Pensioni anticipate, ultimissime Ape volontaria: dal 13 aprile ok domande, arretrati salvi?

Le ultime notizie sulle pensioni anticipate 2018 riguardano le ultime direttive giunte da Gianfranco Torriero, vice direttore dell’Associazione Bancaria Italiana, che rassicura sulla misura pensionistica ape volontaria e sul fatto che le domande potranno essere accettate dalla mattina del 13 aprile, ragione per cui gli arretrati, richiedibili entro il 18 aprile, dovrebbero essere salvi. I dettagli e le ultime informazioni al 9 aprile 2018.

Pensioni anticipate 2018, ape volontaria : arretrati salvi?

Negli scorsi giorni vi avevamo parlato del rischio di perdere gli arretrati maturati dal 1 maggio 2018 per chi si era apprestato a richiedere l’ape volontaria. Le domande risultavano infatti, anche quelle che rispettavano i requisiti, ferme a causa di alcuni problemi burocratici come la mancanza delle adesioni formali di Unicredit e Intesa necessari per la concessione del prestito. Ora, il direttore generale dell’ Abi, ha reso noto , che l’obiettivo è: “ è di poter completare il collaudo affinché le prime domande di APE volontaria possano essere accettate a partire dalla mattina del 13 aprile”. Poi specifica che coloro che hanno maturato i requisiti pensionistici tra il 1 maggio 2017 ed il 17 ottobre, che hanno dunque ottenuto la certificazione dall’Inps, sono 71. Questi lavoratori devono dunque presentare la domanda entro il 18 aprile per poter ottenere gli arretrati.

Pensioni 2018, ritardi ape volontaria: Le ragioni spiegate da Torriero ( Abi)

Il disegno e l’attuazione dell’Anticipo finanziario a garanzia pensionistica sono stati caratterizzati da estrema complessità. Per definire il quadro normativo di riferimento di questa nuova forma di prestito è stato necessario il coinvolgimento di molti soggetti” , spiega Torriero (Abi). Poi conclude: “Dal completamento del quadro normativo di riferimento, cioè solo a partire da fine gennaio 2018, l’Inps, le banche e le assicurazioni hanno potuto iniziare a finalizzare le molto complesse procedure informatiche su cui si basa l’APE”.  Ora dunque, quanti ci avevano rilasciato un commento, piuttosto adirati dalla possibilità di non poter completare la propria domanda, dovrebbero poter tirare un sospiro di sollievo. Fateci come sempre sapere come procede, lasciandoci un vostro prezioso commento e/o testimonianza.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

25 pensieri riguardo “Pensioni anticipate, ultimissime Ape volontaria: dal 13 aprile ok domande, arretrati salvi?

  • Avatar
    15 Aprile 2018 in 16:27
    Permalink

    Fatta domanda di APE volontario il 12 aprile comprensiva di arretrati in quanto spettanti vedo che nei contratti scaricati è indicato “senza finanziamento supplementare”, domando non è obbligatorio richiederlo anche perché nello svolgimento della procedura non mi sembra essere indicato se chiederlo o meno?
    È un dubbio legittimo!?

    Rispondi
  • Avatar
    15 Aprile 2018 in 8:03
    Permalink

    ho fatto la domanda ape volontaria il 13/02/2018, non ho ricevoto nessuna certificazione ad oggi, non posso fare ladomanda per gli arretrati perchè, ho tt i requisiti sono del 1953 ho 37 di contrib

    Rispondi
  • Avatar
    13 Aprile 2018 in 7:11
    Permalink

    Cara sig. Erica, finalmente, ad un anno dal diritto, pare proprio che a Maggio mi arriverà la tanto agognata pensione, corredata degli arretrati. Dopo un lunga attesa sulla voce “cedolino pensione” ho trovato dalla sera alla mattina, il famoso prospetto, con data di versamento. Ora posso dare dignità ad una vita passata in fabbrica. Grazie per i suoi articoli molto utili e pieni di informazioni, continuerò a leggerli con molto piacere. Buona giornata.

    Rispondi
    • Erica Venditti
      13 Aprile 2018 in 11:21
      Permalink

      Grazie Claudio per la stima! Sono molto contenta per la sua pensione, finalmente :-))

      Rispondi
    • Avatar
      12 Aprile 2018 in 13:25
      Permalink

      Buongiorno Enrico, sii più chiaro: cosa significa Ok fatto? Hai completato la domanda Ape senza la firma elettronica usando solo SPID di secondo livello? Grazie

      Rispondi
  • Avatar
    12 Aprile 2018 in 11:57
    Permalink

    E attiva la procedura per richiedere APE volontario fatto tutti i passaggi abbastanza agevolente ma utilizzando SPID livello 2 arrivo alla videata finale dove mi viene richiesto di sottoscrivere i contratti mi viene questo messaggio:
    non è stato possibile firmare il documento. Rriprovare più tardi
    sarà giusto?

    Rispondi
    • Avatar
      12 Aprile 2018 in 13:28
      Permalink

      Si Antonio52 con SPID secondo livello, i documenti che ti compaiono non basta salvarli bisogna leggerli per poter proseguire

      Rispondi
      • Avatar
        12 Aprile 2018 in 13:34
        Permalink

        Grazie mille : intendi che devi leggerli, magari spuntare qualcosa e poi salvarli e poi proseguire. Scusa ma così facendo aiutiamo tutti coloro che come me devono ancora compilare la domanda. Ancora grazie

        Rispondi
        • Avatar
          13 Aprile 2018 in 15:47
          Permalink

          Nella giornata di ieri ho completato la domanda con successo. I documenti che ci vengono proposti vanno sempre scaricati e sono nel formato PDF. Nel momento in cui il download è terminato, il quadratino a sinistra della riga passa dal grigio al bianco e può essere spuntato cliccandoci sopra. Naturalmente devono essere spuntati sempre tutti.

          Rispondi
    • Avatar
      13 Aprile 2018 in 16:11
      Permalink

      E’ sicuramente possibile usare lo SPID di secondo livello. Temo che se si salta qualche passaggio e non si guarda sempre in alto allo schermo dove possono apparire degli avvisi in rosso per eventuali errori o incompletezze eseguite, quando si arriva alla firma non sia possibile chiudere il tutto.
      Occorre scaricare tutti i documenti che ci vengono proposti in modo da poter spuntare il quadratino che hanno di fianco al titolo. Si possono naturalmente leggere anche dopo con calma, una volta chiusa ed inviata la domanda, anche perchè sono molte pagine come nel caso del contratto di finanziamento con la banca. A questo proposito non spaventatevi per la rata indicata nel contratto della banca perchè è sicuramente più alta di quella prevista in realtà, in quanto giustamente non contempla il credito d’imposta che fornirà ogni mese lo Stato a noi, attraverso l’INPS.

      Rispondi
  • Avatar
    11 Aprile 2018 in 10:13
    Permalink

    son uno dei 71 legittimati a presentare la domanda di accesso per l’ape volontaria. vi invito a non credere a quello che dice il contact center INPS perché nel corso dell’ultima settimana ho chiamato 5 volte il contact center dell’INPS per chiedere chiarimenti su come fare la domanda. mi hanno dato 5 diverse risposte, alcune ridicole, alle stesse domande. Nel frattempo mi sono dotato di SPID ma non ancora della firma elettronica avanzata, perché ho scoperto che ce ne sono di vario tipo (fra cui la firma digitale remota) e non ho ancora capito se vanno bene tutte. In proposito, se avete qualche utile indicazione sulla firma digitale remota vi ringrazio. giuseppe russo

    Rispondi
    • Avatar
      13 Aprile 2018 in 16:02
      Permalink

      Per compilare la domanda di APE volontario occorre lo SPID di secondo livello. La procedura prevede che, entrando nel sito INPS si vada a cercare “Ape volontario- domanda di anticipo finanziario a garanzia….”
      Cliccando sull’icona ci viene chiesto di qualificarsi ed occorre farlo utilizzando il percorso SPID.
      Alla fine della domanda , quando ci viene chiesto di firmare e diamo il consenso, ci viene nuovamente richiesto lo SPID che a questo punto equivale alla FEA. Infatti sui documenti che dovremo passo passo scaricare, quelli che si presentavano con la filigrana FAC-SIMILE diventano senza ed in fondo sopra al nostro nome e cognome compare la dicitura “Firmato con FEA da”

      Rispondi
  • Avatar
    10 Aprile 2018 in 13:27
    Permalink

    Da quello che capisco la domanda per l’APE volontario deve essere fatta insieme alla domanda di pensione di vecchiaia. Entrambe le domande saranno fatte utilizzando la stessa procedura oppure per l’APE ci sarà l’applicazione dedicata ed, invece per la domanda di pensione di vecchiaia ce ne sarà un’altra ?

    Rispondi
    • Avatar
      13 Aprile 2018 in 15:52
      Permalink

      La domanda di pensione di vecchiaia avviene contestualmente a quella di APE volontaria, essendo uno dei passaggi previsti dalla procedura della domanda, come la sottoscrizione del contratto di finanziamento o della polizza di assicurazione. Non occorre farla a parte.

      Rispondi
  • Avatar
    10 Aprile 2018 in 6:46
    Permalink

    Gentile Dr.ssa Venditti,
    mi permetto di segnalarle una questione che rischia di tradursi in un vulnus tanto per le Banche aderenti, quanto per i cittadini coinvolti.
    La circolare INPS n.28 del 13.2.2018 dispone che le domande di pensione di vecchiaia presentate coevemente alla domanda di accesso alle APE volontario non debbano “essere respinte ma tenute in apposita evidenza …. “.
    Tale domanda, a mio modesto parere, dovrebbe piuttosto essere accolta definitivamente quanto al regime applicabile (retributivo, misto, contributivo) ed ai termini economici vigenti all’atto della presentazione, salva ovviamente la decorrenza degli effetti al conseguimento del requisito anagrafico.
    In difetto, appare forte il rischio che riforme pensionistiche successive al perfezionamento dell’APE volontario ed alla presentazione della domanda di pensione di vecchiaia possano modificare anche sensibilmente l’equilibrio su cui l’istituto si fonda, con conseguente rischio bancario nel ripagamento del prestito ed altrettanto disagio da parte del pensionato, che potrebbe vedersi decurtare una parte insostenibile dell’assegno pensionile per effetto dell’inauspicata, quanto non escludibile, modifica della normativa applicabile.
    Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 22:59
    Permalink

    Ho ricevuto la certificazione quindi devo presentare la domanda venerdi? Ho richiesto il crif risulta un debito FI 700 euro in capo ad intesa se lo estnguo direttamente va tutto a posto grazie per la risposta

    Rispondi
    • Erica Venditti
      10 Aprile 2018 in 10:19
      Permalink

      Non ho capito la domanda, può riformularmela Clelia?

      Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 20:09
    Permalink

    Penso che 71 richieste che includono arretrati è un numero ridicolmente basso, il che mi fa pensare che ci sono grossi problemi a livello banca dati. Sarei nel numero dei 71 di cui sopra, però per ora ho solo ricevuto una mail da INPS che mi dice che la domanda è stata “accolta”, punto. Vedremo cosa succederà venerdì 13… Inoltre, che ci frega di quale banca e quale compagnia di assicurazione, visto che i tasssi e i costi sono definiti e gli stessi per qualunque banca e qualunque compagnia?

    Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 16:04
    Permalink

    Ma le domande accettate finora sono 71! Mi risulta, ed io sono tr quelli che le richieste di certificazione fiano ancune decine di migliaia e INPS ancora non ha risposto per cui non si può far domanda di Ape Volontaria. Io personalmente ho presentato domanda il 20 febbraio e ad oggi ho solo ricevuto un cambio di sede della mia richiesta. Mi sembra che una finestra utile per gli arretrati di 5 giorni (dal 13 al 18 febbraio ) sia una presa in giro per tutti coloro che oltre a pagarsi l’anticipo pensionistico vengono pure presi in giro dalle banche e dall’INPS

    Rispondi
    • Erica Venditti
      9 Aprile 2018 in 16:14
      Permalink

      Francesco cosa intende per “Mi sembra che una finestra utile per gli arretrati di 5 giorni (dal 13 al 18 febbraio )”? Grazie

      Rispondi
    • Avatar
      10 Aprile 2018 in 9:03
      Permalink

      Mario, anche io sono tra i 71. Ho ricevuto un sms sul mio cellulare da INPS che mi diceva che la certificazione era accolta.
      Alla email del patronato (che per me aveva richiesto la certificazione) e’ arrivato il valore minimo-massimo del prestito mensile richiedibile.
      Verifica che sia arrivato anche a te e dovresti essere ok.

      Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 15:40
    Permalink

    Se si presenta la domanda autenticandosi con SPID secondo livello come sarà possibile apporre la firma elettronica avanzata? Grazie.

    Rispondi
    • Avatar
      9 Aprile 2018 in 19:46
      Permalink

      Da informazioni ricevuta dal Contact Center INPS, sembra che sia in emanazione una istruzione che permette, una volta che si è finito di compilare la domanda, di poterla inviare digitando nuovamente un PIN ottenuto con il sistema SPID di secondo livello. In tutto questo si è guidati dalla compilazione stessa della domanda.
      Staremo a vedere anche perchè la FEA di tipo digitale e non grafometrica ,credo non l’abbia nessuno di noi.
      Tanto meno quella grafometrica…..

      Rispondi
  • Avatar
    9 Aprile 2018 in 12:05
    Permalink

    Sarà vero? Ne abbiamo lette tante da più di un anno..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *