Pensioni anticipate, ultim’ora opzione donna: certa la proroga per le nate nel 61

Come vi avevamo già anticipato ieri riportandovi le parole del Sottosegretario al Ministero del Lavoro Durigon la proroga dell’opzione donna non resterà un sogno per le nate nel 1961, e forse nemmeno per le nate dopo.

Nel corso del suo convegno a Torino tenutosi il 9 marzo, l’onorevole Durigon ha infatti assicurato che opzione donna verrà prorogata nel corso del 2020 per le attuali escluse, e che la misura sarà inserita nella prossima legge di bilancio. Sebbene Orietta Armiliato, amministratrice del CODS, abbia scritto all’onorevole Durigon una lettera, qui link, in cui manifesta la sua perplessità sul proseguo della misura e la sua contrarietà sull’ illudere anzitempo le donne.

In questo ‘balletto’ di informazioni e di punti di vita, oggi le ultimissime ci giungono da Paola Viscovich, l’amministratrice del gruppo opzione donna le escluse, che mostra tre foto a corredo di un post sulla pagina Fb in cui annuncia alle iscritte di aver avuto un incontro positivo per la lotta del gruppo. Le sue parole:

Pensioni 2019, opzione donna per le nate nel 61: ci sarà

Così la Viscovich: “Ringraziamo il capo segreteria del sottosegretario Raffaele Fontana che ha sostituito efficacemente Claudio Durigon che impegnato ad una seduta alla Camera. Il colloquio si è svolto nella piena assicurazione di quanto già reso pubblico più volte dall’onorevole Durigon circa la prosecuzione della misura OD anche nella prossima legge di bilancio.


Nell’impossibilità al momento di poter ottenere di più, non abbiamo tuttavia motivo di dubitare che l’impegno sia serio e fondato.
Non abbasseremo tuttavia la guardia fino a quando l’obbiettivo non sarà raggiunto per quelle del 1961 intanto, e per le compagne minori di conseguenza”.

Opzione donna, le escluse più tranquille ora?

Abbiamo anche raccolto le testimonianze ed i primi commenti a caldo delle donne iscritte al gruppo che hanno provveduto all’unisono ed in massa a ringraziare l’amministratrice e quante hanno partecipato all’incontro con Fontana come rappresentanti delle escluse, e poi hanno espresso la loro opinione al riguardo. Dai commenti emergono sentimenti contrastanti: paura per la caduta del Governo e la fine dei giochi per la proroga, la speranza che Od divenga strutturale affinché non resti una misura discriminatoria, ottimismo sul fatto che tra un anno si potrà gioire con le altre donne già dentro l’attuale proroga.

Franca Binelli: “Non facciamo distinzioni….OD strutturale per tutte!!!!💪Solo così si potrà parlare di vittoria e soprattutto di cambiamento….altrimenti sarà solo un privilegio di alcune fortunate…come sempre!

Nadia Sereio: “Già peccato se per caso durante l’anno per caso dovesse cadere il governo … noi siamo fuori 🙁 …..” , Fa eco Maria Grazia Tudico: “La grandezza di un partito si vede anche da buone azioni…Se hanno fatto un torto alle donne del 61..possono fare marcia indietro… E dare il giusto al giusto”

Paola Laghi: “Grazie Paola x averci rappresentato a Roma ❤e speriamo che arrivi qualcosa x iscritto vogliamo FATTI un bacio a te grande DONNA” .Marinella Tintisona:l”impegno sarà premiato ..e il risultato assicurato..e l”anno prossimo si festeggia😜😜”

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

2 pensieri riguardo “Pensioni anticipate, ultim’ora opzione donna: certa la proroga per le nate nel 61

  • Avatar
    15 Marzo 2019 in 13:31
    Permalink

    Sono nata a luglio 1960 a dicembre 2018 ho più di 35 anni di contributi però mi hanno detto che non rientro nella riforma perché dal 1980 al 1983 i contributi pagati sono come autonoma. Gli altri restanti sono di privata. Come è possibile questo? Posso sperare x il prossimo anno o proprio me la posso sognare questa pensione? Anche perché x chiusura attività Dell azienda dove lavoravo ora mi ritrovo senza lavoro e senza nessuna entrata. Grazie.

    Rispondi
    • Erica Venditti
      18 Marzo 2019 in 10:07
      Permalink

      Miriam perché come abbiamo scritto più volte rispondendo a delle sue colleghe, purtroppo basta anche solo un giorno da autonoma affinché la pensione debba passare per quella categoria, mi rendo conto si aassurdo ma é così.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *