Pensioni di invalidità 2020: ora verso aumento per i disabili dal 74 al 99?

Nazaro Pagano, Presidente Nazionale Anmic, nella puntata di Anmic informa, torna a parlare dell’aumento delle pensioni di invalidità, dal video emergono chiare le parole di Pagano che si dice soddifatto solo a metà per la sentenza, seppur storica, che ha portato l’incremento al milione per gli invalidi totali, in quanto sarebbe giusto ora che venisse concesso il medesimo importo anche agli invalidi parziali, coloro che sono nel range di invalidità tra il 74 ed il 99%, che hanno le medesime difficoltà di lavorare e dunque di arrivare alla fine del mese. Eccovi le sue parole che sanno anche di appello nei confrotni dell’interra politica. Abbiamo trascritto per voi l’intero intervento, buona lettura:

Pensioni di invalidità: aumentare anche gli assegni agli invalidi parziali

In un momento difficile la notiza che l’Inps ha diramato che a Novembre inizierà a pagare l’intregrazione della pensione di invalidità per gli invalidi totali che a seguito della sentenza della Corte costituzionale, si sono visti integrati la loro pensione che attulamente é di 290 euro é buona cosa, ma é opportuno fare chiarimento, il fatto che la Corte Costituzionale abbia accolto il ricorso della Corte di appello Torino ed abbia riconosciuto l’inadeguatezza delle pensioni di 290 euro é si stata una, vittoria, ma resta amarezza. La giustizia non può mettere le toppe a quello che il legislatore, l’istituzione, la politica in genere non fa. La polica non si sarebbe mai sognata di aumentare l’importo anche per gli invalidii sotto i 60 anni.

Quella sentenza che é importante perché riconosce l’inadeguaezza dell’importo della pensione, deve far riflettere il mondo dell’istituzione, bisogna mettere mano all’intero sistema pensionistico, e mi riferisco in particolare agli invalidi civili parziali. Perché voglio fare alcune riflessioni se era inadeguata la pensione di 290 euro per un invalido tra i 18 e i 60 anni, sopra i 60 anni l’aumento al milione era già stato riconosciuto negli anni passati, mi pare inadeguato che 290 euro al mese possano essere considerati dignitosi per un invalido parziale che ha un invalidità del 90, del 85, anche perché dal 74% in su si ha diritto alla prestazione assistenziale. Insomma tutti quelli che rientrano nella fascia 74 e il 99% sono gli invalidi parziali, ma non credo che 290 euro siano inadeguati solo per chi ha il 100% mentre sia dignitoso erogare una pensione così bassa per quanti hanno tra il 74 ed il 99% di invalidità. Sempre che ed ancorché debba essere un provvedimento temporaneo per quanti possono poi afferire al mondo del lavoro.

Pensione invalidità: moderatamente soddisfatti, ora inclusione per tutti gli invalidi parziali

Poi prosegue, snocciolando dati e facendo un appello mirato alla politica tutta, affinché non si scordi degli invalidi parziali,che non sono certo in condizioni di salute o economiche migliori rispetto agli invalidi totali. ” Vi é una carenza da parte delle istituzioni e politica, la mancanza di inclusione nel mondo del lavoro. Oggi le prestazione erogate agli invalidi 3 milioni e 100 mila , 59% donne, 41% uomini. E come si sviluppa per fascia territoriale, percettori 34.40% Nord, 45% Sud Isole, 20.6% Centro.

Cechi totali parziali 223 mila e 900 circa, sordi 61 mila circa, invalidi 2 milioni e 320 mila, invalidi parziali 494 mila. Riferendomi agli invalidi parziali, é necessario un Intervento di questa fascia, con disabilità parziale, questa é una fascia di persone su cui si deve assolutamente intervenire nel più breve tempo possibile. Siamo Moderatamente soddisfatti della sentenza avremmo voluto che fosse ll legislatore ad intervenire, fossero le istituzioni ad intervenire, fosse la politica ad intervenire fosse, accogliendo quel ricorso, dobbiamo evidenziare discrasie, perché se oggi invalido totale può percepire la prestazione economica non deve avere un reddito superiore a 16 mila e rotti euro, oggi con la sentenza limite reddituale più basso rispetto a quando si é deciso di aumentare le pensioni ai 65 enni.

Da questo punto di vista la nostra Battaglia continua ed oggi con dati alla mano reali, dati che dobbiamo pretendere dalle istituzioni che non sempre sono avvezze a dare questi dati, vogliamo presentare ora la richiesta visto che si andrà a discutere della legge di stabilità, noi vogliamo presentare al Presidente del Consiglio al Governo e a tutte le istituzioni ed al Parlamento in primis, un riadeguamento delle pensioni per queste persone per gli invalidi parziali“. Ritenete corrette le richieste del Presidente dell’Anmic, o é stato giusto, a vostro avviso, l’intervento attuato che ha mirato a tutelare i maggiormenti bisognosi e dunque unicamente gli invalidi totali al 100%? Fatecelo sapere nell’apposita sezione commenti del sito.

Pensionipertutti.it grazie alla sua informazione seria e puntuale è stato selezionato dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Erica Venditti

Erica Venditti

Mi chiamo Erica Venditti, classe 1981. Da aprile 2014 sono giornalista pubblicista Scopri di più

23 pensieri riguardo “Pensioni di invalidità 2020: ora verso aumento per i disabili dal 74 al 99?

  • Avatar
    19 Novembre 2020 in 0:47
    Permalink

    e discriminante,,per chi anche con problemi minori a una persona invalida 100 ,debba ricevere quest altro schiaffo dalla vita,,e poi i politici per una volta si passassero la mano sulla coscienza,,,,,,,se questo e un uomo ,,,,vi morda la coscienza……primo levi.

    Rispondi
  • Avatar
    17 Novembre 2020 in 23:56
    Permalink

    Sono una donna con un invalidità dell’ 84% che nn deve fare più la revisione perché la malattia di aggravata molto..ma io non posso permettermi nulla né una casa ne niente con 285euro ma pensate anche a noi già i nostri demoni ci rovinano la vita.Io nn credo di stare meglio di un invalido al 100%.
    Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2020 in 17:43
    Permalink

    Sono un invalido civile al 75% ho ricevuto la pensione dal 2013 fino ad Agosto 2020 dopo di che l’INPS mi ha bloccato la pensione, facendo sapere che mi avevano dato di più, xchè risultava che dal 2018 /2020 ho lavorato.
    Faccio presente che io avevo il 25%operativo è il 75% disabilità . L’INPS ad Agosto 2020 mi fa sapere che li devo rendere x soldi presi in più x la suddetta pensione la somma complessiva di circa Euro 11.171,26 bloccando la pensione di invalidità civile pari al 75% lasciandomi privo di ogni diritto.
    Faccio presente che da Settembre 2020 mi hanno accettato la pensione di vecchiaia x la misera somma mensile di euro 610,21 mi chiedo come posso andare avanti così se mi devo pagare sia l’affitto di casa più le attuali bollette di gas e luce ? A mio avviso so che mi spettano di diritto tutte e due le pensioni visto che ho l’età di 67 anni suonati ne faccio 68 al mese di Gennaio 2021.
    Chiedo cortesemente se è giusto ciò che l’INPS ha fatto nei miei confronti , io personalmente ho lasciato il lavoro x problemi di salute il 31 Gennaio 2020 perciò chiedo cortesemente se è possibile avere una risposta alla presente.
    Ringraziando per l’attenzione cordiali saluti Paolo

    Rispondi
    • Erica Venditti
      13 Novembre 2020 in 11:13
      Permalink

      Non saprei proprio dirle, le consiglio di cercare su messanger il Dott Domenico Cosentino, esperto di previdenza é già presidente di Patronato, magari potrà seguire la sua pratica. Può fare il mio nome.

      Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2020 in 17:35
    Permalink

    A Mauro e Marina vorrei dire che se sono disoccupati e invalidi civili parziali hanno diritto alla piccola
    maggiorazione sociale di 10,33 euro al mese.Devono però presentare domanda tramite Patronato o
    ANMIC.
    Poi,lascia perplessi la Circolare dell’INPS in cui prevede che coloro che effettueranno la domanda di
    aumento dell’Assegno dopo il 31-10-2020 non spettano gli arretrati a partire dal 20 Luglio 2020.
    E’ strano,in quanto la legge dice che per richiedere gli arretrati c’è tempo ben 5 anni poi vi è la
    prescrizione.
    Saluti a tutti!
    Luciano Spartano

    Rispondi
  • Pingback: Pensioni invalidità 2020, gli esclusi dall'aumento: 'ingiusto, paletti troppo rigidi' | Pensioni Per Tutti

  • Avatar
    12 Novembre 2020 in 12:07
    Permalink

    Buongiorno dottoressa erica ,e buongiorno dott Massimiliano,e a tutti i colleghi invalidi,,io percepisco assegno di invalidità categoria io di 515, più assegno di invalidità al 100×100,285,con movintazione 101020,e uscita maggiorazione sociale 180,, vorrei sapere se è giusto guesto importo ,,se qualcuno può aiutarmi a capire,, grazie di tutto cuore alla dottoressa erica e al dottor missimiliano,e a tutti colleghi invalidi,,

    Rispondi
    • Erica Venditti
      12 Novembre 2020 in 12:16
      Permalink

      Per sapere se l’importo ricevuto é corretto é opportuno che si rivolga ad un patronato a lei più vicino, non vorremmo dirle cifre non corrette. Saluti

      Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2020 in 12:03
    Permalink

    Cara Alessandra, purtroppo questi politici calpestano la nostra dignità. Anche io sono invalido 100%. Con 104 comma 3 art.3, disoccupato e ovviamente reddito zero,! E non ho avuto nessun aumento perché mia moglie supera il reddito. Mi chiedo: la consulta si è espressa con aumento agli invalidi e loro ti mettono il trabocchetto.. Credo che sia giusto escludere dal cumulo gli invalidi disoccupati. Perché con 286,00 euro al mese non mi bastano nemmeno per i viaggi che faccio per curarmi.Ogni mese devo chiedere l’elemosina a mia moglie anche per un caffé! Lascio immaginare la mia dignità dove sta!

    Rispondi
    • Avatar
      12 Novembre 2020 in 13:09
      Permalink

      Inoltre vorrei sapere da chi ci governa: alla mia età 63 anni, con la mia grave invalidità 100% inabile al lavoro e non so quanto mi resta da vivere, perché non mi danno la pensione dei mie contributi che ho versato? Ecco la beffa: ho 21 anni di contributi Inps più altri 20 di Enasarco.La norma vigente dice che li devi versare entrambi però non sono cumulabili perché sono periodi coincidenti. Per quanto riguarda l’ultimo contributo è stato versato il 2009 per cui non esiste nessuna legge che mi permette di andare in pensione.L’Inps mi dice che devo aspettare i 67 anni mentre l’Enasarco quota 90 ossia 70 anni.Allora Vi chiedo a chi di competenza,ridatemi tutti i contributi versati e tenetevi anche la pensione di invalidità.Scusatemi per lo sfogo ma mi sento di essere preso in giro.

      Rispondi
  • Avatar
    12 Novembre 2020 in 8:40
    Permalink

    salve sono invalido civile al 75% vivo coi genitori ultra80enni con mio papa con pensione da fiat da 1.200 euro al mese….e io percepisco 290 euro circa. escluso dal mondo del lavoro perche nessuno ci assume a lavorare….con i 4 soldi che guadagna mio papa87enne una vita di sacrifici…deve continuare a portare la croce durante vita sfamando 4 bocche….?e per non essere di peso ai nostri genitori dobbiamo continuare con 290 euro a cercare nell’immondizia cercando fra i rifiuti vestire e mangiare????? l’auto e sposarci creandoci indipendenza con 290 euro …….non chiedo di vivere come tutti voi….ma almeno di poter vivere senza che noi invalidi parziali siamo costretti dopo alcuni giorni di assegno a cercare nei bidoni dell’immondizia essendo giudicati barboni…pazzi….ecc….oltre a portare il peso della disabilita nel mio caso mentale…ma chi fisica o altro dobbiamo continuare a portare anche la disabilita sociale e morire di fame andando come pellegrinaggio alle parrocchie ogni settimana a chiedere pane riso pasta???????dipendere x tutta la vita dai nostri genitori….?io sapevo sin da bambino che al compimento dei 18 anni e il figlio che deve mantenere i genitori…..e invece con 290 euro col covid19 siamo obbligati da conte e governanti nei mezzi pubblici all’aperto dobbiamo pure pagarci l’aria comprandoci le mascherine… a 1 euro poco piu ogni giorno?….siamo costretti a raccoglierle da terra non possiamo permetterci di comprarle ogni giorno….?se lo stato non ci da il lavoro che ci dia almeno l’equa assistenza di 780 euro fuori da isee x iniziare a vivere indipendemente e non sperare che altri ci diano nelle piazze soldi e chiedere e cercare pane e vestire in giro….se vivere con 300 o 400 euro al mese meglio che riaprite i manicomi o ci mettiate in galera almeno li bollette…mangiare e bere….saremmo esenti e saremmo piu potenziati li in inserimenti lavorativi che essere liberi senza esserne veramente liberi vivendo morendo di fame con 300 euro al mese….

    Rispondi
  • Avatar
    11 Novembre 2020 in 11:54
    Permalink

    CIAO, AMMIRO QUESTO GRAN SIGNORE NAZARO PAGANO,
    NON MI SEMBRAVA GIUSTO ESCLUDERE GIUSTAMENTE ALTRI INVALIDI TRA IL 74 E 99 % IN QUANTO LA PATOLOGIA E’ GIA GRAVE IN SE’, E SOPRATUTTO L AUMENTO DEVE AVVENIRE A PRESCINDERE DAL REDDITO “GIOCATO ” DAL GOVERNO CON LE SUE LEGGI TRABOCHETTO.. SAREBBE GIUSTO ESTENDERE L AUMENTO A TUTTI IN INVALIDI AVENTI DIRITTO MA CON RIFERIMENTO AL REDDITO DEI 16.982 EURO..E LI POSSIAMO COMPLETARE IL DISCORSO SODDISFACENTE PER ANMIC, ALTRE ASSOCIAZIONI FOVERNO E ISTITUZIONI…E INFINE GLI INVALIDI

    Rispondi
  • Avatar
    11 Novembre 2020 in 11:15
    Permalink

    SONO UNA SIG.RA DI 60 ANNI ,QUATTRO ANNI FA MI E’ STATA RICONUSCIUTA UN INVALIDITA’ AL 78%, NON POSSO LAVORARE ,PERCEPISCO 285€ AL MESE .VOLEVO SAPERE SE ANCHE PER NOI INVALIDI PARZIALI CI SARA’ UN PICCOLO AUMENTO .GRAZIE MARINA

    Rispondi
  • Avatar
    11 Novembre 2020 in 10:58
    Permalink

    Ennesima beffa, 60 anni compiuti a gennaio, operato cinque anni fa di glioblastoma di 4 grado, denominato dai più come un morto che cammina, che fortuna, naturalmente invalido al 100×100, titolare della sola pensione di 280 euro mensili, chiedo la possibilità di poter chiedere scusa di esistere a questo sistema di bifolchi che decidono indiscriminatamente della nostra schifezza di vita. Credetemi…è una vera mortificazione.

    Rispondi
  • Avatar
    11 Novembre 2020 in 10:06
    Permalink

    Gentile Presidente Nazzaro Pagano, sono invalida con totale e permanente inabilità lavorativa 100%. Il mio reddito è zero!!!!, però sono coniugata e il reddito di mio marito supera i ridicoli limiti con una famiglia a carico e me!!!! a carico con miseri 286€.Forse in molti non hanno letto bene la sentenza della Corte costituzionale che intima il Parlamento e solo lui a legiferare ossia portare i miseri 286€ ai 512 della pensione sociale per noi invalidi totali al 100%. La vergogna sta nel fatto che solo chi è figlio oppure convivente o divorziato ha avuto l’aumento!!!!!!! Vi inviterei a mobilitarvi nei confronti del Parlamento!!!! Grazie
    Alessandra

    Rispondi
  • Avatar
    10 Novembre 2020 in 20:49
    Permalink

    x aumento di invalidità invalido 100% piu accompagnamento piu pensione di vecchiaia anticipata 580.00 sono cognugato cia 63 anni ci rientro x l aumento di invalidità risp grazie

    Rispondi
    • Erica Venditti
      12 Novembre 2020 in 11:46
      Permalink

      Oscar dipende dal reddito comiugale, visto che é sposato. Se non supera i 14447 euro sì. in caso contrario no.

      Rispondi
  • Avatar
    10 Novembre 2020 in 15:23
    Permalink

    Buona sera!Sono una invalide civile al 80℅ per patologie mentali(schizofrenia paranoide).Oltre a questa patologia ho un ernia iatale,dislipidemia,gotta,emorroidi,fessura anale,steatosi epatica,tachicardia,reflusso gastro esofageo,calcoli renali,gonartrosi,polifibromatosi uterina,obesita’ di terzo grado.Tutto cioe posso dimonstrare con documenti medico legali.Richedo l’aumento come per’invalidi civili al 100% visto che a me mi hanno pensionata solo per patologie mentali.Grazie!

    Rispondi
    • Erica Venditti
      10 Novembre 2020 in 16:33
      Permalink

      Noi non possiamo procedere a nessuna pratica di aumento deve rivolgersi alle sede competenti.

      Rispondi
  • Avatar
    10 Novembre 2020 in 15:04
    Permalink

    Non tutti gli invalidi al 100/% hanno ottenuto l’aumento.Anzi direi una minima parte.Grazie alle istituzioni (inps la peggiore )Hanno illuso tutti gli invciv 100/% di ottenere il sospirato aumento.Ancora adesso ci sono persone che non sanno se ne hanno diritto .Richieta all’ inps: Risposta:

    Se Lei ritiene, invece, di averne diritto, può presentare una dichiarazione reddituale (RED) e una domanda telematica di ricostituzione reddituale per maggiorazione sociale.Questo solo per dire di fare attenzione alle parole.Altrimenti tutti invciv dal 74 al 99/% si illudono di averne diritto.Come il sottoscritto invalido al 100% ancora in attesa di chiarire.Dott sa Erika il post e diretto alle istituzioni.A Lei faccio i complimenti ++++ SALUTI

    Rispondi
    • Erica Venditti
      10 Novembre 2020 in 15:07
      Permalink

      Grazie Angelo! A mio avviso é solo questione di tempo, entro dicembre, se é invalido al 100% e ne ha diritto, riceverà l’aumento. Presenti cmq il Red per una sua maggiore sicurezza. Saluti

      Rispondi
      • Avatar
        10 Novembre 2020 in 20:51
        Permalink

        x aumento di invalidità invalido 100% piu accompagnamento piu pensione di vecchiaia anticipata 580.00 sono cognugato cia 63 anni ci rientro x l aumento di invalidità risp grazie

        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *