Pensioni anticipate ultime oggi 12 novembre su quota 100: Salvini contro UE

Continua il dibattito sulle pensioni anticipate anche oggi 12 novembre 2018, con il leder della Lega e del Governo Matteo Salvini che prende nuovamente una ferma posizione contro l’UE e contro gli avvertimenti mandati dall’Europa all’Italia per quanto riguarda la prossima legge di bilancio e la prossima riforma delle pensioni. Salvini ribadisce come non ha intenzione di toccare una virgola della manovra finanziaria che accetta i consigli e i suggerimenti costruttivi ma dice un secco “No alle minacce e ai commissariamenti”.

Ultime notizie Pensioni anticipate oggi 12 novembre: Salvini attacca l’UE e Juncker

Per quanto riguarda le pensioni anticipate quindi si proseguirà sui binari tracciati dal Governo e non ci saranno passi indietro nonostante le previsioni di crescita dell’Italia in ribasso da parte delle stime di Bruxell. Junker ha ribadito negli ultimi giorni che le regole esistono e vanno rispettate e che c’è preoccupazione per il “significante incremento della spesa prevista per sostenere il reddito di cittadinanza e la riforma pensioni”.

Salvini ieri durante l’intervento di apertura alla scuola dei formazione politica della Lega a Milano ha risposto senza mezzi termini: “Noi non siamo contro l’Europa ma contro la sovrastruttura burocratica e asfittica della Commisione Ue che ha ingabbiato l’Europa nella sua struttura. Le Letterine io le accetto da babbo Natale, non da Juncker. Babbo Natale è più simpatico. E mangia castagne, bevendo al massimo un pochino vin brulè”.

Pensioni anticipate ultime oggi: Cardarelli preoccupato su quota 100

Interessante articolo sulle pensioni anticipate apparso oggi sul Sussidiario, a firma di mario Cardarelli portavoce del nuovo movimento politico Popolari & Progressisti, economista e opinionista della Finanza Italiana. Cardarelli sottolinea nel suo articolo come “Nel caso delle pensioni anticipate, malviste in tutta l’Ocse che continua a distinguerle dalle diverse forme di flessibilità all’uscita, qual è la soluzione? Semplicemente quella proposta in Riformare la Riforma (Riformare, non Superare, né Cancellare) e riportata anni fa su queste pagine coniugando la flessibilità all’anticipo pensionistico”.

Cardarelli poi continua criticando aspramente la riforma: “sotto la dizione Quota 100 che resta fissa sono state inserite le variazioni 63/37 e 64/36 (altra scopiazzatura riuscita male). E che dire delle finestre al completamento dei requisiti dove, in un’immaginaria decorrenza della norma a partire dal 1 gennaio 2019 viene considerato il completamento citato del 62/38 entro, generico, dicembre 2018 con una sovrapposizione alla vigenza della pensione anticipata della legge Fornero?”.

Stefano Rodinò

Stefano Rodinò

Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

25 pensieri riguardo “Pensioni anticipate ultime oggi 12 novembre su quota 100: Salvini contro UE

  • Avatar
    14 Novembre 2018 in 12:49
    Permalink

    CONFUSIONE.
    Solo questo programma, dal 2011, viene portato avanti in campo previdenziale.
    Io sono stato assunto nel 1973 e, da quel primo giorno di lavoro, sapevo il giorno esatto in cui sarei, E SONO, andato in pensione: nel 2007, a luglio.
    Ora, dopo chiacchiere e chiacchiere in merito, ancora non si sa niente, salvo ipotesi, casi, casetti, adv, lavori usuranti, lavori gravosi, lavori donna, lavori ecc.
    LA VERA RIFORMA PENSIONISTICA SAREBBE DARE CERTEZZA AL LAVORATORE DEL SUO DIRITTO AD UNA VITA FUTURA PROGRAMMABILE, PER QUANTO POSSIBILE DATO DALLA SALUTE, SERENA E CERTA DAL GIORNO DELL’ASSUNZIONE, COME IN PASSATO, CON REGOLE CERTE E UGUALI PER TUTTI: IN UN PAESE NORMALE.

    Rispondi
  • Avatar
    13 Novembre 2018 in 20:00
    Permalink

    Sento parlare per la prima volta oggi di conteggio contributivo. Altro che penalità se fosse così…

    Rispondi
  • Avatar
    13 Novembre 2018 in 18:08
    Permalink

    Io 60 anni ad ottobre con 41 anni di contributi vi sembra giusto che vado in pensione ad ottobre 2020…..

    Rispondi
  • Avatar
    13 Novembre 2018 in 10:42
    Permalink

    Se arrivò a 38 anni di contributi a gennaio 2019,”se ci sarà quota 100 “ quando potrò andare in pensione?

    Rispondi
    • Erica Venditti
      13 Novembre 2018 in 11:28
      Permalink

      Anna dipenderà dalle finestre di uscita contenute del decreto che dovrebbe vedere la luce entro Natale, senza testo scritto difficile darle una risposta certa. In linea di massima potrebbero esserci due alternative: finestre mobili, ossia personalizzate per ogni lavoratore a cadenza trimestrale da quando matura i requisiti, dunque se matura i requisiti a gennaio, deve contare 3 mesi, e poi potrà accedere alla pensione ossia aprile 2019, se li matura a febbraio andrà a maggio 2019, nel secondo caso si tratta di finestre fisse, trimestrali, ma valide per tutti i lavoratori ossia aprile-luglio-ottobre-gennaio. in questo caso per lei cambierebbe nulla sia fisse che mobili la sua finestra di uscita dovrebbe cadere ad aprile 2019. Se le siamo stati d’aiuto le chiediamo gentilmente di sostenerci effettuando una piccola donazione per il sito, per farlo Anna vi sono 2 modalità accedere a questo link : https://paypal.me/ericavenditti e di offrirci un caffè, oppure con un bonifico bancario su Istituto Bancario: Fineco Bank IBAN: IT82D0301503200000005830165 intestato a: Erica Venditti. Per voi si tratta di un piccolo gesto di riconoscenza, ma che per noi vale molto e ci permette di continuare a dedicarvi il giusto tempo

      Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 23:49
    Permalink

    Anche il Signor Cardarelli ha detto la Sua; avanti il prossimo. Poi, magari, il Parlamento, quello che dovrebbe veramente rappresentare gli elettori e i cittadini, flebilmente ci dirà qualcosa anche Lui?

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 20:28
    Permalink

    Salvini alle prossime votazioni e’ finita la pacchia, precoci e donne si ricorderanno delle vigliaccate che perpetui contro di loro. Vergognati

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 19:20
    Permalink

    Signor Salvini, in campagna elettorale lei con il suo vocione gridava che con 41 anni di contributi e sacrosanto andare in pensione senza se e senza ma. Adesso dice che non si può andare e che non ha la bacchetta magica. Ma la bacchetta magica non l’aveva neanche quando faceva promesse del cavolo. Quindi o si procura una bella bacchetta magica oppure dovrebbe avere la compiacenza di togliersi dalle scatole. Ma se ho capito il soggetto non lo farà mai. Ma stia tranquillo… Ci penseranno gli italiani a rimandarla in mezzo alla merda da dove è arrivato.

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 18:37
    Permalink

    Sono 41 e 6 mesi quanti anni ancora? Ma non si doveva superare la legge fornero? Promesse non mantenute

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 18:24
    Permalink

    Una domanda per tutti
    Ma voi avete capito le finestre?
    Se ho maturato esempio a marzo 2019 per 3 mesi mesi della finestra non mi danno la pensione?
    Se slitta come penso allora divento esodato!

    Rispondi
    • Erica Venditti
      13 Novembre 2018 in 8:51
      Permalink

      Giampiero sulle finestre vige ancora molta confusione vi è chi dice che saranno trimestrali ma mobili, dunque se lei maturasse i requisiti a marzo andrebbe a giungo , altri dicono trimestrali ma fisse, dunque a aprile, luglio, ottobre, gennaio. Purtroppo finché non vi sarà il decreto scritto o spiegazioni precise difficile darle una risposta puntuale. ci auguriamo cmq di aver fatto chiarezza

      Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 17:10
    Permalink

    Mi fate il piacere quando interviene Cordarelli sulle pensioni, chiedetegli a che età è andato in pensione lui? 59 anni? Quando prende di pensione e quando prende a puntata x parlar male di questo governo

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 15:08
    Permalink

    Sono fortemente convinto che non dobbiamo fare più gli schiavi europei, anche perchè l’unica cosa che attualmente ci unisce come comunità europea da quando si è formata e solo l’euro e poi stipendi, pensioni, e tasse di contributi lavorativi sono moto distanti tra i paesi europei. Quindi giusto che li mandiamo a quel paese, anche perchè se molte aziende emigrano e per colpa di loro perchè non c’è equità e quota 100 va benissimo. Anche se spero che si applica il prima possibile anche quota 41 anni contribuitivi a prescindere dall’età.Però non è giusto che quota100 parte dal 2019 e i futuri pensionandi devono prendere il primo assegno ad Aprile. Questo non è giusto, e come fare pagare il pizzo, o la tangente, per quello che stanno facendo. E poi se uno non ha i mezzi per campare 3 mesi in quel caso è costretto a rinunciare e credo che questa è una mossa ingiusta verso i futuri pensionandi .Quindi spero che il governo se ne faccia carico e anche se pagano ad Aprile il primo assegno pensionistico diano pure i mesi precedenti.

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 14:55
    Permalink

    Buon giorno,

    https://www.youtube.com/watch?v=8u6w7CQuK-E

    Preg. mo Sig, Salvini,
    Le scrive un lavoratore precoce, operativo dalla tenera età di 10 anni con all’attivo 41 anni e mezzo di contributi pagati, 46 anni di lavoro reale con 57 anni come età, tutto senza un solo giorno di assenza, una vita dedicata al lavoro, al paese, sacrificando la mia fanciullezza, la mia esistenza, mentre Lei??
    Capisce cosa voglio trasmetterLe?? Lo immagina?
    Non credo proprio, vive totalmente scollato dalla realtà, fuori dal mondo comune!
    Le domando. dove sono finite Le sue famose ruspe? si guardi attentamente il video sopra indicato..Le servirà per rispolverarsi la memoria.

    – Le spedisca ad Ischia, nell’isola potranno lavorare per anni e anni e abbandoni l’idea di sanatorie che oltre a ledere la dignità dei tutti i cittadini che costruiscono rispettando le leggi, sono anche pericolose per la sicurezza dei cittadini stessi, abusivi e non;
    – Le faccia lavorare giorno e notte, demolendo il sistema corruzione che prolifica in questo paese, sono un vero esercito, (si bruciano annualmente 60 miliardi), dove sono le patrie galere per questi farabutti ??;
    – Le utilizzi contro la folle spesa per mantenere la spettacolo/politica italiana ( sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica. Ogni anno i costi della politica, diretti e indiretti, ammontano a circa 18,3 miliardi di euro, a cui occorre aggiungere i costi derivanti da un “sovrabbondante” sistema istituzionale quantificabili in circa 6,4 miliardi. Totale 24,7 miliardi che ogni hanno i cittadini pagano)(fonte solo 24 del 26 febbraio 2016) per fare un confronto, Lei pensi che state discutendo una manovra economica che vale circa 40 miliardi in deficit e Voi spendete questa follia per stipendiarVi, questo annualmente da sempre!! Scandaloso!…..
    – Le utilizzi contro l’ eterna evasione fiscale, anzi Le consiglio di aprire proprio Lei le danze Sig. Salvini, dando il buon esempio,
    restituendo i 50 milioni di euro, percepiti indebitamente, spesi, regalati, (scelga Lei la definizione che preferisce) dal suo partito Lega Nord e che hanno pagato sempre soliti cittadini onesti. (Cassazione 10 ottobre 2018 );
    – Le utilizzi per eliminare seriamente, l’indegna e disumana, “Follia Fornero”, con cui si riempie la bocca quasi ogni giorno, per poi non far
    nulla di concreto o poco più ..Le ricordo l’articolo 17 del Vostro Contratto di buon Governo che dice testualmente:

    “Daremo fin da subito la possibilità di uscire dal lavoro quando la somma dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è almeno pari a 100 – si legge – con l’obiettivo di consentire il raggiungimento dell’età pensionabile con 41 anni di anzianità contributiva, tenuto altresì conto dei lavoratori impegnati in mansioni usuranti”.

    Per le risorse economiche, doveva pensarci prima di prendere qualsiasi impegno con l’elettorato, troppo comodo promette in campagna elettorale, per poi liquidarci con Il famoso “scusate mancano i soldi”.

    Oppure li potrebbe prendere qui, si guardi questo video:

    https://www.youtube.com/watch?v=FHoP2CzQANw

    Tutti i governi compresi il Suo,
    sono perfettamente consapevoli di queste dinamiche fraudolente e se questi signori arrivano a compire queste operazioni con una tale disinvoltura, direi quasi disarmante, mi domando ma coloro che devono vigilare dove sono?? tutti ciechi, sordi e muti!!
    Allora se nessuno controlla questi lestofanti che agiscono in modo indisturbato, che utilità hanno i controllori? li elimini! almeno risparmiano gli stipendi.
    Qualcosa non torna?
    Credo con molta modestia che questo oceano di miliardi, sicuramente finisce in qualche piscina privata del Paperon De Paperoni di turno, regista di tutto il sistema fraudolento.. Non può che essere così è lampante..
    Mentre per il solito cittadino comune e onesto, ( per quei pochi rimasti) ecco palesarsi l’ennesima beffa, la conferma di essere gli unici che pagano per tutto e tutti in questo bello ma strano paese, questo accade ormai da sempre diciamo, fino all’ ultimo centesimo, fino all’ ultimo respiro…

    I miliardi ci sono, come vede e anche in abbondanza, bisogna esigerli e non condonarli con la sua fantomatica sanatoria.

    Le Ricordo che in italia si calcolano circa 11 milioni di evasori fiscali.
    Stiamo parlando di oltre 1000 miliardi di sommerso (storico/pregresso, circa 200 miliardi anno), quasi l’intero PIL del paese e che lo Stato italiano non incasserà mai!!

    Personalmente ritengo che le Sue ruspe, oggi, risultano essere diventate delle banali palette da spiaggia, questo grazie al Suo spettacolo quotidiano, ormai La troviamo In TV a tulle le ore su qualsiasi canale, una sorta di Showman onnipresente..

    Le Sue false promesse sono sotto gli occhi di tutti. Migranti a parte..
    Su quest’ultimo argomento bisogna riconoscerLe di avere fermato i barconi, arrivano su altre rotte con altre imbarcazioni ma sicuramente in numero inferiore. Le ricordo che deve rimpatriare circa 700.000 mila persone, che ora manteniamo ( costo stimato attorno a i 5 miliardi), questa montagna di denari vanno in tasca alle cooperative che gestiscono il BUSINESS…E chi paga? sempre noi ovviamente!!
    Questo potrebbe essere un’ulteriore Suo grande obbiettivo, ma per ora i fatti stanno a zero, come Lei ben sa.

    Sempre con la massima onestà, credo che Lei porterà a termine pochissime delle cose con cui si è impegnato con i cittadini tramite il contratto di buon governo, basta osservarLa con attenzione mentre svolge le Sue azioni, giorno per giorno….

    Il risultato? “Tutto è il contrario di tutto”…

    Scandaloso…

    Mi vergogno per Lei e mi vergogno di essere italiano….

    Cordiali saluti,
    Luigi Napolitano

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 14:30
    Permalink

    Ragazzi, da che mondo è mondo, sono gli investimenti che fanno crescere il mondo del lavoro. Gli investimenti fatti bene e credo che questo lo sia, hanno arricchito le case e i paesi. Più Forte Ragazzi!!!!!!!

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 13:30
    Permalink

    AD OGGI 12 NOVEMBRE noi comuni cittadini non possiamo fare i calcoli per l’uscita dal lavoro – quota 100 – spero che entro fine mese pubblicate il decreto, altrimenti vuol dire che ancora siete in perenne campagna elettorale e nelle mani dei burocrati Europei. Spero vivamente di no. Salvini – DiMaio ricordatevi che gli italiani sono con Voi. Fate vedere di che pasta è fatto il Governo Conte. Buona Fortuna.

    Rispondi
    • Avatar
      13 Novembre 2018 in 8:51
      Permalink

      Siamo tutti in attesa di questa fantomatica quota 100, ne sento parlare, ma non riesce a concretizzarsi. Personalmente mi ritrovo a 61 anni di età e 40 anni di contributi, più altri cinque lavorati in nero. E’ possibile che una politica ottusa e becera non riesca a comprendere la stanchezza di chi anno dopo anno ha lavorato ininterrottamente? E adesso ciò che sento è che probabilmente ci sarà una quota cento ma con penalizzazioni. Non è giusto, non è corretto, la campagna elettorale prometteva ben altro, senza se e senza ma. Ora tutto è stato rimesso in gioco, ancora una volta fregati da chi sta al potere che invece di garantire gli onesti lavoratori, si attacca al reddito di cittadinanza o altro. Io so soltanto che a 17 anni ho cominciato a lavorare e non ho mai smesso e sono stanca, Probabilmente si aiuterà chi non vuole fare nulla o lavora in nero, io quando ho iniziato ho fatto tutti i lavori possibili e immaginabili pur di racimolare onestamente ciò che serviva per potere andare avanti, senza aiuti dall’esterno ne altro. Iniziavo alle sette del mattino e concludevo alle 21,30. Ora a distanza di 45 anni mi alzo ogni mattino dal letto a fatica, e mi viene da piangere e da imprecare. NON E’ GIUSTO; NON E’ GIUSTO!

      Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 13:19
    Permalink

    SPERO CHE QUOTA 100
    AVVENGA SENZA DECURTAZIONI -PARTE A GENNAIO/FEBBRAIO 2019, COSI’ CI DA IL TEMPO DI FARE UN PO DI CALCOLI E DECIDERE DI ANDARE IN PENSIONE . VI RICORDO CHE SE UNA PERSONA VA IN PENSIONE UN GIOVANE TROVA LAVORO, LO STESSO NON PERCEPIRA’ IL REDDITO DI CITTADINANZA , E VI PARE POCO, CHE CON UNA FAVA SI PRENDONO DUE PICCIONI. FINO ADESSO STATE LAVORANDO BENE. NON FATEVI FREGARE. LA MINORANZA NON SA QUEL CHE VUOLE.
    METTETE DA PARTE I BUROCRATI EUROPEI . IN EUROPA DOVREMMO AVERE TUTTI GLI STESSI STIPENDI . ED ANDARE IN PENSIONE ALLO STESSO MODO, MA NON E’ COSI’. PROVATE A SPIEGARLO

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 13:14
    Permalink

    Abbiamo già pagato noi sopra i 60 in termini di mancato aumento stipendio e soprattutto di mancata sostituzione di colleghi andati in pensione negli ultimi anni Abbiamo dovuto lavorare per tre… Ora basta!!!! Al diavolo i burocrati pseudo europeisti che ci hanno massacrato!!!!

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 13:11
    Permalink

    Questa volta da leghista, do ragione alla UE. Vergognoso far lavorare chi ha fatto 42 anni e mandare in pensione chi ne ha 38. SALVINI VERGOGNATI

    Rispondi
    • Avatar
      12 Novembre 2018 in 16:50
      Permalink

      Sempre con questa quota 100 , ma coloro che hanno pagato i contributi per più di 42 anni e nn hanno 62 anni di età perché mancano loro pochi giorni, perché vengono dimenticati? No, correggo SFRUTTATI, si sfruttati per nn dire derubati perché i contributi che si versano dopo 40 anni nn vengono considerati ai fini pensionistici.

      Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 12:18
    Permalink

    Salvini ha tutte le ragioni,noi dobbiamo sempre sacrificarci e sottostare ,per non contrariare la francia e la germania. Poi è evidente che gli investimenti stranieri in italia sono mirati a acquisire le nostre eccellenze ,alimentari ,manifatturiere,e poi delocalizzare le produzioni. E quota 100è sacrosanta!forza salvini e forza di maio ,gli italiani sono con voi.

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2018 in 10:57
    Permalink

    Senza offesa ad oggi 12 Novembre 2018 noi cittàdini non vediamo alcun decreto che faccia vedere quota 100 , blocco ADV , opzione donna e quant’altro siamo solo e continuiamo ad essere in campagna elettorale passano i mesi ma nulla cambia non vorrei che tutto fosse posticipato alle prossime europee .

    Rispondi
    • Avatar
      12 Novembre 2018 in 14:54
      Permalink

      Se fosse posticipato alle prossime Europee, non se ne farà più nulla….. finita la festa gabbato lo santo….

      Rispondi
    • Avatar
      12 Novembre 2018 in 20:11
      Permalink

      Certo forza Salvine e Di Maio…… però faccianoquello che hanno promesso in campagna elettorale e anche per le loro promesso che sono al governo

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *