Pensioni anticipate, ultime Dl 4/2019 passa al Senato: la rabbia di precoci ed esodati

Il Dl 4/2019 passa al Senato, l’onorevole Tripiedi (MS5) si é detto su Facebook soddisfatto di quanto raggiunto dalle Commissioni riunite Lavoro e Affari Sociali alla Camera, passati alcuni emendamenti, ma per quanto riguarda le modifiche richieste dalle categorie più deboli, precoci, esodati, donne poco o nulla é stato fatto. Nei giorni scorsi vi abbiamo riportato gli ironici ringraziamenti delle donne al Governo, per mano di Orietta Armilito e Paola Viscovich, oggi vi riportiamo la rabbia dei grandi esclusi dalla riforma pensioni e dal Dl 4/2019: precoci ed esodati.

Di seguito vi riportiamo un post che Maurizio D’Onofrio ha pubblicato sul gruppo dei precoci a seguito della dipartita di una precoce morta a 60 anni per un brutto male, Patrizia, questo il nome della lavoratrice, era scesa in piazza per manifestare il proprio dissenso contro il Governo e per chiedere la quota 41 per tutti. La rabbia dell’amministratore del gruppo, mista alla tristezza per la scomparsa precoce di una compagna di lotta, é esplosa sui social, dando vita ad una pioggia di commenti di cordoglio, ma anche di condivisione per lo sfogo. Anche Gabriella Stojan, esodata esclusa dalle precedenti salvaguardie, ha condiviso il post di D’Onofrio facendo un chiaro appello al Governo.

Pensioni 2019, la rabbia dei precoci e il cordoglio per Patrizia

Così Maurizio D’Onofrio: “Gli amministratori TUTTI fanno le più sentite condoglianze alla famiglia di Pat. Sicuri che ci darai una mano anche da lassù ti facciamo sapere che la nostra battaglia la porteremo avanti e la vinceremo anche per te. Non ho parole per esprimere tutto il mio disappunto(RABBIA) verso quelli che hanno preferito rimanere seduti sul divano mentre i “soliti” 300 scendevano in piazza. Non ho parole per esprimere tutto il mio disappunto (RABBIA) verso quella classe politica che avrebbe dovuto tutelare chi ha contribuito a costruire questa Nazione.

Non ho parole per esprimere tutto il mio disappunto (RABBIA) verso il governo del cambiamento che aveva promesso di cancellare la legge Fornero e invece ha creato ulteriori disparità tra lavoratori.Non ho parole per esprimere tutto il mio disappunto (RABBIA) verso il Sindacato che ha permesso con la SUA ASSENZA che i lavoratori fossero trattati come carne da macello. Siamo stati TRUFFATI da quelli di prima….quelli che ci hanno “svenduto” e siamo stati TRUFFATI da chi aveva promesso di abolire, alla prima riunione dei Ministri la INFAME E VERGOGNOSA legge Fornero”.

Pensioni, precoci non sono Highlander

Poi ancora Maurizio commentando sotto un post di Matteo Salvini che presente in trasmissione a ‘Domenica In’ ha postato il video della diretta, scrivendo:Quando trovo questa accoglienza mi dico che qualcosa di buono per gli italiani ho fatto.GRAZIE!Avremo pure tutti contro, sempre di più, ma se ho il vostro affetto io vado avanti come un treno! INSIEME si può TUTTO!Vi voglio bene”, ha ribadito che per i quota 41 non é stato fatto nulla, beffeggiando anzi i precoci con una quota 100, ‘spacciata’ per abolizione della Fornero.

Così Maurizio: “Patrizia Cason, 60 anni appena compiuti, lavoratrice precoce, dopo aver lottato per Q41 a fianco del Comitato Lombardia, si è trovata a dover lottare con un male che in pochi mesi l’ha portata via dall’affetto dei suoi cari e dai suoi compagni di lotta. Questa donna, come tanti altri lavoratori precoci, NONOSTANTE 40 ANNI DI LAVORO NON ERA ANCORA ARRIVATA AL TRAGUARDO DELLA PENSIONE, perché i Governi tutti hanno condannato i lavoratori precoci all’ergastolo lavorativo, sordi a tutte le nostre richieste. Governi di sinistra prima ,e Governo del cambiamento adesso, NON HANNO TROVATO SOLUZIONI EQUE… Questi “luminari della previdenza” che ancora però non la dividono dall’assistenza, hanno promesso Q41, ne hanno fatto il loro slogan elettorale “ CANCELLIAMO LA FORNERO “ salvo poi, una volta ottenuta fiducia e voti, partorire un aborto di legge chiamata Q100.

Provvedimento che per i PRECOCI È INUTILE. Non si possono dividere le persone in cittadini di serie A e di serie B; persone che con 38 anni di contributi vanno a riposo ed altre che dopo averne lavorati 41 e più devono continuare perché ritenuti “giovani”. Ma quali giovani? Dopo 41 anni siamo logorati e stanchi e abbiamo diritto di andare in pensione!!DOVE SONO FINITI I SOLDI CHE AVEVATE DETTO ESSERCI PER NOI? “. Gabriella Stojan, esodata in attesa di salvaguardia da anni, ha subito condiviso il post del precoce scrivendo, per sensibilizzare il Governo, rispetto ad un’altra grave ingiustizia sociale, un post a favore degli esodati, eccovi le sue parole, cariche di amarezza.

Pensioni, Esodati: siamo vivi e non invisibili, non molleremo

Così La Stojan: “Condivido il post sulla scomparsa della lavoratrice precoce che è MORTA mentre lottava per riuscire a raggiungere la sua MERITATISSIMA PENSIONE. E’ questo che il governo spera che accada anche a noi 6.000 #ESODATI, visto che ci dà già adesso – da VIVI – per INESISTENTI. Ha fatto male, ma male, i conti!!! “

Nei gorni scorsi era stata l’amministratrice del comitato esodati licenziati e cessati, Elide Alboni, a fare una sintesi sul nulla di fatto per le categorie più deboli, eccovi il suo post del 16 marzo: ” 🔷ITER CONVERSIONE DEL DL N. 4 DEL 28/01/2019 (AS 1018) ORA C.1637 . Le Commissioni Lavoro e Affari sociali della Camera hanno chiuso stanotte l’esame degli emendamenti al decretone su reddito di cittadinanza e pensioni(Quota💯 , proroga Ape Social , e proroga Opzione Donna) e dato mandato al relatore per portare il provvedimento in aula lunedì mattina, nei tempi previsti. Il decreto dovrà poi tornare al Senato per la seconda lettura e per essere approvato in via definitiva entro il 29 marzo pv. NESSUN emendamento che andava nella direzione di

1) Sanare il calvario di 6000 Esodati
2) di attuare soluzione x i 41,
3) modificare i criteri di accesso alla misura dell’Opzione Donna
4) Nonché di diminuzione dei requisiti di accesso per Quota💯tramite riconoscimenti contributivi
, [ Orietta Armiliato scrive: “”come anche da noi richiesto”” ] , [ndr: ma questa per quanto appetibile e ventilata ai tavoli istituzionali come q93 o q92, #utilissime per tanti, era chiaro di impossibile realizzazione stante la quota ultima antefornero di q97.6 da troppi gia osservata e pagata ]. Nessuno accolto .Concludendo le fasce di lavoratori ed ex lavoratori in previgenza, le più disagiate restano con un ➡️NULLA DI FATTO⬅️ ⁉️”.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Erica Venditti

Erica Venditti
Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981,! Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista. Scopri di più

4 commenti su “Pensioni anticipate, ultime Dl 4/2019 passa al Senato: la rabbia di precoci ed esodati

    Avatar

    cosimo

    (19 Marzo 2019 - 14:45)

    Ma non li votate più questi infami

    Avatar

    MMZ

    (19 Marzo 2019 - 8:38)

    E’ vero, questa quota 100 presenta lacune anche vistose, ma se penso alla Legge Fornero che posticipava la pensione di oltre 3 anni nel silenzio assordante dei sindacati, mi viene il voltastomaco.

    Avatar

    Andrea

    (18 Marzo 2019 - 19:18)

    Lo avevo già detto qualche giorno FA ma lo ripeto IN CAMPAGNA ELETTORALE CI HANNO PRESO PER IL C… O CON LA LORO MAGLIETTA CON SCRITTO SOPRA :QUOTA 41 PER TUTTI :Pero si sono dimenticati di aggiungere alla scritta :È UN MIRAGGIO E PER I PRECOCI LO È ANCOR DI PIU

    Avatar

    Antonella

    (18 Marzo 2019 - 14:59)

    L’ENNESIMA PRESA PER I FONDELLI!!!
    Parole, parole, parole, e …..
    caramelle ma solo per coloro che hanno compiuto 62 anni, anche se hanno meno contributi di altri.
    Chi ha 41 anni di contributi dovrà aspettare………
    TUTTO QUESTO NON HA ALCUN SENSO
    VERGOGNATEVI!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *