Pensioni anticipate ultime novità oggi 23 gennaio: Fornero su quota 100

Le ultime novità sulle pensioni di oggi 23 gennaio arrivano con le dichiarazioni dei protagonisti della puntata di DiMartedì in onda su La7. Durante la trasmissione televisiva condotta da Giovanni Floris, si è parlato di quota 100 e degli altri interventi di pensioni anticipate, con l’intervento di Paolo Gentiloni e Carlo Cottarelli prima, e di Elsa Fornero poi.

Ultime notizie Pensioni anticipate oggi 23 gennaio 2019: parlano Gentiloni e Cottarelli

Intervenuto durante la trasmissione di La 7, l’ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha parlato anche della quota 100 approvata pochi giorni fa dal consiglio dei ministri. A proposito di questo è rimasto piuttosto dubbioso spiegando che “Penso che sarebbe stato giusto individuare alcune categorie, come gli esodati, alcuni lavori usuranti e simili. Promettere la pensione anticipata, per un anno, è molto pericoloso. Fa parte di una costosa campagna elettorale. Mi chiedo quando questo governo finirà di fare campagna e quanto ci costerà il tutto.”

Sull’argomento e soprattutto sui costi è intervenuto Cottarelli che spiega che ” L’Italia rimane fragile a sviluppi esterni. Necessarie riforme che portino a crescita, ci va bene se raggiungiamo lo 0,6 per cento, non penso che si arrivi all’1 per cento. Finché cresciamo evitiamo rischi peggiori”.

Poi sui costi di quota 100 e di quanto si è già speso causa spread spiega: “Il deficit sale al 3,3%, per i prossimi anni anche se lo spread scende saranno circa una ventina di miliardi la maggiore spesa di interessi. Non sono numeretti, se c’è una crisi perchè il debito pubblico non scende, chi ci andrà di mezzo sono le persone, e quelli che saranno disoccupati. Con le riforme dobbiamo risolvere i problemi dei poveri attualmente, ma dobbiamo anche evitare di creare nuovi poveri”.

Pensioni anticipate ultime news oggi 23 gennaio: Parla Elsa Fornero

Come spesso accade a DiMartedì, Elsa Fornero è intervenuta in collegamento video per parlare di pensioni anticipate e della nuova quota 100. L’ex Ministro del Lavoro ha spiegato subito che non si stupisce per le parole di Salvini (“Dedico quota 100 alla Fornero e a Monti) e risponde: “La dedica di Quota 100 non mi sorprende, lui è abituato a questi colpi di scena teatrali. Io in silenzio ho dedicato la mia riforma ai suoi figli e a tutte le nuove generazioni, quelle che non votano ancora, generazioni alle quali Salvini pensa molto poco”.

Poi l’ex Ministro dibatte con il sottosegretario Stefano Buffagni che ha disegnato questa manovra (come vedrete nel video sottostante) e si chiede: “Capisco la sofferenza e il dispiacere di chi deve lavorare di più, ma non domandarsi chi è che paga questo anticipo pensionistico è irresponsabile. Il male lo state facendo alle nuove generazioni”.

Anche Ilaria D’Amico interviene a difesa della Fornero e su Quota100: “Pone dei limiti e dei rimedi alla legge Fornero ma non bisogna dimenticare il perché fu introdotta quella legge, aveva dei problemi ma era un periodo storico particolare. Quota 100 pone dei rimedi ma non so se sia la soluzione definitiva”.

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

4 pensieri riguardo “Pensioni anticipate ultime novità oggi 23 gennaio: Fornero su quota 100

  • Avatar
    23 Gennaio 2019 in 14:40
    Permalink

    Leggo che il Ministro della Funzione Pubblica Bongiorno ha dichiarato: “… con Quota 100 noi diamo subito al dipendente che va in pensione, quotista o meno, 30 mila euro nette del suo Tfr-Tfs”.
    LA MINISTRO HA DIMENTICATO CHE IL TFR/TFS E’ COSTITUITO DA SOLDI TRATTENUTI OGNI MESE AL LAVORATORE E “ACCANTONATI” PER ESSERE “RESTITUITI” AL GIORNO DEL PENSIONAMENTO (O LICENZIAMENTO)?: “TUTTI” E “SUBITO” E “SENZA SE E SENZA MA”! SONO SOLDI DEL LAVORATORE! QUINDI PERCHE’ LA MINISTRO VUOLE RESTITUIRE SOLO 30.000 EURO INVECE CHE, COME PROMESSO DA ESPONENTI DEL SUO GOVERNO, TUTTI, SUBITO E SENZA SE E SENZA MA, QUANTI DI SPETTANZA DATO CHE, PERALTRO, ESPONENTI DEL SUO GOVERNO AVEVANO PROMESSO DI ABOLIRE LA LEGGE FORNERO CHE, PER L’APPUNTO, AVEVA “SEQUESTRATO” TEMPORANEAMENTE, DAL 2011, PER ANNI TALE DIRITTO AI “PROPRI SOLDI SUBITO E TUTTI” DEL LAVORATORE?
    ATTENDIAMO LA SENTENZA CHE A BREVE DOVREBBE VENIRE, IN MERITO, DA PARTE DELLA CONSULTA!

    Rispondi
  • Avatar
    23 Gennaio 2019 in 14:01
    Permalink

    IO DOVREI ANDARE IN PENSIONE IL PRIMO GIUGNO CON 42 ANNI E 10 MESI ,MA DOVREI DARE UN PREAVVISO DI 6 MESI MESI QUINDI SAREI GIA’ IN RITARDO . MA LORO SE LA SOhttps://www.pensionipertutti.it/wp-content/uploads/2019/01/quando-domanda-pensione.jpgNO PRESA COMODA VISTO CHE PER BLOCCARE L’ADV CI HANNO MESSO 7 MESI , HANNO AVUTO OLTRE 200 GIORNI DI TEMPO PER FARLO E CONGELARE I 5 MESI DI AUMENTO LO POTEVANO FARE SU UN PERCORSO AL DI FUORI DELLA QUOTA 100 . ORA INVECE SIAMO QUI AD ASPETTARE E NON SAPPPIAMO NEMMENO COME FUNZIONERANNO ESATTAMENTE LE FINESTRE ( se io decido di andare a settembre con 43 anni e 1 mese ,la mia pensione parte da settembre o parte da dicembre? ) . IN SOSTANZA VOGLIO CAPIRE SE DURANTE LA FINESTRA IO POSSO ANCORA LAVORARE O SE LA FINESTRA PARTE DAL GIORNO IN CUI SMETTO , IN PRATICA PERDEREI 3 MESI DI STIPENDIO O PENSIONE .

    Rispondi
  • Avatar
    23 Gennaio 2019 in 13:05
    Permalink

    Hanno fatto ape social i signori di prima inserendo lavori gravosi o meglio quelli agricoli,io classe1953 anche con oltre 35 anni di contributi non mi è stata accettata la domanda per i paletti che i furbi anno messo cioè siccome ero e sono disoccupata ma ne gli ultimi tre anni non arrivavo a 186 settimane mi è stata respinta.Ma vorrei sapere quante persone nel settore agricolo riescono ad avere contratti a tempo indeterminato io massimo 105 giornate anno.Per cui fate voi i conti che con la legge fornero con l’allungamento fino a 67 anni e prima 60 quanto o perso di reddito e senza lavoro a tuttoggi.Certamente anche i miei figli si ricorderanno per tutta la vita quello che mi è stato tolto per il bene della famiglia dopo aver lavorato una vita.

    Rispondi
  • Avatar
    23 Gennaio 2019 in 10:14
    Permalink

    Hanno fatto quota 100 con tutti i paletti ,tolto ADV alle anticipate e tutti contro……..vogliono fare venire il senso di colpa ai lavoratori…..sempre con sta fornero che ha fatto una riforma spietata e crudele……mai uno che dicesse i regali acquisiti con le retributive …….con le baby pensioni Troppa gente avida non si riesce neppure ad avere una piccolo contributo sulle vecchie pensioni d’oro……ma andassero a quel. Paese!!!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *