Pensioni anticipate Salvini

Pensioni anticipate ultime oggi 3 dicembre, Salvini: ‘La legge Fornero la smonto’

La riforma previdenziale voluta dal Governo LegaM5S continua a far discutere e anche oggi 3 dicembre 2018, le ultime novità sulle pensioni anticipate riguardano quota 100 e il suo sviluppo. Mentre da un lato il premier Conta prova a trattare con l’Europa per cercare di accontentare Bruxelles, dall’altro il Ministro dell’Intero Matteo Salvini rilancia in televisione a ‘Non è l’Arena’ il suo mantra: smontare la legge Fornero Pezzo per pezzo.

Ultime novità Pensioni anticipate oggi 3 dicembre, ‘Salvini a Non è l’Arena’

Per riuscire ad evitare Sanzioni da parte dell’UE, si dovrà probabilmente cercare di risparmiare qualcosa sulla manovra per quanto riguarda il reddito di cittadinanza e le pensioni anticipate. Salvini però non vuole cedere e anche ieri a Non è l’Arena ha ribadito qual è il suo intento, ossia procedere per smantellare la legge Fornero.  Il leader della Lega ha detto durante l’intervista a Massimo Giletti che: “Io voglio cominciare a mantenere gli impegni presi con gli italiani, anche sulle tasse e sull’economia come in questi sei mesi ho dimostrato di averlo fatto sull’immigrazione, sulla sicurezza, sulla lotta alla mafia. E’ chiaro che non si può fare tutto subito”.

Pensioni anticipate ultime oggi: Salvini: ‘Smonterò la Fornero pezzo per pezzo’

Il Vice Premier continua poi a parlare sulle pensioni anticipate e in particolare su quota 100, spiegando senza mezzi termini che: “Iniziamo a smontare la Legge Fornero che ormai è una mia ragione di vita. Non so quante volte sono venuto in questo studio dicendo che è la legge più sbagliata approvata dal Parlamento italiano dal dopoguerra a oggi. In questa manovra economica  c’è un bel gruzzolo di miliardi per riconquistare la libertà al diritto alla pensione per 500mila italiani, e mandandoli in pensione prima rispetto al previsto si aprono quindi 500mila posti di lavoro per giovani”.

Salvini conclude poi rassicurando che non cambierà idea nonostante le pressioni dell’UE: “Si questo posso dire che l’Europa può dire quello vuole, può mandare anche padre Pio ma io la legge Fornero la smonto pezzo pezzo perchè è una legge sbagliata”. Poi conclude spiegando che il lavoro del Governo è condiviso da tutti: “Se non ci fosse una squadra, una coerenza, un contratto e persone serie come Giuseppe Conte e Luigi Di Maio io non avrei combinato niente.

Pensioni anticipate 2018 novità oggi: Boccia critica la manovra

Sulla prossima legge di Bilancio, e sull’incertezza economica della manovra si è espresso oggi 3 dicembre anche il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. Durante un’intervista rilasciata a Radio Rai,  ha detto che: “Una cosa è una manovra espansiva e un’altra una legge di bilancio orientata alla crescita. Ma al momento non c’è equilibrio tra la parte espansiva, che riguarda tre grandi categorie: la flat tax per gli autonomi, la riforma delle pensioni – il reddito di cittadinanza e le ragioni della crescita”. Questo l’ultimo allarme lanciato da Confindustria che spiega ancora una volta come si debba puntare sulla crescita, “unico modo per raggiungere gli obiettivi dichiarati”.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Autore dell'articolo: Stefano Rodinò

Stefano Rodinò
Classe 1981, ho studiato scienze politiche ad indirizzo Comunicazione Pubblica. Scopri di più

4 commenti su “Pensioni anticipate ultime oggi 3 dicembre, Salvini: ‘La legge Fornero la smonto’

    Giuseppe C.

    (4 Dicembre 2018 - 0:01)

    Quando si candiderà e vincerà le elezioni il S. Boccia potrà proporre come esecutivo Le Sue proposte al Parlamento; per ora sono solo dichiarazioni che non altro indicano che il Suo pensiero che rappresenta, tutt’al più, Confindustria, che non mi risulta essere un organo legiferante. Detto questo in Italia c’è libertà di pensiero e di parola e quindi è lecito che il Signor Boccia dica la Sua. Come tutti.
    Per quanto riguarda Salvini ora vuole “smontare”; io rammento che prometteva, posso ricordare male, di “abolire” il che avrebbe rivestito un significato totalmente diverso: infatti, abolendo la legge Fornero, sarebbe entrata in vigore la legge precedente la Fornero e, forse, tutti i pensionati da questa bloccati, sarebbero già andati tutti in pensione. Come me che, nel 2007, prima della legge Fornero, ci sono andato con 35 e 58 CON L’ASSEGNO UGUALE ALL’ULTIMO STIPENDIO!

    GIZO

    (3 Dicembre 2018 - 14:12)

    Da quanto ho capito io, stanno cercando di azzerare la categoria dei precoci perché ogni anno che passa siamo sempre meno fino a quando, tra 2/3 anni il numero dei precoci saranno solo un gruppo di amici giusto giusto per farsi una bella pizzata!!!!!..e tutti andranno con l’età, altro che 41 x tutti

    giovanni

    (3 Dicembre 2018 - 13:04)

    ho 58 anni proprio oggi con più di 42 anni di contributi ho iniziato a 16 anni a lavorare andro con la legge fornero 43,13settimane ma non dimentico x 5 stelle e lega alle prossime elezioni!!!!!

    LINO

    (3 Dicembre 2018 - 12:08)

    CONTINUA A PARLARE MA I FATTI DICONO IL CONTRARIO.
    FATTI NON PAROLE !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *