Pensioni di invalidità 2020, fuori dall’aumento anche chi ha il 100%?

Prosegue la diatriba sulle pensioni di invalidità, l’aumento riconosciuto dalla sentenza n°152 del 2020, non ha soddisfatto né gli invalidi totali al 100%, che lamentano paletti troppo rigidi e gridano alla ‘farsa’, né gli invalidi parziali che sono rimasti automaticamente esclusi, giacché l’incremento é spettato unicamente a quanti risultano invalidi al 100% e sono inabili al lavoro. Le polemiche non si placano, secondo molti disabili anche l’aumento per gli invalidi totali, così come é stato annunciato, in realtà é stata mera illusione perché troppi sono rimasti esclusi, a loro avviso, andrebbero eliminati due paletti: quello reddituale, limite troppo basso, ed il fatto che questo sia associato al reddito del proprio partner, come se l’invalidità potesse, dicono basiti, essere divisa con i propri compagni di vita anziché essere personale. In questo mare magnum di polemiche si aggiungono anche i disabili parziali che ritengono iniquo la loro esclusione dall’aumento giacché i 286 euro loro spettanti non sono nemmeno sufficienti per pagare le medicine e le cure mediche di cui necessitano. Alcune testimonianze.

Pensioni di invalidità 2020: fuori dall’aumento gli stessi invalidi al 100%

Beppe, scrive: “È vergognoso che un invalido al 100% debba chiedere ancora una volta di avere il giusto. È stata tutta una farsa l’aumento è andato a pochissimi, abbassare i parametri di reddito che da 16 mila euro sono scesi a 14mila euro é stato vergognoso. Adesso chissà quanto tempo passerà prima di essere riconsiderati”.

Gino, fa eco al problema dei limiti reddituali ingiusti, puntando però sul fatto che l‘aspetto più discriminante sia stato quello di considerare il reddito coniugale anziché limitarsi al reddito dell’invalido, che resta così ancorato al proprio partner economicamente, sentendosi svilito di non poter contribuire al menage famigliare con la propria parte di pensione, che di diritto, per giunta fanno notare, gli spetterebbe dato il grado totale di invalidità: “Salve,sono il marito di una signora invalida al 100%,inabile al lavoro permanente, Non Collocabile, Disabilità Neurologica, legge 104 art 3 comma 3 e percepisce pure mia moglie 286 € al mese. Tutto questo perché io ho uno stipendio di 1400 € al mese, con un mutuo di 700 € al mese e 2 figlie, una di soli 15 anni che va a scuola. La più grande sta cercando lavoro, ma dato il momento poco favorevole non riesce a trovarlo. Con le Istituzioni le ho provate tutte ma non ci danno una mano, in più ci troviamo fuori anche dalla legge che aspettavamo da tempo. Chiudo dicendo che la pensione di invalidità dovrebbe servire almeno per agevolare il vivere quotidiano di una persona già segnata dalla Vita“.

Alessandra, ribadisce quella che all’unisono viene vista come una falla della legge: “Buonasera, vorrei ulteriormente ribadire, che noi invalidi civili al 100% con inabilità lavorativa al 100 % ma coniugati con un marito o una moglie che dovrebbe mantenere noi malati e i figli!!!!! Non abbiamo ricevuto un centesimo di aumento, perché non si vuole capire che la sentenza della Corte costituzionale, chiara per chi la vuole saper leggere, dice al Parlamento unico organo che nel nostro sistema può cambiare le leggi di cancellare la miseria dei 286€ e portare la pensione di inabilità almeno a quella sociale:520€ Non avendo il Parlamento cambiato ancora nulla, disattendendo la sentenza della Corte ha ben pensato col governo di lasciare i 286€ applicando addirittura i limiti di reddito coniugale come si fa per la pensione sociale!!! Ma questa non è una pensione sociale perché noi vogliamo essere indipendenti aldilà del supporto familiare! Tutte le associazioni e tutti i partiti in particolare quelli che sono al Governo e mi riferisco anche al ministro Nunzia Catalfo devono attivarsi affinché venga messa in atto la sentenza perché siamo stufi di essere presi in giro”.

Alessandra adirata rimarca: “E’ uno schifo io invalida civile al 100% totale e inabile al lavoro handicap grave non deambulo, mi muovo solo in carrozzina prendo una pensione di 286.00 euro al mese x 13 mesi e mio marito invalido all’80% prende un piccolo assegno ordinario di invalidita perché ha degli anni lavorativi. Io non ho preso nulla di questo fantomatico aumento perché Hanno conteggiato anche la mia pensione di invalidita che aggiunta a quella di mio marito ci ha portato a superare il reddito di qualche centinaia di Euro. Ma la pensione di invalidità non ha mai fatto reddito, e non é giusto perché se escludiamo questa io sono a reddito zero. Inoltre per l’incremento di cui tanto si parla, andrebbe conteggiato solo il reddito del malato e non quello del coniuge. Lo trovo profondamente ingiusto in quanto spendo tutti i mesi circa 300 euro di farmacia, per cose non mutuabili. Dovrebbero aumentare le pensioni invalidita a tutti indipendentemente dal reddito che ha il proprio partner”. Maurizio sintetizzando al massimo le considerazioni di molti ci scrive ringraziandoci di dare visibilità alle loro rimostranze: “Complimenti e grazie del vostro impegno nel cercare di risolvere questa barzelletta dell’aumento che non c’è“. Dall’altro lato vi sono gli invalidi parziali che lamentano pari diritti dei totali perché spesso non hanno le forze per poter lavorare e una disabilità dell’80/85/90% condiziona, dicono, l’esistenza esattamente come un’invalidità totale.

Pensioni invalidità 2020, l’appello dei parziali: estendere incremento nella fascia 74-99%

Fiammetta, scrive: “Sono un invalida al 75 per cento ed è ridicolo percepire 280 vergognatevi l’aumento avrebbe dovuto essere anche per noi parziali, io ho la sclerosi multipla e non posso più lavorare, come posso vivere con 280 euro al mese? Come cittadina italiana mi sento veramente indignata, non ho parole, non posso combattere una battaglia gia persa, mi invoco a lei sign Conte ho 48 anni e non posso più lavorare ho 2 figli Uno maggiorenne e uno minorenne mi dica lei come posso avere la mia dignità?”

Stefano, affranto scrive: “Mi dite come faccio a vivere con 247,99 euro che già inps mi toglie 50 euro per un mancato red 2014? Facciamo i conti, io devo vivere con 8 euro al giorno, ho handicap 104, invalido 75% dal 2012 e ultimamente un infarto, 1 giorno pranzo e un altro no, non posso pagare l’ affitto né luce e gas, ci pensa la caritas, ma ora prendete la decisione, fate l’aumento pure per noi!!”.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

22 pensieri riguardo “Pensioni di invalidità 2020, fuori dall’aumento anche chi ha il 100%?

  • Pingback: Pensioni di invalidità 2021, gli invalidi: dobbiamo divorziare per avere l'aumento? | Pensioni Per Tutti

  • Avatar
    17 Dicembre 2020 in 16:26
    Permalink

    Buongiorno, io invalida al 100% L.104 art 3 comma 3 per una patologia neurologica o meglio per la sclerosi multipla che è degenerata impedendomi di continuare a lavorare e che per 100 € ho superato il limite di reddito annuale imposto per aver diritto alla maggiorazione ….. potete capir bene la mia situazione. Non più abile a compiere da sola gli atti quotidiani della vita e nessuno aiuta giustamente gratis mi ritrovo ogni mese a dover decidere quale spesa sostenere ….. e decido chiaramente la più vitale.

    Vi saluto tutti e con molto malincuorerammarico ho capito che al Governo non ci calcolano proprio hanno da fare i conti per loro ….. non hanno mai avuto una coscienza e mai l’avranno SONO DEGLI AVIDI.

    Auletta Lucia

    Rispondi
  • Pingback: Pensioni invalidità 2020, Sibilia ultime su aumento: Risultato raggiunto | Pensioni Per Tutti

  • Pingback: Pensioni di invalidità 2020, appello disabili parziali: aumentate anche tra il 74-99% | Pensioni Per Tutti

  • Pingback: Pensioni di invalidità 2020: via paletto reddito coniugale e soglia percentuale? | Pensioni Per Tutti

  • Avatar
    11 Dicembre 2020 in 10:22
    Permalink

    Buongiorno s Paolo se posso aiutarLa, provi a chiamare l’ ANMIC e spiegare la Sua situazione…e in più Le consiglio di fare subito il RED SEMPLIFICATO E DOMANDA DI RICOSTITUZIONE REDDITTUALE all’ INPS… saluti!!!

    Rispondi
  • Avatar
    9 Dicembre 2020 in 15:56
    Permalink

    Incv.all 100×100 ..coniugato ,reddito
    Personale 6000euro…piu 3.728,53 di invc
    Mia moglie reddito zero..
    Più una figlia,ecco che per il governo ,siamo ricchi…..
    Perché hanno fatto l inganno
    del reddito personale 8.447,63
    Coniugato 14.447,47
    Ripeto ,mia moglie reddito zero
    Ma Rimane sempre I’ll reddito personale
    Quindi ,il reddito se coniugato
    non doveva fermarsi all reddito personale.

    Rispondi
  • Avatar
    9 Dicembre 2020 in 11:49
    Permalink

    invalido parziale al 75% 286 euro al mese vivendo coi genitori anziani perche non posso permettermi di andare a vivere altrove…perche i miei genitori malati e invalidi…. in emergenze gravi….chi li assisterebbe????????? e vivendo con una pensione di 1000 euro poco piu di mio padre…cercando lavoro da categorie protette..e non….nessuno che mi assume…costretto a raccogliere da terra i gratta e vinci per sperare di trovarne qualcuno vincente… x comprarmi un caffe….e se mi trovo fuori …in giro …con 290 euro sono costretto a pisciare negli angoli dei marciapiedi perche non posso permettermi di andare al bar tutti i giorni consumando pagando 1 o 2 euro per la scusa di un caffe per andare a pisciare…e se mi trovo in stazione pagare un euro per una pisciata e una mazzata….la prima barriera architettonica da eliminare ai disabili e quella dei 286 euro al mese…perche anche se ci sono strade senza gradini….non si ha la forza con 286 euro al mese per mangiare e vestirsi..e medicine o cerotti per mal di schiena dove non si e esenti da tiket. i centri per l’impiego e i centri diurni di salute mentale invece di mantenerli aperti ..con tanto spreco di denaro pubblico facendo felici infermieri e operatori fannulloni ..esempio…nelle strade ce sporcizia e mascherine abbandonate nel tempo covid aumenta il degrado nelle citta…potrebbe lo stato assumere invalidi parziali nel pulire i marciapiedi e giardini da sporcizie x 8- 10 euro all’ora per 3 o 4 ore al giorno..oppure x giorni alterni per farci arrivare a 800 euro piu la pensione di 286 euro al mese …..se non vogliono aumentarci l’assegno in modo degno.cosi x chi puo fare qualcosa nella disabilita e rendersi utile alla societa e non morire di fame con 286 euro al mese. erica venditti e la luce per noi disabili..erica venditti oltre che splendida x noi e come la madonna che ci tiene per mano lottando con noi per avere dignita…erica venditti ti auguro con tutto il mio cuore giorni di felicita natalizia e tanta pace nel cuore a te e ai tuoi affetti piu cari.grazie per tutto quello che fai x noi invalidi parziali e x denunciare tutte le ingiustizie economiche sui disabili totali e parziali.grazie.

    Rispondi
  • Avatar
    9 Dicembre 2020 in 11:30
    Permalink

    È una vergogna!!!!! Legge discriminante anche il sottoscritto col 100% con 104 riconosciuta e moglie unica lavoratrice con una bimba di sei anni da crescere deve dar conto di un reddito complessivo di poco superiore a quella miseria di cifra messa alle persone coniugate. Lo stato si dovrebbe stimare se una persona con disabilità si sposa e riesce a creare una famiglia…. perché così facendo viene accantonato il problema del dopo di noi….. Allora che si guardi anche il reddito dei genitori delle persone non coniugate. E’ brutto da dire lo so….I luminari che hanno fatto le regole hanno solo innescato un processo discriminante e scatenato una guerra fra i poveri. Almeno che si metta un reddito congruo o singolo anche per chi è coniugato e non un tetto da morti di fame. Questi sono diritti imprescindibili e la disabilità non ha reddito e non è ricchezza. Chiamasi giustizia sociale.

    Rispondi
  • Avatar
    9 Dicembre 2020 in 1:23
    Permalink

    Salve, io sono certo che mi attirerò l’odio di molti, io ho quasi 60 anni, ho vissuto per 20 anni con la pensione d’invalidità, con la casa popolare, e con tutte le porte chiuse, la carne e il pesce mi saziavo con l’odore, nessuno aiuto da nessuna associazione, sono disabile al 100% la neuropatia mi ha fatto perdere 6 camion, la moglie, la casa, tutto eppure sono vivo dopo 20 anni passati come un “pezzente” sento storie della serie prendo 1400 euro, pago 700 euro di mutuo o affitto, ma cosa volete, ringraziate che avete qualcuno che vi aiuta, a me neanche il posto macchina riservato pur avendo il tagliando, non offendetevi, siate più umili e non approfittate della situazione, io con 289 euro vivevo, per me è un sogno prenderne 680. Non dovete adeguare la pensione alle vostre esigenze, dovete adeguare le vostre esigenze alla pensione, 700 euro di casa non te la puoi permettere, chiedi la casa popolare, non puoi avere qualcosa lo fai il prossimo mese, io per colpa di altri ho perso tutto, ero abituato a bere champagne adesso bevo acqua dal rubinetto. Non lamentatevi, fatevi forza e denunciate i falsi invalidi, denunciate gli abusi o soprusi, i soldi non danno la felicità o la vita che vorreste. Lottate ma vi assicuro, l’avere qualche euro in più ci toglie dignità, vogliono farci vivere con 100 euro? Ok va bene, dobbiamo riuscirci e non sottomettersi, l’orgoglio non ce lo possono togliere, la mia dignità non sono riusciti a levarmela. Vi voglio bene, buone feste e non arrabbiatevi c’è sempre chi sta peggio di voi
    Max

    Rispondi
  • Avatar
    8 Dicembre 2020 in 17:48
    Permalink

    Buongiorno mi chiamo Paolo invalidità civile 100%100 €286 + percepisco assegno ordinario io €307 niente aumento, contattato Inps varie volte ricevendo risposta avverrà in automatico prima a novembre poi a dicembre poi che il mio aumento è di €38.00 , però ad neanche quelli mi sono arrivate,

    Rispondi
  • Avatar
    8 Dicembre 2020 in 16:40
    Permalink

    Ritengo che le pensioni di 289€, sarebbero dovute essere aumentate tutte in egual misura, perché,io che sono un paziente oncologico,non ho meno diritti di chi ha un’altra problematica,se ci hanno riconosciuto questa pensione, è perché evidentemente abbiamo tutti un problema…e con 289 € al mese,cosa pensate che riusciamo a farci?rivedete gli aumenti per tutti,almeno a 500€!!!

    Rispondi
  • Avatar
    8 Dicembre 2020 in 14:43
    Permalink

    Ho l’invalidità civile al 100 / 100, 11 anni fa ho dovuto lasciare il lavoro per la Sclerodermia sistemica che nel corso degli anni sono nati altri problemi fibrosi polmonare, tiroide di Hashimoto, fibromialgia, sindrome di shjogren, cirrosi biliare primitiva,ernia iatale, diverticoli intestino, ho subito parecchi interventi, per curarmi ho sempre chiesto prestito fino ad oggi, la mia malattia mi ha consumata sia fisicamente che economicamente, mi dite perché una situazione del genere non è stata accettata l’aumento? Ha questo livello non riesco più da che parte vivere e andare avanti, la trovo una vera vergogna è la prima volta che mi sfogo e mi lamento, ma così non ce la faccio più….

    Rispondi
  • Avatar
    8 Dicembre 2020 in 14:18
    Permalink

    Invalidi per tutta la vita ci rimarriamo noi la pensione va aumentata per tutti gli invalidi che non possono più lavorare non si deve guardare ne reddito ne cazzo ne niente guardatevi voi che siete al governo Conte è Di Maio con tutti gli altri vorrei sapere quanti soldi prendete ha fare i politici date questa soddisfazione al popolo

    Rispondi
  • Avatar
    8 Dicembre 2020 in 14:12
    Permalink

    Io sono un invalido al 100×100 spero di quello che ho avuto è passato che lo passerà tutto il governo italiano che fa schifo guardano solo per loro Caro signor Giuseppe Conte vorrei sapere che tipo di persona ed avvocato che è lei che non capisce niente con tutto il Movimento 5 stelle

    Rispondi
  • Avatar
    8 Dicembre 2020 in 14:05
    Permalink

    Tutto è stato pensato, studiato, programmato! Non sono un buon credente, ma ho la certezza che prima o dopo tutta la combriccola dovrà rendere conto e pagherà amaramente non aver avuto considerazione verso le persone con disabilità!

    Rispondi
  • Avatar
    8 Dicembre 2020 in 13:58
    Permalink

    Sono invalido a 100%…la mia pensione non ha avuto aumento…del mese di dicembre..cosa devo aspettare..da questo GOVERNO..prendo meno di € 14,500 all’anno..tutt’ora non ho capito..cosa è successo…???? Mia moglie, anche -invalida,al 100% ..non ha rettito …siamo un due .. grazie 🙏 per ospitare due invalidi…

    Rispondi
    • Avatar
      11 Dicembre 2020 in 11:23
      Permalink

      Buongiorno s. Gianfranco.. per ottenere l’aumento per i cognugati entro 14447…ma attenzione.. la pensione di invalidita in se non fa reddito, ma in questo caso sì, viene calcolata come il reddito. Quindi alla Sua pensione bisogna aggiungere l’ importo della pensione di Sua moglie… e qui andiamo oltre 14447..quindi niente aumento… io Le consiglio di fare il RED SEMPLIFICATI E FARE LA DOMANDA DI RICOSTITUZIONE REDDITTUALE e chiamare subito L ‘ ANMIC saluti!!

      Rispondi
  • Avatar
    8 Dicembre 2020 in 11:29
    Permalink

    Ho 76 anni e sono invalida al 100%,mi aspettavo l’aumento come previsto dal DL Agosto,invece ho ricevuto lo stesso importo di sempre che,al contrario di tutti gli altri invalidi che percepiscono 286 euro,a me ne sono riconosciuti solo184.Ho richiesto la revisione reddituale,ma l’INPS mi ha risposto che è tutto regolare senza darmi spiegazioni,ma io mi chiedo il perchè dei 184 euro?

    Rispondi
    • Avatar
      11 Dicembre 2020 in 10:44
      Permalink

      Buongiorno s Paolo se posso aiutarLa, provi a chiamare l’ ANMIC e spiegare la Sua situazione…e in più Le consiglio di fare subito il RED SEMPLIFICATO E DOMANDA DI RICOSTITUZIONE REDDITTUALE all’ INPS… saluti!!!

      Rispondi
    • Avatar
      11 Dicembre 2020 in 10:47
      Permalink

      Buongiorno s.ra Rossana provi a contattare L’ANMIC e spiegare a loro la Sua situazione!!! Saluti!

      Rispondi
  • Avatar
    8 Dicembre 2020 in 11:29
    Permalink

    Alessandra,
    se tu dici che hai un grado del 100% con handicap grave hai diritto all’Indennità di Accompagnamento
    che non è legata ad alcun limite di reddito e neanche a quello del coniuge.
    Ti sei già attivata nel passato a chiedere?
    Buone feste!
    Luciano S.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *