Pensioni anticipate 2022 ultimissime: come funziona quota 102 e requisiti

Riforma pensioni, post quota 100 spunterà quota 102?

Nell’ ultima legge di bilancio si è giunti infine a un accordo intermedio che pur senza confermare “Quota 100” permette almeno di scampare ai rigidi paletti della precedente Legge Fornero. Il disegno di Legge di Bilancio 2022 quindi proroga l’Opzione Donna e l’APE Sociale, ammette il contratto di espansione e prevede l’introduzione di una nuova modalità pensionistica: la “Quota 102”. Ecco tutte le risposte alle domande che ci avete posto su questa forma di pensione anticipata

Pensioni anticipate 2022: Che succede dopo “Quota 100”?

Adesso, dopo la fine degli effetti di “Quota 100” arriva quota 102: Con questa riforma, che si renderà operativa nel nuovo anno, si partirà sempre dai consueti 38 anni di contributi, ma allo stesso tempo verrà elevata l’età minima: bisognerà avere infatti almeno 64 anni. Anche in questo caso non vi sono penalizzazioni sull’assegno. La formula è stata proposta, tra i primi, proprio dal presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali, Alberto Brambilla, ex Sottosegretario al Ministero del Welfare con delega alla Previdenza Sociale.

Cosa cambia fra “Quota 102” e “Quota 100”?

Le riforme sono abbastanza simili. Con “Quota 102” in sostanza si vuole evitare quello che alcuni osservatori hanno definito lo “scalone anagrafico”, che cioè dall’1° gennaio 2022 si possa ritornare alla vecchia modalità pensionistica con un minimo di 67 anni di età per la pensione di vecchiaia e ai 42 anni e 10 mesi di contributi (uno in meno per le donne). Sarebbe stato un colpo troppo grande e una forte disparità di trattamento rispetto a chi negli ultimi 3 anni, fino al 31 dicembre 2021, grazie a “Quota 100” è riuscito ad andare in pensione a 62 anni e con soli 38 anni di contributi.

Per questo motivo si rende oggi necessario uno strumento normativo meno rigido rispetto alla vecchia legge, che consenta la pensione anticipata, pur senza i benefici di “Quota 100”. La soluzione sembra essere proprio “Quota 102”. Quest’ultima inasprisce i requisiti anagrafici rispetto a “Quota 100”, ma è pur vero che offre la possibilità di maturare il requisito contributivo richiesto un anno più tardi.

Pensioni anticipate 2022: Cosa dirà la Legge di Bilancio

Il disegno di Legge di Bilancio conterrà i requisiti per ottenere i trattamenti pensionistici e le indennità di accompagnamento alla pensione che saranno previsti in via sperimentale, in deroga alla Legge Fornero, oltre all’introduzione di una nuova pensione a 62 anni per i lavoratori in esubero delle imprese in crisi: nessun dettaglio è stato però ancora definito. L’iter prevede l’adozione di un decreto attuativo entro 60 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Bilancio. Per ora siamo ancora al disegno di legge, ma entro il presente mese di dicembre arriverà la legge e successivamente si passerà al decreto di attuazione.

Pensioni anticipate e quota 100: Le deroghe al pensionamento

I lavoratori che entro il 31 dicembre 2021 risultano in possesso dei requisiti per andare in pensione con “Quota 100” possono conseguire la pensione anche nel 2022. In pratica, in base a quella che è stata definita la “cristallizzazione dei requisiti”, una volta che entro la data limite di applicazione del provvedimento, cioè il 31 dicembre, si sono maturate le condizioni per andare in pensione, ci si può concretamente pensionare anche successivamente, seppure in una data in cui il trattamento pensionistico di “Quota 100” è stato abolito.

19 commenti su “Pensioni anticipate 2022 ultimissime: come funziona quota 102 e requisiti

  1. Fantastico! Ci sono lavoratori che andranno in pensione con 38 anni di contributi mentre altri come me che nel 2022 con 41 anni di contributi, 61 anni di età e quota 102 superata ma senza i 64 anni devono ancora aspettare fino ad averne oltre 43 di contributi , 38 per quota 102, 43 e un mese per la Fornero e in più la beffa del probabile ricalcolo contributivo dal 2022)
    Sindacati e Partiti: siete dei grandi geni!! Avrete un amaro risveglio.

  2. Penso che sostituire quota 100 con quota 102 per chi come me nato nel 1960 sia un abominio solo un cerebroleso può sostenere che sia una cosa buona e giusta e solo uno in malafede poteva progettarla

    1. NON SONO D’ACCORDO PERCHè CHI NATA COME TE NEL 1960 COME TU DICI, NE FAI UNA QUESTIONE PERSONALE, SOLO PER TE STESSA…….SE VESSERO PROPOSTO SOLO PER I NATI NEL 60 AVRESTI APPLAUDITO…….UN ESEMPIO PURO DI EGOISMO……OGNUNO PENSA A SE STESSO…COMPLIMENTI

  3. Come già letto più volte, per noi nati nel 1960 questa è proprio una bella presa in giro!!!!
    Io personalmente resto fuori da quota 100 solo per pochi mesi, perché compirò 62 anni nel 2022, ma ho già più di 39 anni di contributi!!!!
    Hanno alzato solo l’età anagrafica, sono molto arrabbiata, perché speravo di uscire dal mondo del lavoro nel 2022.
    Quindi andrò con il massimo dei contributi (ben oltre 38 anni) per arrivare a 64 anni!!!
    È una vera ingiustizia!!!

  4. Bravissimi chi ha fatto la legge di 38 o 64 di età uno schifo i sindacati che fanno niente solo scena poveri noi lavoratori .

    1. i sindacati hanno fatto sempre gli interessi dei politici e degli uomini di potere…….mi meraviglio a chi crede ancora. cercate di informarvi sugli stipendi dei sindacati…………..costo università negli stati europei. paese bassi euro 0, germania con la tessera dei traspoti pubblici hai l’Universita pagata,Francia 200 euro all’anno……..ITALIA da 2000 a 4000 euro l’Anno, il trasporto te lo compri……Pensioni: in tutta Europa l’Età massima della pensione è da 63 a 64 anni per tutti ITALIA 67 contributivo…..STIPENDI: EUROPA : DAI 3000 AI 4000 MENSILI….ITALIA DA 1.000 A 1.500 tranne sindacati e politici…..poi i sindacati fannio la loro espeienza politica dove prendono un mare di soldi e inducono il poolo a scioperare, tanto la trattenuta grava sullo stipendio dei lavoratori…………per prima cosa i sindacati devono scomparire………….non avete mai visto trasmissioni dei grandi rapprsentanti sindacali che percepiscono lo stipendio piu alto dei politici…..di cosa parliamo……………..Per me Draghi è l’unica persona finora RISPETTATA a livello mondiale, se non ci fosse stato, l’Italia starebbe alla fame. altro che scioperi dei sindacati…….Draghi c è gerazie all’incompetenza della gente che votate, gente che non sa neanche fare 2 piu 2. ignoranti al potere…..almeno abbiamo un personaggio illustre che ci fa fare bella figura….pensate prima di sparare a zero…riflettete sul perchè siamo arrivati a questo punto, quasi Paese del terzo mondo……

  5. almeno hanno coperto un ingiustizia e hanno permesso a coloro che per pochi mesi non sono potuti rientrare in quota 100 pur avendo superato l età anagrafica È una vera ingiustizia che per 2 o 3 mesi pur superando l età anagrafica non rientravano nella legge Questa non è una spesa immensa come dare la pensione a tutti Del resto prendetela con la legge fornero e con le spese che aumentano sempre di più per lo stato Pensate alle grandi uscite per lo stato che poi saremmo tutti noi e alle poche entrate che sono sempre degli stessi Questo è uno dei mali della nostra società

  6. Fantastico! Ci sono lavoratori che andranno in pensione con 38 anni di contributi mentre altri come con 41 anni di contributi, 61 anni di età e quota 102 superata ma senza i 64 anni devono ancora aspettare fino ad averne oltre 43 di contributi oppure 67 anni di età quindi resta lo scalone di 5 anni, 38 per quota 102, 43 e un mese per la Fornero e in più la beffa del probabile ricalcolo contributivo dal 2022)
    Sindacati e Partiti: siete dei grandi geni!! Avrete un amaro risveglio.

  7. vede dott. brambilla; ricordo un suo intervento anni fa sulle pensioni e mi sono chiesto allora: ma chi è questo personaggio che parla di pensioni……………………………………………. ricordo che scrissi un testo particolare…………………………………………..e bravo dott. brambilla………………………….. vedo che alla fine lei è riuscito nel suo intento……………………………… si stampi bene in mente quello che le scrivo adesso: quando si alza di 2 anni l’età minima per andare in pensione è come se mentre stanno scalando l’everest qualcuno alza la cima della montagna così tanto perchè non la deve scalare lui: già è un impresa scalarla, figuriamoci se si alza la cima cosa può succedere; almeno il pudore di chiedere scusa; bello fare proposte quando non capita a voi; e se dovesse capitare a lei? rifletta su questo saluti ai gestori del sito

  8. Riforme strutturali non se ne possono fare perche’ non ci sono i fondi. Per evitare lo scalone della Fornero meglio quota 102 che i 5 anni di attesa li porta 3, mentre con quota 41 ( che costa molto di piu’) iil dipendente va in pensione dopo un anno e nove mesi ed e’ molto piu’ giovane

    1. Si come no! Imiliardi per MPS o Alitalia e carrozzoni vari ci sono sempre! Vorrei ricordarle che la gestione INPS contributiva è in attivo……

      1. Personalmente non lavoro presso la ragioneria di stato … sappiamo pero’ che INPS e’ in attivo e propone anche FORMULE DI CREDITO (prestiti di denaro!)
        Probabilmente … la favola di “cappuccetto rosso” ce la siamo dimenticata.

  9. Ovviamente l’Ape Social sarà riservata a chi ha 30 anni contributi INPS. Ovviamente, in barba alla Costituzione, saranno escluse le Casse Private obbligatorie. Io ho infatti 12 anni di Cassa dei Ragionieri e 22 di INPS +militare+ figurativi e sono escluso da ogni forma di pensionamento anticipato. Ingiusto anche perché la pensione di vecchiaia viene erogata ognuno con la sua quota. IO INSISTO E VOGLIO COINVOLGERE I GIORNALISTI DI QUESTO FORUM: O SI FANNO LE COSE UGUALI PER TUTTI O SI VA CONTRO LA COSTITUZIONE. Ne parlo da mesi e non ne parla nessuno. Il sistema delle quote è iniquo per sua stessa articolazione. Vogliamo diventare un coro? Ad una certa età ognuno che sia libero di scegliere il proprio destino.!

  10. Buongiorno, ho 56 anni con 41 anni di contributi, in questo caso posso accedere alla pensione. Attualmente sono disoccupata da più di un anno senza percepire nulla. Grazie saluti

  11. Salve sono dipendente pubblico,ho 56 anni e lavoro da 1985,vorrei sapere quando andrò in pensione e con quanto grazie..

    1. a 62 anni andrai in pensione ma dal 2022 si riaprono le trattative per le pensioni e si cercherà di eliminare la Fornero visto che a causa del COVID sono deceduti almeno 130.000 pensionati e l’età anagrafica si è notevolmente abbassata. credo che verso i 60 o 61 andrai in pensione. i calcoli nturalmente li puo fare un patronato ma col sistema misto prnderai molto di piu del contributivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su