Commissione lavoro

Pensioni anticipate oggi giovedì 7 febbraio: ultime proposte a Nannicini per modifica DDL

Le novità di oggi giovedì 7 febbraio sulle pensioni anticipate arrivano da Mauro D’Achille, responsabile del gruppo “lavoro e pensioni: problemi e soluzioni che ha fornito il resoconto dell’incotro avuto con Tommaso Nannicini, Senatore e Membro della commissione lavoro.

Vediamo cosa si sono detti e soprattutto la trascrizione integrale dell’ultima comunicazione mandata a Nannicini da Mauro D’Achille con alcune proposte molto interessanti sulla riforma delle Pensioni.

Ultime novità oggi su Pensioni anticipate e quota 100: L’incontro con Nannicini

Così scrive D’Achille nel resoconto sull’incontro avuto con Nannicini: “Abbiamo discusso non solo della situazione pensionistica ma anche di quella politica in generale, naturalmente. Ha smentito categoricamente quanto da più parti affermato, ovvero che in Italia oramai non esiste più l’opposizione; a sostegno della sua affermazione mi ha elencato tutta una serie di proposte, di emendamenti e di ddl presentati, e specificatamente, per quanto ci riguarda maggiormente, mi ha mostrato un ddl sulle pensioni non ancora pubblicabile in quanto ancora in corso prima della stesura finale. Da questo ddl verranno estratti gli emendamenti che già da lunedì sarà possibile presentare in commissione lavoro del Senato. Ho chiesto di poter contribuire al completamento di tale ddl avanzando una serie di proposte: di queste (quindici), la gran parte erano state già inserite, a testimoniare come il sentire comune sia in estrema sintonia. Altre due, non presenti, ha provveduto seduta stante a inviarle tramite mail affinché venissero subito aggiunte.

Avendomi egli richiestomi di non svelare il ddl di cui sopra in quanto ancora suscettibile di modifiche, non lo farò certamente qui e ora. Nulla però ci vieta di pubblicare la mail contenente le mie proposte, e degli altri admin del gruppo sentiti i vostri commenti, cosa che farò a breve (la troverete di seguito NDR). Inutile aggiungere che probabilmente la gran parte di tali emendamenti saranno tagliati già in commissione lavoro e dei restanti si dovrà poi attendere il verdetto della successiva commissione di bilancio, però ritengo importante si sappia che le nostre richieste troveranno sempre una sponda disponibile alla discussione e, se lo si ritenesse fattibile come finora è sempre stato, possano essere trasformate in proposte di legge”.

Pensioni anticipate e quota 100 ultime oggi: nuovi emendamenti in arrivo alla Camera, i 15 punti

“Chiarissimo professor Nannicini, tramite questa comunicazione le invio un elenco di proposte che vorrei sottoporre alla sua attenzione: A fronte della linea politica scelta dal governo, di non toccare nulla di quanto già fatto precedentemente,ma di puntare tutto su una quota cento che non ci piace, credo possa essere utile procedere contemporaneamente in due direzioni: a) appoggiare le richieste sindacali per fare fronte comune e avere maggior peso politico nei confronti della controparte. b) comportarsi da forza di Governo, responsabilmente come sempre, producendo emendamenti a basso costo ma ad alto impatto emozionale e sociale. Ad esempio:

1) Blocco adv anche per pensione di vecchiaia.
2)Rendere strutturale ape social e volontaria, puntando sulla difficoltà degli over 60 a trovare nuovo lavoro.
3) Aggiungere nuove qualifiche ai gravosi, ad esempio coloro obbligati a portare armi da fuoco, e tutti coloro che per produrre reddito sono costretti all’uso di automobili, con rischio incidenti e stress da traffico.
4) Eliminazione voce “almeno 1,4 volte l’importo dell’assegno sociale” per accedere ad ape.
5) A fronte della introduzione delle finestre trimestrali, eliminare i tre mesi post naspi.
6) Abolire tutti i limiti, tranne le dimissioni volontarie, per l’accesso dei disoccupati
7) Eliminare i codici di accesso Inail/Istat per pari qualifiche ma operanti in settori diversi.
8 ) Disoccupati: su loro richiesta, dimezzare l’importo dei versamenti volontari (invece che al 33% dell’ultimo stipendio) oppure parametri soli all’ultimo importo percepito con la Naspi.
9) Invalidi: bonus contributivo alle mamme di disabili 100% con accompagno, al pari degli invalidi lavoratori, ovvero tre mesi ogni anno con massimo cinque anni.
10) Lavori di cura per donne: bonus contributivo uguale a quello già usato per Ape social, esteso a tutte le forme di pensionamento anticipato e di vecchiaia.
11) Possibilità del cumulo gratuito anche per OD ed esodati.
12) Decreto legge per ultimi esodati esclusi dalla 8′ salvaguardia.
13) In linea con la volontà delle destre di riduzione tasse, ridurre Irpef ai pensionati in maniera progressiva.
14) Eliminazione del divieto di accedere alle varie forme di pensionamento per gli invalidi che ricevono già assegno di invalidità
15) TFS: Prevedere l’anticipo bancario di 30.000€, previsto soltanto per quota cento, a tutte le forme di pensionamento.

Siamo rimasti d’accordo sulla necessità di un maggiore raccordo tra le iniziative sue e la pubblicizzazione sui gruppi social, al punto che si è impegnato ad inviarci il testo degli emendamenti che saranno proposti, affinché ne possa scaturire una discussione dalla quale si possano attingere idee originali”.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

5 commenti su “Pensioni anticipate oggi giovedì 7 febbraio: ultime proposte a Nannicini per modifica DDL

    massimo

    (8 Febbraio 2019 - 9:31)

    MANCA UNA MODIFICA MOLTO IMPORTANTE ; LA QUOTA 100 DEVE ESSERE STRUTTURALE. IL LAVORATORE DEVE AVERE IL DIRITTO DI PROGRAMMARSI IL PROPRIO FUTURO.

    Zoroca

    (7 Febbraio 2019 - 23:50)

    762 ani lavorato pensante non forsa avuto incidente devo lavorare fino 67

    Luigi Napolitano

    (7 Febbraio 2019 - 21:03)

    Credo che sia giunta l’ora di indossare dei gilet anche noi!!!, esigendo il respetto dei nostri diritti.
    Ma chi ha i gabbaisi per farlo? Non c’è nessuno il vuoto totale, si sente l’eco delle mie battute…
    Tutti Veloci sulla tastiera ma quando è ora di metterci la faccia e di scendere in strada per intere settimane tutti muti e imboscati.
    Siamo un popolo di pecore, fanno bene ha trattarci a pesci in faccia, tanto tutti muti,,,,e cacasotto….
    Mi vergogno….profondamente..

    alfredo

    (7 Febbraio 2019 - 18:01)

    Pensione anticipate con 42 anni e dieci mesi devono bastare senza nessuna finestra, anche x chè si chiama 43e 1, con 42e 10 si deve uscire dal mondo del lavoro, magari la pensione con decorrenza 3 mesi dopo , percependo i tre mesi di arretrati.

    Franco Giuseppe

    (7 Febbraio 2019 - 12:07)

    Nell’elenco delle 15 proposte di emendamento noto con rammarico la mancanza o un accenno ai precoci. Ritengo quindi che a nessuno importi l’ingiustizia verso questi soggetti che saranno gli unici che si sorbiranno la Fornero completa con 5 anni di lavoro in più. A questi non è stata nemmeno offerta la possibilità di pensionamento con penalizzazioni. Non capisco inoltre se è vero o no, il fatto che il tfr sia concesso subito solo a chi utilizza la quota 100. Devo quindi dedurre che i succitati precoci continueranno a prendere il tfr dopo oltre 2 anni ? Non c’è nessun’altra disgrazia da infliggere ai precoci ? Non basta dover lavorare di più, veder andar via prima chi ha versato meno, chi ha iniziato a lavorare dopo i 24 anni ? Cosa facciamo, li crocifiggiamo o impaliamo ? Che vergogna !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *