in qualche modo il numero 41 per poter dire di aver mantenuto la promessa.
    Ci siamo già passati con quota 100, se questo è il vostro modo di intendere la riforma pensionistica (una sorta di lotteria) allora è meglio rimanere con la Fornero.

  40. Mi rendo conto che devo smettere di leggere le dichiarazioni di questi personaggi perché ogni uscita mi fa inc..are sempre di più.
    La sensazione è che nessuno di loro sia in grado di affrontare il problema nella sua complessità e completezza, affrontando con metodo le due richieste fondamentali che stanno alla base delle richieste di tutti noi:
    – una anzianità contributiva ragionevole perché 43 anni e 1 mese sono un’aberrazione
    o in alternativa
    – un’età che lasci intravedere in prospettiva qualcosa di più delle proprie esequie ,
    il tutto corredato da simulazioni credibili , e non sparate “ad minchiam”, delle eventuali penalizzazioni economiche derivanti da tali anticipazioni rispetto alla Legge Fornero, che non possono certo risolversi con l’infame passaggio al contributivo per tutti, che tanto piacerebbe a chi ci governa.
    Comincio a temere che il vero problema sia l’assenza di teste “pensanti” sia a livello ministeriale che sindacale in grado di elaborare una proposta che contemperi il più possibile le esigenze di tutti, altrimenti non si spiegherebbero le periodiche sparate, ormai insopportabili, dell’ “esperto” di turno.
    Grazie come sempre ai curatori del sito, in particolare ad Erica Venditti che stoicamente legge tutti i nostri “sproloqui” 🙂 e ci consente di sentirci meno soli in questa tristissima vicenda che sta diventando grottesca.

  41. E’ iniziato il Circo Barnum delle promesse elettorali! Se non ci fosse di mezzo la vita di centinaia di migliaia di lavoratori onesti ci sarebbe da scompisciarsi dalle risate!! Fantastica la certezza che verranno messi dei paletti per accedere a eventuali pensionamenti anticipati (anche all’anticipata Fornero?) come già avvenuto con quota 100 e poi quota 102…. chissà, questa volta potranno andare in pensione anticipata solo i lavoratori con le orecchie a sventola e almeno un neo di un centimetro sulla chiappa destra!!! Tutti gli altri solo a 67 anni!! Ma la leggi non dovrebbero essere uguali per tutti?
    Sarebbe più dignitoso che i nostri politici avessero la decenza di non aprire più bocca!!

  42. Buongiorno a tutti. Vedo molta determinazione nel proporre ,dopo anni che se n’è parlato ,di eliminare la legge Fornero inserendo quota 41.Fin qui il discorso non fa una piega ,ma il fatto che l’onorevole Durigon già mette le mani davanti riferendosi ai probabili paletti richiesti da l’Europa, sicuramente si riferisce al ricalcolo con il contributivo puro con le relative conseguenze,io credo che non è il caso ,è preferibile mantenere la Fornero senza perdere soldi.Mi sembra quasi una furbata con la scusa di eliminare la Fornero ci appioppato un altro grande regalo.Se si deve inserire quota 41 in aggiunta alla Fornero per dare ,a chi vuole ,una strada in più per anticipare l’uscita dal lavoro va bene,ma se deve astutamente sostituire la Fornero danneggiando ulteriormente i Lavoratori, no.Credo che se faranno in cosa del genere danneggiando anche le persone che stanno raggiungendo il parametro della Fornero con grande sacrificio, grazie a loro ,sia la vigliaccata più grande mai fatta.
    Buon Lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su