Pensioni anticipate 2018, ultime novità oggi 16 febbraio e avvio Ape volontaria

Le ultime novità sulle pensioni anticipate 2018 al 16 febbraio 2018 continuano a ruotare da un lato sulle mirabolanti promesse elettorali che vedono in corsa i partiti che si contendono la salita al Governo nelle prossime elezioni, e dall’altra l’avvio dell’ape volontaria.  Sulla prima questione è intervenuto Mario Monti che ha cercato di porre un freno, intervistato dalla Radiotelevisione svizzera, a quelli che ha definito  ‘fake programs’.  Sull’Ape volontaria sono invece intervenuti con precise dichiarazioni le maggiori sigle sindacali, vediamo i dettagli dei rispettivi interventi.

Pensioni anticipate 2018, Monti: stop ai fake programs

Negli ultimi anni i paesi europei, tra cui l’Italia, ha detto Monti in una recente intervista: “hanno fatto dei bei progressi nel mettere più in ordine le loro finanze pubbliche e la situazione nelle loro banche, e nell’aver compiuto le riforme strutturali”. Per quanto concerne l’Italia il riferimento di Monti è alla riforma delle pensioni e a quella del lavoro che sono state in questi anni importanti. Poi ha aggiunto, commentando criticamente i  programmi elettorali che affrontano la tematica previdenziale emersi negli ultimi mesi: “Tutte le forze politiche hanno presentato programmi che contengono una grande quantità di promesse con una grandissima implicazione di appesantimento del bilancio pubblico e con pochissima attenzione alle forme di copertura. Questi anni sono stati dappertutto anni di fake news. È abbastanza normale che uscendo da un periodo di fake news si producano anche dei fake programs” In conclusione, ha detto sicuro,  ci sarà comunque l’Europa a impedire che l’Italia parta verso la stratosfera del disavanzo e del debito.

Pensioni anticipate 2018, ape volontaria: cosa ne pensano i sindacati?

L’avvio dell’ape volontaria sta incuriosendo molti lavoratori che attraverso il simulatore online offerto dall’Inps stanno cercando di comprendere quale sarebbe il rateo da pagare in pase alla propria pensione lorda ed in base agli anni di anticipo pensionistico richiesti. Tito Boeri ritiene lo strumento messo a disposizione dei cittadini estremamente importante, dal momento che ritiene sia fondamentale che le persone che guardino all’ape volontaria e pensino di utilizzarla “siano perfettamente consapevoli e facciano una scelta consapevole”.

L’Ape volontaria è stato accolta favorevolmente dalla Cisl , Ignazio Ganga, la ritiene un’opportunità importante per i lavoratori in aggiunta all’ Ape social e alla Rita. Ma ritiene altresì che la flessibilità nell’accesso alla pensione non possa ridursi ad un ’prestito’ seppure agevolato come l’Ape volontario, ma, a fronte dei vincoli della finanza pubblica, “debba diventare strutturale al fine  di colmare un indubbio vuoto che il legislatore del 2011 aveva generato con un’impostazione normativa oltremodo rigida di accesso alla pensione”. Di parere contrario la Cigl , Susanna Camusso ritiene invece che l’Ape volontaria sia uno strumento che “ributta sulle persone quello che non si è voluto fare in termini di flessibilizzazione del sistema previdenziale” . Neutro il parere della Uil, Barbagallo, si è limitato a dire “l’Ape volontaria è stata una scelta del Governo e saranno i lavoratori a valutare liberamente se utilizzarla o meno”.  Quel che conta, invece, è sottolineare invece quanto sin qui ottenuto: ossia l’aumento delle categorie, da 11 a 15, dei mestieri gravosi che potranno accedere ad ape sociale e quota 41. Nella prossima legislatura, ha poi precisato Barbagallo, chiederemo che si avvii la terza fase sulla previdenza affinché si torni ad affrontare:

  • il tema della flessibilità per tutti a 63 anni e
  • si eliminino quelle assurde disparità di genere che ancora oggi penalizzano le donne,
  • si valorizzi il lavoro di cura e
  • si dia un maggiori peso a quelle che saranno le future pensioni dei giovani

E voi cosa ne pensate dell’Ape volontaria, era lo strumento che mancava per permettere una maggiore flessibilità nell’uscita anticipata?

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

15 pensieri riguardo “Pensioni anticipate 2018, ultime novità oggi 16 febbraio e avvio Ape volontaria

  • Avatar
    28 Febbraio 2018 in 16:12
    Permalink

    perché il ape volontaria non è per chi ha bisogno ,ma per dare garanzie alle banca malgrado non anticipano niente?

    Rispondi
  • Avatar
    28 Febbraio 2018 in 16:09
    Permalink

    Sono ex commerciante nato 10/10/1953 ho il requisiti per chiedere il ape volontaria 2017 MA,
    con contributi di 20 anni è 8 mese come commerciante mi dicono che ho versato il minimo quindi manca il requisti per la rata sono sotto il 704.00 euro, sono disoccupato dal 2013 cosa posso fare ?

    Rispondi
    • Erica Venditti
      28 Febbraio 2018 in 18:02
      Permalink

      Purtroppo non può accedervi perché come ha detto lei non ha i requisiti economici per l’ape volontaria. Mentre per l’ape sociale ok l’età perché ha più di 63 anni, ma occorrerebbero 30 anni di contributi. Non vedo molte soluzioni, purtroppo le toccherà attendere i 67 anni d’età.

      Rispondi
  • Avatar
    27 Febbraio 2018 in 17:15
    Permalink

    Buongiorno Signora
    Ho appena compiuto 63 anni e ho compilato la domanda online sul sito dell’INPS per verificare i requisiti per l’accesso all’APE.
    Lavoro nella pubblica amministrazione e, al 31/12/2017 avrei maturato 41 anni, 1 mese e 12 giorni di contributi comprensivi del servizio militare e di tre o quattro mesi lavorati nella scuola per i quali ho chiesto i certificati di servizio al fine della ricongiunzione.
    Avrei qualche domanda da porre e confido nella Sua risposta:
    1. L’anticipazione della pensione è calcolata in base al tempo mancante per maturare il diritto per la pensione di vecchiaia o a quello per l’anzianità? Nel primo caso mancherebbero 3 anni e 7 mesi, nel secondo meno di due anni
    2. Il TFS (incostituzionalmente differito per i dipendenti pubblici) verrebbe erogato dopo 24 mesi dal collocamento a riposo o dopo 24 mesi dal compimento dei 67 anni?
    La ringrazio e saluto cordialmente

    Rispondi
    • Erica Venditti
      8 Marzo 2018 in 10:13
      Permalink

      Giuseppe scusi per il ritardo nella risposta, mi era sfuggita la sua domanda: Per quanto riguarda il punto 1) l’anticipazione ape volontaria e/o ape social sono calcolati sull’età anagrafica, dunque le mancherebbero 3 anni e 7 mesi, il rateo, nel caso della volontaria, andrebbe calcolato su questo. Credo, ma le conviene chiedere al Caf di competenza che la seguirà, 24 mesi dopo il collocamento a riposo, ma non ne sono certa.

      Rispondi
  • Avatar
    20 Febbraio 2018 in 18:08
    Permalink

    Non capisco per quale ragione chi ha un mutuo per la prima casa non possa avere l’APE.
    Solo perchè è un dato certo verificabile dalla banca…e se invece di avere casa di proprietà avessi un fitto da pagare con un privato cittadino di importo ben più alto.?? In quel caso la banca non avendo elementi di confronto approverebbe la domanda..!!!
    Mi sembra che qualcosa non quadra..occorre che i preposti verifichino tale incongruenza..!!!

    Rispondi
    • Erica Venditti
      20 Febbraio 2018 in 23:45
      Permalink

      Angelo pervenuta la pensione?

      Rispondi
  • Avatar
    19 Febbraio 2018 in 9:13
    Permalink

    Arretrati DAL 1/5/2017 , non presentando la domanda entro il 18 Aprile si perde il beneficio ? RICORDO CHE L’iNPS PRENDE 60 GIORNI DI TEMPO PER RICONOSCERE IL REQUISITO , I TEMPI SOSTANZIALMENTE SI RIDUCONO A POCHISSIMI GIORNI . 5/7 . ACCETTATO

    Rispondi
  • Avatar
    16 Febbraio 2018 in 17:20
    Permalink

    L’ape volontaria è molto utile per chi è disoccupato e non ha possibilitá di lavoro, quanto costa costa! Oppure fare la fame. Non capisco invece chi ha un lavoro.
    Legge comunque che non prevede nessuna solidarietá per disoccupati che nonostante l’etá non ne possono usufruire.

    Rispondi
  • Avatar
    16 Febbraio 2018 in 16:27
    Permalink

    ho provato il simulatore INPS (ape volontaria) pur avendo i requisiti mi viene respinta perchè ho il mutuo prima casa , mentre se simulo
    un debito dello stesso importo con l’erario mi viene concesso,come si può spiegare ? è un errore del simulatore?
    concludo il mio commento chiedendo ma se la rata alle banche viene pagata direttamente dall’INPS se ho il mutuo pregresso a loro cosa inficia? Cordiali Saluti

    Rispondi
    • Erica Venditti
      16 Febbraio 2018 in 21:29
      Permalink

      Non credevo un altro mutuo inficiasse…ma trattandosi di un prestito potrebbe anche essere. Comunqie proverò il simulatore nei.prossimi giormi e le farò sapere. Saluti

      Rispondi
      • Avatar
        20 Febbraio 2018 in 18:11
        Permalink

        Lo stesso è capitato a me.
        Ma penso, se invece di avere un mutuo per la casa di mia proprietà in cui abito dovessi pagare un fitto di importo simile per una casa di proprietà si un terzo…??? in quel caso la domanda verrebbe approvata..!!!
        Occorre che i preposti verifichino tale incongruenza.

        Rispondi
  • Avatar
    16 Febbraio 2018 in 15:54
    Permalink

    Lotta dura all’evasione fiscale , e alla corruzione, solo così si potrà abolire la lg pensionistica Fornero-monti!!!

    Rispondi
    • Avatar
      16 Febbraio 2018 in 20:08
      Permalink

      caro Riccardo se le cose stanno come dici tu il “capolavoro” Monti-Fornero farà impunemente morti e feriti per decenni.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *