Pensioni anticipate e quota 100 ultime oggi 27 agosto: le proposte di Brambilla

Pensioni anticipate e quota 100 ultime oggi 27 agosto: le proposte di Brambilla

Cosa succederà nei prossimi mesi a quota 100 e agli altri provvedimenti sulle pensioni anticipate? Con la formazione del nuovo Governo, potrebbero cambiare gli scenari futuri? Alberto Brambilla, Presidente Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali, ha dato la sua risposta sulle pagine dell’ inserto “l’Economia” del quotidiano Il Corriere della Sera. Vediamo i passaggi principali pubblicati nel suo interessante articolo con un’analisi sulle riforme effettuate fino ad ora e su cosa potrebbe esser fatto in futuro.

Ultime novità Pensioni anticipate oggi: Brambilla su quota 100 e Opzione donna

Nel suo articolo, Brambilla prima di tutto spiega la situazione attuale e i problemi legati a quota 100: “Il provvedimento bandiera della Lega ha molte pecche dovute alla fretta comunicativa e all’imperizia: a) non cancella la riforma Fornero, ma è solo una misura sperimentale e a tempo (3 anni per Quota 100 e 8 anni per precoci e anticipata) dopo di che si torna alla Fornero; il tutto mentre Quota 41, indicata dalla Lega come punto di caduta finale, potrebbe anche essere una buona soluzione ma è troppo costosa; b) non tiene conto delle situazioni specifiche dei lavoratori con problemi di salute, familiari a carico da curare, lavori pesanti, in mobilità o disoccupazione, ma prevede un “liberi tutti” anche a favore di quelli che ancora potrebbero tranquillamente lavorare; c) non prevede agevolazioni particolari per le categorie citate e neppure l’utilizzo dei “fondi di solidarietà” per l’industria, il commercio, l’artigianato e l’agricoltura”.

Infine ricorda che “Per le donne Quota 100 è invece difficile da raggiungere e, di fatto, le richieste femminili sono solo il 26% del totale, mentre Opzione Donna è molto penalizzante (pensione totalmente a contributivo con decurtazione del 30% pur raggiungendo quota 95, contro una pensione al 100% con Quota 100)”. Secondo Brambilla, “Sia che si vada a elezioni sia che si formi un foverno di transizione o di legislatura, probabilmente, nel 2020 potrà proseguire Quota 100 che, è abbondantemente finanziata fino al 2027 e che, senza alcun intervento, prevede già un risparmio nel triennio 2020-22, di circa 9 miliardi”.

Pensioni anticipate oggi 27 agosto, le proposte di Brambilla

Quali sono le soluzioni quindi che potrebbe attuare il prossimo Governo, magari quello M5S-PD che in queste ore sembra potersi formare? Per Brambilla: “Una flessibilità in uscita è necessaria, ma soprattutto occorre concludere il ciclo delle riforme dando certezza a tutti i cittadini con regole semplici e valide sia per retributivi, misti e contributivi puri. Pertanto, mantenendo i requisiti per la pensione di vecchiaia a 67 anni di età, indicizzata alla aspettativa di vita, e almeno 20 di contribuzione, Quota 100, APE sociale, Opzione Donna e agevolazioni per lavoratori precoci potrebbero essere sostituiti, da un lato, dai citati fondi esubero e, dall’altro, consentendo un pensionamento flessibile con 64 di età anagrafica (indicizzata alla aspettativa di vita), con almeno 37/38 anni di contributi di cui non più di 2 anni figurativi (esclusi dal computo maternità, servizio militare, riscatti volontari) e rendendo stabile la pensione anticipata, svincolata dalla aspettativa di vita, ed eliminando qualsiasi divieto di cumulo.

Sarebbe utile, sul modello della Dini, prevedere per le donne madri un anticipo dei requisiti pari a 8 mesi per ogni figlio con un massimo di 24 mesi, mentre per i precoci ogni anno di lavoro fatto prima dei 19 anni dovrebbe valere 1,25 anni (con 4 anni di lavoro, 16,17,18,19 anni si ottiene l’anticipo di 1 anno). Infine, si dovrebbe reintrodurre l’indicizzazione delle pensioni all’inflazione nella misura del 100% fino a tre volte il minimo, 90% da tre a cinque volte il minimo e 75% oltre cinque volte la prestazione minima sulla quota di pensione “retributiva”, mentre per quella “contributiva” l’indicizzazione dovrebbe essere pari al 100%.” Voi cosa ne pensate di queste soluzioni? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto e tornate a trovarci per tutte le ultime novità sulla Riforma delle pensioni!

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

5 pensieri su “Pensioni anticipate e quota 100 ultime oggi 27 agosto: le proposte di Brambilla

  1. “Alberto Brambilla, Presidente Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali”

    Spero non sia l’ennesimo carrozzone statale pagato dai cittadini per farsi dire delle banalità strabilianti come quelle contenute in questo articolo…

  2. 1963 primo lavoro nel 1978 ,ho lavorato nelle fabbriche locali per poi lavorare per il mio Comune di residenza e nel 2000 venduta allo stato perdendo parecchi soldi di stipendio perchè non conteggiati anni precedenti (10),ora 39 anni di contributi e 56 di eta non posso essere una precoce perche nello stato non è prevista.giusto tutto questo?????

  3. Quota 100 non si tocca e non è vero che le donne non ci possono andare, conosco molte donne che l’anno prossimo ci possono andare, e se toccano quota 100 ci sarà mobilitazione

  4. Per i precoci un bonus 2 mesi e mezzo per ogni anno lavorato prima dei 19..caro brambilla cos’è la caramellina per i soliti sfigati cioè noi precoci ..alza la posta se veramente vuoi fare una proposta. Non dare elemosina a chi ha fatto questo paese.. 41 per tutti..

  5. Le proposte di Brambilla mi sembrano sensate, visto che le attuali misure non sono sicuramente sostenibili nel lungo periodo! Detto questo però non si può fare il gioco delle tre tavolette con gente che sta pianificando il proprio futuro sulla base delle nuove norme. Non si tratta solo di aspetti psicologici, molti stanno pagando contributi volontari o riscattando anni di laurea in funzione delle nuove norme, dunque i termini fissati solo pochi mesi fa VANNO LASCIATI! Poi si potranno introdurre tutte le modifiche del caso, ma dando una prospettiva di lungo periodo e non facendo giochetti elettorali sulla pelle di poveri cristi! Stiano attenti i politici ora, la gente è stra-stufa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *