Pensioni anticipate ultime notizie: Landini su quota 100, Damiano su Esodati

Le ultime novità di oggi 2 settembre sulle pensioni anticipata arrivano dalle parole rilasciate in queste ore da Maurizio Landini e da Cesare Damiano. Il sindacalista è tornato a parlare di quota 100 e si è augurato che il nuovo Governo cambi alcune politiche sul lavoro e sul fisco, mentre il rappresentate DEM ha rilanciato l’appello degli esodati per far si che la loro situazione possa finalmente giungere a conclusione.

Ultime Pensioni anticipate, Landini torna su quota 100

Il Segretario della CGIL ha parlato in un’intervista su quotidiano.net spiegando cosa si aspetta dal prossimo Governo: “Abbiamo bisogno di un governo, ma il giudizio lo daremo quando si confronterà con noi e dalla linea politica che adotterà. Certo, serve un esecutivo diverso, lo giudicheremo in base a questo: se cambia o no. Chiediamo investimenti per creare lavoro, una riforma fiscale vera, dentro questa legge di stabilità, che aumenti salari e pensioni riducendo la tassazione. Poi lotta all’evasione e rinnovo dei contratti con aumenti detassati. Bisogna spingere su innovazione, stato sociale, scuola e formazione: sulla base di questo giudicheremo. Poi va aperta una discussione seria con l’Europa: vanno cambiate le politiche sull’austerità e l’atteggiamento sull’immigrazione, non può continuare a essere un problema solo italiano”.

Landini entra poi nello specifico delle pensioni anticipate e alla domanda se vada cambiata Quota 100 risponde: “È un provvedimento che introduce discriminazioni per le donne: vanno tutelate, devono poter avere condizioni migliori per l’accesso alla pensione. Ci vuole una riforma strutturale. Quando si parla di pensioni non ci possono essere regole uguali per tutti. Chi fa lavori pesanti ed ha un’aspettativa di vita inferiore deve andare in pensione prima. Punto. Inoltre, serve flessibilità: chi arriva a 62 anni deve poter andare in pensione a prescindere da quanti contributi ha, ricevendo in base a quanto ha versato”.

Ultime notizie Pensioni oggi 2 settembre: Damiano su Esodati

Cesare Damiano in una nota stampa Adkronos è tornato sul problema degli esodati, lanciando un’appello a Conte: “Il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, tra le realtà sociali che intende giustamente ascoltare nei prossimi giorni, dimostrando un alto grado di sensibilità, farebbe un gesto importante se trovasse il modo di ascoltare anche le associazioni degli esodati e dei vincitori e idonei di concorso”. Poi conclude: “Si tratta di persone che attendono, da tempo, un po’ di giustizia, e che sono state, invece, anch’esse dimenticate”.

Sempre su questo tema, Luigi Metassi, amministratore del gruppo Comitato Esodati Licenziati e Cessati ha spiegato commentando un’articolo su quota 100: “Non entro nel merito di quota 100 perchè darei la stura ad una inutile querelle tra chi la sostiene avendo la possibilità di accedervi e chi invece non potrà mai accedervi. Osservo peró che le sollecitazioni a non ampliarla o prolungarla si susseguono,soprattutto per voce di titolati ed autorevoli organismi ed esponenti politici. Che tale misura possa non trovare ulteriore alimento o che possa venire ridimensionata, anche se non vi sono ancora certezze, è una eventualità da tenere in conto. Nel caso, presumo che altri strumenti, magari più efficaci e opportuni, potrebbero vedere la luce ma, per il momento e per quanto riguarda gli esodati, questo equivale ad una pietra tombale (in questo caso il termine è quanto mai adeguato) sulle astruse richieste di tutele senza limiti di tempo, articolate su fantasiosi e inadeguati rimaneggiamenti delle norme vigenti.

Ora più ancora di prima, si palesa la specificità del problema esodati, al quale non esiste altra soluzione che la salvaguardia riferita ad un transitorio contestualizzato in un arco temporale finito, commisurato all’esigenza di equità tra le categorie già considerate dalla VIII salvaguardia e coerente, anche se non identico, alla tradizione legislativa europea. In questo senso, mi auguro vivamente che prossimamente le istituzioni sapranno finalmente discernere i loro interlocutori ponendo così fine ai deprecabili balletti dilatori di questi ultimi infernali 14 mesi.
La soluzione è nota da anni. Non si tratta più di stabilire il “come” ma semplicemente il “quando“. “

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

6 pensieri riguardo “Pensioni anticipate ultime notizie: Landini su quota 100, Damiano su Esodati

  • Avatar
    3 Settembre 2019 in 16:04
    Permalink

    Quota 100 non si tocca lavoro dal 1977 ho pagato tantissimo x riscattare tuo quello che ho potuto compreso la laurea e quest’ raggiungo i requisiti pochi anni fa non riuscii⁷ad andare in pensione con opzione donna non è possibile che cambia il governo e vengono cancellate le leggi con un colpo di spugna

    Rispondi
  • Avatar
    3 Settembre 2019 in 11:49
    Permalink

    41 in fabbrica sono una logorazione alla mente e al fisico….da 35 passati a 40 poi 43…..tropppiiii

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2019 in 22:23
    Permalink

    Vediamo se Dimaio 5 stelle mantiene quello che aveva promesso sulle pensioni soprattutto su quota100 x tutti ,e la smettano di usare i soldi delle pensioni x chiudere i buchi del passato ,devono fare politiche x i giovani affinché possano lavorare e quindi pagare le pensioni a chi deve andare e x loro che dovranno andare ,i futuri governi la devono smettere di fare cassa con i soldi versati da chi lavora e versa i contributi x la propria pensione ogni volta che c’è da fare una finanziaria escono puntualmente sondaggio , La popolazione sta invecchiando ecc.ecc.credo che che chi ha versato 41 di marchette la propria pensione se le pagata

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2019 in 17:55
    Permalink

    Speriamo che si ricordino di quota 41 come sempre le Fasce di Persone più deboli sono sempre più esposte
    alle ingiustizie Con Forza Sempre 41 per tutti a Qualsiasi Età …..

    Buonasera

    Rispondi
  • Avatar
    2 Settembre 2019 in 15:04
    Permalink

    Basta parlare sulla questione delle pensioni le promesse NON sono state mantenute, la quota 41 non è più citata…….. VERGOGNATEVI siete TUTTI come la vecchia politica ORATE PER ME xchè per gli altri NON C’é NE. BUFFONI……………..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *