Pensioni anticipate ultime novità su quota 100 e precoci: ‘7 miliardi risparmiati’

Pensioni anticipate ultime novità su quota 100 e precoci: ‘7 miliardi risparmiati’

Le ultimissime novità sulle pensioni anticipate di oggi 22 ottobre arrivano dalle principali sigle sindacali, che tornano a puntare i fari sulla quota 100 e sui risparmi che essa porterà rispetto alle previsioni di spesa iniziale. Proprio questi risparmi per la CGIL dovrebbero esser utilizzati nei prossimi anni per la riforma delle pensioni. Le richieste principali delle sigle sindacali sono ancora una volta una flessibilità in uscita a 62 anni, più attenzione per le donne, per i precoci e usuranti e per gli esodati.

Ultime novità Pensioni anticipate oggi 22 ottobre: Ezio Cigna (CGIL) su precoci e quota 100

“Da quota 100 e dalle altre misure previdenziali contenute nel decreto 4/2019 verranno risparmiati ben sette miliardi di euro. Risorse importanti che dovranno essere necessariamente ridestinate al capitolo pensioni”. Questale parole della CGIL dopo aver letto la stima sui risparmi previdenziali elaborata dall’Osservatorio previdenza della Fondazione di Vittorio e della confederazione. Nel dettaglio, il responsabile previdenza della Cgil nazionale, Ezio Cigna spiega come le risorse verranno risparmiate nel corso dei tre anni, generando quasi 7 miliardi di euro:

“Un miliardo e 516 milioni nel 2019; 2 miliardi e 953 milioni nel 2020; 2 miliardi e 628 milioni nel 2021. Tale risparmio – sottolinea – sarà dovuto a un coinvolgimento del 35% della platea stimata dal precedente governo, solo 341.266 persone, anziché 973 mila”. Anche le misure ape sociale e per i lavoratori precoci, così come rilevato dall’analisi, raggiungono purtroppo poche persone. “In particolare – prosegue il dirigente sindacale –  dal 2017 ad oggi sono 51.732 le persone alle quali è stata riconosciuta l’ape sociale, solo il 45% del totale delle domande (114.302); 36.411 le pensioni dei cosiddetti  ‘precoci’ pari al 38% del totale delle domande (95.582). Sono i vincoli normativi previsti, in particolare per i lavoratori gravosi, a non permettere a molti soggetti, nonostante la gravosità del lavoro svolto, di accedere a tale strumento. È necessaria, quindi, una immediata rivisitazione e aggiornamento normativo”.

Pensioni anticipate ultime notizie: le proposte di CGIL Cisl e UIL con i risparmi

Un risparmio notevole rispetto alle stime fatte dal precedente Governo, ma come potrebbe esser utilizzato? I sindacati non hanno dubbi e rilanciano le loro proposte. Ecco cosa ha affermato il segretario confederale della Cgil Roberto Ghiselli : “Tenendo conto sia delle proposte contenute nella piattaforma di Cgil, Cisl e Uil, sia della disponibilità del governo a una riforma complessiva del sistema  chiediamo che venga realizzata una riforma previdenziale volta a garantire flessibilità in uscita per tutti dopo i 62 anni, con interventi che tengano conto della condizione delle donne, dei lavoratori discontinui e precoci, dei lavoratori gravosi e usuranti, del lavoro di cura, e degli esodati. Chiediamo infine – conclude – che venga introdotta una pensione contributiva di garanzia per i più giovani”.

Annamaria Furlan, segretario generale della CISL ricorda poi a tutti che quota 100 non deve esser modificata, rispondendo a distanza a Renzi che ne ha chiesto l’abolizione nelle sue recenti interviste: “Se il confronto diventa una gara al peggio per un minuto di notorietà, alla continua ricerca di consensi e in una logica elettorale non si fa certo il bene del Paese. Prendiamo la sfida all’ok Corral lanciata da Renzi per abolire quota 100. Cambiare di continuo la vita previdenziale delle persone porta solo a nuovi esodati. Ricordo che con il governo abbiamo concordato di non toccare quota 100 almeno per il 2020″.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

32 pensieri su “Pensioni anticipate ultime novità su quota 100 e precoci: ‘7 miliardi risparmiati’

  1. Tutti in pensione a 60 anni. questo perchè a questa età gli anni si sentono per tutti ed è già grande fatica alzarsi la mattina presto specialmente di inverno.
    In base ai contributi versati dovrebbe essere calcolata la pensione con un minimo di retribuzione per quelli più sfortunati che non hanno avuto la possibilità di inserirsi in età giovanile nel mondo del lavoro.
    Lasciare la libera scelta a tutti. questa è democrazia.

  2. LA COLPA É DI SALVINI E DIMAIO SE NOI DI QUOTA 41 DOBBIAMO LAVORARE ANCORA 3 ANNI 5 ANNI IN PIÙ DI CHI VA CON 38,SIAMO FORSE FIGLI DI UN DIO INFERIORE??? MOLTI DI NOI SONO INVALIDI E PIENI DI DOLORI E CI SONO GIOVANOTTI A POLTRIRE SUL DIVANO PERCEPENDO 780 EURO AL MESE!!!! ASPETTO LE VOSTRE RISPOSTE VERGOGNATEVI !!!

  3. lavoro da 40 anni e contributi per 25 (15 anni di buco perchè non esisteva un fondo a cui versare); ho quindi 61 anni e dovro’ lavorare sino a 67 per poter prendere la pensione…

  4. A sessanta anni le forze cominciano a diminuire e la salute pure !
    In un paese civile,chiunque ,raggiunti i 60 anni dovrebbe poter andare in pensione,sulla base di ciò che ha versato, senza rubare niente a nessuno.

  5. Gente che non ha mai lavorato e non sa cosa vuol dire aver iniziato ancora bambino e portarsi sulla schiena già 40 anni di lavoro che ora non bastano sotto questo ritmo di turni,produzione e schiavismo per fare i salti mortali a sbarcare il mese.43 anni a luglio iniziato al compimento dei 14 e sempre lavori faticosi.voi politici e sindacati non sapete che vuol dire e ogni lavoro è fatica ma fate di ogni lavoro solo un immagine uguale e figurativa come fossero tutti uguali.fate cagare e non capite un cazzo che vuole dire

  6. Non si può parlare di superamento legge Fornero se non si cambiano le tabelle di calcolo del contributivo. AUMENTARE LE PERCENTUALI DI CALCOLO RELATIVE AL MONTANTE CONTRIBUTIVO È IMPERATIVO…. ALTRIMENTI DI CHE PARLATE. POLITICI SINDACATI ESPERTI. OCCORRE UNA PENSIONE ANTICIPATA UNICA CHE PREVEDA TUTTE QUELLE VARIANTI CHE AVETE INDIVIDUATO NEGLI ANNI DI RIUNIONI DELLE VARIE COMMISSIONI. GRAZIE

  7. QUOTA CENTO E GIUSTA X CARITÀ MA IO CHE O 58 ANNI E 42 DI CONTRIBUTI DEVO LAVORARE E CHI NE A 38 E IN PENSIONE E GIUSTO SECONDO VOI ??A VOI LA RISPOSTA SEMBRA COME CHE NOI CHE NON RIENTRIAMO IN NESSUNA AGEVOLAZIONE PAGHIAMO X TUTTI E PENSARE CHE LA GENTE ANDAVA IN PENSIONE A 15 ANNI DI CONTRIBUTI E ALLA FINE PERCEPISCONO PIU DI ME CHE ANDRO CON 43 ANNI E UN MESE QUESTA E L”ITALIA

    1. Vedo che il governo sta lavorando bene ; siccome quota 100 non bastava ..ora si é pensato bene di mandare in pensione prima quelli con 30 anni di contributi .
      Noi precoci con 41 anni possiamo anche aspettare, sperando sempre che il prossimo governo non ci rimetta mano.
      Bene!
      Non riesco a capire la “colpa” di aver versato così tanti contributi.
      Continuate su questa linea , poi vedremo come il lavoro in nero diminuisce.

  8. Ormai pare chiaro anche ad un mulo che, le leggi sulle pensioni che vengono emanate politicamente, non sono più leggi previdenziali ma sono diventate leggi assistenziali. Nella mia beata ingenuità ho sempre pensato che all’andata in pensione corrispondesse un assegno mensile che consentisse una decente se non serena vecchiaia. Invece oggi si emanano leggi che invitano alla pensione con assegni di poco superiori alla soglia di povertà. In poche parole: Lo Stato non potendoti garantire un lavoro ti garantisce una rendita anche con soli 38 anni di contributi. La cosa inconcepibile però è che la pensione con 38 anni di contributi viene garantita anche a chi un lavoro lo ha ancora e anche uno stipendio mensile ma stranamente non viene concessa a chi di contributi ne ha già 41-42. La domanda sorge spontanea: Ma lo Stato vuole creare un esercito di quasi pezzenti ? Quindi pare ovvio che tutta la manovra sia diventata ormai assistenziale e non più previdenziale, consentendo inoltre un regalo alle aziende di sfoltire il personale mettendolo a carico del sistema previdenziale.

  9. Bisogna rivedere i punti riguardanti i lavori gravosi!!!!! Svolgo il lavoro di educatrice nido da circa 39 anni, classificato gravoso, ma in base alle norme vigenti non si può usufruire dei 41 anni di contributi per accedere alla pensione. È tutto da rivedere!!!! 41 anni per il mio lavoro sono veramente tanti!!!!!

  10. Io vorrei sapere dove è finita la quota 41 subito x tutti che aveva fatto Salvini e promesso insieme alla 100 questa è da mettere subito vero politici? Basta parlare fate dei fatti la gente è stanca di lavorare dopo i 55 anni

  11. È inutile parlare di quota 100 ,62 67 ecc ecc se non si separa la Cassa Pensione da quella Integrazione. Se un persona lavora e versa i contributi ma le stesse risorse vengono utilizzate per pagare chi non lavora non se ne verrà mai fuori. Quello è il vero problema per i giovani non quota 100

  12. Ritengo che sia il minimo far restare quota cento , ma vi sembra giusto che prima sia stato possibile andare in pensione con 15 anni di contributi mentre oggi bisogna pagare 43 anni per andarci

  13. quota cento non va toccata fino alla sua scadenza naturale, detto e ridetto , fate le persone serie almeno una volta, altrimenti vi giocate il governo e sale la destra , se a voi sta bene…….

  14. In una democrazia si dovrebbe poter scegliere. Io affido i miei contributi all’INPS, che li gestisce, poi dopo 25 anni, vorrei andare in pensione, ho versato per 25 anni, datemi una pensione su 25 anni. No. Devi lavorare fino a 62 o 67 anni o 57,fino a che decidono loro. Non è democrazia.

  15. Mia moglie insegnante di svola materna e con i requisiti accertati (precoce e gravoso)doveva andare in pensione il 07 settembre 2019.Il Patronato al quale si e ‘rivolta ha presentato domanda all’INPS 3 giorni dopo la scadenza.A tuttoggi nn si sa niente della sua data di pensionamento nonostante i molteplici interrogativi posti allENTE con risposte tutte differenti e vaghe.Penso che se un patronato riconosciuto e con pagamenti per domande effettuate sbaglia a presentare in tempo utile la domanda di pensionamento non dovrebbe essere penalizzato il cittadino.Grazie .

  16. È inutile scrivere, tanto il PD partito di sinistra, sta facendo morire gli operai al lavoro. Fate una soluzione, ma non mettete i paletti. Se parliamo di Precoci, ha 62 anni di età, ci sono persone che vanno a lavorare per 43 -44 anni. Vi sembra normale. Donne che lavorano per 41 anni in Fonderia di seconda fusione. È normale. Evviva il PD che ti fa morire sul lavoro.

  17. Spero che rimanga per dare speranza a persone come me che anche avendo solo 35 anni di contributi hanno lavorato a contatto diretto con l amianto e altre sostanze tossiche inerenti alla coibentazione navale ma che non rientrano nei prepensionamenti degli anni scorsi. Attualmente ho ill fegato devastato dai gas della colla ed una aspettativa di vita piuttosto breve. Mi piacerebbe godermi un paio di anni di pensione per questo vorrei rimanesse quota 100 un saluto a tutti

    1. FRANCO CONDIVIDO PIENAMENTE, QUOTA 100 FINO AL 2021 COMPRESO GIA’ LEGGE NON SI TOCCA FINO ALLA FINE DEI 3 ANNI DI SPERIMENTAZIONE, LE PERSONE DA QUANDO E’ USCITA LA LEGGE HANNO PROGRAMMATO E FATTO AFFIDAMENTO FINO AL 2021 COMPRESO, PRECEDENZA ALLE LEGGI GIA’ IN VIGORE DA PORTARE A TERMINE.

  18. A parte che quota cento così come è strutturata è una grande ingiustizia perché dovrebbe riguardare solo chi è disoccupato e non chi ha un lavoro fisso perché per esempio io che ne ho 61 devo lavorare 43 anni solo perché ho dovuto cominciare a lavorare a 16 anni! Comunque questo 7 miliardi risparmiati piano piano spariranno e andranno a finire in assistenzialismo o nelle tasche di qualcuno come sempre in questo paese di m…a!

  19. Non cambiarla, neanche dopo, dare a possibilità, a chi vuole andare in pensione di andare, altrimenti è ingiusto. Ognuno deve avere l’opportunità di scegliere. Le Leggi, non si fanno a tempo! Noi speriamo sempre!!! !

    1. GIORGIO CONDIVIDO PIENAMENTE, QUOTA 100 FINO AL 2021 COMPRESO NON SI TOCCA FINO ALLA FINE DEI 3 ANNI DI SPERIMENTAZIONE, PRECEDENZA ALLE LEGGI GIA’ IN VIGORE DA PORTARE A TERMINE, LE PERSONE HANNO GIA’ PROGRAMMATO E FATTO AFFIDAMENTO FINO AL 2021 COMPRESO.

    1. RICCARDO QUOTA 100 FINO AL 2021 COMPRESO (GIA’ LEGGE) NON SI TOCCA, E DEVE RIMANERE E COSI’ COME E’ FINO ALLA FINE DEI 3 ANNI DI SPERIMENTAZIONE, PRECEDENZA ALLE LEGGI GIA’ IN VIGORE CHE DEVONO ESSERE PORTATE A TERMINE, LE PERSONE DA QUANDO E’ USCITA LA LEGGE HANNO PROGETTATO E FATTO AFFIDAMENTO FINO AL 2021 COMPRESO, NON SI POSSONO CAMBIARE LE COSE OGNI 2 ANNI, GIU’ LE MANI DA QUOTA 100 FINO AL 2021 COMPRESO!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *