Pensioni anticipate quota 100 ultim’ora: resoconto su incontro Governo-Sindacati

Roma 25 febbraio 2019 Ultim’ora sulle pensioni anticipate e quota 100, si è appena concluso l’incontro al tavolo tra Governo e Sindacati, con Landini, Furlan e Barbagallo che hanno incontrato Durigon ed altri esponenti del Governo Lega-5stelle.

Ecco le prime dichiarazioni a caldo dei protagonisti dell’incontro su quota 100 e pensioni: vediamo cosa hanno detto e cosa ci si aspetta nei prossimi giorni. L’articolo è costantemente aggiornato con le ultime dalle agenzie di stampa come Ansa e Askanews.

Pensioni quota 100 ultime novità oggi su Incontro sindacati – Governo, le parole di Annamaria Furlan (CISL)

I leader di Cgil, Cisl e Uil hanno appena rilasciato alcune dichiarazioni su pensioni e quota 100 dopo il primo incontro con il Governo (rappresentato da Claudio Durigon) che è stato definito “interlocutorio”.Furlan spiega: “Finalmente abbiamo avuto un tavolo di confronto con il Governo anche se limitato alla previdenza. Abbiamo chiesto al Governo di convocarci in tempi urgenti sui temi della crescita e dello sviluppo. I dati ci danno ragione: il paese sta andando indietro per mancanza di investimenti pubblici e per il rallentamento della produzione industriale. Abbiamo iniziato con questo tema e speriamo che non sia l’ultimo”.

Poi sulle pensioni entra nel dettaglio: “Abbiamo sottolineato gli emendamenti che per noi si devono realizzare già nel Decretone su quota 100: un anno di contributi per donne con figli, perché la maternità è un bene sociale da salvaguardare. Il tema di come rivalutare le pensioni a partire dal paniere e come riconoscere l’Ape sociale anche agli altri lavoratori che oggi non sono compresi, ma che svolgono lavori gravosi, per noi è assolutamente importante. E poi come saparare l’assistenza dalla previdenza. Sugli emendamenti di rincontreremo prima della fine di questo percorso, per capire se qualcosa è stato accolto oppure no. Durigon ha detto di condividere l’istituzione di una commissione di controllo per poter tragurdare la Legge Fornero. Quello di oggi è stato un incontro interlocutorio, siamo solo all’inizio di un percorso di riforma della previdenza”.

Pensioni anticipate ultime novità: le parole di Barbagallo (UIL) dopo l’incontro

“Quello di oggi – ha aggiunto il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo – è un primo passo sui problemi della previdenza rispetto alla piattaforma che abbiamo presentato al presidente del Consiglio. Adesso dobbiamo verificare se il Governo, nel modificare il provvedimento su quota 100, prenderà in considerazione le nostre proposte. Le commissioni, quella tecnico-scientifca sui lavori usuranti e quella sulla divisione tra assistenza e previdenza sono importanti“.

Pensioni ultim’ora quota 100: il video di Landini dopo incontro

Dalla pagina facebook della CGIL arriva il resoconto di quanto chiesto da Landini durante l’incontro. A seguire anche il video integrale con le dichiarazioni del Segretario Generale CIGIL:

“Si è appena concluso l’incontro Governo/Sindacati sulle pensioni. In conferenza stampa Maurizio Landini spiega le aperture del Governo alle richieste di Cgil Cisl e Uil: 1 – valutazione degli emendamenti dei sindacati su Quota 100: 2 – apertura di un tavolo per una riforma complessiva della Formero-Monti. Ma per Cgil Cisl e Uil resta fondamentale che il Governo, dopo la manifestazione del 9 febbraio, avvii una serie di incontri su tutte le richieste del mondo del lavoro a partire da:

  • esodati
  • assunzioni nella PA perché dopo Quota100 che favorirà i pensionamenti soprattutto nel pubblico, si devono continuare a garantire i servizi ai cittadini
  • i temi della piattaforma unitaria cone investimenti, fisco, salari, ammortizzatori sociali.

Landini ha poi detto: ” Il Governo ha poi accettato di avviare una discussione su tutta la riforma pensionistica. Anche sugli esodati c’è la necessità di trovare una soluzione per quelli rimasti. Inoltre, dato che, come ci hanno detto, un numero consistente di quota 100 si trovano nel Pubblico impiego, il Governo valuterà insieme agli altri ministeri competenti, un incontro sul tema dello sblocco delle assuzioni.

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

11 pensieri riguardo “Pensioni anticipate quota 100 ultim’ora: resoconto su incontro Governo-Sindacati

  • Avatar
    26 Febbraio 2019 in 18:48
    Permalink

    Maternità bene sociale… Sicuri? Per la società o per chi desideri altre persone da avviare ad un qualcosa che, posso sbagliare, ma mi sembra somigliare molto più, per lo meno nella attuale contingenza, alla “schiavitù” che al lavoro?
    Maternità per mettere al mondo altre persone che non hanno un lavoro a tempo indeterminato, non tutelate dai diritti che aveva la nostra generazione, destinate a cambiare posto di lavoro e in balia dei datori di lavoro sottopagato ed in nero? Una generazione che non HA PIU’ LA NORMALITA’ CHE AVEVA LA NOSTRA E CHE, ANZI, LE VIENE ADDITATA COME “PRIVILEGIO”?
    FARE FIGLI IN UNA SOCIETA’ CHE CHIAMA “PRIVILEGIO” LA “NORMALITA'”?
    IO CI PENSEREI BENE PRIMA DI AZZARDARE certe FRASI…
    Prima la normalità’ torni e, poi, se ne riparla, di maternità! Per quanto mi riguarda…

    Rispondi
  • Avatar
    26 Febbraio 2019 in 14:16
    Permalink

    Vorrei invitare i sindacalisti dall’astenersi da qualsiasi iniziativa e non mettere becco sulla “quota 100”. Hanno già fatto fin troppi danni piegandosi inermi alla iniqua legge Fornero. Adesso è molto meglio che se ne stiano zitti!

    Rispondi
    • Avatar
      27 Febbraio 2019 in 12:46
      Permalink

      Come “piegandosi inermi”, Salvatore?:
      Di fronte al massacro sociale inimmaginabile e mai visto, e neanche possibile da immaginare se non fosse realmente accaduto, votato con la fiducia in Parlamento nel 2011 in tema di pensioni, IL SINDACATO HA INDETTO UN TERRIFICANTE SCIOPERO DI TRE, BEN TRE, RIPETO “TRE”, ORE!
      NO ULTERIORE COMMENT!

      Rispondi
  • Avatar
    26 Febbraio 2019 in 13:38
    Permalink

    Alla rappresentante sindacalista Furlan vorrei dire che prima di presentare qualsiasi emendamento a favore di noi donne valutassero bene le varie opzioni altrimenti rischiano di escludere tante donne da questi ” eventuali benefici “. Se è vero quello che leggo e cioè che si intende proporre…un anno di contributi per donne con figli perché la maternità è un bene sociale da salvaguardare…non è molto chiaro cosa intendano. Un anno simbolico a prescindere dal numero dei figli? un anno da decurtare ai 38 richiesti? e chi come me ha già quasi 40 anni di contributi, 60 anni di età e tra l’altro ben 4 figli? io rimarrei esclusa da questo beneficio. Perché gli anni li ho già superati da un pezzo. L’emendamento che voleva proporre la Lega e poi non è più stato presentato, insieme ad altri ovviamente, quello si mi avrebbe aiutato perché si parlava di un anno da calcolare sull’età e non sui contributi. Quindi io certo non dico che voglio essere aiutata ne tanto meno pretendo nulla visto che i miei annetti li ho già maturati, però vorrei che gli aiuti proposti siano per tutti o tutte senza esclusioni visto che fra l’altro si parla pure di maternità come bene sociale da salvaguardare.

    Rispondi
    • Avatar
      26 Febbraio 2019 in 18:30
      Permalink

      Conviene fare 42 figli, così, appena inizi a lavorare, vai già in pensione perché ti decurtano 42 anni; un paradosso per far capire che questa, eventualmente, sarebbe “ASSISTENZA” E NON PREVIDENZA E CHE NON LA SI PUO’ FAR PAGARE AGLI ALTRI LAVORATORI MA, SEMMAI, ALLA INTERA FISCALITA’ GENERALE, COME NEGLI ALTRI PAESI, QUELLI DOVE LE IMPOSTE LE PAGANO TUTTI E NON SOLO ALCUNI, DI CERTO I LAVORATORI; FORSE, INVECE DI “METTERE TOPPE” QUA’ E LA’ PER DARE UNA PARVENZA DI DECENZA AD UNA ETA’ PENSIONABILE IMPROPONIBILE, SOPRATTUTTO PER CHI, COME GLI ITALIANI, ALLA, EVENTUALE, PENSIONE DEVOLVE IL 33% DELLO STIPENDIO, BASTEREBBE SEMPLICEMENTE PRENDERE ATTO DELLA REALTA’ CHE LA PENSIONE “NON DEVE ESSERE UN QUALCOSA DA DARE SOLO QUANDO NON TI REGGI PIU’ IN PIEDI”, O PER I FIGLI FATTI, O PER IL TIPO DI LAVORO FISICAMENTE MASSACRANTE ED USURANTE (AMMESSO CHE CI SIA CHI DETIENE LA CAPACITA’ DI STABILIRE QUALE SIA IL LAVORO PIU’ USURANTE). LA PENSIONE, COME ERA PRIMA, DEVE ESSERE DATA “QUANDO SI E’ ANCORA IN GRADO DI VIVERE” E PER VIVERE ANNI DI RIPOSO E DIVERTIMENTO, PER REALIZZARE I PROGETTI FATTI QUANDO, PER L’APPUNTO PERCHE’ SI LAVORAVA , NON SI POTEVANO REALIZZARE! PROGETTI CHE NON PUOI REALIZZARE DA MORIBONDO PER ETA’ AVANZATA!
      LANDINI, PER IL BENE CHE TI VOGLIO, SINDACATI VARI, USCITE DALLA LOGICA DEI PADRONI CHE VORREBBERO LA PENSIONE SOLO QUANDO NON C’E’ PIU’ NIENTE DA SPREMERE E, DI FATTO, COME PER GLI USURANTI O COME PER CHI ABBIA DOVUTO LAVORARE E CURARE I FIGLI, O COME PER CHI SI RITROVI CON UNA MALATTIA GRAVE; USCITE DALLA LOGICA DEL MANDARE IN PENSIONE CHI ALTRIMENTI MORIREBBE SUL POSTO DI LAVORO!
      ENTRATE NELLA LOGICA DI INIZIARE A FAR PAGARE I 110 MILIARDI ANNUI DI EVASIONE FISCALE A CHI SE LA RIDE NEI PARADISI FISCALI MENTRE ALTRI CREPANO SUL, O, APPENA DOPO, IL LAVORO!
      LA PENSIONE, IN UN PAESE CIVILE, DEVE ESSERE UGUALE PER TUTTI E PER ESSERE GODUTA!
      FUORI DALLA LOGICA DEI PADRONI, O, MEGLIO, DI BRUXELLES PADRONA (PERCHE’ NEANCHE I PADRONI DESIDERANO DIPENDENTI POCO PRODUTTIVI PERCHE’ ORMAI RIDOTTI ” A ZOMBIES”, PERCHE’ PER L’ETA’, NON SI REGGONO PIU’ IN PIEDI); CARI SINDACATI, ENTRATE NELLA LOGICA DEI LAVORATORI”!, DEL LORO BENESSERE E NON DEL LORO “MENO PEGGIO POSSIBILE”.
      GRAZIE E… SALUTI COMUNISTI!… ANZI, COMUNISTI SOVRANISTI!

      Rispondi
      • Avatar
        26 Febbraio 2019 in 18:37
        Permalink

        Oppure, la si smetta, SE NON SI VUOLE EROGARE UNA PENSIONE IN ETA’ DECENTE, di rendere OBBLIGATORIE LE TRATTENUTE PER LA PREVIDENZA: “NO PENSIONE, NO CONTRIBUTI”!
        IN QUESTO CASO LAVOREREMO FINCHE’ CAMPIAMO – TANTO PIU’ O MENO, ORMAI, COSI’ E’, DI FATTO – E I SOLDI, NON PIU’ TRATTENUTI SULLO STIPENDIO, CE LI GODIAMO NOI; E NON “ALTRI”!

        Rispondi
  • Avatar
    25 Febbraio 2019 in 19:20
    Permalink

    LEGGO:”… un anno di contributi per donne con figli, perché la maternità è un bene sociale da salvaguardare…” E, POI, LEGGO: …” separare l’assistenza dalla previdenza …”.
    SONO D’ACCORDO SULLA SECONDA COSA, MA LA TROVO INCOERENTE CON L’ANNO DI CONTRIBUTI, FIGURATIVO, PER DONNE CON FIGLI, IN QUANTO, PER QUEST’ULTIMO, SI TRATTA, PER L’APPUNTO, DI, PUR GIUSTA, ” ASSISTENZA”, CHE ANDREBBE SEPARATA DALLA PREVIDENZA E FATTA PAGARE, COME NEGLI ALTRI PAESI, ALLA FISCALITA’ GENERALE E NON COI SOLDI TAGLIATI DALLE PENSIONI ALTRUI, COME TEMO POTREBBE ACCADERE E COME, SALVO ERRORI, TUTT’ORA ACCADE! SEMMAI PAGHIAMO L’ASSISTENZA COI 110 MILIARDI ANNUI DI EVASIONE FISCALE CHE, SE MAI SI INIZIA A FAR, PAGARE, MAI SI INIZIERA’ A PERCEPIRLI; SALVO POI DICHIARARE: “CI SIAMO TROVATI A DOVER FRONTEGGIARE UN’EMERGENZA, L’EURO CE LO CHIEDE, NON AVREMMO POTUTO PAGARE PENSIONI E STIPENDI…”. E NENIA VARIA.

    Rispondi
  • Avatar
    25 Febbraio 2019 in 16:13
    Permalink

    ALTRO CHE OPZIONE DONNA , QUOTA 100 E REDDITO DI CITTADINANZA PER VARARE QUESTE LEGGI INIQUE I DUE CIALTRONI ADESSO CI APPIOPPERANNO L’AUMENTO DELL’IVA E UNA PATRIMONIALE CHE ANDRA’ A COLPIRE SEMPRE GLI STESSI CHE PAGANO SEMPRE LE TASSE ONESTAMENTE FINO ALL’ULTIMO CENTESIMO. IL TUTTO PER AGEVOLARE GENTE CHE HA LAVORATO MENO E MOLTI FURBETTI . IO INTANTO CON 42 ANNI E 7 MESI DI VERSAMENTI MI DEVO CUCCARE LA 43ESIMA ESTATE A 40/45 G° . VIVA L’ITALIA

    Rispondi
  • Avatar
    25 Febbraio 2019 in 15:44
    Permalink

    Buon giorno,
    noto con grande rammarico che Vi siete dimenticati dei” PRECOCI”.
    Ci risiamo credo cari colleghi che si debba scendere tutti in piazza e far valere una volta per tutti i nostri diritti, questo ad oltranza fino ad obbiettivo raggiunto.
    Costoro non sanno neppure cosa vuol dire aver sacrificato la propria vita per questo paese…
    Io credo con molta modestia dobbiamo scendere a Roma e restarci fino a quando non ci liquidano la nostra strameritata pensione, pagata con mare di denaro in aggiunta a sudore e sangue..
    Non credo ci sia altra possibilità, come vedete anche i sindacati paralano e noi paghiamo tutto…e tutti compresi loro..
    In merito al gruppo presente sui social, questi colleghi stanno elemosinando da un governo all’altro un nostro preciso diritto.
    Senza raggiungere nessun risultato, sono ormai passati oltre 4/5 anni e siamo ancora qui. fermi al punto di partenza,
    Abbiate pazienza ma ci prendono per il culo, non che essere così.
    Per cui organizziamoci e andiamo tutti e ripeto tutti a Roma ad esigere ciò che abbiamo pagato.
    Qui ci fottono da sempre ora con: 10 miliardi da dare nullafacenti, poltronisti specializzati in lavoro nero e per non far mancare nulla a nessuno, mandando in pensione persone con quasi 3/5 anni in meno. DISUGUAGLIANZA DI TRATTAMENTO art, 2.3 Costituzione Italiana.
    Che in soldoni almeno per il sottoscritto si quantifica in circa 60/70 mila euro. Mica noccioline!!.

    Credo che sia giunto il momento e Voi che ne pensate??

    Ecco cosa scrivevo mesi fa, senza alcuna risposta ovviamente, il tutto recapitato via PEC.
    E questo sarebbe il governo del cambiamento???
    Cambiamento di cosa??? avrei piacere di una risposta??
    I barconi si sono fermati…ok, ma ricordiamoci che abbiamo a busta paga circa 700.000 persona da rimpatriare..Circa cinque miliardi.
    Per cui di cosa parlate.. cari giallo/verdi?
    La solita ormai esaurita aria fritta.

    Preg.mi Ministri
    Di Maio e Salvini

    Oggetto: Rispetto del Contratto di Governo. Lettera aperta di un PRECOCE.

    Buon giorno Ministri DiMaio e Salvini,
    personalmente non sono più disponibile nel concedere nulla nel modo più assoluto, abbiamo pagato (circa 500.000 precoci a fronte di 41 anni di versamenti, sudati centesimo per centesimo) e tuttora stiamo pagando un mare di soldi, che vengono depredati quotidianamente da persone senza alcuna dignità.
    Affermo questo con molta amarezza, non essendoci più nessuno o parti,con cui dialogare e dai cui far esigere il rispetto dei nostri diritti possiamo definire questo stato “ totale oblio” e Vi assicuro che non è il titolo di un film.

    Infatti:
    Voi politici sventolate la bandiera con probabili, false promesse e poi quando è ora di rispettarle, fate apparire come per incanto, la consueta scusa, che è sempre la stessa, da oltre 60 anni” Non ci sono fondi, mancano le coperture”!-
    I sindacati ormai, sono totalmente politicizzati, si dedicano esclusivamente ai tavoli, ma da questi tavoli non esce più nulla di concreto e di efficace, questo
    ormai da decenni, a parte il loro banchettare in modo gaudioso con le varie controparti di turno.
    I cittadini che gridano al’ abuso e poi quando è ora di metterci la faccia non si vede più nessuno. Ricorderete i “FORCONI”??..

    Credo con molta umiltà e modestia che non ci resti che fare da soli, probabilmente servirà a poco, ma qualcosa deve essere fatto, questo nel rispetto della dignità di coloro che la posseggono.
    Ci vuole veramente molto poco per capire come vanno le cose, non ci vuole nessun tipo di master in economia, basta una grande dose di buon senso e di rispetto per le leggi.
    Ora Voi Signori che siete comodamente seduti in poltrona, percependo circa 17.000 euro come stipendio, state affermando da settimane cose, che risultano essere, tutto e il contrario di tutto, compreso il DEF che le riassume tutte, unica nota non stonata in mezzo a questo mare di parole è il 2.4 di debito in più.
    Non ci vuole una grande maestria, sono soluzioni pagate con il sangue altrui, il sangue dei contribuenti sono soluzioni che potrebbe adottare tranquillamente anche un bimbo di 6 anni.
    Agendo in questo modo non potete pensare di essere credibili e questo fino a quando non ristabilirete il rispetto dei”diritti con i relativi doveri” per ogni singolo cittadino e per ogni singolo politico..
    Non potete pensare che le persone oneste (ormai poche) siamo tutte fumate, alle prese con lo smartphone e con i social, oppure a pensare al Suv di ultima generazione, intanto gli date la possibilità di pagarlo in 15 anni, nel frattempo i loro figli non hanno i quaderni per andare a scuola..

    Cari miei membri della casta, sappiamo benissimo, che in mezzo a tutta questa falsa realtà, Voi fate e disfate quello che volete….
    Alcuni dati veri e non taroccati:

    – 750.000 migranti clandestini e non, valgono circa 11.700.000.000 miliardi di euro che vanno nelle casse/tasche delle famose cooperative di gestione,
    – 500.000 baby pensionati: valgono circa 9 miliardi anno (alcuni possiamo dire in pensione già da oltre 40 anni, svolgendo 5 lavori in nero )
    – Falsi invalidi; circa 2 miliardi anno e poi guidano le autovetture;
    – Sommerso circa 1000 miliardi che non incasserete mai.
    E non illudeteVi di poterne percepirne anche solo una parte.

    Su questo passaggio vale la pena di spendere due parole;

    Ma secondo Voi cari Ministri, chi non ha mai pagato e che possiede, ville, auto da centinaia di migliaia di euro, svolgendo 10 lavori in nero, ebbene Voi credete seriamente, che questi signori si facciano portar via un tale manna?? Non credo proprio!!
    – Inpdap; per circa venti’ anni non hanno pagati i contributi ai dipendenti dello stato, costo stimato dell’evaso circa 20 miliardi. Da dove li hanno presi?
    ovviamente dal cassetto INPS!
    – Cassa integrati; alcune persone la percepiscono da oltre 15 anni svolgendo 15 lavori in nero, controlli? Nessuno;
    – Disoccupazione: accordi tra datori di lavoro e dipendenti per accedere alla naspi e chi paga? sempre l’Inps;
    – Le banche sono state salvate dalla sera alla mattina con un piccolo obolo di circa 10 miliardi;
    Dulcis in fundo il costo di Voi tutti definiti “La Casta”: 30 miliardi anno di cui circa 230 milioni sono dedicati al Quirinale. Non pensate che sia un vera e propria follia? E da qui che dovete iniziare a tagliare, diciamo almeno il 70%, allora inizierete ad essere credibili.
    – 60 miliardi bruciati in corruzione, mi domando dove finiscano;
    Troppo comodo e facile regalare denaro a pioggia di proprietà dei contribuenti per garantirVi un certo numero di voti. Questo sistema non funziona più o meglio non ha mai funzionato, tranne quello di portare il paese ad essere il secondo debito pubblico al mondo. E questo lo avete provocato Voi politici nel corso di questi decenni.

    Questi sono capitoli di spesa scellerata vanno eliminate, facendo questo vedrete che le coperture necessarie ci saranno, senza aggiungere debito al debito.
    I fondi ci sono basta andare ad esigerli, ristabilendo la legge, che dovrebbe essere “UGUALE PER TUTTI” ripeto dovrebbe!.
    Ormai per noi PRECOCI non esiste via di fuga, avendoci messi al’ angolo e continuando a picchiarci duro.
    Per il sottoscritto è suonata la campana della resa dei conti e non permetterò più a nessuno di giocare con la mia vita, spesa in lavoro, sudore, sangue e una montagna di denari versati. Questo varrà per tutti chiunque sia.

    Se non manterrete le promesse, ovviamente scritte nel Contratto di Governo al punto 17, io giungerò a Roma, anche da solo, con le mie PEC inviate a tutti compreso, il Presidente della Repubblica e vediamo se non rassegnate le Vostre dimissioni..
    Molti diranno che mi illudo, forse, ma intanto io arriverò presso di VOI ..Io ci sarò…
    Carissimi, adepti della Casta, nel concludere tengo a precisare che non voglio minacciare nessuno, ci mancherebbe, ma quanto affermo e scrivo e dettato dal profondo della mia coscienza di cittadino onesto e che mi impone di esigere il mio rispetto. Arrivederci a presto…

    Un Uomo, un Magistrato, un Eroe: brutalmente trucidato e di cui ancora oggi, essendo passati oltre 40 anni, attendiamo i colpevoli, ebbene questo straordinario Uomo diceva:

    “La politica e la mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d’accordo”
    Paolo Borsellino.

    Con viva cordialità,
    Luigi Napolitano

    Rispondi
    • Avatar
      26 Febbraio 2019 in 14:20
      Permalink

      ma come? Con 42 anni e 7 mesi di lavoro non hai ancora 62 anni? Non rientri nei precoci? Forse ti conviene fare l’APE volontaria, tanto ti mancherebbero pochi mesi… e ti eviti l’estate!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *