Pensioni anticipate oggi, ultime news: le idee di Zingaretti su quota 100, gravosi e APE

Nella giornata di domenica scorsa, Nicola Zingaretti è stato eletto nuovo segretario del PD, e noi siamo andati a cercare le sue dichiarazioni e i suoi punti del programma che riguardano le pensioni anticipate e la riforma della legge Fornero. Cosa pensa su questi temi, sull’ape social, sui lavori gravosi e usuranti il nuovo segretario del PD?

Cosa può cambiare all’interno del PD sulle posizioni relative alle pensioni e al welfare con l’arrivo del nuovo segretario Zingaretti? Vediamolo in questo articolo analizzando la sua proposta chiamata “Prima le persone” che trovate anche in sintesi sul suo sito ufficiale.

Ultime novità oggi su Pensioni anticipate e quota 100: le parole di Zingaretti

Zingaretti ha ribadito sulle pensioni anticipate più volte (anche il televisione, vedi il video a fondo articolo) che quota 100 non è negativa ma occorre rivedere la riforma delle pensioni per superare la legge Fornero partendo da chi ne ha più bisogno, come i lavoratori precoci, usuranti disoccupati, stagionali discontinuie per le donne con carriere discontinue.

In una recente intervista su La 7 Zingaretti parlando di quota 100 si è detto dubbioso sui fondi necessari e su chi la pagherà: “Chi paga il costo di una riforma? Se prendiamo in giro la gente raccontiamo solo la parte sana della mela, senza dirgli però ti devi mangiare anche il verme, la discussione è ipocrita”.

Pensioni anticipate il programma di Zingaretti tra Ape Social, precoci, usuranti e gravosi

Per capire ancora meglio le idee sulle pensioni anticipate del nuovo segretario del PD ecco le sue proposte scritte nel documento di proposta per migliorare il nostro paese che lui stesso ha redatto. Si può leggere che sulle pensioni è necessario “Rendere il sistema flessibile in modo più equo e sostenibile tramite i seguenti punti:

  • proroga e allargamento dell’APE sociale
  • misure per risolvere i problemi degli esodati
  • tutele per chi svolge lavori gravosi e usuranti
  • riduzione del gender gap pensionistico
  • revisione del meccanismo di adeguamento dell’età di pensionamento all’aspettativa di vita
  • piena portabilità del credito pensionistico per gli iscritti alla gestione separata INPS
  • rilancio della previdenza complementare, anche introducendo il silenzio-assenso per l’adesione ai fondi pensione integrativi
  • pensione minima di garanzia per i giovani che rischiano di ritrovarsi da anziani in condizioni di forte disagio economico.

Voi cosa ne pensate di queste proposte? Pensate che l’elezione del nuovo segretario del PD possa cambiare qualcosa? Fatecelo sapere e ricordatevi di seguirci ogni giorno su pensionipertutti per avere gli ultimi aggiornamenti e le ultime novità sul tema delle pensioni!

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

13 pensieri riguardo “Pensioni anticipate oggi, ultime news: le idee di Zingaretti su quota 100, gravosi e APE

  • Avatar
    6 Marzo 2019 in 19:41
    Permalink

    Ridi, ridi… Ecco un altro che ride.
    Zingaretti, una cosa sono le primarie: Vi dite bravi l’Uno con l’Altro; altra cosa sono le elezioni!
    Detto da uno, Comunista e sovranista, che non vota nessun partito in Parlamento.

    Rispondi
  • Avatar
    6 Marzo 2019 in 19:36
    Permalink

    Come cantava il nostro: ” Se otto ore vi sembran poche, provate voi a lavorare, e sentirete la differenza tra lavorare e… “.
    Se quota 100, vi sembra poca, PROVATE VOI LAVORARE…

    Rispondi
  • Avatar
    6 Marzo 2019 in 19:32
    Permalink

    CAMBIANO I SUONATORI, MA LA MUSICA E’ SEMPRE LA STESSA!
    LEGGO: “…Zingaretti ha ribadito sulle pensioni anticipate… si è detto dubbioso sui fondi necessari e su chi la pagherà: “Chi paga il costo di una riforma?…”
    COSA NE PENSO: PENSO: “ANTICIPATE?!… ANTICIPATE RISPETTO A COSA? ALL’INAUDITO REPENTINO INNALZAMENTO DI 10 ANNI DELL’ETA’ PENSIONABILE! PRIMA TI AUMENTO DI 10 ANNI E POI LO CHIAMO “ANTICIPATO” SE CI VAI DUE O TRE ANNI PRIMA? PENSO CHE SIA UNA PRESA PER I FONDELLI!
    “Chi paga il costo di una riforma?…” LO PAGANO, LO HANNO GIA’ PAGATO, I LAVORATORI COLLE DETRAZIONI OGNI MESE PER TREDICI MENSILITA’ DEL 33% DELLO STIPENDIO PER LA PREVIDENZA (SE ANCORA LA SI PUO’ CHIAMARE COSI’, O E’ MEGLIO “PREMORIENZA”?)! LE DETRAZIONI PIU’ ALTE DEL MONDO … MA CHE FINE FANNO? E ANCORA NON BASTA?
    LA PREVIDENZA NON E’ UN SALVADANAIO PER LE CRISI CREATE DA ALTRI, FATE PAGARE GLI EVASORI PER 110 MILIARDI ANNUI; DAL 2011, DOPO OTTO ANNI, POTEVATE AVER INIZIATO? INVECE IL SALVADANAIO SI ROMPE SEMPRE LI: PENSIONI!
    SIGNOR ZINGARETTI, A MIO PARERE, INIZIAMO MALE: CAMBIANO I SUONATORI, MA LA MUSICA E’ SEMPRE LA STESSA!

    Rispondi
  • Avatar
    6 Marzo 2019 in 8:55
    Permalink

    io sono invalida ma non mi riconoscono la % giusta ho gamba e braccio dx paralizzati e mi hanno detto ma che cazzo pretendi zoppichi solo un pò ho adesso 62 anni di età e 39 anni e 5 mesi di anzianità lavorativa quota 100 mi spetta sopratutto perché ho grossi problemi di dolori diffusi e quando arrivo a casa invece di mangiare me ne vado a letto e così per il fine settimana lo passo a letto per poter avere le energie per sopportare il dolore e andare a lavorare il lunedì

    Rispondi
  • Avatar
    5 Marzo 2019 in 20:47
    Permalink

    Eccone un altro!!!
    Già virano anche questi sui precoci 41 4243…..
    Altri che vorrebbero voti x poi prenderti x il culo come salvini!!!
    Venghino signori Venghino….!!!
    Tutti uguali siete, rossi gialli verdi e neri!!!
    Ignobili!!!!

    Rispondi
  • Avatar
    5 Marzo 2019 in 12:49
    Permalink

    Ora inizia ad insegnarci a vivere!
    Prima tutti gli altri rispetto ad i lavoratori che hanno pagato per tutti gli anni con continuità!
    Pazzesco! Vuol fare del inps il bancomat di tutti!

    Rispondi
  • Avatar
    5 Marzo 2019 in 11:50
    Permalink

    Buon giorno a tutti,
    caro Zingaretti ma cosa dice? ci vuole molto semplicemente solo: ” Giustizia Sociale”. Niente di più. Il rispetto dei diritti, che valgono per tutti in egual misura.
    Non esistono cittadini di serie A o di serie B. Ma per cortesia siamo seri..
    Le parole sono un fiume in piena ormai, mentre i fatti stanno a zero, questo ormai da moltissimo tempo.
    Per cortesia affermiamo cosa reali e non fantomatiche idee, nella lingua politichese che nessuno comprende e intanto i fessi pagano.
    Questa è la realtà.

    Ecco cosa scrivevo tramite PEC ai Signori del Governo pochi minuti fa.

    Chi le scrive è un precoce con all’attivo quasi 46 anni di lavoro? mentre Lei Sig. Zingaretti,

    Vale anche per Lei, la stessa domanda: esiste un Suo Estratto Conto Contributivo Certificato Inps ? dove si evidenzia quanto ha versato di tasca Sua? Mi piacerebbe poterlo visionare!! Resto a Sua disposizione per qualsiasi confronto, come e quando Vuole ovviamente dove vuole!

    Cordiali saluti.
    Luigi Napolitano

    Ecco il contenuto della mia personale PEC consegnata al Governo, alle ore 11:09 del 05 Marzo 2019:

    In data 2019-03-05T11:09:44+0100, luigi.napolitano@ ha scritto:

    segreteriaministro@pec.lavoro.gov.it
    Cc:
    presidente, portaleweb. gabinetto.ministro@pec.interno.it

    Buongiorno A Voi Sig. Ministri, stipendiati da noi cittadini onesti e eterni lavoratori.

    Vi allego cosa scrivo e penso di Voi, essendo un cittadino, un lavoratore molto precoce e che lavora e paga da oltre 46 anni…E Voi cari Ministri? il vostro estratto conto contributivo Inps esiste? quanto avete versato in contributi di tasca vostra? avrei piacere di confrontarmi con Voi? Ma credo che anche questa PEC finirà come tutte le altre nessuna risposta. Una vera pena… I confronti li fate solo con chi Vi asseconda..

    Quasi mezzo secolo di fatica, sudore e sangue!! Voi conoscete queste sofferenze che per il sottoscritto e credo molti altri sono iniziate sin da bambino.

    Vi assicuro nessuno riconoscenza, nessuno reddito di cittadinanza, nessun 35 euro al giorno, nessuno cassa integrazione, nessuna naspi, nessuno sconto, niente di niente. Solo lavoro e testa bassa. Ne avete la benchè minima idea? non credo! Basta guardarVi, per capire, che siete fuori dal mondo e che più che politici, siete diventati degli attori, che mettono in scena il solito teatrino questo giorno dopo giorno.

    Ritengo i Vostri comportamenti semplicemente, scandalosi.

    Mi vergogno per Voi e per le Vostre false promesse.

    Ecco il testo:

    Buongiorno a tutti,
    prendo atto delle considerazioni descritte e rispetto ogni singolo pensiero.
    La quota cento ormai si è ripetuto milioni di volte è servita nel dare una mano a coloro reduci da periodi di studi diciamo più o meno lunghi, hanno iniziato il lavoro con almeno 10 anni di differenza rispetto, al ragazzino come il sottoscritto che ne aveva appena 14 di anni. Ed essendo il sottoscritto in una situazione molto, particolare possiamo dire che il mio lavoro inizia con nove anni, per cui bambino..
    Vi assicuro sono decina di migliaia i precoci, come il sottoscritto, che hanno condiviso la stessa strada, una strada a senso unico dove si percorre solo in salita senza mai una discesa, una vita di fatica e null’altro.

    Per favore non affermiamo cose non corrette per i precoci, ci vuole la regola dei 41 anni per tutti indistintamente. Nessun tipo di accrocchio!

    Un esempio: Vediamo/ si prevede l’esodo di circa 29000 medici, li vogliamo definire precoci? no.. Ma loro essendo una categoria con albo, per cui privilegiata, comincia ha lavorare dopo e va pensione prima e con meno anno di contributi, riscattando il corso universitario, direi Mica male..
    L’esempio è solo uno dei tanti.
    Voglio dire che questi fantomatici politici, ormai divenuti attori televisivi e in eterna campagna elettorale, ci faranno pagare l’ennesimo stop.
    Per cui arrivare ai 42 e dieci mesi. aggiungendo la finestra per beccarci la” Follia Fornero” in pieno, per noi nessun tipo di riconoscimento, nessuno scivolo, nessuno sconto, niente di niente…spero abbiate compreso, NIENTE.

    Noi siamo buoni solo per pagare ma riconoscere la nostra usura fisica per aver lavorato quasi mezzo secolo, possiamo definirlo in modo preciso clinico, deterioramento fisiologico, ecco questo non lo riconosce nessuno, tantomeno questi signori che avevano promesso quello che sapete in campagna elettorale, mentre invece continuano ha giocare con le nostre vite ormai stremate. Una giornaliera presa per i fondelli.

    Ve lo ripeto, senza nessuna personale presunzione lungi da me anche solo il pensiero, ma credo che basti guadare i fatti di ogni giorno, sono più che convinto che solo una nostra azione di massa potrà farci percepire da questi teatranti come persone vive e con molta probabilità provare ha cambiare l’andamento delle cose, facendo ripristinate il Trattamento All’eguaglianza..
    Diversamente non saranno certo le nostre quotidiane opinioni qui o altrove, che li porteranno al rispetto dei nostri sacrosanti diritti.

    No credo vi sia altra strada! Mio malgrado..

    Per cui visto che nessuno degli attori eletti ci porta/ci accompagna al nostro obbiettivo che è quello di percepire la nostra strapagata pensione.
    Di conseguenza giunti a questo punto dobbiamo obbligatoriamente prendercela da soli..
    In amicizia Vi dico e Vi chiedo e Vi ripeto “SVEGLIA”..

    Questi attendono semplicemente che passiamo a miglior vita..
    Grazie e perdonate la mia enfasi nell’ esprimermi, ma è in gioco e seriamente la nostra vita e di quello che ci resta della stessa…

    Distinti saluti

    ——————-

    Luigi Napolitano

    phone: +393402969993

    mail: luigi.napolitano62@gmail.com
    mail: luigi.napolitano@legalmail.it

    skype: luigi.napolitano62@outlook.it

    ____________________________________________________________________________________

    Nota di riservatezza. Il presente messaggio di posta elettronica ed i suoi allegati contengono informazioni da considerarsi strettamente riservate e devono intendersi ad uso esclusivo del destinatario sopra indicato il quale è l’unico autorizzato ad usarli, copiarli e sotto la propria responsabilità, diffonderli.
    Chiunque ricevesse questo messaggio per errore, è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente, distruggendone l’originale. Grazie.
    Internet non garantisce l’integrità dei messaggi: si declina pertanto ogni responsabilità in caso di intercettazione o modifiche del presente messaggio.

    Rispondi
    • Avatar
      6 Marzo 2019 in 19:44
      Permalink

      Luigi, ha pubblicato anche i Suoi recapiti!
      Comunque c’è molto di giusto in ciò che scrive!
      Giuseppe C.

      Rispondi
      • Avatar
        8 Marzo 2019 in 10:27
        Permalink

        Giuseppe, grazie per la Sua gentile condivisione.
        Per i quanto riguarda i recapiti, non ci sono problemi sono tutti accounts certificati, tracciati e registrati sia in ingresso che in uscita.
        Il tempo in cui viviamo dove regna incontrastata, la disonestà e l’abuso sotto ogni forma, ritengo molto importante tutelarsi da queste losche azioni con finalità fraudolente, in particolare per il quotidiano e diffuso hacheraggio presente in rete..

        Rispondi
  • Avatar
    5 Marzo 2019 in 11:01
    Permalink

    Il PD non potrà mai recuperare credito sulle pensioni, qualsiasi cosa – anche positiva – potrà proporre.
    Lo smontaggio della Fornero oramai è di altri

    Rispondi
    • Avatar
      6 Marzo 2019 in 19:53
      Permalink

      Il PD, e altra sedicente sinistra in Parlamento, non ammetteranno mai che la loro politica, che insegue la destra, sia sbagliata, E continueranno a far vincere le Destre: nessuno vota le imitazioni, si preferisce l’originale! Nella straziante partita a scacchi che si consuma sulla pelle delle persone, pardon, dei lavoratori e dei disoccupati, ormai da decenni, partita dove conta solo la strategia, LE CHIACCHIERE, e non I FATTI E LA VITA DEI LAVORATORI, la sedicente sinistra continuerà a perdere (ma questo è ininfluente dato che loro fanno solo strategie inutili ai lavoratori) E, PURTROPPO, A FAR VINCERE LE DESTRE, E A FAR DIVENIRE I LAVORATORI ITALIANI SEMPRE PIU’ INCATTIVITI E DI DESTRA! E SEMPRE RIDOTTI PEGGIO.
      Cambia la musica, ma…

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *